La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Siti istituzionali e-democracy, e-governement Comunicazione Multimediale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Siti istituzionali e-democracy, e-governement Comunicazione Multimediale."— Transcript della presentazione:

1 Siti istituzionali e-democracy, e-governement Comunicazione Multimediale

2 DEFINIZIONI E-government Come riferisce il documento del Governo "Linee Guida del Governo per lo Sviluppo della Società dell'Informazione" le pubbliche amministrazioni devono soddisfare alcune condizioni per definirsi pienamente allineate al nuovo modo di comunicazione e informazione, come: - Tutti i servizi prioritari disponibili on-line - Tutta la posta interna alla Pubblica Amministrazione via - Alfabetizzazione certificata dei dipendenti pubblici - 2/3 degli uffici della Pubblica Amministrazione con accesso on-line alliter delle pratiche da parte dei cittadini - Tutti gli uffici che erogano servizi dotati di un sistema di customer satisfaction. E-government Come riferisce il documento del Governo "Linee Guida del Governo per lo Sviluppo della Società dell'Informazione" le pubbliche amministrazioni devono soddisfare alcune condizioni per definirsi pienamente allineate al nuovo modo di comunicazione e informazione, come: - Tutti i servizi prioritari disponibili on-line - Tutta la posta interna alla Pubblica Amministrazione via - Alfabetizzazione certificata dei dipendenti pubblici - 2/3 degli uffici della Pubblica Amministrazione con accesso on-line alliter delle pratiche da parte dei cittadini - Tutti gli uffici che erogano servizi dotati di un sistema di customer satisfaction.

3 DEFINIZIONI E-democracy Si prevede un costante coinvolgimento dei cittadini alle decisioni pubbliche, in tutti gli ambiti possibili come, per esempio, vita politica, ambiente, urbanistica, trasporti. Molti siti di enti locali hanno predisposto forum aperti di dialogo con i cittadini, coinvolgendo la cittadinanza e la società civile nei progetti per l'ambiente e per la qualità della vita nella città. Questi nuovi modelli di comunicazione avvicinano sempre di più il cittadino-utente alla pubblica amministrazione, in un rapporto non più di subordinazione ma, invece, di interazione e cooperazione, grazie al quale il cittadino diventa finalmente protagonista del suo futuro. E-democracy Si prevede un costante coinvolgimento dei cittadini alle decisioni pubbliche, in tutti gli ambiti possibili come, per esempio, vita politica, ambiente, urbanistica, trasporti. Molti siti di enti locali hanno predisposto forum aperti di dialogo con i cittadini, coinvolgendo la cittadinanza e la società civile nei progetti per l'ambiente e per la qualità della vita nella città. Questi nuovi modelli di comunicazione avvicinano sempre di più il cittadino-utente alla pubblica amministrazione, in un rapporto non più di subordinazione ma, invece, di interazione e cooperazione, grazie al quale il cittadino diventa finalmente protagonista del suo futuro.

4 DEFINIZIONI M-Government Il "mobile government" è la nuova frontiera dei servizi erogati dalla Pubblica Amministrazione ed ha come piattaforma tecnologica le infrastrutture degli operatori mobili. Mediante questo nuovo servizio i cittadini possono effettuare una serie di operazioni usufruendo, per esempio, del cellulare per pagare il parcheggio, essere informati dalle liste di collocamento e tante altre infinite opportunità. Tra i moltissimi servizi erogabili mediante cellulare: M-Government Il "mobile government" è la nuova frontiera dei servizi erogati dalla Pubblica Amministrazione ed ha come piattaforma tecnologica le infrastrutture degli operatori mobili. Mediante questo nuovo servizio i cittadini possono effettuare una serie di operazioni usufruendo, per esempio, del cellulare per pagare il parcheggio, essere informati dalle liste di collocamento e tante altre infinite opportunità. Tra i moltissimi servizi erogabili mediante cellulare: accesso alle cartelle cliniche accesso alle cartelle cliniche comunicazione di ritardi nei servizi pubblici comunicazione di ritardi nei servizi pubblici pagamento parcheggi pubblici servizi per anziani e portatori di handicap: avviso agli accompagnatori con l'indirizzo dell'anziano pagamento parcheggi pubblici servizi per anziani e portatori di handicap: avviso agli accompagnatori con l'indirizzo dell'anziano servizio di mappe stradali su GPRS. servizio di mappe stradali su GPRS.

5 Modello di e-government Un sistema di e-government rappresenta un potente strumento di coinvolgimento e partecipazione dei cittadini ai processi decisionali, evolvendo verso modelli innovativi di eDemocracy. Si è progettato un modello composto da sei elementi chiave: Erogazione servizi - Un insieme di servizi che dovranno essere resi disponibili attraverso modalità innovative e ad un livello di qualità elevato a utenti-clienti (cittadini ed imprese). Per focalizzare gli sforzi di sviluppo, sono stati individuati alcuni servizi prioritari dal punto di vista degli utenti-clienti, che saranno considerati nelle iniziative di digitalizzazione. Questi servizi saranno forniti con un unico punto di accesso anche se implicano l'intervento di più Amministrazioni. Le complessità interne alla Pubblica Amministrazione verranno cioè mascherate all'utente/cliente. Erogazione servizi - Un insieme di servizi che dovranno essere resi disponibili attraverso modalità innovative e ad un livello di qualità elevato a utenti-clienti (cittadini ed imprese). Per focalizzare gli sforzi di sviluppo, sono stati individuati alcuni servizi prioritari dal punto di vista degli utenti-clienti, che saranno considerati nelle iniziative di digitalizzazione. Questi servizi saranno forniti con un unico punto di accesso anche se implicano l'intervento di più Amministrazioni. Le complessità interne alla Pubblica Amministrazione verranno cioè mascherate all'utente/cliente. Riconoscimento digitale - Modalità di riconoscimento dell'utente e di firma sicure attraverso la Carta di Identità Elettronica, la Carta Nazionale dei Servizi e la firma digitale Riconoscimento digitale - Modalità di riconoscimento dell'utente e di firma sicure attraverso la Carta di Identità Elettronica, la Carta Nazionale dei Servizi e la firma digitale Canali di accesso - Una pluralità di canali innovativi attraverso cui l'utente accede ai servizi offerti: Internet, call centre, cellulare, reti di terzi, etc Canali di accesso - Una pluralità di canali innovativi attraverso cui l'utente accede ai servizi offerti: Internet, call centre, cellulare, reti di terzi, etc Enti eroganti - Un back office efficiente ed economicamente ottimizzato dei diversi enti eroganti Enti eroganti - Un back office efficiente ed economicamente ottimizzato dei diversi enti eroganti Interoperabilità e cooperazione - Standard di interfaccia tra le Amministrazioni che consentano comunicazioni efficienti e trasparenza verso l'esterno Interoperabilità e cooperazione - Standard di interfaccia tra le Amministrazioni che consentano comunicazioni efficienti e trasparenza verso l'esterno Infrastruttura di comunicazione - Un'infrastruttura di comunicazione che colleghi tutte le Amministrazioni Infrastruttura di comunicazione - Un'infrastruttura di comunicazione che colleghi tutte le Amministrazioni

6 Modello di egovernment

7 Lefficacia aumenta in modo significativo quando tutti gli attori sono mutuamente in relazione e i progetti investono lintero ambito territoriale. Il valore della rete, fatta di mutue connessioni legittimanti, segnala il pregio delle migliori iniziative. Le direttive ministeriali sui servizi on line invitano ad avere un approccio multicanale in relazione alle esigenze dellutenza, indicando la strada dellintegrazione come soluzione realmente efficace in funzione della semplificazione e del progresso dei servizi on line. Una tale visione porta a spostare il baricentro dellanalisi dei siti istituzionali dalla sola dimensione delle-government al più ampio alveo delle- governance, ovvero guardare ai siti istituzionali come alla parte di un tutto più complesso. informazioni e servizi possono essere raggiunti dalle proprie case grazie ad Internet e oggi, tramite sistemi di collegamento senza fili, come il wi-fi, potenzialmente da qualsiasi luogo. Lidea è di superare grazie al wireless il digital divide causato dalla non copertura della banda larga in alcune zone della penisola.

8

9

10

11 ESIGENZE DA SODDISFARE La prima esigenza da soddisfare è la tempestività dellinformazione. Utile a tale scopo il supporto di comunicati stampa raggiungibili dallhome page, ordinati cronologicamente e magari divisi per tematiche. Pubblicano comunicati stampa l85,4% dei comuni capoluogo, l84,3% delle province,19 regioni su 20. Vengono aggiornati quotidianamente quasi tutti i siti regionali e più del 60% dei siti di province e comuni capoluogo. Meno sollecito laggiornamento dei siti di comuni non capoluogo.

12 ESIGENZE DA SODDISFARE Limmediatezza del contatto con lamministrazione è favorita dalla presentazione in home page di un numero telefonico (in più del 40% degli enti) e dalla possibilità di invio di messaggi e richieste tramite form on line: persino per i comuni non capoluogo ben più della metà dei siti consente una forma di relazione istantanea con lamministrazione accessibile dai primi secondi di navigazione.

13 ESIGENZE DA SODDISFARE La buona pratica di pubblicare FAQ (Frequently Asked Questions) riassuntive delle domande degli utenti nasce per agevolare la prontezza di risposta. Si tratta inoltre di uno strumento utile per lamministrazione che riduce così lo sforzo di risposta alle domande principali che pervengono. Le FAQ sono nelle home page di 12 regioni, e in più del 20% di siti provinciali e delle città capoluogo.

14 ESIGENZE DA SODDISFARE La presenza di un elenco dei servizi disponibili on line, raccomandato peraltro dalla direttiva del MIT sui servizi on line, facilita la ricerca di quanto è possibile fare on line, prima di avventurarsi nella navigazione e nel browsing delle pagine. E evidente come sia particolare lattenzione in questo senso dei comuni capoluogo, che lo predispongono nel 43,7% dei casi

15 ESIGENZE DA SODDISFARE Maggiore attenzione è dedicata a chiarire ai cittadini obiettivi e competenze dei diversi uffici amministrativi in modo da facilitarli nellorientamento circa lambito più adatto a cui rivolgersi. Se prima era solo intorno al 40% la percentuale di province e comuni capoluogo che dedicavano spazio alla descrizione approfondita delle competenze e finalità delle strutture amministrazione, oggi questa percentuale supera abbondantemente il 70%, mentre raggiunge quasi il 50% nei comuni con più di abitanti e quasi il 38,8% negli altri comuni analizzati

16 ESIGENZE DA SODDISFARE La comunicazione di tipo politico sui siti della Pa italiana trova come già in passato ampio spazio. C'è una crescita anche nella tendenza ad aggiornare e rendere trasparente lattività quotidiana dei vertici politici: sono 17 le regioni che pubblicano le delibere di giunta (tab.16), 15 delle quali le pubblicano in versione integrale (erano 13 nella precedente rilevazione). Delibere di giunta sono presenti integralmente nel 35,2% dei siti provinciali (che comunque danno informazioni in diversa misura delle delibere in oltre il 60% dei casi). Anche per i comuni capoluogo, è di oltre il 60% la pubblicazione delle delibere, quasi il 40% pubblicate interamente, la maggior parte delle volte è presente un motore di ricerca che facilita la consultazione.

17

18

19

20 Dal punto di vista tecnico le prestazioni dei siti tendono a peggiorare, per la pesantezza delle pagine e la conseguente maggiore lentezza di caricamento. Elevato il numero di siti che risultano lenti al caricamento con connessione analogica, in particolare siti provinciali ma anche di comuni. Tale situazione danneggia il 41,3% degli utenti che, da casa, ancora si collega con la linea commutata. Cresce, a discapito del software proprietario windows, lutilizzo di software open source per la pubblicazione dei siti. Per la prima volta, nei comuni capoluogo, lutilizzo di sistema operativo open source (nella maggior parte dei casi si tratta di Linux) supera il 50% (tab. 26). Non essendoci ancora, se non in alcune regioni italiane, un forte indirizzo verso lutilizzo di software aperto, è da ritenere che tali scelte vengano compiute sulla base di motivazioni economiche, pratiche o anche di scelte nelle politiche tecnologiche.

21

22 Studio sulle linee guida per l'accessibilità e le metodologie tecniche per la verifica dell'accessibilità accessibilità Requisito n. 1 Enunciato : Enunciato : Realizzare le pagine e gli oggetti al loro interno utilizzando tecnologie definite da grammatiche formali pubblicate, nelle versioni più recenti disponibili quando sono supportate dai programmi utente. Utilizzare elementi ed attributi in modo conforme alle specifiche, rispettandone laspetto semantico In particolare, per i linguaggi a marcatori HTML (HypertText Markup Language) e XHTML (eXtensible HyperText Markup Language): a) Per tutti i siti di nuova realizzazione, utilizzare almeno la versione 4.01 dell'HTML o preferibilmente la versione 1.0 dell'XHTML, in ogni caso con DTD (Document Type Definition - Definizione del Tipo di Documento); b) Per i siti esistenti, in sede di prima applicazione, nel caso in cui non sia possibile ottemperare al punto a) è consentito utilizzare la versione dei linguaggi sopra indicati con DTD Transitional, ma con le seguenti avvertenze: evitare di utilizzare, allinterno del linguaggio a marcatori con il quale la pagina è realizzata, elementi ed attributi per definirne le caratteristiche presentazionali (per esempio, caratteristiche dei caratteri del testo, colori del testo stesso e dello sfondo, ecc.), ricorrendo invece ai Fogli di Stile CSS (Cascading Style Sheets) per ottenere lo stesso effetto grafico; evitare di utilizzare, allinterno del linguaggio a marcatori con il quale la pagina è realizzata, elementi ed attributi per definirne le caratteristiche presentazionali (per esempio, caratteristiche dei caratteri del testo, colori del testo stesso e dello sfondo, ecc.), ricorrendo invece ai Fogli di Stile CSS (Cascading Style Sheets) per ottenere lo stesso effetto grafico; evitare la generazione di nuove finestre; ove ciò non fosse possibile, avvisare esplicitamente l'utente del cambiamento del focus; evitare la generazione di nuove finestre; ove ciò non fosse possibile, avvisare esplicitamente l'utente del cambiamento del focus; pianificare la transizione dell'intero sito alla versione con DTD Strict del linguaggio utilizzato. Il piano di transizione va presentato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per l'Innovazione e le Tecnologie da parte del responsabile della accessibilità informatica (Art. 9 Regolamento). pianificare la transizione dell'intero sito alla versione con DTD Strict del linguaggio utilizzato. Il piano di transizione va presentato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per l'Innovazione e le Tecnologie da parte del responsabile della accessibilità informatica (Art. 9 Regolamento).

23 Studio sulle linee guida per l'accessibilità e le metodologie tecniche per la verifica dell'accessibilità Requisito n. 2 Enunciato : Enunciato : Non è consentito l'uso dei frame nella realizzazione di nuovi siti In sede di prima applicazione, per i siti esistenti già realizzati con frame, è consentito l'uso di HTML 4.01 o XHTML 1.0 con DTD frameset, ma con le seguenti avvertenze: evitare di utilizzare, allinterno del linguaggio a marcatori con il quale la pagina è realizzata, elementi ed attributi per definirne le caratteristiche presentazionali (per esempio, caratteristiche dei caratteri, del testo, colori del testo stesso e dello sfondo, ecc.), ricorrendo invece ai Fogli di Stile CSS (Cascading Style Sheets) per ottenere lo stesso effetto grafico; evitare di utilizzare, allinterno del linguaggio a marcatori con il quale la pagina è realizzata, elementi ed attributi per definirne le caratteristiche presentazionali (per esempio, caratteristiche dei caratteri, del testo, colori del testo stesso e dello sfondo, ecc.), ricorrendo invece ai Fogli di Stile CSS (Cascading Style Sheets) per ottenere lo stesso effetto grafico; fare in modo che ogni frame abbia un titolo significativo per facilitarne l'identificazione e la navigazione. Se necessario, descrivere anche lo scopo dei frame e la loro relazione; fare in modo che ogni frame abbia un titolo significativo per facilitarne l'identificazione e la navigazione. Se necessario, descrivere anche lo scopo dei frame e la loro relazione; pianificare la transizione a XHTML almeno nella versione 1.0 con DTD Strict dell'intero sito. Il piano di transizione va presentato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per l'Innovazione e le Tecnologie da parte del responsabile della accessibilità informatica (Art. 9 Regolamento). pianificare la transizione a XHTML almeno nella versione 1.0 con DTD Strict dell'intero sito. Il piano di transizione va presentato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per l'Innovazione e le Tecnologie da parte del responsabile della accessibilità informatica (Art. 9 Regolamento).

24 Studio sulle linee guida per l'accessibilità e le metodologie tecniche per la verifica dell'accessibilità Requisito n. 3 Enunciato : Enunciato : Fornire una alternativa testuale equivalente per ogni oggetto non di testo presente in una pagina e garantire che quando il contenuto non testuale di un oggetto cambia dinamicamente vengano aggiornati anche i relativi contenuti equivalenti predisposti. Lalternativa testuale equivalente di un oggetto non testuale deve essere commisurata alla funzione esercitata dalloggetto originale nello specifico contesto. Requisito n. 4 Enunciato : Enunciato : Garantire che tutti gli elementi informativi e tutte le funzionalità siano disponibili anche in assenza del particolare colore utilizzato per presentarli nella pagina. Requisito n. 5 Enunciato : Enunciato : Evitare oggetti e scritte lampeggianti o in movimento le cui frequenze di intermittenza possano provocare disturbi da epilessia fotosensibile, disturbi della concentrazione o che possano causare il malfunzionamento delle tecnologie assistive utilizzate. Qualora esigenze informative richiedano comunque il loro utilizzo, avvisare lutente del possibile rischio prima di presentarli e predisporre metodi che consentano di evitare tali elementi.

25 Studio sulle linee guida per l'accessibilità e le metodologie tecniche per la verifica dell'accessibilità Requisito n. 6 Enunciato : Enunciato : Garantire che siano sempre distinguibili il contenuto informativo (foreground) e lo sfondo (background), ricorrendo a un sufficiente contrasto (nel caso del testo) o a differenti livelli sonori (in caso di parlato con sottofondo musicale). Un testo in forma di immagine in genere è da evitare ma, se non è possibile farne a meno, deve essere realizzato con gli stessi criteri di distinguibilità indicati in precedenza.. Requisito n. 7 Enunciato : Enunciato : Utilizzare mappe immagine sensibili di tipo lato client piuttosto che lato server, eccetto nel caso in cui le zone sensibili non possano essere definite con una delle forme geometriche predefinite indicate nella DTD adottata Requisito n. 8 Enunciato : Enunciato : Se vengono utilizzate mappe immagine lato server, fornire i collegamenti di testo alternativi necessari per poter ottenere tutte le informazioni o i servizi raggiungibili interagendo direttamente con la mappa.

26 Studio sulle linee guida per l'accessibilità e le metodologie tecniche per la verifica dell'accessibilità Requisito n. 9 Enunciato : Enunciato : Per le tabelle dati usare gli elementi (marcatori) e gli attributi previsti dalla DTD adottata per descrivere i contenuti e identificare le intestazioni di righe e colonne. Requisito n. 10 Enunciato : Enunciato : Per le tabelle dati usare gli elementi (marcatori) e gli attributi previsti nella DTD adottata per associare le celle di dati e le celle di intestazione che hanno due o più livelli logici di intestazione di righe o colonne. Requisito n. 11 Enunciato : Enunciato : Usare i fogli di stile per controllare la presentazione dei contenuti e organizzare le pagine in modo che possano essere lette anche quando i fogli di stile siano disabilitati o non supportati.

27 Studio sulle linee guida per l'accessibilità e le metodologie tecniche per la verifica dell'accessibilità Requisito n. 12 Enunciato : Enunciato : La presentazione e i contenuti testuali di una pagina devono potersi adattare alle dimensioni della finestra del browser utilizzata dallutente senza sovrapposizione degli oggetti presenti o perdita di informazioni tali da rendere incomprensibile il contenuto, anche in caso di ridimensionamento, ingrandimento o riduzione dellarea di visualizzazione e/o dei caratteri rispetto ai valori predefiniti di tali parametri Requisito n. 13 Enunciato : Enunciato : Qualora si utilizzino le tabelle a scopo di impaginazione: garantire che il contenuto della tabella sia comprensibile anche quando questa viene letta in modo linearizzato, utilizzare gli elementi e gli attributi di una tabella rispettandone il valore semantico definito nella specifica del linguaggio a marcatori utilizzato Requisito n. 14 Enunciato : Enunciato : Nei moduli (form), associare in maniera esplicita le etichette ai rispettivi controlli, posizionandole in modo che per chi utilizza le tecnologie assistive la compilazione dei campi sia agevolata.

28 Studio sulle linee guida per l'accessibilità e le metodologie tecniche per la verifica dell'accessibilità Requisito n. 15 Enunciato : Enunciato : Garantire che le pagine siano utilizzabili quando script, applet, o altri oggetti di programmazione sono disabilitati oppure non supportati. Se questo non è possibile: fornire una spiegazione della funzionalità svolta; garantire una alternativa testuale equivalente in modo analogo a quanto indicato nel requisito n. 3 Requisito n. 16 Enunciato : Enunciato : Garantire che i gestori di eventi che attivano script, applet oppure altri oggetti di programmazione o che possiedono una propria specifica interfaccia, siano indipendenti da uno specifico dispositivo di input Requisito n. 17 Enunciato : Enunciato : Garantire che le funzionalità e le informazioni veicolate per mezzo di oggetti di programmazione, oggetti che utilizzino tecnologie non definite da grammatiche formali pubblicate, script e applet siano direttamente accessibili.

29 Studio sulle linee guida per l'accessibilità e le metodologie tecniche per la verifica dell'accessibilità Requisito n. 18 Enunciato : Enunciato : Qualora un filmato o una presentazione multimediale siano indispensabili per la completezza dellinformazione fornita o del servizio erogato, predisporre una alternativa testuale equivalente sincronizzata in forma di sotto-titolazione e/o di descrizione vocale, oppure predisporre un riassunto o una semplice etichetta per ciascun elemento video o multimediale, tenendo conto del livello di importanza e delle difficoltà di realizzazione nel caso di presentazioni in tempo reale. Requisito n. 19 Enunciato : Enunciato : Rendere chiara la destinazione di ciascun collegamento ipertestuale (link) con testi significativi anche se letti indipendentemente dal proprio contesto oppure associare ai collegamenti testi alternativi che possiedano analoghe caratteristiche esplicative. Prevedere meccanismi che consentano di evitare la lettura ripetitiva di sequenze di collegamenti comuni a più pagine. Requisito n. 20 Enunciato : Enunciato : Se per la fruizione del servizio erogato in una pagina è previsto un intervallo di tempo predefinito entro il quale eseguire determinate azioni, è necessario avvisare esplicitamente lutente, indicando il tempo massimo utile e fornendo eventuali alternative per fruire del servizio stesso.

30 Studio sulle linee guida per l'accessibilità e le metodologie tecniche per la verifica dell'accessibilità Requisito n. 21 Enunciato : Enunciato : : I collegamenti presenti in una pagina devono essere selezionabili e attivabili tramite comandi da tastiera, tecnologia in emulazione di tastiera o tramite sistemi di puntamento diversi dal mouse. Per facilitare la selezione e lattivazione dei collegamenti con queste tecnologie assistive è anche necessario garantire che: la distanza verticale di liste di link e la spaziatura orizzontale tra link consecutivi sia di almeno 1 em; le distanze orizzontale e verticale tra i pulsanti di un modulo (form) sia di almeno 1 em; le dimensioni dei pulsanti in un modulo (form) siano tali da rendere chiaramente leggibile l'etichetta in essi contenuta, per esempio utilizzando opportunamente il margine tra l'etichetta e i bordi del pulsante. Requisito n. 22 Enunciato : Enunciato : In sede di prima applicazione, per i siti esistenti, in ogni pagina che non possa essere ricondotta al rispetto dei presenti requisiti, fornire un collegamento a una pagina che li rispetti, contenga informazioni e funzionalità equivalenti e sia aggiornata con la stessa frequenza della pagina originale, evitando la creazione di pagine di solo testo. Il collegamento alla pagina accessibile deve essere proposto in modo evidente allinizio della pagina non accessibile

31 Comune di Macerata Comune di Macerata Requisito 1 I contenuti pubblicati risultano essere conformi sia alla raccomandazione W3C XHTML 1.1 che alla raccomandazione W3C CSS 2.0. Il sistema CMS consente la pubblicazione di contenuti e del layout di pagina conformi a tale DTD. La validazione tramite i validatori del W3C per linguaggio di marcatura e fogli di stile ha dato risultati positivi per tutti i contenuti. I referenti saranno formati sul corretto utilizzo degli elementi di intestazione (HX), per i quali non è previsto controllo automatico.linguaggio di marcaturafogli di stile Requisito 2 La struttura del sito non prevede l'uso di frames. Requisito 3 Gli oggetti non testuali di tipo informativo contenuti nelle pagine contengono un equivalente testuale. Gli oggetti di tipo decorativo contengono tale attributo, così come le immagini. Requisito 4 I contenuti pubblicati corrispondono al requisito. I referenti sono formati, in fase di pubblicazione dei contenuti, al corretto uso del colore non delegandogli caratteristiche di tipo informativo (sia per testi che per immagini). Requisito 5 I contenuti corrispondono al requisito. I referenti sono formati, in fase di pubblicazione dei contenuti, al fine di non utilizzare tali caratteristiche. Requisito 6 Il foglio di stile è stato valutato con il sistema di valutazione ad esempio: Il sistema di gestione contenuti consente l'uso degli stili predefiniti nel foglio di stile e ciò rende impossibile causare contrasti di colore non conformi. Per le immagini, in fase di pubblicazione dei contenuti i referenti sono formati alla valutazione del contrasto.www.webaccessibile.org/css Requisito 7 I contenuti pubblicati non contengono mappe immagine. Requisito 8 I contenuti pubblicati non contengono mappe immagine. Requisito 9 Il CMS utilizzato non genera tabelle ma usa il tag per la suddivisone degli spazi. Requisito 10 Il CMS utilizzato non genera tabelle ma usa il tag per la suddivisone degli spazi. Requisito 11 I contenuti risultano conformi. Il sistema di pubblicazione e la scelta della raccomandazione XHTML 1.1 consente l'uso esclusivo dei fogli di stile per l'impaginazione dei contenuti rendendo impossibile l'uso di elementi ed attributi deprecati.

32 Comune di Macerata Requisito 12 I contenuti pubblicati risultano parzialmente conformi. Il layout grafico predisposto consente un ridimensionamento che non sempre consente una corretta visibilità, in particolare su dispositivi di tipo mobile. Requisito 13 I contenuti pubblicati non contengono tabelle di impaginazione. Il sistema di pubblicazione contenuti consente comunque l'uso di tabelle di impaginazione impedendo l'uso di elementi ed attributi dedicati alle tabelle dati. Requisito 14 I moduli associano in maniera esplicita i contenuti. Requisito 15 I contenuti pubblicati non sembrano contenere script, applet o altri oggetti di programmazione. Requisito 16 I contenuti pubblicati non sembrano contenere script, applet o altri oggetti di programmazione. Requisito 17 I contenuti pubblicati non sembrano contenere script, applet o altri oggetti di programmazione. Requisito 18 I contenuti pubblicati non contengono contenuti multimediali. Requisito 19 I contenuti pubblicati risultano conformi. Il sistema di gestione contenuti utilizza degli appositi testi descrittivi predisposti come attributo title. Requisito 20 I contenuti pubblicati non contengono tali caratteristiche Requisito 21 I contenuti pubblicati risultano conformi grazie alla voce tasti di accesso. Requisito 22 Rispettando i suddetti requisiti, il sito web non necessita di pagine alternative.


Scaricare ppt "Siti istituzionali e-democracy, e-governement Comunicazione Multimediale."

Presentazioni simili


Annunci Google