La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 ANALISI FINANZIARIA I Le determinanti della dinamica finanziaria Università Ca Foscari di Venezia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 ANALISI FINANZIARIA I Le determinanti della dinamica finanziaria Università Ca Foscari di Venezia."— Transcript della presentazione:

1 1 ANALISI FINANZIARIA I Le determinanti della dinamica finanziaria Università Ca Foscari di Venezia

2 2 SCOPO DELLA LEZIONE n Comprendere i principali fenomeni in grado di influenzare la dinamica finanziaria aziendale n Sviluppare un metodo per il calcolo dei flussi finanziari storici

3 3 I limiti del bilancio ai fini delle analisi finanziarie n Lo Stato Patrimoniale indica dove sono state reperite le risorse finanziarie e dove sono state allocate n Il Conto Economico misura il reddito generato da tali risorse MA n ma quali sono i flussi di cassa? n quale legame esiste con i flussi di reddito? n è possibile che vi sia unazienda florida sotto il profilo economico, ma in difficoltà finanziaria?

4 4 Il principio generale di equilibrio finanziario n Limporto totale dei flussi di cassa che escono dallazienda non può che essere uguale a quello delle risorse che in essa entrano n Ragionare per aree gestionali può essere utile a meglio comprendere come si forma nel tempo tale eguaglianza: –Gestione investimenti: i nuovi investimenti assorbono risorse ed i disinvestimenti ne generano; –Gestione finanziaria: il nuovo debito ed il nuovo capitale sociale generano risorse, mentre il loro rimborso ne assorbe; –Gestione corrente commerciale: il CCNC assorbe risorse quando cresce di valore e ne rilascia quando si contrae, ma NON SOLO….

5 5 Il flusso di cassa della gestione commerciale (FCGC) n Il CCNC è costituito da poste patrimoniali in cui transitano temporaneamente costi in attesa i pagamento e ricavi in attesa di incasso (relativi al ciclo acquisto-trasformazione-vendita) CCNC Ricavi CCNC FCGCMOL CostiUscite Entrate -=

6 6 Flusso di cassa della gestione commerciale (FCGC) – concetti chiave GESTIONE CORRENTE COMMERCIALE: attività ripetitive di acquisto – produzione – vendita attraverso le quali limpresa realizza giorno dopo giorno la propria funzione economica CAPITALE CIRCOLANTE NETTO COMMERCIALE: somma algebrica di tutte le attività e passività legate alla gestione commerciale MOL (MARGINE OPERATIVO LORDO) O FLUSSO DI CIRCOLANTE: risorse addizionali che le attività di acquisto – produzione – vendita dellimpresa hanno prodotto nel corso dellesercizio

7 7 Flusso di cassa della gestione commerciale (FCGC) e dinamica dimpresa 1. Ipotesi di impresa di nuova costituzione produce un solo bene allanno vende al 31/12 a Euro 100 costi monetari di produzione Euro 70 nessun debito finanziario assenza di imposte e ammortamento 10% SP 0 Imp. 50PN 50

8 8 Flusso di cassa della gestione commerciale (FCGC) e struttura del ciclo 1.A Incassi differiti e pagamenti per cassa CE 1 SP 1 Vendite 100 Imp. 45PN 50 magazzino = Clienti 100RO25 Costi op.mon.(70) MOL 30 Banche 70 Ammortam Reddito op.vo 25 FCGC = MOL – CCNC = 30 – 100 = -70

9 9 Flusso di cassa della gestione commerciale (FCGC) e struttura del ciclo - segue 1.B Incassi differiti e pagamenti differiti CE 1 SP 1 Vendite 100 Imp. 45PN 50 magazzino = Clienti 100RO25 Costi op.mon.(70) Fornit MOL Ammortam Reddito op.vo 25 FCGC = MOL – CCNC = 30 – 30 = 0

10 10 Flusso di cassa della gestione commerciale (FCGC) e struttura del ciclo – segue 1.C Incassi per cassa e pagamenti per cassa CE 1 SP 1 Vendite 100 Imp. 45PN 50 magazzino = RO25 Costi op.mon.(70) MOL 30Cassa 30 Ammortam Reddito op.vo 25 FCGC = MOL – CCNC = 30 – 0 = +30

11 11 Flusso di cassa della gestione commerciale (FCGC) e struttura del ciclo - segue n Si noti come, nellesempio: –il conto economico rimane sempre invariato –le modalità di svolgimento del ciclo acquisto – produzione – vendite influenzano significativamente le performance finanziarie Identiche performance economiche possono convivere con dinamiche finanziarie molto diverse (da –100 a +30 nellesempio)

12 12 Flusso di cassa della gestione commerciale (FCGC) e crescita 1. Ipotesi di impresa in funzionamento vende al 31/12 costi monetari di produzione tutti variabili pari al 70% dei ricavi secondo anno di attività incassi differiti e pagamenti per cassa assenza di imposte SP 1 Imp. 45PN 50 Clienti 100RO 25 Banche 70

13 13 Flusso di cassa della gestione commerciale (FCGC) e crescita 2.A Attività corrente stabile CE 2 SP 2 Vendite 100 Imp. 40PN 75 magazzino = Clienti 100RO 25 Costi op.mon.(70) MOL 30 Banche 40 Ammortam Reddito op.vo 25 FCGC = MOL – CCNC = 30 – 0 = 30

14 14 Flusso di cassa della gestione commerciale (FCGC) e crescita 2.B Attività corrente in sviluppo (raddoppio) CE 2 SP 2 Vendite 200 Imp. 40PN 75 magazzino = Clienti 200RO 55 Costi op.mon. (140) MOL 60 Banche110 Ammortam Reddito op.vo 55 FCGC = MOL – CCNC = 60 – 100 = - 40

15 15 Flusso di cassa della gestione commerciale (FCGC) e crescita 2.C Attività corrente in diminuzione (si dimezza) CE 2 SP 2 Vendite 50 Imp. 40PN 75 magazzino = Clienti 50RO 10 Costi op.mon. (35) MOL 15 Banche 5 Ammortam Reddito op.vo 10 FCGC = MOL – CCNC = = + 65

16 16 Flusso di cassa della gestione commerciale (FCGC) e crescita n Il FCGC risente della fase del ciclo vitale dellazienda n Se il CCNC è positivo (tipico dei settori manifatturiero e dei servizi) il FCGC tende ad essere più contenuto del MOL (ed anche negativo) nelle fasi di sviluppo; il FCGC tende ad eguagliare il MOL nella maturità; il FCGC può temporaneamente crescere nella fase di declino (se lazienda riesce a smobilizzare il CCNC).

17 17 Flusso di cassa della gestione commerciale (FCGC) e crescita Vendite Redditività FCGC Introduzione Sviluppo iniziale Sviluppo avanzato MaturitàDeclino

18 18 Flusso di cassa della gestione commerciale (FCGC) e crescita n Il FCGC risente della fase del ciclo vitale dellazienda n Se il CCNC è negativo (tipico della grande distribuzione organizzata) il FCGC tende ad essere più elevato del MOL nelle fasi di sviluppo; il FCGC tende ad eguagliare il MOL nella maturità; il FCGC tende a decrescere nella fase di declino, quando cresce il CCNC (si riduce il CCNC negativo).

19 19 Quale è la crescita massima del fatturato sostenibile in autofinanziamento a livello di gestione corrente commerciale (CCNC = 0)? MOL/fatt. (fatt + fatt) – CCNC/fatt. fatt. = 0 fatt. max = MOL / [(CCNC/fatt.) – (MOL/fatt.)] ESEMPIO: n MOL / fatt. = 0,1 n CCNC / fatt. = 0,3 n Fatt. = 100 n MOL = 10 fatt. max = 10 / [(0,3) – (0,1)] = 50

20 20 Le componenti della dinamica finanziaria aziendale n Oltre ai flussi di cassa delle tre gestioni (commerciale, investimenti e finanziaria) bisogna considerare le cosiddette remunerazioni –Oneri finanziari (remunerazione del debito) –Dividendi (remunerazione corrente del capitale di rischio) –Imposte (remunerazione dei servizi e delle infrastrutture pubbliche)

21 21 Le componenti della dinamica finanziaria aziendale - segue Si arriva così a completare lo schema dei flussi di cassa aziendali FCGC = MOL - CCNC INVESTIMENTINUOVI FINANZIAMENTI AZIENDA DISINVESTIMENTI RIMBORSI FINANZIAMENTI REMUNERAZIONI (oneri fin, dividendi, imposte)


Scaricare ppt "1 ANALISI FINANZIARIA I Le determinanti della dinamica finanziaria Università Ca Foscari di Venezia."

Presentazioni simili


Annunci Google