La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Deliberazione Giunta Regionale Toscana n. 716 del 3 agosto 2009 PSR 2008-2010, punto 4.3.1. Progetto per lattuazione della sanità diniziativa a livello.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Deliberazione Giunta Regionale Toscana n. 716 del 3 agosto 2009 PSR 2008-2010, punto 4.3.1. Progetto per lattuazione della sanità diniziativa a livello."— Transcript della presentazione:

1 Deliberazione Giunta Regionale Toscana n. 716 del 3 agosto 2009 PSR , punto Progetto per lattuazione della sanità diniziativa a livello territoriale Modalità di attuazione della sanità diniziativa a livello territoriale, sulla base del modello di riferimento Expanded Chronic Care Model

2 La cronicità Potenziare il ruolo delle cure primarie Valorizzare la necessità del lavoro in equipe Assegnare al cittadino, consapevole e informato, un ruolo attivo nell'alleanza terapeutica e preventiva propria dei servizi e dei professionisti sanitari

3 Istituto Toscano Tumori (del. 140 del 2003)

4 Le criticità della oncologia Disequità negli accessi Linadeguata strutturazione della multidisciplinarietà La sostenibilità economica La discontinuità di cura

5 Mortalità tumori 166,017/ (Anni riferimento ) ( Fonte Registro Mortalità Regionale )

6 Obiettivi strategici unificanti La qualità diffusa nelle prestazioni e negli aspetti relazionali in tutto il territorio regionale a partire dalle realtà periferiche fino agli snodi di alta specializzazione

7 I principi fondanti Un unico sistema di governo per tutti gli attori delloncologia (dalla prevenzione alla cura, dallospedale al territorio)

8 La struttura a rete, che rende il sistema capace di promuovere la continuità di cura e di favorire le sinergie di percorso Un modello organizzativo caratterizzato da accessi molteplici nel territorio che attivano percorsi condivisi

9 Appropriatezza come elemento guida della offerta e della programmazione degli investimenti Condivisione degli operatori Responsabilizzazione dei cittadini utenti

10 La continuità assistenziale come risposta alla criticità dei passaggi in cura e della interazione tra ospedale e territorio Lomogeneità della offerta quale espressione del diritto di ogni cittadino ad essere curato in maniera adeguata indipendentemente dalla sua residenza e dal suo censo

11 I punti di forza Un unico sistema di governo Valorizzazione della rete Accessi diffusi e percorsi condivisi Competenze distribuite tra Aziende - Area Vasta- Istituto Toscano Tumori

12 Interventi di valorizzazione della rete con diffusione territoriale dei servizi di oncologia

13 Deliberazione della Giunta Regionale Toscana n. 996 del 26 settembre 2000 Costituzione delle Unità di Cure Palliative in tutte le aziende sanitarie della regione, collegandole alla rete territoriale per lassistenza domiciliare

14 La rete di assistenza ai pazienti oncologici in fase terminale La complessità delle esigenze non può essere esaurientemente soddisfatta negli ospedali che sono sempre più organizzati per rispondere a situazioni di acuzie Un insieme funzionale ed integrato di servizi distrettuali ed ospedalieri, sanitari e sociali Articolati in linee organizzative distinte ma integrate Con specifiche strutture dedicate

15 I Centri residenziali di Cure Palliative (Hospice) Strutture ad alta complessità assistenziale che si prendono cura dei pazienti in fase terminale quando, per una molteplicità di condizioni cliniche o sociali, il domicilio diventa inadeguato

16 Gli Hospices ad oggi previsti in Toscana sono 18, per un totale di 170 posti letto + 8 in regime diurno, con un rapporto di 0,47 posti letto per abitanti

17 Zone Carenti DGRT 448/2007

18 Strutture di interfaccia con i livelli di assistenza territoriale Rafforzare la rete tramite la centralizzazione delle terapie complesse ed il decentramento della media e bassa intensità

19 Delibera N.352 del Oggetto: Istituto Toscano Tumori - Azioni per il miglioramento dell'efficacia e dell'efficienza della rete oncologica regionale

20 Territorio Capire, Curare e Prevenire il cancro al meglio per tutti

21 L'adozione di percorsi diagnostico-terapeutici unificati è il criterio di riferimento per tutte le persone della Toscana I percorsi diagnostico terapeutici sono periodicamente aggiornati

22 Hospice Rete cure palliative

23 MMG e Casa della salute Assistenza domiciliare

24 Regione Toscana Piano Sanitario Regionale 2011/2013 In fase di approvazione

25 Garantire la continuità attraverso percorsi di cura integrati Implementare un modello gestionale orientato sui flussi del paziente

26 Potenziare il ruolo delle cure primarie Valorizzare il lavoro in equipe Assegnare al cittadino un ruolo attivo e partecipato

27 Il paziente esperto I pazienti, cioè i cittadini che si trovino in condizioni di rischio riconosciuto o di malattia, devono diventare protagonisti del processo di cura, mantenimento della salute e prevenzione delle complicanze

28 Le cure primarie e i medici di medicina generale in particolare devono muoversi verso la cura delle persone e della popolazione e non delle malattie Questo non è solo corretto biologicamente ma è anche più efficace, efficiente, sicuro e equo

29 Lapproccio va focalizzato sulla persona (person-focused) rispetto allapproccio dominante focalizzato sulla malattia (disease-focused)


Scaricare ppt "Deliberazione Giunta Regionale Toscana n. 716 del 3 agosto 2009 PSR 2008-2010, punto 4.3.1. Progetto per lattuazione della sanità diniziativa a livello."

Presentazioni simili


Annunci Google