La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 PERIODIZZAZIONE. Immaginario americano Spazio chiuso Spazio aperto Spazio chiuso Washington Irvig (1783-1859) James F. Cooper (1789-1851) E.A.Poe (1809-1849),

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 PERIODIZZAZIONE. Immaginario americano Spazio chiuso Spazio aperto Spazio chiuso Washington Irvig (1783-1859) James F. Cooper (1789-1851) E.A.Poe (1809-1849),"— Transcript della presentazione:

1 1 PERIODIZZAZIONE

2 Immaginario americano Spazio chiuso Spazio aperto Spazio chiuso Washington Irvig ( ) James F. Cooper ( ) E.A.Poe ( ), N. Hawthorne ( ), E. Melville ( ) ALAMO 1836 MAYFLOWER 1620 LITTLE BIG HORN 1876 PEARL HARBOR 1941 M. Twain, ( ) J. London ( ) VIETNAM anni 70 Spazio aperto Spazio chiuso Francis Scott Fitzgerald ( ) Steibeck( ) Hemingway ( ) 1890 Costruzione sul territorio Captivity tales

3 2 IL VUOTO COME LABORATORIO IDENTITARIO

4 Le diverse concezioni del vuoto Cattolici: il vuoto come ponte (terzo spazio) Schiumatori del mare: il vuoto come opportunità Puritani: il vuoto come oltre (distinzione)

5 Mondo Paradiso Purgatorio Inferno Lorganizzazione cattolica dello spazio Linvenzione del Purgatorio Lorganizzazione cattolica dello spazio Linvenzione del Purgatorio ( )

6 Gli schiumatori del mare: il vuoto come opportunità Balenieri olandesi, pirati e corsari

7 3 I FONDAMENTI PURITANI Il buio fuori ( )

8 Gli scrittori puritani inglesi John Milton John Bunyan Daniel DeFoe : Paradise Lost1678: Pilgrims progress1719: Robinson Crusoe

9 John Milton: Paradise lost (1674) Satana in missione per conto di Dio

10 Organizzazione puritana dello spazio: paradiso e pandemonium Pandemonium Inferno Paradiso Eden Vuoto assoluto

11 Paradise Lost, canto I Satana nel vuoto: Davanti ai loro occhi allimprovviso apparvero // i segreti dellabisso incanutito, un oceano // illimitato e oscuro, senza confini e senza dimensione; // dove lunghezza, larghezza, altezza e tempo e spazio // sono perduti; dove la Notte più antica ed il Caos, che sono gli antenati della Natura, mantengono // uneterna anarchia […] In questo abisso selvaggio, grembo della Natura e forse tomba, // che non ha mare né spiaggia, né aria né fuoco, // ma tutte queste cose frammiste e confuse […] in questo abisso selvaggio lo scaltro Avversario // si soffermò sullorlo dellinferno ad osservare, // e meditò sul viaggio […] Il viaggio: Oh voi Potenze e Spiriti di questo infimo abisso, // Caos e antica Notte, non vengo come spia, il mio proposito // non è esplorare, non è turbare i segreti di questo vostro regno, // ma essendovi costretto, vago in questo deserto tenebroso // solo perché il mio cammino mi spinge attraverso // il vostro impero spazioso fino a trovare la luce…

12 Paradisi violati: il male fuori (?) Satana nel paradiso terrestre Ora pensoso e lento satana si avvia //a risalire quel ripido colle selvaggio; e però non riesce // a rintracciare un varco, essendo così fitto // e intricato, una macchia umana continua il sottobosco // di quel groviglio darbusti e di cespugli, da rendere incerto // ogni sentiero al transito di uomini e animali. // Cera sul lato opposto soltanto una porta // rivolta ad oriente, ma come il Gran Nemico // la vide egli sdegnò quellingresso diretto, // e per dispregio, con agile balzò, superò lostacolo // e vi ricadde in piedi. Come quando un lupo // che si aggira furtivo ed è costretto a battere per fame // nuovi terreni di caccia, spia dove i pastori // raccolgono a sera le greggi nei loro recinti protetti // in mezzo al campo, e facilmente piomba dentro al chiuso //saltando lo steccato; o come un ladro // deciso a alleggerire le ricchezze di un pingue cittadino // le cui solide porte sbarrate da sicuri chiavistelli // non temono lassalto, ecco si arrampica // per la finestra o sale sulle tegole; così // balzò sul gregge di Dio quel primo grande ladro, …//…E da quel punto satana, volando, // sappollaiò simile a cormorano in vetta allAlbero // della Vita, che supera gli altri in altezza…

13 Paradisi violati

14 La fondazione dei padri pellegrini: gli archetipi tracciati direttamente nello spazio William Bradford, Of Plimmoth Plantation (1630 – 1650) Ma qui non posso non sostare e fare una pausa, e restare quasi sopraffatto dallo sbigottimento per la situazione di questa povera gente; e così ritengo che farà anche il lettore, quando abbia riflettutto su di essa. Avendo così superato il vasto oceano…essi non avevano ora amici per accoglierli, né locande per ospitare o ristorare i loro corpi provati dalle intemperie, né case o tanto meno città dove rifugiarsi, dove cercare aiuto. Riferiscono le scritture (Atti degli apostoli, 28. Paolo è in viaggio verso Roma, fa naufragio e viene accolto in modo ospitale dai selvaggi di un isola) come misericordia per lapostolo e la sua compagnia naufraga, che i barbari mostrarono loro non poca gentilezza nel ristorarli, ma questi barbari selvaggi, quando essi li incontrarono (come apparirà più avanti) erano più disposti a riempir loro i fianchi di frecce che altro. E quanto alla stagione era inverno, e quelli che conoscono gli inverni di quel paese sanno che sono aspri e violenti, e soggetti a crudeli e furiose tempeste, pericolose per chi navighi in luoghi noti, molto più per chi esplori una costa ignota. Inoltre che cosa potevano scorgere se non un orrido e desolato deserto, pieno di bestie feroci e di uomini feroci? E quali moltitudini potevano esserci di questi essi non sapevano. Né potevano, per così dire, salire sulla cima del monte Pisgah (da dove Mosè guarda la terra promessa), per scorgere da questo deserto un più ospitale paese che alimentasse le loro speranze; poiché dovunque volgessero gli occhi (salvo che in alto verso il cielo) potevano avere poco conforto o soddisfazione riguardo a qualunque oggetto esterno. … Che cosa poteva ora dar loro sostegno se non lo spirito di Dio e la sua grazia? Non possono e non debbono forse i figli di questi padri dire a ragione: I nostri padri furono inglesi che attraversarono questo grande oceano, ed erano pronti a perire in questo deserto; ma essi invocarono il Signore, ed egli udì la loro voce, e volse lo sguardo alle loro sventure

15 Chiusura: la ricostituzione dellEden e la città sulla collina Oceano Wilderness Colonia Plymouth 1630 Villaggio indiano fortificato in North Carolina (J. White 1610 c.c)

16 Spazi vuoti: wilderness e frontier Mappa del XVII sec. (Dewitt) Mappa del 1730 (francese) Le colonie alla fine del Seicento

17 Selvaggi e demoni: minaccia esterna John White: ritratto di un selvaggioGiudizio Universale: dannati e Minosse ( ) Attacco indiano (Virginia, 1622)

18 John Bunyan, Pilgrims Progress ( ) Il percorso del predestinato

19 Il progress del pellegrino Città della distruzione Palude dello sconforto Porta stretta Casa dellinterprete Strada maestra Valle dellumiliazione Valle dellombra della morte Città di vanità Colle del lucro Bocca dellinferno Valle della disperazione Terreno incantato Fiume

20 1. Porta stretta; 2. Strada maestra; 3. Gerusalemme 3 21 Fuori

21 Il passage delluomo perduto Inferno Purgatorio Paradiso Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva oscura che la diritta via era smarrita

22 Spazializzazione americana: espulsione e arca Inghilterra Nuovo Mondo Oceano Arca

23 Daniel Defoe, Robinson Crusoe, 1719 La forza controllata del capitale

24 Dallo schiumatore al puritano Desiderio di partenza …nulla era di mio gradimento se non la vita del mare … parve esservi qualche cosa di fatale nella propensione naturale che mi portò senza deviazion alla vita di sofferenze che mera destinata. Opposizione paterna Mi disse che soltanto uomini in condizioni disperate, o uomini di condizione elevata e ambiziosi, i quali andassero oltremare in cerca davventure, potevano toccare alte mete grazie alla loro intraprendenza e diventare famosi compiendo gesta fuori dal comune; che tutte queste cose erano o troppo al disopra o troppo al di sotto di me; che io appartenevo al ceto medio … Il ceto medio Temperanza, moderazione,quiete, buona salute, socievolezza, ogni genere di passatempi e ogni piacere desiderabile

25 Lisola di Robinson : laddestramento del puritano Fortino Padiglione Recinto Bivacco Cannibali Grotta

26 Soluzioni americane dell attraversamento razionalizzato: i puritani e i percorsi quotidiani Oceano Wilderness Nuova Inghilterra

27 = squadra in difesa= squadra in attacco Il baseball: la riconsacrazione dello spazio

28 Soluzioni americane dell attraversamento razionalizzato: i puritani e i percorsi avventurosi (rapimenti, ritorni a casa e spedizioni punitive di riconsacrazione) Captivity tales 1682

29 Lassalto khomeinista allambasciata americana di Teheran… (4 novembre 1979 – gennaio 1981) … e il fallito blitz americano

30 Prigioni D. Defoe, Moll Flanders, 1722 E. Bunker, Education of a Felon (2000) Il villaggio indiano Le ali della libertà (1994)diretto da Frank Darabont, tratto dal racconto di S. King, Rita Hayworth e la redenzione di Shawshank


Scaricare ppt "1 PERIODIZZAZIONE. Immaginario americano Spazio chiuso Spazio aperto Spazio chiuso Washington Irvig (1783-1859) James F. Cooper (1789-1851) E.A.Poe (1809-1849),"

Presentazioni simili


Annunci Google