La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Il Quadro di riferimento nel 3° Rapporto sullinnovazione nelle regioni dItalia Roma, 30 giugno 2005.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Il Quadro di riferimento nel 3° Rapporto sullinnovazione nelle regioni dItalia Roma, 30 giugno 2005."— Transcript della presentazione:

1 1 Il Quadro di riferimento nel 3° Rapporto sullinnovazione nelle regioni dItalia Roma, 30 giugno 2005

2 2 Capitoli di interesse nel Report Nazionale 2005 Parte I – Quadro nazionale e lettura di sintesi trasversale 1Linnovazione nelle regioni: novità e sviluppi recenti 2Gli APQ per la SI + Appendice sui programmi MIT per il Mezzogiorno 3La revisione di medio periodo del QCS e dei POR Obiettivo 1 e la SI 4Lavanzamento dei progetti 1° Avviso 5Lavvio della fase 2 delle-government 6I progetti per la cittadinanza elettronica 7Sviluppi del Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione 7.1 Il nuovo modello per linteroperabilità e la cooperazione applicativa 7.2 Il progetto ICAR 8La diffusione delle carte per laccesso ai servizi 9I servizi on-line per cittadini e imprese: unanalisi quantitativa sui Comuni 10Levoluzione della rete CRC

3 3 Cap. 2: gli APQ per la SI 162 interventi Infrastrutture, SPC, servizi e strumenti abilitanti, soluzioni per laccesso sono una priorità negli APQ SI

4 4 Cap. 3: la BL e non solo nei QCS/POR Ob.1 post-revisione Quattro aspetti emergenti dalla revisione di medio periodo: aggiornamento complessivo di misure e azioni, in coerenza con nuove indicazioni del quadro di riferimento europeo (eEurope 2005, nuove Linee Guida CE sui FS per le comunicazioni elettroniche ) e nazionale (Linee Guida SI, piano di e-government, Programma BL per il Mezzogiorno, ecc); integrazione di iniziative connesse al piano nazionale di e-government (fase 1 e 2) e, per alcune Regioni in modo molto netto, ai nuovi programmi promossi dal MIT –Per il Sud e non solo, ICT per leccellenza dei territori, Sviluppo di servizi a banda larga- (delibere CIPE sul fondo per le aree sotto-utilizzate, FAS); alcuni interventi di razionalizzazione e semplificazione delle misure, con leliminazione di azioni divenute obsolete o affrontate in altri ambiti programmatici; risorse aggiuntive su misure SI +98 M (tot. risorse pubbliche M)

5 5 Focus di interesse nei RR AbruzzoIl portale della sanità e la tessera sanitaria BasilicataIl Piano di sviluppo per la larga banda sul territorio lucano Campania Il progetto SPICCA - Sistema Pubblico per lInteroperabilità e la Cooperazione applicativa in Campania Lombardia La carta regionale dei servizi. Infrastrutture e centri servizi per i piccoli Comuni (progetto Siscotel) PiemonteLa banda larga (wireless) contro il digital divide Si segnala anche il Quaderno CNIPA, maggio 2005: Vademecum sulle nuove tecnologie per laccesso a banda larga nelle aree periferiche realizzato in collaborazione tra CNIPA/Airel, CRC Piemonte e CRC Toscana, Osservatorio Between sulla BL e Staff centrale CRC

6 6 Cap. 1: sviluppi nelle policy regionali /1 La programmazione per la SI sta diventando ordinaria presenza sistematica nei nuovi PSR, DPEFR ecc. aggiornamenti annuali/periodici dei Piani attuativi egov/SI aggiornamento/nuove politiche SI: - Programma RUPAR2, Piemonte - PdA per lo sviluppo della SI eSudtirol Prov. Aut. BZ - Progetto La Società dellInformazione (e-society), Prov. Aut. TN - Strategie SI di Campania e Calabria leggi regionali SI - Toscana ed Emilia-Romagna (approvate) - preparazione legge quadro Prov. Aut. Bolzano

7 7 Cap. 1: sviluppi nelle policy regionali /2 Le nuove politiche regionali per la banda larga piano Lepida (E-R), in fase avanzata definizione e/o avvio di piani regionali per la banda larga in: - Piemonte, Lombardia - Province Autonome di Bolzano e Trento, Friuli-Venezia Giulia, - Toscana, Umbria - Puglia, Basilicata e Sardegna molti interventi più puntuali/localizzati, legati a: - e-gov fase 2 (avviso SPC) - programma MIT per il Mezzogiorno Sviluppo dei servizi a BL - programma Ministero delle Comunicazioni (Infratel)

8 8 Cap. 1: avanzamento nei processi di innovazione /1 Reti regionali e nuovo SPC La creazione di infrastrutture e servizi di base delle reti regionali può considerarsi completata o in avanzato stato di realizzazione, con tassi di adesione degli enti locali molto elevati in gran parte delle regioni: Basilicata, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Toscana, Umbria, Veneto e le due Province Autonome Evoluzione -> BL, cooperazione applicativa, gestione CNS ecc.

9 9 Cap. 1: avanzamento nei processi di innovazione /2 Nuove sfide (molti interventi su) inclusione dei piccoli Comuni dotazioni interne + accesso banda larga servizi ASP gestioni associate gestione/erogazione dei nuovi servizi e loro utilizzo diffusione avanzata nella sanità (per il momento) multicanalità intermediari diffondere conoscenze e accesso per le nuove ICT PIAP (progetti SAX e simili) sostegno a categorie specifiche (anziani, disabili, ecc.)

10 10 Cap. 1: avanzamento nei processi di innovazione /2 GRAZIE E ORA LA PAROLA AGLI ALTRI RELATORI


Scaricare ppt "1 Il Quadro di riferimento nel 3° Rapporto sullinnovazione nelle regioni dItalia Roma, 30 giugno 2005."

Presentazioni simili


Annunci Google