La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La classificazione dei fabbisogni finanziari e dei servizi bancari Dott.ssa Manuela Gallo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La classificazione dei fabbisogni finanziari e dei servizi bancari Dott.ssa Manuela Gallo."— Transcript della presentazione:

1 La classificazione dei fabbisogni finanziari e dei servizi bancari Dott.ssa Manuela Gallo

2 I PRODOTTI BANCARI Art 10 T.U.B.: Lattività bancaria ha carattere dimpresa ed è costituita dalla raccolta di risparmio tra il pubblico e dallesercizio del credito. La raccolta (Art 11 T.U.B.)del risparmio si configura come acquisizione di fondi con obbligo di rimborso, sotto forma di depositi o sotto altra forma. Lattività di impiego (o di esercizio del credito) consiste nel soddisfacimento del fabbisogno finanziario delle imprese e delle famiglie, attraverso la concessione di prestiti in diverse forme. La banca è unimpresa di servizi multiprodotto. Lattività bancaria dà luogo alla produzione di servizi classificabili in relazione alle diverse esigenze espresse dalla clientela.

3 Matrice bisogni/servizi Servizi di finanziamento e bisogni finanziari della clientela Bisogni finanziari clientela Copertura fabbisogno finanz. Gestione tesoreria e crediti commerciali Limitazione e copertura dei rischi Sostegno degli assetti proprietari Servizi di finanzi am. e assicur ativi Prestiti per cassaFactoring(rischi creditizi: smobilizzo pro soluto, factoring. rischi operativi: leasing operativo) Crediti di firma(Rischi creditizi e di liquidità) Finanz. mobiliare Servizi sottoscrizione e collocamento (rischi di mercato) Consulenza alla finanza dimpresa (gestione tesoreria) Servizi assicurativi di copertura dei rischi (rischi di mercato)

4 Servizi di investimento e bisogni finanziari della clientela Bisogni finanziari della clientela Valorizzazione del risparmio LiquiditàControllo e gestione dei rischi Servizi di investimen to Depositi e altri strumenti di raccolta (rischi creditizi) Custodia e amministrazione titoli (rischi di furto o smarrimento titoli) Gestione patrimoniale(rischi creditizi e di mercato) Servizi di copertura rischi di interesse e cambio (rischi di mercato) Consulenza allinvestimento in valori mobiliari (rischi creditizi e di mercato) Raccolta ordini e negoziaz. valori mobiliari (rischi di controparte) Matrice bisogni/servizi

5 Servizi di pagamento e bisogni finanziari della clientela Bisogni finanziari della clientela Mezzi e supporti per la transazioni monetarie e finanziarie Sicurezza del genere monetario Rapidità del regolamento Disponibilità e accessibilità al mezzo di pagamento Servizi di pagamento Offerta di mezzi di pagamento Servizi di regolamento

6 La raccolta bancaria Dott.ssa Manuela Gallo

7

8 Lattività di raccolta Raccolta bancaria: acquisizione delle risorse finanziarie a qualsiasi titolo e da qualsiasi fonte Politica della raccolta = gestione del passivo Politiche di raccolta al dettaglio: rivolte ad una cerchia molto numerosa e indifferenziata di clienti che compiono operazioni di importo unitario modesto e utilizzano intensamente i servizi offerti Politiche di raccolta allingrosso: operazioni di importo unitario elevato effettuate per lo più in contro partita di altre banche, imprese e operatori istituzionali. Capitale di credito Capitale di rischio Famiglie Imprese Altri intermediari finanziari Banca centrale Noi ci occuperemo in particolare della politica di raccolta intesa in senso più ristretto come: Attività di acquisizione delle risorse dalla clientela a titolo di debito

9 Gli obiettivi della politica di raccolta 1. Crescita della raccolta: coerente con lobiettivo della massimizzazione del valore dellimpresa, la banca si propone di crescere almeno in linea con lo sviluppo del mercato, per mantenere se non altro costante la sua quota di mercato: crescita quantitativa; controllo dei costi. 2. Composizione della raccolta: coerentemente con il costo medio programmato della raccolta, con il grado di trasformazione delle scadenze, e con il rischio di tasso che si è disposti ad assumersi nel periodo considerato. 3. Stabilizzazione della raccolta: minimizzazione degli scostamenti del suo andamento rispetto agli obiettivi programmati. Trade-off costo- stabilità delle forma tecniche di raccolta. 4. Mantenimento della fiducia nella moneta bancaria 5. Creazione di rapporti duraturi con la clientela

10 Depositi tempo e Depositi moneta Per ottenere depositi (fondi prestabili) le banche devono soddisfare i bisogni della clientela: necessità di gestire incassi e pagamenti; necessità di investire e gestire i propri risparmi. E possibile distinguere, in questa ottica, i depositi moneta dai depositi tempo Offrono servizi di pagamento Offrono servizi di gestione del risparmio Solo attraverso la Raccolta al dettaglio Raccolta allingrosso

11 La raccolta allingrosso Abbiamo detto in precedenza: Le politiche di raccolta allingrosso sono rappresentate da operazioni di importo unitario elevato effettuate per lo più in contro partita di altre banche, imprese e operatori istituzionali. Non tutte le banche possono operare a tutto campo allingrosso perché per far ciò è necessario: 1. Aver raggiunto una dimensione sufficientemente elevata; 2. Disporre di unexpertise e di una reputazione idonee allaccesso ai mercati monetari nazionale e internazionali; 3. Operare in contropartita di operatori istituzionali e grandi imprese. La decisione circa lampiezza del ricorso alla raccolta allingrosso ha portata strategica e ha importanti ricadute di natura operativa. Elementi da valutare: 1. La capacità di credito della banca; 2. La volatilità dei fondi allingrosso; 3. Il costo dei fondi allingrosso.

12 POLITICHE DI PRODOTTO: insieme delle decisioni relative al mix di prodotti (passività finanziarie) e di servizi (di pagamento e di gestione del risparmio) offerti al pubblico: caratteristiche tecniche Innovazione e ampliamento delle tipologie contrattuali (obbligaz. strutturate; conti di liquidità); promozione di packages: prodotti compositi realizzati per soddisfare la domanda di particolari fasce di clientela. Il grado di diversificazione dei prodotti deve essere valutato tenendo in considerazione i possibili fenomeni di autoconcorrenza dei diversi prodotti di una stessa banca e la necessità di rispondere a specifiche esigenze della clientela senza inutili e costose compliacazioni. POLITICHE DI DISTRIBUZIONE E DI PUBBLICITÀ: scelta del mix di canali di vendita POLITICHE DI PRICING: tariffazione dei prodotti (fondi raccolti) e servizi (di pagamento e di gestione del risparmio), livello dei prezzi praticati. La gestione della raccolta al dettaglio (retail)

13 Politica di tariffazione della raccolta POLITICA DI PRICING ESPLICITA: lobiettivo è quello di far pagare al cliente distintamente le singole prestazioni. Lapplicazione di una politica di pricing ESPLICITA comporta che la banca non giochi sulle valute per ridurre i propri costi o per aumentare i ricavi. POLITICA DI PRICING FORFETTARIA: si stabilisce un prezzo medio dei fondi raccolti, rinunciando per essi ad incassare commissioni, ma non pagando interessi. POLITICA DI PRICING MISTA: si fonda sulla tariffazione di prestazioni effettive ed anche sulla base di una stima forfettaria di altre prestazioni. Pricing: 3 variabili 1)Costo effettivo del prodotto o del servizio 2)Livello della concorrenza sul mercato 3)Gestione del prezzo come strumento di attacco o di difesa Manovre Dumping: una procedura di vendita di un bene o di un servizio su di un mercato estero (mercato di importazione) ad un prezzo inferiore a quello di vendita (o, addirittura, a quello di produzione) del medesimo prodotto sul mercato di origine (mercato di esportazione).beneservizio Cross-subsidisation: Lutilizzazione di profitti derivanti da un tipo di attività per sostenere un altro segmento di attività che si dimostra inefficiente o poco redditizio.

14 Mercati di approvvigionamento delle risorse finanziarie Mercato del credito Mercato interbancario Mercato dei capitali Operatore famiglia Operatore impresa Aziende di credito in avanzo finanziario Azionario obbligazionario

15 Tassonomia dei contratti bancari Diretta Indiretta A breve: A medio lungo ternine Depositi a risparmio liberi Depositi vincolati CD a breve C/C di corrispondenza Pronti contro termine CD a medio termine Emissione di obbligazioni Attività di intermediazione mobiliare Gestioni fiduciarie di patrimoni

16 Le forme tecniche di raccolta delle risorse finanziarie Il conto corrente passivo

17 Il Conto corrente passivo Contratto con cui una banca si impegna a eseguire tutti gli incarichi e le operazioni che, nei limiti contrattuali e duso, le saranno affidate dal cliente. La banca risponde secondo le regole del mandato per lesecuzione di incarichi provenienti dal correntista o da altro cliente (art c.c.) e si obbliga a ricevere il denaro versato dal cliente e a restituirlo a richiesta. Elementi permanenti ed essenziali del c/c Deposito in denaro originato da incarichi svolti per conto del cliente Mandato a svolgere incarichi per conto del cliente

18 Il conto corrente svolge una prevalente funzione monetaria Rende possibili e convenienti il regolamento monetario degli scambi sostituendo la moneta legale con semplici scritture a debito o a credito su un conto I conti correnti rappresentano una quota rilevante dellofferta di moneta Il conto corrente passivo

19 Il rapporto di c/c è regolato dalle condizioni generali redatte dallA.B.I., che vengono riportate sul retro della lettera contratto e da clausole separatamente concordate per iscritto tra banca e cliente. Il Conto corrente passivo

20 Tasso creditore Rendimento lordo annuo del c/c. Varia in funzione delle giacenze (di norma viene comunicato il rendimento minimo) Tasso debitore Tasso applicato sugli scoperti (di norma è indicato il tasso massimo applicato) Criterio di capitalizzazione delle competenze Periodicità di liquidazione degli interessi debitori e creditori Spese fisse per chiusura conto Spese addebitate al depositante in occasione della chiusura annuale del conto o in caso di estinzione Periodicità estratto conto Mensile, trimestrale, semestrale o annuale Spese per operazione Spese addebitate al correntista per ogni operazione effettuata Costo invio estratto conto e altre comunicazioni Richieste a titolo di recupero spese Commissione massimo scoperto Commissione applicata al massimo scoperto del conto nel trimestreLa Legge 28 gennaio 2009 n. 2 ha dichiarato nulle le clausole contrattuali aventi a oggetto la commissione di massimo scoperto, se il saldo del cliente risulta a debito per un periodo continuativo inferiore a trenta giorni o nel caso di utilizzi in assenza di fido. Il Conto corrente passivo: Condizioni generali di contratto

21 Il Conto Corrente passivo: Addebitamenti in c/c Prelievi in moneta Ordini di pagamento a terze persone: Assegni bancari allordine di terzi Ordini di pagamento o di versamento Giroconto. Autorizzazioni, conferite alla banca dal cliente, di procedere alladdebito in conto di importi necessari per eseguire altri incarichi conferiti dal cliente steso (domiciliazione utenze, emissione di assegni circolari, ecc)

22 Accreditamenti in c/c Depositi in moneta effettuati dal correntista Disposizioni a favore del correntista 1. Accredito di assegni bancari o circolari, con la clausola s.b.f., emessi a favore del correntista 2. Ordine di versamento o di pagamento 3. Ordine di giroconto Accreditamenti da operazioni eseguite per incarico del correntista

23 GLI INTERESSI NEL C/C Il TUB, a seguito delle modifiche introdotte dal decreto legislativo n.342/1999, prevede allart.120 nuove modalità per il calcolo degli interessi. Il principale elemento innovativo consiste nella parità di trattamento garantita ai contraenti circa la periodicità adottata per il conteggio degli interessi

24 saldo contabile : si ottiene dalla somma algebrica di tutte le operazioni che sono state registrate a debito ed a credito del correntista, senza tener conto delle valute; saldo liquido: è il risultato della somma algebrica di tutte le operazioni maturate, escludendo dal conteggio quegli importi che presentano una valuta posteriore rispetto alla data in cui si provvede a determinare il saldo (c.d. partite non liquide); saldo disponibile : si ottiene considerando solo le operazioni di cui la Banca conosce lesito e che hanno avuto buon fine.

25 Alcune tipologie di conto corrente I conti correnti convenzionati. Prevedono il medesimo trattamento per tutti i correntisti che rientrano nella convenzione. I conti correnti a target. Cercano di rispondere alle esigenze particolari di una precisa categoria (target) di potenziali clienti, in cui si cerca di innescare un processo di identificazione del prodotto offerto I conti correnti abbinati a contratti assicurativi I conti correnti in valuta I conti di liquidità (conti fondo). Sono un prodotto misto che prevede labbinamento tra conto corrente e conto di investimento I conti on line I conti correnti di servizio (conto leggero). A fronte di una remunerazione nulla (o comunque molto contenuta) sul deposito, viene offerta la possibilità effettuare un numero significativo di operazioni gratuite o dietro il pagamento di una commissione forfetaria

26 La costruzione dello scalare per valuta e gli effetti del gioco delle valute per il cliente e per la banca Si considerino le seguenti operazioni effettuate da un correntista sul proprio conto presso la banca Alfa Data OperazioneDescrizioneImporto (euro)Valuta ip. AValuta ip.B. 2 luglioVersamento a/b banca beta su piazza luglio5 luglio 10 luglioPagamento bolletta telecom (scadenza 15 luglio) luglio10 luglio 25 luglioVersamento a/b banca gamma fuori piazza luglio4 agosto 5 agostoBonifico a favore di terzi 8005 agosto3 agosto 16 agostoPrelievo atm presso banca beta agosto14 agosto

27 Valutiamo gli effetti per il cliente nelle due ipotesi che applicano differenti valute Scalare per valuta Ipotesi A: Movime nti dare Moviment i avere Saldi per valuta dare Saldi per valuta avere valutagiorniNumeri dare Numeri avere ABCDEFC*FD*F luglio luglio luglio agosto agosto

28 Scalare per valuta Ipotesi B: Movime nti dare Movimen ti avere Saldi per valuta dare Saldi per valuta avere valutagiorniNumeri dare Numeri avere ABCDEFC*FD*F luglio luglio agosto agosto agosto

29 Differenza per il cliente: 4,22-3,73=0,49 Minor onere sopportato dalla banca: 5,78-5,11=0,67 IPOTESI AIPOTESI B *2/36500=5, *2/36500=5,11 Ritenuta 27%1,56Ritenuta 27%1,38 Interessi netti a favore del cliente 4,22Interessi netti a favore del cliente 3,73 Calcolo degli interessi netti maturati nel trimestre per il cliente, ipotizzando un tasso lordo sul conto corrente del 2%

30 Calcolo del rendimento effettivo del conto corrente Dobbiamo disporre: 1. Tasso interesse: 2,5% 2. Spese fisse: 10 euro 3. Spese di tenuta conto: 1 euro per ogni operazione 4. Numero totale di operazioni registrate sul conto nel periodo considerato: 60 La consistenza media del conto, al quale viene applicato il tasso dinteresse, è la somma che mediamente è rimasta depositata sul conto nellanno: dividiamo il totale dei numeri avere dello scalare interessi registrati durante lanno (365 gg.) Ipotizziamo che alla fine dellanno lo scalare per valuta del cliente presenti i seguenti numeri avere: I trimestre II trimestre III trimestre VI trimestre Tot Consistenza media = /365 = 38045,75 Interessi lordi: consistenza media*tasso interesse(del 2.5%) 951,14 Ritenuta 27%256,81 Interessi netti694,33 Spese fisse10 Spese tenuta conto (1euro *60)60 Competenze a favore del cliente 624,33 rendimento effettivo del conto: tot competenze = =(624.33/ )=0,0164= =1,64% consistenza media

31 Le forme tecniche di raccolta delle risorse finanziarie I libretti di deposito

32 I depositi bancari Il deposito si costituisce con il versamento presso una banca di una somma di denaro, a fronte della quale la banca assume una posizione debitoria verso linvestitore per le somme da questi depositate. Profilo giuridico (Art. 1834; 1835;1836; 1782) : si tratta di un deposito irregolare attraverso il quale lintermediario acquista la proprietà del denaro depositato, con lobbligo di restituire al depositante le somme ricevute in deposito, nei tempi e con le modalità stabilite dalle legge e dal contratto. Depositi Depositi tempo: depositi a risparmio liberi e vincolati; CD; PCT… Depositi moneta: il conto corrente Componente di remunerazione: interessi Componente di servizio Funzione di investimento Funzione di servizio

33 I depositi a risparmio Il deposito a risparmio si costituisce attraverso il deposito di una somma di denaro presso uno sportello bancario o postale a fronte dellemissione di un particolare documento: il libretto di risparmio Sul libretto vengono annotate in ordine di data tutte le operazioni di prelevamento o versamento effettuate sul deposito lemittente corrisponde al depositante un tasso di interesse; le somme maturate vengono riportate sul libretto in occasione della prima operazione successiva alla data di calcolo Intestazione: Libretti nominativi: con lindicazione di uno o più intestatari Libretti al portatore A firme congiunte A firme disgiunte

34 Il saldo non può superare i ,00 euro (norme antiriciclaggio D. Leg. 20 febbraio 2004 n. 56 art. 6 comma 1). Il saldo può essere di qualsiasi importo. Non è ammesso alcun vincolo.Possono essere sottoposti a vincoli (ex usufrutto). Per il trasferimento del deposito è sufficiente la trasmissione del titolo. Il titolo non è trasmissibile, il credito relativo può essere trasmesso con la cessione ordinaria, che comporta il mutamento dellintestazione. Il possesso del libretto di per sé abilita al prelevamento. La banca è liberata se paga senza dolo o colpa grave il possessore anche se questi non è il depositante (art. 1836) I prelevamenti possono venire effettuati solo dallintestatario del libretto o da un suo rappresentante legittimato. Il depositante non è obbligato ad intestare il libretto. Sono intestati a persone (fisiche o giuridiche) nominativamente determinati. Sono veri e propri titoli di credito, sia pure a circolazione ristretta. Sono documenti di legittimazione nominale; identificano chi ha diritto alla prestazione. Libretti al portatoreLibretti nominativi

35 Depositi liberi e vincolati Libretti a risparmio liberi: i versamenti e i prevalenti possono essere effettuati in qualsiasi momento, senza limite di importo. Libretti a risparmio vincolati: il risparmiatore si impegna a non eseguire prelevamenti per un certo periodo di tempo. Il vincolo può essere a scadenza fissa o indeterminata. Calcolo degli interessi: si considera la data valuta, sono assoggettati a ritenute fiscale del 27% Interessi = (capitale x Giorni x Tasso interesse) / 365

36 LIBRETTI note tecniche Copertina: Ragione, sede, capitale sociale dellistituto emittente Filiale che ha rilasciato il libretto Tipologia Numero dordine Data di emissione Eventuale nome del o dei titolari Pagine interne: Norme che regolano il contratto, ad efficacia vincolante ; Annotazioni, in ordine cronologico dei versamenti e dei prelievi

37 Libretti nominativi pagabili al portatore: si registra una scissione tra titolare del credito e soggetto autorizzato ad effettuare prelevamenti sul libretto; lo scopo è quello di agevolare la circolazione del credito. Libretti al portatore contrassegnati da un nome: è un libretto al portatore a tutti gli effetti; il nome serve per identificarne il documento, senza alcuna rilevanza ai fini della legittimazione del soggetto abilitato a riscuotere.

38 Procedure di ammortamento Libretti nominativiLibretti al portatore Comunicazione alla banca emittente Denuncia scritta alla banca e allautorità giudiziaria; emanazione decreto ammortamento Blocco del deposito Diffida allignoto portatore Decreto ammortamento pubblicato sulla G.U. e nei locali della banca Termine di 90 giorni per presentare opposizione alla diffida Termine di 90 giorni per presentare opposizione, Se non cè opposizione rilascio di un duplicato Rilascio di un duplicato

39 Foglio informativo analitico: condizioni generali di tenuta del libretto Tasso creditore Criterio di capitalizzazione delle competenze Spese fisse per chiusura Costo del libretto Spese per operazione Spese per furto/smarrimento Rendimento lordo annuo del deposito. Di solito viene comunicato il rendimento minimo Periodicità di liquidazione degli interessi. Spese addebitate in occasione della chiusura annuale del conto o in caso di estinzione Spese sostenute in caso di sostituzione del titolo Spese addebitate al depositante per ogni operazione effettuata Richieste a titolo di recupero spese

40 La raccolta bancaria Certificati di deposito e pronti contro termine

41 I certificati di deposito Titolo trasferibile rilasciato a fronte di una somma di denaro depositata per un certo lasso di tempo Il CD è un titolo a scadenza vincolata Elementi indicati nel titolo Data e luogo d'emissione ammontare data di estinzione livello di tasso praticato ammontare degli interessi pagabili a scadenza

42 Certificati di deposito e titoli di stato: confronto

43 Tipologie innovative di CD Certificati tipo zero coupon Certificati con cedola: fissa o variabile Certificati a medio termine caratterizzati da cedole periodiche e tassi di rendimento variabile (calcolati sulla base di precisi criteri di capitalizzazione) Certificati di deposito a rendimento variabile il rendimento è pari ad una percentuale della variazione dellindice di riferimento Certificati di deposito corridor garantiscono al sottoscrittore il rimborso del capitale, una cedola minima e un premio alla scadenza che viene pagato se il parametro di riferimento fissato nel regolamento di emissione si mantenga entro un range prefissato Emissioni in valute estere

44 Esempio di certificato di deposito con cedola In data 22 febbraio vengono sottoscritti CD con cedola semestrale per un valore nominale complessivo di euro, scadenza 6 mesi, tasso 1,45%. Per il certificato vengono addebitati 15 euro a scadenza Allatto della sottoscrizione lesborso è di euro. Il 22 agosto (scadenza) limporto incassato è il seguente: Valore di nominale Cedola lorda10.000*0,0145*181/365= 71,90 Ritenuta fiscale 71,90*27/100=19,41 Cedola netta+52,49 Costo del certificato-15,00 Somma alla scadenza=10.037,49 Il guadagno netto complessivo dellinvestimento: , =37,49 Che corrisponde ad un tasso annuo effettivo:

45 Esempio di certificato di deposito zero coupon In data 20 aprile viene sottoscritto un CD zc per euro a 18 mesi al prezzo di 97,98 (prezzo riferito a 100 euro) Per il certificato vengono addebitati 15 euro alla scadenza Allatto della sottoscrizione lesborso è di euro (15.000*97,98/100) Il 20 ottobre dellanno successivo, alla scadenza, limporto incassato dal depositante è: Valore di rimborso (nominale) Interesse =303 Ritenuta fiscale 303*27%=81,81-81,81 Costo del certificato-15,00 Somma alla scadenza=14.903,19 Il guadagno netto complessivo dellinvestimento è pari a: , =206,19 Che corrisponde ad un tasso annuo effettivo :

46 Esempio di CD Corridor Acquisto di un CD corridor con cedola legata al rapporto di cambio USA/Euro; Data di emissione: 10 febbraio Durata: 12 mesi Valore nominale: euro 3000; Tasso di interesse: 8% per tutti i giorni in cui il cambio $/ si manterrà nellintervallo 0,88-0,95; 1% per tutti i giorni in cui il cambio $/ non rimarrà nellambito del suddetto intervallo. Nel periodo considerato il cambio non rimane nellintervallo indicato per 28 giorni: la cedola sarà calcolata all1% per 28 gg e all8% per i rimanenti 337. Il montante percepito a scadenza: Versamento iniziale3.000 Interesse(3.000*8*337)/ = 221,59 (3.000*1*28)/ = 2, ,59 +2,30 Ritenuta fiscale 223,89*27% = 60,45-60,45 Somma alla scadenza=3.163,44 Il rendimento effettivo annuo:

47 Fondo Interbancario di tutela dei depositi Istituito in Italia nel 1986 nella forma di Consorzio Volontario, successivamente reso obbligatorio dallart. 96 del Testo Unico (in linea con quanto previsto dalla direttiva 94/19/CE sui sistemi di garanzia dei depositanti). Vi aderiscono tutte le banche italiane con esclusione delle BCC, che però dispongono di un fondo specifico: Fondo di Garanzia dei depositanti del credito cooperativo Il Fondo interviene, previa autorizzazione della Banca dItalia, quando: 1. Nei casi di liquidazione coatta amministrativa delle banche consorziate autorizzate in Italia, e per le succursali di banche comunitarie consorziate operanti in Italia, nei casi in cui sia intervenuto il sistema di garanzia delle banche di appartenenza; 2. Nei casi di amministrazione straordinaria delle banche autorizzate in Italia. Il limite max di rimborso per ciascun depositante è di euro Le somme necessarie sono anticipate dalle banche consorziate su richiesta del fond Obiettivo del fondo: carattere preventivo nei confronti di crisi bancarie; evita la corsa al ritiro dei depositi nelle banche ritenute in difficoltà, garantendo la liquidità dei depositi stessi

48 I pronti contro termine passivi Loperazioni di pronti contro termine (P/T), detta anche vendita con patto di riacquisto,consiste in una vendita a pronti di una determinata quantità di titoli e del contestuale impegno,assunto dalla medesima controparte, di riacquistare ad un termine convenuto, un pari quantitativo di titoli della stessa specie e ad un prezzo prestabilito Durata delloperazione: di solito compresa fra 1 e 12 mesi. Rendimento: differenza fra prezzo di vendita a termine e prezzo di acquisto a pronti Il prezzo a termine è calcolato aggiungendo al prezzo a pronti gli interessi maturati al tasso concordato con la banca. Liquidità: linvestitore non può disporre della somma investita fino alla scadenza Il sottostante delle P/T è costituto Da titoli di stato

49 Esempio di pronti contro termine In data 25 luglio linvestitore stipula con la banca unoperazione di P/T della durata di 90 giorni, al tasso del 4,2%, su BTP per un valore nominale di euro. Linvestitore quindi acquista a pronti euro nominali di BTP, che venderà trascorsi 90 giorni il 23 ottobre. Prezzo di acquisto è di 103,50 euro ( su 100 euro di valore nominale), corrispondente al prezzo di mercato (tel quel) del BTP. Lesborso complessivo per lacquisto dei titoli è ottenuto così: Esborso per lacquisto = (103,5/100)* = Al momento della stipula del contratto vengono contestualmente definiti il prezzo di vendita e il relativo incasso Lincasso dalla vendita è ottenuto sommando al prezzo di acquisto gli interessi (al 4,2% per 90 giorni). Incasso dalla vendita = = C+I = [(41.400*90*4,2%)/365)] = ,75 = ,75 Che corrisponde a un prezzo di vendita di 104,57. In data 23 ottobre linvestitore consegna i titoli alla banca, incassando ,75. La differenza tra lincasso a termine e lesborso a pronti rappresenta linteresse lucrato dallinvestitore. Tale differenza viene attribuita al netto della ritenuta fiscale e delle spese bancarie.

50 Le operazioni a medio-lungo termine I prestiti obbligazionari

51 Le obbligazioni bancarie Le obbligazioni sono strumenti cartolari emessi per reperire risorse finanziarie a medio lungo termine; i sottoscrittori vantano un diritto di credito nei confronti dellemittente relativo al valore nominale dei titoli e agli interessi. Sono Titoli di massa che, cioè, rappresentano frazioni uguali di un prestito unitario, fungibili tra loro. Taglio minimo delle obbligazioni taglio minimo pari a euro se: Emissione > =150 milioni di euro Caratteristiche delle banche: 1)patrimonio di vigilanza >=25 milioni di euro, 2)bilanci degli ultimi tre esercizi in utile, 3) ultimo bilancio certificato taglio minimo pari a euro Importo inferiore a 150 milioni di euro assenza dei precedenti requisiti

52 Tipologie di obbligazioni Obbligazioni ordinarie Titoli di credito che rappresentano per il sottoscrittore un impiego durevole delle risorse e per la banca una forma di raccolta a medio lungo termine. Obbligazioni convertibili Titoli che permettono al sottoscrittore di effettuare la scelta di mantenere il proprio status di creditore fino alla scadenza o di mutare la propria posizione in quella di azionista della società che ha emesso il prestito (conversione diretta) o di azionista di altra società (conversione indiretta) Obbligazioni cum warrant Obbligazioni dotate di un buono dacquisto (warrant), che attribuisce al possessore la facoltà di acquistare, a condizioni prefissate, titoli azionari (o altri valori nominali) entro un determinato lasso di tempo.

53 Fasi di unemissione di obbligazioni Redazione del regolamento di emissione Redazione del regolamento di emissione La banca stima i costi della raccolta obbligazionaria Valutazione della fattibilità delloperazione Valutazione della fattibilità delloperazione Comunicazione del piano di emissione alla BdI Comunicazione del piano di emissione alla BdI Emissione e collocamento Piano di rimborso

54 Rimborso delle obbligazioni Rimborso in unica soluzione Rimborso graduale - rimborso mediante estrazione a sorte -annullamento mediante acquisto precedente sul mercato Rimborso anticipato - estinzione anticipata parziale -estinzione anticipata richiesta dallobbligazionista

55 Le obbligazioni strutturate Obbligazioni il cui rimborso e/o la remunerazione dipendono in tutto o in parte,…, dal valore o dallaumento di valore di prodotti finanziari, tassi di interesse, valute, merci e relativi indici, nonché obbligazioni il cui rimborso e/o la cui remunerazione dipendono in tutto o in parte dal verificarsi di determinati eventi o Condizioni CONSOB, Relazione per lanno 1998 Classificazione dei titoli in funzione del meccanismo di rendimento 1)Titoli a rischio limitato: il rendimento varia al variare di qualche indicatore esterno e contempla la garanzia di una remunerazione pari ad un tasso prefissato 2)Titoli a rischio massimo:rispetto al caso precedente manca la garanzia di un rendimento minimo

56 Obbligazioni: tipologie innovative Le obbligazioni step up e step down: la cedola pagata, costante per un certo numero di anni per poi subisce un incremento(clausola step up) o una riduzione (clausola step down) predefiniti stabiliti sulla base di aspettative sullandamento futuro dei tassi le obbligazioni index-equity linked: il rendimento è funzione di un paniere di azioni o di un indice azionario le obbligazioni reverse floaters: pagano cedole fisse iniziali più levate rispetto ai tassi di mercato; successivamente il tasso percepito è pari alla differenza tra un tetto massimo predefinito e un tasso variabile. le obbligazioni reverse convertible: collegati ad unattività finanziaria con rendimento cedolare a scadenza superiore al rendimento di mercato, consentono di ottenere, a discrezione dellemittente, la restituzione del capitale investito o una prefissata quantità di azioni. le obbligazioni drop lock: prevedono lopzione di trasformare il tasso variabile in tasso fisso. la conversione è di norma automatica ed avviene quando il rendimento raggiunge il tasso minimo.

57 Prestiti subordinati Prestiti assunti dalla banca per durata pari o superiore ai cinque anni i quali, in base ad accordi vincolanti, in caso di liquidazione della banca stessa, verrebbero ad essere rimborsati solo dopo la liquidazione degli altri debiti, non ugualmente subordinati. Strumenti ibridi di patrimonializzazione Passività irredimibili, cioè prive di una scadenza contrattuale, che possono essere rimborsate, su richiesta dellemittente e previo consenso della Banca dItalia

58 Le obbligazioni strutturate Dottorato di Ricerca in Banca e Finanza Università di Roma Tor Vergata Il mispricing dei prodotti strutturati nel mercato italiano di A. Baistrocchi

59 Introduzione I prodotti strutturati sono una delle innovazioni dei mercati finanziari degli ultimi anni, anche se, a seguito del crack Lehman Brothers, le loro emissioni si sono ridotte sensibilmente sia con riferimento alle obbligazioni strutturate, sia per quanto riguarda le polizze assicurative ad alto contenuto finanziario, i certificati ed i prodotti cartolarizzati. Le banche collocando obbligazioni ordinarie e strutturate riducono il mismatching delle scadenze tra lattivo e il passivo dello stato patrimoniale in unottica di assetliability management e recuperano redditività per mezzo dellallargamento della base dei ricavi e della riduzione dei costi della raccolta bancaria. Le assicurazioni collocando polizze assicurative ad alto contenuto finanziario riducono lassorbimento del capitale di vigilanza.

60 Introduzione Lanalisi storica della struttura patrimoniale delle banche, soprattutto dal lato delle passività di bilancio, evidenzia, sotto la spinta dellinnovazione finanziaria, una evoluzione delle forme tecniche della raccolta bancaria, Infatti, i depositi bancari (certificati di deposito, i conti di deposito e i libretti di risparmio) sono sostituiti come strumenti di investimento dalle obbligazioni sia ordinarie che strutturate Le banche offrono alla propria clientela sia strumenti standardizzati di raccolta la cui natura è immediatamente comprensibile in quanto assimilabili a depositi a tempo liquidati alla loro scadenza naturale, sia valori mobiliari assoggettati al regime di circolazione mobiliare, cioè sono potenzialmente liquidabili e negoziabili in qualsiasi momento. Allinterno di questa seconda categoria, le obbligazioni strutturate si caratterizzano per profili di pagamento replicabili attraverso la combinazione in ununica struttura di due o più strumenti finanziari elementari.

61 Classificazione delle obbligazioni strutturate Dal punto di vista teorico i titoli strutturati si possono suddividere in due macrotipologie: Titoli ibridi caratterizzati dalla modifica, sotto il profilo cedolare e/o del rimborso, di titoli a tasso fisso; Titoli derivativi caratterizzati dalla combinazione di una obbligazione a tasso fisso con o senza cedole e di uno o più strumenti derivati. Obbligazioni con rendimento legato al merito creditizio; Obbligazioni con rendimento indicizzato a parametri di mercato.

62 Tipologie di obbligazioni strutturate Le obbligazioni legate al merito creditizio sono caratterizzate dalla combinazione di: Un titolo a tasso fisso e di uno o più derivati creditizi: Il rendimento e/o il rimborso del capitale a scadenza dipendono dal verificarsi del credit event relativo allemittente del titolo o ad altra controparte specificata nel prospetto informativo: - Down rating; - Default. le obbligazioni della seconda tipologia consentono, invece, di indicizzare il rendimento e/o il rimborso del capitale a scadenza allandamento di uno o più parametri di mercato che sono i sottostanti della componente derivativa. I mercati rispetto ai quali linvestitore assume una posizione rialzista o ribassista sono: I mercati azionari I mercati valutari I mercati dei tassi di interesse I mercati delle commodities.

63 Caratteristiche delle Obbligazioni strutturate A. Parametri di indicizzazione, ossia le caratteristiche dei parametri a cui sono indicizzati i frutti finanziari generati dai titoli: 1. Sottostanti reali: inflazione, commodities; 2. Sottostanti finanziari: azioni, tassi di interesse, indici azionari. B. Regole di indicizzazione, ossia le regole che definiscono le modalità attraverso cui una variazione del parametro di indicizzazione si riflette in una variazione del prezzo del titolo strutturato: 1. Indicizzazione diretta, sia al rialzo che al ribasso, ovvero allaumentare o al diminuire del parametro il titolo si apprezza; 2. Indicizzazione inversa, ovvero allaumentare del valore dellopzione il rendimento del titolo viene decurtato. C. Natura del rapporto, ovvero le caratteristiche giuridiche del rapporto rispetto al regime di circolazione dei titoli che determina il grado di liquidabilità e negoziabilità dellinvestimento: 1. Valore mobiliare; 2. Credito indicizzato; 3. Polizza vita: index linked.

64 Forme tecniche (tassonomia non esaustiva) Titoli indicizzati ad azioni quotate o a indici di azioni quotate o a panieri di azioni quotate o a panieri di indici quotati (equity linked e index linked); Titoli indicizzati a tassi di cambio (forex linked); Titoli indicizzati a merci o a panieri di merci (commodity linked); Titoli indicizzati a OICVM o OICR (fund linked); Titoli indicizzati al prezzo di titoli obbligazionari (bond linked); Titoli indicizzati allinflazione (inflation linked); Titoli indicizzati ai dividendi (dividend linked).

65 Unulteriore suddivisione dei prodotti strutturati Prodotti a capitale garantito o strutture principal protected; Prodotti capitale protetto; Prodotti senza capitale garantito o protetto o strutture yield enhancement. I prodotti del primo e del secondo tipo possono essere scomposti in una obbligazione ordinaria unita allacquisto di opzioni su sottostanti reali o finanziari e ciò comporta un minor rendimento garantito percepito dallinvestitore rispetto a quello di obbligazioni tradizionali di pari durata e con uguale merito creditizio. A fronte di questo svantaggio tali strutture permettono allinvestitore di mantenere una esposizione agli andamenti di mercato asimmetrica quindi lo stesso ottiene la garanzia del capitale investito oppure la protezione del medesimo. Le strutture del terzo tipo incorporano in una obbligazione tradizionale delle opzioni o embedded options su indici azionari o su singole azioni per incrementare il rendimento della stessa obbligazione: il maggior rendimento è ottenuto grazie allimplicita vendita di opzioni da parte dellinvestitore nei confronti dellemittente e quindi finanziato dallincorporazione nel rendimento del titolo del relativo premio. Lobiettivo di questi titoli (es. reverse convertible) è quello di fornire rendimenti superiori a quelli ottenibili tramite obbligazioni tradizionali, facendo assumere allinvestitore il rischio che a seguito di movimenti negativi del sottostante il valore di rimborso a scadenza del titolo sia sotto la pari oppure che al posto dei contanti vengano consegnate le azioni che hanno perso valore.

66 Le dimensioni del mercato Le emissioni di titoli strutturati sono collocate tramite private placement, cioè sulla base di accordi di natura privatistica tra le parti stipulati o presso lo sportello bancario o presso lufficio postale per mezzo di intermediari assicurativi o tramite i promotori finanziari. Il mercato primario è caratterizzato da una notevole frammentazione delle emissioni in quanto la concorrenza tra emittenti si basa principalmente sulla differenziazione di prodotto. Per quanto riguarda i volumi di emissioni, (dati Consob 2008), le banche italiane hanno collocato nellanno di riferimento presso investitori istituzionali e presso la clientela retail 256 miliardi di euro di obbligazioni, di cui 222 miliardi di obbligazioni ordinarie e 51 miliardi di obbligazioni strutturate. il peso delle obbligazioni strutturate sul totale delle obbligazioni emesse dalle banche è passato dal 36% del 2006 al 20% del 2008.

67 Gli emittenti Gli emittenti di prodotti strutturati, sia che si tratti dei progettisti degli stessi o di intermediari finanziari clienti delle banche di affari progettiste, sono nella stragrande maggioranza banche e assicurazioni Dai dati forniti da Il Sole 24 Ore si desume che le quotazioni di obbligazioni strutturate sul MOT, Mercato Obbligazionario Telematico, sono state nel , nel , nel , confermando la crisi attraversata dalla finanza strutturata a seguito del crack Lehman.

68 Gli emittenti Questa morfologia del mercato primario presenta numerosi aspetti di criticità principalmente dovuti alla presenza di conflitti di interessi e alla vischiosità del mercato, cioè alla difficoltà che i clienti retail incontrano nel cambiare intermediario sia bancario che assicurativo presso cui servirsi. Ciò è dovuto anche alla non perfetta sostituibilità dei prodotti strutturati fra loro, in conseguenza della loro forte differenziazione. Ogni intermediario finanziario emittente opera per quanto detto in un mercato che consente il perseguimento di una strategia di massimizzazione dei profitti, sia a livello di margine di interesse che a livello di margine dei servizi. Le principali motivazioni: Esistenza di una pluralità di sottoscrittori che nella grande maggioranza rientrano nel segmento retail o mass market, ovvero clientela non qualificata e price taker; Conoscenza esatta da parte dellintermediario finanziario delle preferenze di ciascun cliente in quanto lintensità della relazione esistente tra cliente e banca o assicurazione è basata sulla reputazione dellintermediario; Bassa cultura finanziaria dellintera popolazione italiana; Possibilità, tramite linvestimento in prodotti strutturati, di partecipare a segmenti di mercato non direttamente accessibili; Prodotti a capitale garantito e/o a rendimento minimo garantito che rendono la clientela meno sensibile al costo del prodotto e alla ricerca di costi impliciti, come può essere considerato il mispricing, e indotta a sottostimare gli eventi sfavorevoli.

69 Perché emettere obbligazioni strutturate? Le ragioni economiche sono da individuare nei benefici diretti degli intermediari finanziari: a. Ragioni di bilancio e gestionali; b. Ragioni di fidelizzazione della clientela; c. Ragioni connesse al patrimonio di vigilanza. Le banche, tramite lemissione di obbligazioni ordinarie e strutturate, riducono il mismatching delle scadenze dellattivo e del passivo, riuscendo ad allungare la scadenza media delle proprie passività. Il conto economico è interessato (1.)dalla riduzione dei costi di indebitamento grazie al fatto che le obbligazioni bancarie non sono soggette a riserva obbligatoria presso la Banca Centrale e non sono assicurate presso il Fondo Interbancario di tutela dei depositi (2.) il maggior onere per gli interessi passivi, rispetto ai depositi a vista, è più che compensato dalla riduzione dei costi variabili operativi connessi alla gestione del sistema dei pagamenti. Grazie allemissione di obbligazioni strutturate le banche agiscono sul margine dei servizi riducendo le commissioni passive per la copertura dei rischi di mercato e aumentano le commissioni attive per servizi di consulenza e investimento. I prodotti strutturati sono la risposta bancaria alla disintermediazione della raccolta dovuta allevoluzione del portafoglio finanziario della clientela su livelli superiori di rischiosità, ovvero la risposta ai nuovi bisogni di investimento dei consumatori attratti dai mercati azionari nelle loro fasi di crescita.

70 Il mercato secondario Dalle caratteristiche qualitative e quantitative del mercato di emissione discende che ogni singolo intermediario, qualsiasi sia la piattaforma dove si operano le transazioni, provvede a garantire la liquidità dei titoli emessi e di conseguenza è la controparte esclusiva della propria clientela nelle negoziazioni sul mercato secondario. Di conseguenza decide i prezzi delle singole transazioni o gli spread denaro - lettera e in tal modo influisce sul volume degli scambi, cioè sullampiezza, sulla profondità e sulla elasticità del mercato stesso. Normalmente la maggior parte delle negoziazioni avviene presso gli sportelli bancari in forma bilaterale e direttamente con il cliente, mentre nel caso di titoli quotati gli scambi vengono effettuati sul MOT. Borsa Italiana Spa, insieme con la Consob, ha fissato a più riprese una serie di requisiti per lammissione delle quotazioni delle obbligazioni strutturate sul MOT, con riguardo sia agli emittenti sia alle caratteristiche dei prestiti. I primi, infatti, devono fornire indicazioni sulle strategie di copertura dei rischi e dimostrare la disponibilità in Italia delle informazioni sui prezzi delle attività prescelte per lindicizzazione, mentre per le seconde si richiede che lindicizzazione riguardi attività finanziarie ad elevata liquidità o il cui valore è osservabile con continuità e un ammontare minimo di emissione con lo scopo di agevolare la formazione di un mercato efficiente.

71 Analisi della struttura e identificazione delle componenti elementari La scomposizione finanziaria dei prodotti strutturati, attraverso lindividuazione di strumenti finanziari elementari, costituisce la base di partenza per la sua analisi e per la sua successiva valorizzazione. Questo approccio è denominato building block perché individua le due componenti elementari di ogni prodotto strutturato cioè la componente obbligazionaria e la componente derivativa.

72 Tipologie di obbligazioni strutturate Le obbligazioni step up e step down: la cedola pagata, costante per un certo numero di anni per poi subisce un incremento(clausola step up) o una riduzione (clausola step down) predefiniti stabiliti sulla base di aspettative sullandamento futuro dei tassi le obbligazioni index-equity linked: il rendimento è funzione di un paniere di azioni o di un indice azionario le obbligazioni reverse floaters: pagano cedole fisse iniziali più levate rispetto ai tassi di mercato; successivamente il tasso percepito è pari alla differenza tra un tetto massimo predefinito e un tasso variabile. le obbligazioni reverse convertible: collegati ad unattività finanziaria con rendimento cedolare a scadenza superiore al rendimento di mercato, consentono di ottenere, a discrezione dellemittente, la restituzione del capitale investito o una prefissata quantità di azioni. le obbligazioni drop lock: prevedono lopzione di trasformare il tasso variabile in tasso fisso. la conversione è di norma automatica ed avviene quando il rendimento raggiunge il tasso minimo.

73 Esempio: Reload III Banco Posta IV collocamento /2 Il bond di Morgan Stanley Reload III Banco Posta con scadenza nel 2013 ha corrisposto nel 2008 e nel 2009 due cedole predeterminate pari al 4,75% del nozionale. A partire dal 2010 e fino alla scadenza riconoscerà dei coupon condizionati al verificarsi di un determinato evento e nel caso peggiore una cedola minima pari allo 0,70% del nozionale per ogni anno. La cedola aleatoria dipende dalla rilevazione compiuta ogni anno dei valori degli indici azionari che compongono il basket di riferimento: DJ Eurostoxx 50 (è un indice di titoli dell'eurozonaa creato dalla STOXX Limited, una joint venture formata da Deutsche Boerse AG, Dow Jones & Company e SWX Group con lobiettivo di rappresentare le maggiori società appartenenti all'eurozona) Standard & Poor 500 (L'indicee S&P 500 è stato realizzato da Standard & Poor's nel 1957 e segue landamento di un paniere azionario formato dalle 500 aziende statunitensi a maggiore capitalizzazione) Nikkei 225 (contiene i 225 titoli delle maggiori 225 compagnie quotate al TSE, la Borsa di Tokyo) SMI (Lindice SMI 20 è un indice di mercato costituito dai titoli più quotati e più liquidi in Svizzera. L'SMI rappresenta attualmente il 90% della capitalizzazione dell'intero mercato svizzero e perciò offre una rappresentazione della Borsa Svizzera) Hang Seng (Indice della Borsa di Hong Kong) Se tali valori confrontati con quelli iniziali di ogni singolo indice sono superiori o inferiori al massimo del 10% si verifica levento previsto nel regolamento che fa corrispondere una serie di cedole aleatorie allinvestitore.

74 Esempio: Reload III Banco Posta IV collocamento /2 Lopzione implicita nel titolo è unopzione digitale con meccanismo di memoria la quale consente allinvestitore di avere un importo pari a una percentuale del nozionale o nulla a seconda dello scenario di mercato. Il titolo potrà erogare una serie di cedole aleatorie differenti a seconda dellanno in cui si verifica levento descritto nel regolamento infatti se questo si verifica: nel 2010 il titolo corrisponderà 4 cedole aleatorie pari al 6% del nozionale, nel 2011 il titolo staccherà una cedola pari al 12,7% del nozionale e due cedole pari al 6%, nel 2012 il titolo corrisponderà una cedola pari al 19,7% e una pari al 6 nel 2013 il titolo corrisponderà una sola cedola pari al 27%. Il titolo obbligazionario strutturato, in esame, offre la garanzia del capitale a scadenza e un rendimento minimo garantito cumulato pari al 12,30% del nozionale e parametrato per anno pari al 2,05% un rendimento aleatorio massimo pari al 27% e un rendimento aleatorio minimo pari allo 0% nel caso in cui levento previsto nel regolamento non si verifichi. +

75 Bond di Banca IMI Tasso Fisso Plus Banco Posta, (IT ), con scadenza nel 2015 corrisponderà dal 2010 al 2015 sei cedole predeterminate pari al 3,40% del nozionale. Nel 2015 cioè alla scadenza riconoscerà un premio al rimborso condizionato al verificarsi di un determinato evento pari al 7,45% del nozionale. La cedola aleatoria dipende dalla rilevazione compiuta ogni anno dei valori degli indici azionari che compongono il basket di riferimento DJ Eurostoxx 50 Standard & Poor 500 Hang Seng Se tali valori confrontati con quelli iniziali di ogni singolo indice sono superiori o inferiori al massimo del 30% si verifica levento previsto nel regolamento che fa corrispondere il premio al rimborso aleatorio allinvestitore. Esempio: Tasso fisso Plus Banco Posta 1/2

76 Lopzione implicita nel titolo è unopzione digitale la quale consente allinvestitore di avere un importo pari a una percentuale del nozionale o nulla a seconda dello scenario di mercato. Il titolo obbligazionario strutturato offre la garanzia del capitale a scadenza e un rendimento minimo garantito cumulato pari al 20,40% del nozionale e parametrato per anno pari al 3,40% un rendimento aleatorio massimo pari al 7,45% e un rendimento aleatorio minimo pari allo 0% nel caso in cui levento previsto nel regolamento non si verifichi. N. B: lopzione digitale, detta anche binaria è lopzione esotica più semplice (normalmente è di tipo europea): a scadenza paga un ammontare fisso se il sottostante supera (call) o resta inferiore (put) al valore prefissato; lammontare pagato è indipendente dalla distanza dallo Strike) Esempio: Tasso fisso Plus Banco Posta 2/2 +

77 La raccolta allingrosso

78 I canali di raccolta allingrosso Il mercato interbancario La Banca Centrale

79 Il mercato interbancario dei depositi La raccolta di risorse finanziarie sul mercato interbancario è attuata dalle banche prenditrici a fronte di risorse rese disponibili da altre banche con eccedenza di liquidità dette datrici Obiettivo di questo tipo di raccolta (più costosa rispetto a quella al dettaglio) è volta a soddisfare esigenze di tesoreria e di gestione delle riserve di liquidità Forma: conti di deposito liberi o vincolati; prestiti e operazioni di P/T; contratti derivati (perla gestione dei rischi) La negoziazione dei depositi interbancari avviene sul circuito telematico e- mid Garanzia: Tali depositi non sono garantiti dal Fondo interbancario di tutela

80 Le operazioni con altre banche Mercato interbancario Mercato interbancario : segmento del mercato monetario allingrosso cui le banche ricorrono per raccogliere ed impiegare risorse nel breve periodo. E il principale strumento per gli scambi quotidiani di liquidità tra le tesorerie bancarie. In Italia, è attivo dal 1990 il mercato e-MID, per la negoziazione di depositi interbancari attraverso il circuito telematico. I contratti negoziati sono: oOvernight (O/N) oTomorrow next (T/N) oSpot next (S/N) oDepositi a tempo oDepositi Broken Date Euribor Il tasso di interesse di riferimento per le operazioni sul mercato in esame è lEuribor.

81 Le forme tecniche di raccolta allingrosso: il ricorso alla Banca Centrale Le operazioni su iniziativa delle controparti (standing facilities) Operazioni di rifinanziamento marginale: di importo illimitato a fronte di attività finanziarie quantitativamente corrispondenti depositate a garanzia presso la BCN; durata overnight Deposito di riserve: le banche possono decidere di depositare una parte delle proprie riserve liquide presso la BCE su queste ricavano un tasso dinteresse inferiore a quello sulle operazioni di rifinanziamento principale. Le operazioni di mercato aperto: acquisti e vendite di titoli di stato da parte della BC, con lo scopo di fornire fondi liquidi alle controparti: Operazioni di rifinanziamento principale: cadenza settimanale; ruolo fondamentale nellorientare i tassi dinteresse (possono essere a tasso fisso o variabile) Operazioni di finanziamento a lungo termine (Cadenza mensile e trimestrale) Operazioni di fine tuning: non standardizzate nella scadenza o nella forma Operazioni strutturali

82 Le operazioni su iniziativa delle controparti Hanno durata di un giorno lavorativo e possono riguardare operazioni di rifinanziamento e di deposito (overnight) Il tasso di interesse applicato sui depositi overnight (Eurosystem Deposit Rate) e quello sulle operazioni marginali (Eurosistem Marginal Lending Rate) sono tassi ufficiali stabiliti dalla BCE e uniformi in tutta larea euro. Le condizioni di tasso definiscono i livelli di tasso minimo e di tasso massimo entro cui si colloca il tasso delle operazioni overnight sul mercato interbancario e il tasso medio delle operazioni di rifinanziamento principale. NB la convenienza economica di tali operazioni è inferiore rispetto a Quella del mercato interbancario

83 Le operazioni mercato aperto Le operazioni di rifinanziamento principale: acquisti temporanei (max 2 settimane) di attività idonee da parte della BCE con patto di rivendita. Sono effettuate con scadenza settimanale secondo un calendario reso noto dalla stessa BCE (NB il tasso applicato è un tasso guida del mercato monetario) ; Altre operazioni di rifinanziamento: PcT a scadenza tra 1 e 3 mesi; Operazioni di tipo strutturale Operazioni di fine-tuning: Le operazioni di mercato aperto sono effettuate attraverso procedure dasta ovvero su base bilaterale PcT Raccolta a tempo determinato Compravendita a titolo definitivo Operazioni di swap in valuta

84 Le operazioni con la Banca centrale Operazioni di politica monetaria Tipologie di transazioniScadenzaFrequenzaProcedura Immissione di liquidità Assorbimento di liquidità Operazioni di mercato aperto Operazioni di rifinanziamento principali Operazioni temporanee-Una settimanaSettimanaleAste standard Operazioni di rifinanziamento a più lungo termine Operazioni temporanee-Tre mesiMensileAste standard Operazioni di fine tuning Operazioni temporanee Operazioni di swap in valuta Operazioni temporanee Raccolta di depositi a tempo determinato Operazioni di swap in valuta Non standardizzzata Non regolareAste veloci Procedure bilaterali Operazioni di tipo strutturale Operazioni temporaneeEmissione di certificati di debito Standardizzata/No n standardizzata Regolare e non regolare Aste standard Acquisti definitiviVendite definitive-Non regolareProcedure bilaterali Operazioni attivabili su iniziativa delle controparti Operazioni di rifinanziamento marginale Operazioni temporanee-OvernightAccesso a discrezione delle controparti Depositi presso la Banca Centrale -DepositiOvernightAccesso a discrezione delle controparti Fonte: Banca Centrale Europea.

85 Andamento dei tassi gen 2007-lug 2010


Scaricare ppt "La classificazione dei fabbisogni finanziari e dei servizi bancari Dott.ssa Manuela Gallo."

Presentazioni simili


Annunci Google