La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Introduction to the Physics of the Quark-Gluon Plasma.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Introduction to the Physics of the Quark-Gluon Plasma."— Transcript della presentazione:

1 Introduction to the Physics of the Quark-Gluon Plasma

2 I calcoli di QCD su reticolo dimostrano che in un sistema (infinito, omogeneo, allequilibrio) di gluoni e quark (e antiquark) avviene una transizione da una fase confinata (adroni) ad una deconfinata (QGP: Quark- Gluon Plasma) quando la temperatura supera un valore critico T c ( MeV). Gli esperimenti di collisioni tra ioni pesanti ad altissime energie hanno lo scopo di verificare in laboratorio questi risultati teorici T TcTc c adroni, confinamento QGP, deconfinamento reticolo nuclei

3 Collisioni di ioni pesanti ad alte energie AGS, Brookhaven National Lab. (BNL) : energie moderate Seconda meta` 80 : studio sistematico con SPS (CERN), collisioni protone-nucleo e nucleo-nucleo a E lab = AGeV (s NN = GeV) e, successivamente, ad energie minori, fino a 40 AGeV (s NN = 9 GeV). Nel 2000 inizia lera di RHIC (BNL) : collisioni Au-Au e Cu-Cu ad energie s NN = GeV; deutone-Au a GeV. Nel 2007(8?) : LHC al CERN, protone-Pb e Pb-Pb (s NN = 5.5 TeV).

4 Storia dellUniverso Big Bang -> lUniverso si espande e si raffredda attraversando diverse fasi: Transizione elettrodebole e generazione delle masse (T>~200 GeV) transizione QGP-adroni, T~200 MeV nucleosintesi primordiale, T~1 MeV (nuclei D,He; neutroni liberi decadono in protoni) disaccoppiamento materia-radiazione, T~ eV (H), la composizione chimica dellUniverso e` fissata In laboratorio si cerca di produrre un Little Bang

5 Risultati dal reticolo Lenergia libera F e lenergia interna U sono legate dalla relazione termodinamica F=U-TS, S=-F/T

6 Risultati

7 Altri risultati di reticolo

8

9 t<0t=0 0~10-15 fm/c QGP adroni freeze-out

10 t=0 Interazioni dure, vengono create particelle con grande momento (p T >1GeV) o grande massa. Questi processi si possono calcolare con la QCD perturbativa grazie ai teoremi di fattorizzazione usando le funzioni di struttura. Per il principio di indeterminazione la produzione avviene su scale di tempo form dellordine di 1/Q 2, ad esempio Q=2GeV implica form 0.1 fm. Fino ad energie dellSPS le particelle dure possono essere prodotte solo nei primi istanti della collisione, cioe` nelle interazioni tra i nucleoni iniziali e sono testimoni dellevoluzione del sistema, possono cioe` essere usate per verificare se avviene o no il deconfinamento. Ad energie superiori (RHIC,LHC) la produzione puo` avvenire anche in stadi successivi dellevoluzione.

11 termalizzazione ed espansione Le particelle prodotte nelle collisioni primarie interagiscono tra di loro formando un mezzo denso di materia fortemente interagente, che raggiunge (?) presto lequilibrio termico. Se la densita` di energia e` sufficientemente alta si forma il QGP. Partoni deconfinati e simmetria chirale ripristinata; quark s sono piu` leggeri e sono prodotti piu` abbondantemente che in collisioni pp -> innalzamento di stranezza (equilibrio chimico tra u,d,s). Espansione collettiva (idrodinamica) della bolla di QGP con conseguente raffreddamento. Quando la densita` di energia raggiunge il valore critico il QGP decade in un gas di adroni. Lentropia diminuisce bruscamente

12 Freeze-out adronico Gli adroni prodotti dal decadimento del QGP interagiscono finche il libero cammino medio e` maggiore della distanza media tra particelle. La temperatura del mezzo e` dellordine di MeV, quindi le interazioni sono soffici (non perturbative). Le abbondanze delle specie di particelle vengono fissate quando cessano le collisioni inelastiche (freeze-out chimico). Ad una temperatura ancora inferiore ( MeV) cessano anche le interazioni elastiche (freeze-out cinetico). Le particelle (o i loro prodotti di decadimento) vengono rivelate nellapparato sperimentale. Lintera evoluzione del sistema deve essere ricostruita a partire da queste osservabili sperimentali !

13

14 Geometria della collisione

15 Un metodo per la determinazione sperimentale della geometria della collisione (cioe` del parametro di impatto dei due nuclei incidenti) e` la misura dellenergia trasversa, definita da Maggiore e` la centralita` della collisione, maggiore e` lenergia trasversa prodotta. 10%

16 Un metodo molto piu` intuitivo e diretto per la misura sperimentale della centralita` (ma non sempre facile) e` tramite il Calorimetro a zero gradi nel centro di massa nel laboratorio ZDC

17 piano trasverso uno dei due nuclei esce dal piano del foglio, laltro entra. b s b-s A B x y

18 piano longitudinale A B b

19 Modello di Glauber Teoria delle collisioni multiple nucleari. Si applica nei primi istanti della collisione nucleare, per descrivere le interazioni dei nucleoni costituenti. I nucleoni costituenti non deviano dalla traiettoria iniziale a seguito delle interazioni e non perdono energia: approssimazione valida ad alte energie. Si calcolano in questo modo il numero di nucleoni partecipanti e il numero di collisioni elementari NN per un determinato parametro di impatto

20 Si definisce la funzione di spessore nucleare: dove A e`la densita` nucleare, normalizzata : Consideriamo un dato nucleone di B che collide con un singolo nucleone di A. La probabilita` di collisione e` b z

21 Analogamente la probabilita` di collisione con n nucleoni di A e`: Si ha ovviamente Il numero medio di collisioni e` La probabilita` che un nucleone di B subisca almeno una collisione e`

22 Consideriamo ora tutti i nucleoni di B, il numero medio di nucleoni partecipanti nella collisione A-B a parametro di impatto b e`: Il numero medio di collisioni e` Assumendo =q (ipotesi ben verificata a SPS) si ottiene una buona descrizione della centralita` della collisione A-B (fluttuazioni gaussiane attorno al valore medio)

23

24 Hard Probes Soppressione della J/ (charmonio, bottomonio) jet quenching fotoni termici dileptoni termici

25 J/ e partoni ad alto impulso trasverso (jet) vengono prodotti nei primi istanti della collisione tra i nuclei incidenti, in interazioni forti con grande impulso scambiato. La loro produzione si puo` descrivere in termini di QCD perturbativa (Q>1GeV). Interagiscono fortemente con il mezzo, ma il loro destino cambia a seconda della natura del mezzo stesso (confinato/deconfinato). Sono quindi veri e propri segnali di deconfinamento. Le sonde elettromagnetiche (fotoni, dileptoni) vengono emesse dal QGP; interagiscono debolmente con il mezzo attraversato, fuggono facilmente e portano informazioni dirette sul QGP (temperatura, densita`).

26 J/ : assorbimento prerisonante La produzione della coppia c-cbar e`praticamente istantanea. Levoluzione in uno stato legato (open/hidden charm) pero` richiede tempo. Se durante questo tempo la coppia c-cbar subisce interazioni ad alta energia (per esempio con altri nucleoni) levoluzione viene disturbata e ce` una buona probabilita` che la J/ non si formi.

27 La soppressione della J/ in collisioni p-nucleo e` ben descritta da una formula probabilistica basata sul modello di Glauber: Da un fit dei dati sperimentali (NA38, NA50) si ricava abs = mb In urti nucleo-nucleo si generalizza la formula precedente: I dati sperimentali (fino a S-U) sono ben riprodotti con la stessa abs

28 Notare i dati Pb- Pb: seguono landamento generale nelle collisioni piu` periferiche, poi deviano ! Soppressione anomala ! NA38/NA50

29 I dati In-In (NA60) seguono lo stesso andamento di Pb-Pb

30 Spiegazioni ? Sono stati proposti modelli che riescono a riprodurre piuttosto bene la soppressione osservata assumendo la formazione di una fase deconfinata in urti centrali Pb- Pb e In-In.

31 Nel 2005 sono stati pubblicati anche I dati sperimentali di RHIC (PHENIX) Una grossa sorpresa e` stata losservare una soppressione confrontabile con quella misurata ad SPS e praticamente indipendente dallenergia ! (NB: A RHIC attenzione alla rigenerazione !)

32 Spiegazioni senza QGP ? La J/ e` soppressa a causa delle interazioni inelastiche con particelle secondarie (gas adronico in espansione). Problemi: la sezione durto J/ con,K,… non e` nota sperimentalmente. Calcoli perturbativi (validita` dubbia!) danno una sezione durto ~ 0.1 mb La densita` del gas adronico necessaria per spiegare i dati sperimentali e` irrealistica ! Nonostante cio` si sono fatti molti tentativi, alcuni dei quali con buon successo per Pb-Pb. Confronto con gli altri sistemi ? Per quanto ne so, nessun modello adronico fino ad ora proposto e` in grado di spiegare i dati sperimentali di SPS e RHIC simultaneamente.

33 Spiegazione con il QGP La soppressione osservata a SPS e RHIC e` dovuta esclusivamente alla rimozione delle componenti e c, perche la densita` di energia raggiunta non e` ancora sufficiente a dissolvere la J/ diretta: La soppressione della J/ si vedra` a LHC !

34 jet quenching Una carica di colore che attraversa un mezzo fortemente interagente perde energia in modo diverso a seconda della natura del mezzo. Mezzo adronico: la carica di colore adronizza immediatamente Mezzo deconfinato: la carica di colore perde molta energia in seguito ad interazioni, emissione di g

35 Segnale visibile solo dalle energie di RHIC (a SPS i jet non hanno abbastanza energia per essere osservati) esempio di coppia di jet in una collisione pp (STAR)

36 Una particella ad alto impulso trasverso funziona da trigger. Si misura la distribuzione di particelle compagne in funzione dellangolo In urti pp o d-Au si vede un fascio di particelle a 180 gradi, originate dal partone emesso, nel processo elementare, in direzione opposta; il picco appare piu` basso e largo del picco a 0 gradi a causa della risoluzione finita dellapparato rivelatore (vedere grafico pagina successiva). In urti Au-Au il picco a 180 gradi scompare, segno che il partone opposto ha perso energia nellattraversamento del mezzo. trigger particle

37

38 I jet osservati sono formati da partoni emessi in prossimita` della superficie e diretti verso lesterno.

39 confronto diretti-pioni mezzo denso: opaco ai pioni, trasparente ai fotoni

40 dileptoni Emissione termica dal QGP, proporzionale a e M/T prevista nella regione intermedia.

41 fotoni termici Fondo enorme: fotoni emessi in ogni fase dellevoluzione del sistema: dalle collisioni primarie NN (fotoni diretti) ai decadimenti delle particelle finali.

42 Modello di Bjorken Unipotesi semplificativa molto usata consiste nellassumere invarianza per boost longitudinale. Questa ipotesi e` valida ad energie asintoticamente alte. In pratica lapprossimazione si puo` applicare solo nella regione attorno alla rapidita` centrale e ben lontano dalle regioni di frammentazione dei nuclei iniziali.

43 00 y y t < 0 t > 0 y beam ~y beam -1-y beam dN/dy

44 Flusso radiale fireball in espansione: Il flusso collettivo consiste in una correlazione tra la posizione e il momento medio delle particelle. Nel caso di urti non centrali la velocita` trasversa v T dipende anche dallangolo azimutale,. Il valor medio di v T rispetto a e`chiamato flusso radiale z x y vTvT x, v(x)=P/E vLvL

45 Si assume equilibrio termodinamico locale: Il numero di particelle prodotte e` un invariante relativistico. Si definisce una superficie tridimensionale (x) nello spazio-tempo sulla quale contare le particelle che passano: La distribuzione in momento invariante e` (Formula di Cooper-Frye)

46 Spettri termici La distribuzione in momento in un modello termico e`: Notare l m T -scaling: la temperatura T e` la stessa per tutte le particelle. Il flusso collettivo altera la distribuzione termica: a grandi m T (p T >>m) : T slope ~ T f (1+v T )(1-v T ) blue shift ! a piccoli m T : T slope ~ T f + m 2 /2 m T -scaling NB: la descrizione idrodinamica vale per p T <2GeV

47 calcolo idrodinamico:

48 Risultati: SPS

49 risultati :RHIC pp: notare m T -scaling

50

51 I calcoli idrodinamici riproducono i dati sperimentali assumendo una fase deconfinata seguita da un gas adronico. I parametri usati sono: I tempi di equilibrio richiesti dal fit idrodinamico sono brevissimi !

52 flusso ellittico b=0 Una collisione non centrale produce un flusso anisotropo nel piano trasverso.

53 I dati sperimentali sono riprodotti assumendo che il plasma e` un fluido a viscosita` nulla. Fluido ideale !

54

55 Notare lincrocio tra mesoni e barioni ad alti p T : si puo` spiegare ammettendo che il flusso adronico osservato proviene da un flusso partonico preesistente

56 adronizzazione statistica La molteplicita` delle specie adroniche e` ben descritto da un semplice modello statistico. i =+1 per fermioni, -1 per bosoni, massimizzando lentropia con i vincoli: si ha con Se il numero di quark s e` conservato: e` il fattore di saturazione di stranezza

57 La temperatura di equilibrio chimico aumenta con lenergia, il potenziale chimico diminuisce s aumenta T RHIC SPS

58 stranezza Nella fase deconfinata la produzione di quark s non e` sfavorita come nelle interazioni adroniche elementari.

59 corno di Marek Inizio della trasparenza nucleare o della statistica grancanonica ?

60 un fascino strano…

61 boom !!!

62 Saturazione partonica

63 Scattering di adroni ad alte energie Nuovo fenomeno: saturazione partonica Dati di HERA: Ad alte energie un adrone appare denso.

64 Densita` di gluoni

65 Color Glass Condensate Teoria effettiva classica: limite della QCD ad alte densita` color : i partoni hanno carica di colore glass : evolvono lentamente rispetto alla loro scala di tempo condensate : la loro densita` e` proporzionale allinverso della costante di accoppiamento, tipico di un condensato di Bose.

66 Color Glass Condensate The valence quarks of the hadrons (fast partons) are treated as a source for a classical color field representing the small-x (slow) gluons. The classical approximation is appropriate since the slow gluons have large occupation numbers. The theory implies a non-linear renormalization group equation [JIMWLK]

67 Mathematical formulation of the CGC Effective theory defined below some cutoff X 0 : gluon field in the presence of an external source r. The source arises from quarks and gluons with x X 0 The weight function F[r] satisfies renormalization group equations (theory independent of X 0 ). The equation for F (JIMWLK) reduces to BFKL and DGLAP evolution equations. Z =

68 Saturation scale in nuclei [D.Kharzeev, E.Levin, M.Nardi] [D.Kharzeev, E.Levin, M.Nardi] Consider a nucleus or hadron interacting with an external probe, exchanging Q Transverse area of a parton ~ 1/Q 2 Cross section parton-probe : ~ a s /Q 2 If many partons interact : S~N parton In a nucleus : N A =N parton A [ N parton = xG(x,Q 2 ) ] The parton density saturates when S~ R A 2 Saturation scale : Q s 2 ~ a s (Q s 2 )N A / R A 2 ~A 1/3 At saturation N A is proportional to 1/a s Q s 2 is proportional to the (transverse) density of participating nucleons n A =N A / R A 2 ; larger for heavy nuclei. N A ~ Q s 2 /a s (Q s 2 )

69 Assumiamo che il numero di particelle prodotte e`: o xG(x, Q s 2 ) ~ 1/ s (Q s 2 ) ~ ln(Q s 2 / QCD 2 ). La costante moltiplicativa c e` estratta con un fit dai dati (PHOBOS,130 GeV, multiplicita` di adroni carichi, Au-Au 6% centrale,| |<1 ): c = 1.23 ± 0.20 Parton production

70 Primo confronto con i dati sperimentali s = 130 GeV EKRT

71 PHOBOS PHENIX Energy and centrality dependence / RHIC

72 dipendenza dalla rapidita` PHOBOS W=200 GeV Au-Au Collisions at RHIC Satur. model

73 Urti d-A (p-A): solo stato iniziale (non si forma mezzo denso), occasione unica per studiare effetti di saturazione Urti A-A: importante calcolare con la massima precisione possibile gli effetti dello stato iniziale in modo da separarli dagli effetti dovuti alle interazioni nelle successive fasi dellevoluzione del sistema. Possibili sviluppi: un asimmetria nella distribuzione dei gluoni iniziali contribuisce a v 2 : il contributo dellidrodinamica e` minore, richiede viscosita` finita. Soluzione dell HBT puzzle ?


Scaricare ppt "Introduction to the Physics of the Quark-Gluon Plasma."

Presentazioni simili


Annunci Google