La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

G. Orlandi, G. Bigi Bologna 15 ottobre 2009 1 La struttura produttiva dellEmilia-Romagna Una lettura attraverso lArchivio Statistico delle Imprese Attive.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "G. Orlandi, G. Bigi Bologna 15 ottobre 2009 1 La struttura produttiva dellEmilia-Romagna Una lettura attraverso lArchivio Statistico delle Imprese Attive."— Transcript della presentazione:

1 G. Orlandi, G. Bigi Bologna 15 ottobre La struttura produttiva dellEmilia-Romagna Una lettura attraverso lArchivio Statistico delle Imprese Attive (ASIA) Utilizzo di Asia in ambito locale Giuliano Orlandi, Giovanni Bigi Comune di Modena - Servizio Statistica Bologna, 15 ottobre 2009

2 G. Orlandi, G. Bigi Bologna 15 ottobre Governare comporta decidere. Lesercizio delle funzioni di governo, trae giovamento dalla disponibilità di unadeguata conoscenza della struttura produttiva e della popolazione. La conoscenza oggettiva di poche ma certe informazioni su persone e imprese permette, quindi, di decidere al meglio.

3 G. Orlandi, G. Bigi Bologna 15 ottobre Figura 1 - Disegno complessivo del Sistema statistico comunale

4 G. Orlandi, G. Bigi Bologna 15 ottobre Esempi di osservatori ottenuti Osservatorio istruzione, ottenuto dalla integrazione tra: Anagrafe regionale studenti Servizio istruzione del comune Anagrafe comunale.

5 G. Orlandi, G. Bigi Bologna 15 ottobre Osservario istruzione

6 G. Orlandi, G. Bigi Bologna 15 ottobre Archivio Asia Larchivio statistico delle imprese attive (A.S.I.A.) risponde allesigenza di conoscere dettagliatamente il mondo produttivo locale, con cadenza non più decennale, come avveniva in passato, quando lunico strumento era il censimento. Permette inoltre di analizzare levoluzione temporale del sistema produttivo della città e del territorio circostante.

7 G. Orlandi, G. Bigi Bologna 15 ottobre Modena e la sua provincia Nel Comune di Modena hanno sede circa il il 30% delle unità locali del territorio provinciale e vi lavora il 29% degli addetti. La ripartizione degli addetti per settore mostra per il capoluogo una prevalenza dei servizi con circa un 50% di addetti, mentre nel restante territorio provinciale prevale lindustria che ne assorbe il 57%.

8 G. Orlandi, G. Bigi Bologna 15 ottobre Tavola 1 - Unità locali e addetti nelle imprese di Modena e provincia nel periodo

9 G. Orlandi, G. Bigi Bologna 15 ottobre Tavola 2 - Addetti nelle unità locali di Modena e provincia per settori. ASIA 2006.

10 G. Orlandi, G. Bigi Bologna 15 ottobre Figura 2 – Percentuale di addetti nei Tre Settori per ambiti territoriali. ASIA 2006.

11 G. Orlandi, G. Bigi Bologna 15 ottobre Modena in dettaglio Lanalisi delle attività economiche modenesi mostra che il comparto con maggior numero di addetti è quello manifatturiero (sezione d), seguito attività noleggio ed informatica,che comprende al suo interno le attività degli studi professionali legali, commerciali e tecnici (sezione k) e dal commercio.

12 G. Orlandi, G. Bigi Bologna 15 ottobre Tavola 3 - Unità locali e addetti presenti a Modena per sezioni. ASIA 2006.

13 G. Orlandi, G. Bigi Bologna 15 ottobre Le variazioni degli addetti nel periodo non hanno sostanzialmente modificato gli indirizzi produttivi

14 G. Orlandi, G. Bigi Bologna 15 ottobre Tavola 4 - Addetti nelle unità locali delle industrie manifatturiere di Modena e per sottosezioni. ASIA 2006.

15 G. Orlandi, G. Bigi Bologna 15 ottobre Tavola 5 - Addetti nelle unità locali del Commercio al dettaglio di Modena per sottosezioni. ASIA 2006.

16 G. Orlandi, G. Bigi Bologna 15 ottobre Tavola 6 - Addetti nelle unità locali di alcuni servizi di Modena per sottosezioni. ASIA 2006.

17 G. Orlandi, G. Bigi Bologna 15 ottobre Figura 4 – Variazione percentuale degli addetti delle U.L. modenesi in alcuni Servizi. ASIA 2004 e 2006.

18 G. Orlandi, G. Bigi Bologna 15 ottobre Dislocazione delle unità locali sul territorio comunale La disponibilità di dati elementari permette di territorializzare le unità locali a più livello. Lanalisi a livello di zone concentriche mostra una diversa dislocazione dei settori produttivi a seconda delle zone: industria prevalente nel restante centro urbano e case sparse, servizi nel centro e nella prima periferia

19 G. Orlandi, G. Bigi Bologna 15 ottobre Figura 5 – Territorio comunale partito per zone concentriche.

20 G. Orlandi, G. Bigi Bologna 15 ottobre Figura 6 – Distribuzione percentuale delle U.L. per settori nelle zone concentriche del Comune di Modena. ASIA 2006.

21 G. Orlandi, G. Bigi Bologna 15 ottobre Dislocazione delle unità locali sul territorio comunale Unanalisi a maggior profondità (a livello di sezione di censimento) permette ad esempio di individuare le zone industriali dislocate sul territorio comunale e la concentrazione degli studi legali in alcune zone del centro storico.

22 G. Orlandi, G. Bigi Bologna 15 ottobre Figura 7 - Localizzazione divisione 28 (fabbricazione e lavorazione di prodotti in metallo, escluse macchine ed impianti). Modena, ASIA 2004.

23 G. Orlandi, G. Bigi Bologna 15 ottobre Figura 8 - Localizzazione degli studi legali. Modena, ASIA 2004.

24 G. Orlandi, G. Bigi Bologna 15 ottobre Interazioni di A.S.I.A. con altre banche dati Operando in una logica sistemica le basi dati possono interagire tra loro. Nel caso specifico le informazioni di A.S.I.A. sono state integrate con quelle anagrafiche per ottenere la cittadinanza degli imprenditori individuali. Si riscontra, ad esempio, così che le imprese individuali delledilizia sono per il 23% gestite da stranieri, in prevalenza turchi.

25 G. Orlandi, G. Bigi Bologna 15 ottobre Tavola 7 - Imprese individuali nel Comune di Modena per cittadinanza del titolare. ASIA 2006.

26 G. Orlandi, G. Bigi Bologna 15 ottobre Tavola 8 - Settori di attività economica con presenza di imprenditori individuali stranieri. ASIA 2006.

27 G. Orlandi, G. Bigi Bologna 15 ottobre Confronto A.S.I.A INPS 2006 A.S.I.A. ul 2006 contempla gli addetti di tutte le u.l. presenti sul territorio comunale. A differenza di A.S.I.A imprese, Asia u.l. non suddivide gli addetti tra dipendenti ed indipendenti INPS dipendenti 2006 contiene i soli dipendenti delle imprese con sede nel nostro comune, a livello dellintera impresa.

28 G. Orlandi, G. Bigi Bologna 15 ottobre Tavola 9 - Unità locali, addetti e dipendenti presenti a Modena per collocazione della sede centrale di impresa. ASIA 2006.

29 G. Orlandi, G. Bigi Bologna 15 ottobre Figura 8 – Schema di confronto ASIA e INPS 2006.

30 G. Orlandi, G. Bigi Bologna 15 ottobre Unità locali sia su A.S.I.A ed INPS Più che soffermarci sui dipendenti di INPS non su ASIA e gli addetti di ASIA non su INPS è interessante confrontare gli addetti di ASIA ed i dipendenti di INPS per le imprese rintracciate su entrambi gli archivi Spicca la coincidenza tra i dipendenti delle u.l. di imprese monolocalizzate forniteci da ASIA edi dipendenti delle medesime imprese rintracciate su INPS. Per le altre ul cè somiglianza più tra i dipendenti che tra gli addetti.

31 G. Orlandi, G. Bigi Bologna 15 ottobre Tavola 10 - Unità locali, addetti e dipendenti presenti a Modena per tipologia della sede centrale. ASIA 2006.

32 G. Orlandi, G. Bigi Bologna 15 ottobre A.S.I.A. INPS e Centro per lImpiego A differenza di A.S.I.A imprese, Asia u.l. non suddivide gli addetti tra dipendenti ed indipendenti. Inps contempla i dipendenti a livello di intera impresa. Chi contempla i dipendenti a livello di u.l. di ogni singolo comune è il Centro per limpiego, che non contempla i titolari. Un quadro completo per gli aggiornamenti degli addetti di ASIA è dato dallintegrazione tra A.S.I.A. e: 1. INPS dipendenti, 2. INPS titolari 3.CENTRI PER LIMPIEGO.

33 G. Orlandi, G. Bigi Bologna 15 ottobre Figura 9 - Aggiornamento di ASIA dallanno n allanno n+1.


Scaricare ppt "G. Orlandi, G. Bigi Bologna 15 ottobre 2009 1 La struttura produttiva dellEmilia-Romagna Una lettura attraverso lArchivio Statistico delle Imprese Attive."

Presentazioni simili


Annunci Google