A cura di Granito Domenico.">

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

...non solo mouse "GRANITO Domenico" Studio del globo terrestre Indice> A cura di Granito Domenico.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "...non solo mouse "GRANITO Domenico" Studio del globo terrestre Indice> A cura di Granito Domenico."— Transcript della presentazione:

1

2 ...non solo mouse "GRANITO Domenico" Studio del globo terrestre Indice> A cura di Granito Domenico

3 ...non solo mouse "GRANITO Domenico" Indice degli argomenti LO STUDIO DEI FONDALI OCEANICI I fondali oceanici I risultati delle analisi di laboratorio Calcolo della profondità in mare (sonar) LA TETTONICA DELLE PLACCHE La teoria di Alfred Wegener Le prove della deriva dei continenti La litosfera è suddivisa in placche Margini divergenti Margini convergenti Crosta oceanica – crosta oceanica Crosta oceanica – crosta continentale Crosta continentale – crosta continentale Margini trasformi Il motore delle placche I punti caldi a

4 ...non solo mouse "GRANITO Domenico" I FONDALI OCEANICI I fondali oceanici, che rappresentano il 70 % della superficie terrestre, sono ricoperti da strutture di grandi dimensioni chiamate dorsali oceaniche. Queste si estendono attraverso gli oceani Atlantico, Antartico, Indiano, Pacifico, il Mar di Norvegia e il Mare Artico per una lunghezza totale di quasi km. Lungo le dorsali sono presenti delle depressioni, le rift valley, da cui fuoriescono intense colate di lava. La più estesa è quella atlantica. Sui fondali sono evidenti anche estese depressioni denominate fosse. Ne sono un esempio la fossa delle Marianne e la fossa di Puerto Rico. Dorsale medio – atlantica. In evidenzia le faglie trasformi.

5 ...non solo mouse "GRANITO Domenico" I RISULTATI DELLE ANALISI Dalle analisi di campioni di rocce prelevati dai fondali si è visto che la loro età aumenta spostandosi dalle dorsali verso i bordi continentali. Letà della roccia non supera i 200 milioni di anni a differenza di quelle dei continenti che possono raggiungere anche età di milioni di anni. Le rocce dei fondali sono di origine basaltica con composizione molto simile ai materiali del mantello; quelle continentali hanno invece composizione granitica.

6 ...non solo mouse "GRANITO Domenico" CALCOLO DELLE PROFONDITA IN MARE (SONAR) Grazie al sonar abbiamo potuto constatare la distanza tra la superficie e il fondale. È grazie ad apparecchi come questo che si scoprì la presenza di bande magnetiche ai lati delle dorsali. Dopo la fine della seconda guerra mondiale, si cercò di ricavare il petrolio dai fondali mediante strumenti in grado di raggiungere grandi profondità. La prima nave in grado di perforare le profondità dei bacini fu la Glomar Challenger che negli anni Sessanta esaminò gli abissi delloceano Atlantico tra LAfrica e il Sudamerica. Negli anni Ottanta invece venne introdotta la nuova tecnologia sismologica con lo scopo di controllare gli esperimenti nucleari.

7 ...non solo mouse "GRANITO Domenico" LA TEORIA DI ALFRED WEGENER Sulla base delle osservazioni di Francesco Bacone e delle supposizioni di Benjamin Franklin nel XX secolo fu elaborata da Alfred Wegener la teoria della deriva dei continenti. 200 milioni di anni fa i continenti formavano un unico blocco detto Pangea circondato da un grosso oceano il Panthalassa. La frantumazione della Pangea portò alla formazione dei diversi continenti che si allontanarono fra loro come zattere sul mare. Wegener non riuscì però a spiegare in maniera convincente le cause del movimento delle masse continentali.

8 ...non solo mouse "GRANITO Domenico"

9 LE PROVE DELLA DERIVA DEI CONTINENTI Prove geografiche: corrispondenza fra le coste atlantiche del continente africano e quelle del continente sud americano; Prove geologiche: continuità geologica fra le formazioni rocciose dellAfrica e del Sudamerica; Prove paleontologiche: presenza di resti fossili di Mesosaurus, rettile privo di strutture adatte al nuoto, sia in Sudamerica che in Sudafrica; ritrovamento di un fossile vegetale del genere Glossopteris, in India, Africa, Australia ed Antartide. Prove climatiche: tracce di una glaciazione risalente a circa 280 milioni di anni fa in diversi continenti dellemisfero meridionale interpretabile con lunione di tutti i continenti australi in un blocco prossimo al polo sud.

10 ...non solo mouse "GRANITO Domenico" LA LITOSFERA È DIVISA IN PLACCHE Secondo la teoria della tettonica a placche la litosfera è suddivisa in placche o zolle. Si possono riconoscere circa una ventina di placche diverse dove ognuna costituita da un materiale denso e pesante di rocce basiche. Ci sono placche in cui è presente solo crosta oceanica, in altre solo crosta continentale ed altri con entrambe. Ci sono diversi tipi di margini relativi ad avvicinamento, allontanamento e scorrimento.

11 ...non solo mouse "GRANITO Domenico"

12 MARGINI DIVERGENTI Si hanno margini divergenti quando due zolle si allontanano a vicenda. Inizialmente si ha una distensione della litosfera con la formazione di fosse. Il magma basico risale attraverso delle spaccature dando origine a delle attività vulcaniche e da questo si originano delle valli vulcaniche. Successivamente il fondo della valle raggiunge il livello del mare e lacqua invade la depressione.

13 ...non solo mouse "GRANITO Domenico"

14 MARGINI CONVERGENTI Quando due placche tendono ad avvicinarsi si hanno dei margini convergenti. In base ai tipi di crosta dei quali sono costituite le placche si presentano diverse situazioni. Scontro fra:Crosta oceanica – crosta oceanica Crosta oceanica – crosta continentale Crosta continentale – crosta continentale

15 ...non solo mouse "GRANITO Domenico" CROSTA OCEANICA – CROSTA OCEANICA Quando ci troviamo di fronte allo scontro di una crosta oceanica con unaltra crosta oceanica una delle due subduce sotto altra. Subducendo fonde formando delle sacche magmatiche che daranno vita a fenomeni vulcanici e conseguenti fenomeni sismici che possono generare anche potenti terremoti oceanici conosciuti come tsunami (vedi filmato). In corrispondenza della subduzione si crea una depressione chiamata fossa mentre non è raro che in corrispondenza di questa fossa si vengano a formare degli archi insulari (es. isole Aleutine).vedi filmato

16 ...non solo mouse "GRANITO Domenico"

17 Video dello tsunami del 26\12\2004

18 ...non solo mouse "GRANITO Domenico" CROSTA OCEANICA – CROSTA CONTINENTALE Nel caso di scontro fra una crosta oceanica e una continentale è quella oceanica a subdurre dato che è più densa e pesante rispetto a quella continentale. Si viene a creare, come detto in precedenza, una fossa in corrispondenza della subduzione. Subducendo si vengono a creare delle sacche magmatiche superficiali che daranno luogo a episodi vulcanici e sismici e, in seguito allattrito fra le due placche, fenomeni orogenetici (es. Cordigliera delle Ande).

19 ...non solo mouse "GRANITO Domenico"

20 CROSTA CONTINENTALE – CROSTA CONTINENTALE Quando le placche convergenti sono costituite entrambe da crosta continentale non vi è subduzione. I due margini si accavallano fra loro originando grandi catene montuose interne ai continenti. Queste aree sono interessate da intensi fenomeni sismici (es. Himalaya).

21 ...non solo mouse "GRANITO Domenico"

22 MARGINI TRASFORMI Lungo alcuni margini si verifica un movimento particolare. Si tratta di grandi faglie in corrispondenza delle quali i due blocchi scorrono lateralmente uno rispetto allaltro. In questa situazione si verificano quindi eventi sismici ma non eventi vulcanici. La più famosa di queste faglie è la faglia di S. Andreas, in California (vedi foto).

23 ...non solo mouse "GRANITO Domenico"

24 IL MOTORE DELLE PLACCHE Sebbene la teoria della tettonica delle placche sia una teoria ormai consolidata ci sono ancora punti poco chiari. Laspetto meno chiaro è quello dei meccanismi responsabili del movimento delle placche. Per molti anni come responsabile di questi movimenti è stato identificato il moto convettivo della astenosfera dovuto allelevato calore presente in questa zona. Per cui si suppone che lastenosfera si spezzerebbe in blocchi seguendo landamento delle correnti convettive.

25 ...non solo mouse "GRANITO Domenico"

26 I PUNTI CALDI I punti caldi sono delle zone profonde del mantello da cui partono delle colonne di roccia incandescente chiamate pennacchi che procedono verso lalto e sbucano sia sotto i continenti, sia sotto gli oceani, generando unintensa attività vulcanica. È il casa dellarcipelago delle Hawaii (vedi immagine). Nelle isole nord-occidentali i vulcani sono ormai spenti, mentre in quelle sud- orientali sono attivi o quiescenti. Il più antico si trova sui fondali nei pressi del margine continentale, in corrispondenza della fossa delle Aleutine; il più recente è localizzato proprio sopra il punto caldo e si trova ancora sotto il mare, destinato a diventare una futura isola. La posizione dei punti caldi resta fissa nel tempo mentre le zolle litosferiche vi scorrono sopra.vedi immagine

27 ...non solo mouse "GRANITO Domenico"

28 Immagine isole Hawaii


Scaricare ppt "...non solo mouse "GRANITO Domenico" Studio del globo terrestre Indice> A cura di Granito Domenico."

Presentazioni simili


Annunci Google