La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ministro per lInnovazione e le Tecnologie I Piccoli Comuni e il digital divide I Centri Territoriali per i Piccoli Comuni Guido Pera Area sviluppo e-government.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ministro per lInnovazione e le Tecnologie I Piccoli Comuni e il digital divide I Centri Territoriali per i Piccoli Comuni Guido Pera Area sviluppo e-government."— Transcript della presentazione:

1 Ministro per lInnovazione e le Tecnologie I Piccoli Comuni e il digital divide I Centri Territoriali per i Piccoli Comuni Guido Pera Area sviluppo e-government Regioni ed Enti locali Firenze – 13 gennaio 2003

2 Ministro per lInnovazione e le Tecnologie Il contesto in cui operano i Piccoli Comuni

3 N.3 I Piccoli Comuni: il numero

4 N.4 I Piccoli Comuni: la popolazione

5 N.5 I Piccoli Comuni: le risorse umane

6 N.6 I Piccoli Comuni: la formazione Nella quasi totalità dei casi gli elementi apicali nellorganizzazione sono quadri La formazione è principalmente giuridica e tecnico-urbanistica

7 N.7 I Piccoli Comuni: gli strumenti Infrastrutture inadeguate: lattuale distribuzione della connettività a larga banda penalizza i piccoli centri Scarse risorse finanziarie da dedicare allinnovazione tecnologica

8 N.8 I Piccoli Comuni: Elementi di criticità Difficoltà nelladeguarsi ai continui cambiamenti Mancanza delle competenze necessarie a compiere scelte di mercato adeguate Scarso potere negoziale e di orientamento sul mercato di fornitura (supply driven) con conseguente perdita del potere dacquisto Incapacità a sviluppare una propria capacità progettuale (propensione al solo riuso di soluzioni) Sistemi di back office scarsamente integrati, non solo con i sistemi delle PAC e regionali, ma anche con le realtà locali limitrofe (i comuni confinanti, le ASL, ecc.)

9 N.9 Il rischio delle due Italie Grandi Centri: – Partecipazione attiva alle-government – Capacità di offrire servizi in rete adeguati Piccoli comuni: – Difficoltà di cogliere le opportunità delle-government – Inadeguata offerta di servizi di front office innovativi ai cittadini

10 N.10 I Piccoli Comuni: Esigenze 1. Risorse finanziarie 2. Supporto 3. Recupero del potere dacquisto

11 N.11 Le Risorse finanziarie per i Piccoli Comuni Dalla Finanziaria: – E stato istituito il Fondo di finanziamento per i progetti strategici nel settore informatico – La dotazione per il 2003 del Fondo è di 100 milioni di Euro – Utilizzando le dotazioni del Fondo il Ministro per linnovazione e le tecnologie... individua specifiche iniziative per i comuni con popolazione inferiore a abitanti e per le isole minori;

12 N.12 Le indicazioni del piano primo avviso per lattuazione del e-government (1) Lattività progettuale ha dimostrato che la cooperazione è una necessità ineludibile da parte dei Piccoli Comuni, in quanto le-government necessita di organizzazioni e competenze che questi non possiedono – Le Comunità montane e le Unioni di Comuni si sono dimostrate forme associative vincenti Sono emersi progetti che oltre ad avere come obiettivo quello di realizzare servizi appositamente realizzati per i piccoli comuni, si sono distinti per laccuratezza della progettazione della fase di riuso

13 N.13 Le indicazioni del piano primo avviso per lattuazione del e-government (2) Dove già non esistenti, le cooperazioni dei piccoli comuni prevedono che il raggiungimento degli obiettivi avvenga attraverso la costituzione di centri di servizio intercomunali gestiti in modo associato È da sottolineare limpegno delle regioni e delle province a favorire ed incentivare le forme di associazioni tra i comuni La soglia dei abitanti rischia di essere limitativa nella realizzazione di forme associative adeguate alla sfida delle-government

14 Ministro per lInnovazione e le Tecnologie I Centri di Servizi Territoriali per i Piccoli Comuni (CST)

15 N.15 I Centri di Servizi Territoriali per i Piccoli Comuni (CST) - Obiettivi Le-government per essere attuato richiede tecnologie evolute e strutture organizzative specializzate che non sono alla portata dei Piccoli Comuni È necessario creare strutture di servizio sovra- comunali che avviino i processi di e-government, si facciano garanti della gestione e mettano a disposizione di aggregazioni di Piccoli Comuni le risorse umane e tecnologiche Lobiettivo primario dei CST è di garantire la maggiore copertura territoriale della diffusione dei servizi al fine di eliminare il digital divide e realizzare un efficace sistema per la diffusione e il riuso delle soluzioni di e-governmnet

16 N.16 I Centri di Servizi Territoriali per i Piccoli Comuni (CST) - Compiti Erogazione dei servizi infrastrutturali agli EE.LL. di riferimento Erogazione dei servizi applicativi in modalità interattiva per gli EE.LL. di riferimento Diffusione e riuso delle soluzioni Garantire la necessaria circolazione dei flussi documentazione tra i CST ed gli EE.LL. di riferimento e le altre P.A. Supporto allutenza (Amministrazioni ed utenti finali)

17 N.17 I Centri di Servizi Territoriali per i Piccoli Comuni (CST) – Servizi Le tipologie di servizi erogabili sono suddivise in: – servizi ai comuni e alle altre pubbliche amministrazioni residenti sul territorio – erogazione di servizi gratuiti ai cittadini e alle imprese – erogazione di servizi a consumo ai cittadini e alle imprese

18 N.18 I Centri di Servizi Territoriali per i Piccoli Comuni (CST) – Il modello organizzativo Il CST deve essere in grado di operare in affiancamento continuo con tutte le amministrazioni locali aggregate Un CST corrisponde ad un insieme di infrastrutture hardware e software indipendenti, dedicate allerogazione dei servizi per gli enti ad esso collegati Un CST risiede presso un centro fisico Uno stesso centro fisico può ospitare i sistemi relativi a più centri logici al fine di consentire le relative economia di scala Tutti i CST interoperano a livello applicativo tra di loro tramite le reti regionali, costituendo una federazione di sistemi.

19 N.19 I Centri di Servizi Territoriali per i Piccoli Comuni (CST) – Il livello di aggregazione degli enti Il livello di aggregazione deve consentire adeguata economicità ai CST I CST saranno costituiti in base ai seguenti elementi: – bacino di utenza di almeno abitanti – aggregazione di comuni che sia allinterno di un intervallo tra i 40 e i 60 – considerare tutti i comuni fino a abitanti – la mancanza di un polo aggregante pre-esistente quale unarea metropolitana

20 N.20 I Centri di Servizi Territoriali per i Piccoli Comuni (CST) – Lallargamento delle aggregazioni E stato considerata la possibilità di inserire allinterno delle aggregazioni che usufruiscono dei servizi dei CST anche i comuni fino a abitanti per i seguenti motivi: – il numero dei comuni che sono nellintervallo tra i e i abitanti sono oltre – questi comuni hanno criticità ed esigenze più affini ai piccoli che ai grandi centri – hanno dimostrato capacità progettuale nel primo avviso: su 377 progetti presentati, 139 hanno avuto per capofila un comune, di questi 27 sono comuni presenti in questarea – alcuni possiedono strutture organizzative che possono essere usate come nucleo iniziale per la costruzione dei CST

21 N.21 I Centri di Servizi Territoriali per i Piccoli Comuni (CST) – Effetti Le indicazioni precedenti permettono di concentrare la gestione delle-government polverizzata attualmente in piccoli centri in 130 CST con conseguente: – ottimizzazione delle risorse – miglioramento dei servizi resi ai cittadini e alle imprese – mantenimento del controllo progettuale sui servizi anche da parte delle realtà locali più piccole – salvaguardia delle specifiche esigenze nellerogazione dei servizi

22 Ministro per lInnovazione e le Tecnologie Fine Presentazione


Scaricare ppt "Ministro per lInnovazione e le Tecnologie I Piccoli Comuni e il digital divide I Centri Territoriali per i Piccoli Comuni Guido Pera Area sviluppo e-government."

Presentazioni simili


Annunci Google