La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Carrara, 16 ottobre 20071 Lanima e il corpo Sandro Nannini ( Università di Siena)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Carrara, 16 ottobre 20071 Lanima e il corpo Sandro Nannini ( Università di Siena)"— Transcript della presentazione:

1 Carrara, 16 ottobre Lanima e il corpo Sandro Nannini ( Università di Siena)

2 Carrara, 16 ottobre Il problema mente-corpo nella vita quotidiana EE ……P(+M) (D) A SD SP..C… N R (Suonano, vado ad aprire!) (Suonano, vado ad aprire!)

3 Carrara, 16 ottobre Il dualismo interazionistico P …D SD SP..CP CD..N R Difficoltà: la chiusura del mondo fisico

4 Carrara, 16 ottobre Il naturalismo SD SP..CP..CD..N R Teoria dellidentità FunzionalismoEliminativismo Riduzionismo ontologico / Riduzionismo metodologico

5 Carrara, 16 ottobre Le obiezioni alla possibilità del riduzionismo ontologico Mary, la neuroscienziata onnisciente, e lirriducibilità dei qualia I qualia sono delle modalità di auto- presentazione dellattività cerebrale, non proprietà di un mondo fenomenico diverso da quello fisico.

6 Carrara, 16 ottobre Filosofia e neuroscienze Processi cognitivi senza processi cerebrali? Io ho spesso anche fatto vedere con tutta chiarezza che la mente può agire indipendentemente dal cervello, poiché è certo che esso è affatto inutile, quando si tratta di formare degli atti di pura intellezione, ma serve soltanto quando si tratta di sentire o di immaginare qualche cosa (Cartesio 1641 [Risposte alle quinte obiezioni], trad. it. Laterza p. 345). Io ho spesso anche fatto vedere con tutta chiarezza che la mente può agire indipendentemente dal cervello, poiché è certo che esso è affatto inutile, quando si tratta di formare degli atti di pura intellezione, ma serve soltanto quando si tratta di sentire o di immaginare qualche cosa (Cartesio 1641 [Risposte alle quinte obiezioni], trad. it. Laterza p. 345). Cartesio

7 Carrara, 16 ottobre Filosofia e neuroscienze Processi cognitivi senza processi cerebrali? La rilevazione di un errore sintattico è correlata a potenziali di prontezza diversi da quelli correlati alla rilevazione di un errore semantico. N400: errore semantico N400

8 Carrara, 16 ottobre Filosofia e neuroscienze Processi cognitivi senza processi cerebrali? La rilevazione di un errore sintattico è correlata a potenziali di prontezza diversi da quelli correlati alla rilevazione di un errore semantico. P600 errore sintattico

9 Carrara, 16 ottobre Filosofia e neuroscienze Obiezione: correlazione riduzione Lesistenza di un correlato neuronale per ogni stato mentale è compatibile con il dualismo. P …D SD SP..CP CD..N R

10 Carrara, 16 ottobre Filosofia e neuroscienze Casi clinici a favore della riduzione La sindrome di Capgras Raro disturbo di origine neurologica che prende il nome dallo psichiatra francese Jean Marie Joseph Capgras. Esso si presenta talvolta in coloro che hanno riportato una lesione in particolari aree cerebrali. Il paziente è portato a considerare i parenti più stretti (genitori, coniuge, figli o fratelli) come degli impostori, pur ammettendo che essi hanno un aspetto assolutamente uguale alle persone originali.

11 Carrara, 16 ottobre Filosofia e neuroscienze Casi clinici a favore della riduzione La sindrome di Capgras L'ipotesi più probabile per render conto dell'insorgere di tale disturbo è che la lesione provochi una interruzione del collegamento tra le aree visive e il centro delle emozioni (sistema limbico e amigdala). Poiché le aree preposte al riconoscimento dei volti non risultano danneggiate, il paziente riconosce il congiunto, ma non provando alcuna emozione, l'unica spiegazione che è in grado di darsi per quella situazione assolutamente anomala è che la persona che ha di fronte non sia altro che un impostore.

12 Carrara, 16 ottobre Filosofia e neuroscienze Casi clinici a favore della riduzione Identità tra vedere e saper di vedere? Senso comune: se vedo qualcosa, so di vederlo; e se so di vedere qualcosa, allora lo vedo. Poiché noi percepiamo di vedere e di udire, o con la vista si deve percepire che si vede, o con un altro senso […] se fosse un altro il senso che percepisce la vista, o si andrà allinfinito oppure un dato senso avrà sé per oggetto, e quindi sarà meglio riconoscere tale capacità al primo (Aristotele, De anima, III, 2, 425b 10-20; trad. it. G. Movia).

13 13 Filosofia e neuroscienze Casi clinici a favore della riduzione Disgiunzione tra percezione e coscienza Si fanno vedere delle barre orizzontali o verticali nellemicampo sinistro ad un paziente che abbia subito una commissurotomia e gli si chiede che cosa ha visto. Il paziente risponde niente, ma se viene costretto a tirare a indovinare, indovina in una percentuale nettamente superiore al caso. Blindsight: percezione senza coscienza

14 14 Il dottore vi domanda che cosa cè sul tavolo davanti a voi: Ma cè un orologio! rispondete, stupiti che il dottore sia tanto stupido da chiedervelo. Lorologio è lì, si vede! Casi clinici a favore della riduzione Disgiunzione tra percezione e coscienza Antons blindness: coscienza senza percezione Ma in effetti sul tavolo cè un computer. Voi siete ciechi e non ve ne accorgete.

15 Carrara, 16 ottobre Casi clinici a favore della riduzione Disgiunzione tra percezione e coscienza Antons blindness: coscienza senza percezione Lobo occipitale Anton-Babinski syndrome, more frequently known as Anton's blindness, is a rare symptom of brain damage occurring in the occipital lobe. People who suffer from it are "cortically blind," but affirm, often quite adamantly and in the face of clear evidence of their blindness, that they are capable of seeing. Failure to see is dismissed by the sufferer through confabulation. It is mostly seen following a stroke, but may also be seen after head injury (Wikipedia) brain damageoccipital lobeblindconfabulationstrokehead injurybrain damageoccipital lobeblindconfabulationstrokehead injury

16 Carrara, 16 ottobre Filosofia e neuroscienze Casi clinici a favore della riduzione La paziente di Y. Agid La stimolazione elettrica, per errore, di certi punti del tronco enecefalico provocò in una paziente affetta da Parkinson, ma non da una sindrome depressiva, una crisi di pianto seguita da affermazioni sulla propria tristezza e sul proprio desiderio di morire. Diciannove secondi dopo linterruzione della corrente la paziente era di nuovo normale e non sapeva spiegarsi laccaduto… (Damasio 2003, p. 67 sgg.).

17 Carrara, 16 ottobre Filosofia e neuroscienze Casi clinici a favore della riduzione La paziente di Y. Agid Spiegazione: la corrente aveva raggiunto alcuni nuclei del tronco che comandano delle azioni come piangere o singhiozzare, azioni che a loro volta producono normalmente tristezza, ossia che eccitano alcune parti del sistema limbico. PRIMA CONCLUSIONE: sono le azioni (movimenti del corpo) che producono le emozioni e poi i sentimenti (=emozioni divenute coscienti), non linverso! Non è vero che piango perché sono triste: sono triste perché piango.

18 Carrara, 16 ottobre Filosofia e neuroscienze Casi clinici a favore della riduzione La paziente di Y. Agid SECONDA CONCLUSIONE: Dei pensieri tristi rinforzano certo dei sentimenti di tristezza, ma, almeno in questo caso, lordine temporale e causale è inverso: azione emozione (inconscia) sentimento (cosciente) pensieri tristi.

19 Carrara, 16 ottobre Filosofia e neuroscienze Un altro esperimento a favore della riduzione B. Libet ed il libero arbitrio I potenziali di prontezza che precedono il movimento del dito precedono anche di circa 300 millisecondi la decisione cosciente di muoverlo.

20 Carrara, 16 ottobre Grazie per la vostra attenzione!


Scaricare ppt "Carrara, 16 ottobre 20071 Lanima e il corpo Sandro Nannini ( Università di Siena)"

Presentazioni simili


Annunci Google