La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il rebus dei bilanci e degli equilibri comunali ANCI PIEMONTE 1^ Consulta Finanza, istituzione, personale Torino, 6 novembre 2013 Pierluigi Ropolo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il rebus dei bilanci e degli equilibri comunali ANCI PIEMONTE 1^ Consulta Finanza, istituzione, personale Torino, 6 novembre 2013 Pierluigi Ropolo."— Transcript della presentazione:

1

2 Il rebus dei bilanci e degli equilibri comunali ANCI PIEMONTE 1^ Consulta Finanza, istituzione, personale Torino, 6 novembre 2013 Pierluigi Ropolo

3 ropol13 TERMINE PER APPROVAZIONE BILANCIO: 31 DICEMBRE 2013 Per il NOVEMBRE 2013 Per il 2013 … peccato non si usi più la carta-carbone …

4 Di conseguenza il certificato di bilancio 2013, di cui allart. 161 del T.U.E.L. n. 267, deve essere essere trasmesso al Ministero dellInterno entro il 16 dicembre Quanto al questionario della Corte dei Conti, di competenza dellOrgano di Revisione, questanno salta! In via eccezionale la Corte (delibera n. 23 del 14 ottobre 2013 della Sezione Autonomie) non elabora un documento autonomo e raccoglierà i dati di preventivo 2013 insieme al questionario sul rendiconto 2013.

5 ropol13 EQUILIBRI DI BILANCIO

6 ropol13 D.L. 8 aprile 2013, n. 35, art. 10: Il comma 4-quater, lett. b) n. 2), modifica il comma 381 dellart. 1 della legge di stabilità n. 228/2012, aggiungendo il periodo Ove il bilancio di previsione sia deliberato dopo il 1° settembre, per l'anno 2013 e' facoltativa l'adozione della delibera consiliare di cui all'articolo 193, comma 2, del citato testo unico di cui al decreto legislativo n. 267 del ANCI ha chiesto facoltatività anche a chi ha deliberato il bilancio prima del 1° settembre, stante la confusione normativa. Il D.L. 14 agosto 2013, n. 93, allart. 12-bis, conferma invece lobbligatorietà della delibera di salvaguardia a chi ha deliberato prima, ma con termine spostato al 30 novembre, contestualmente allassestamento, comè successo nel Se il bilancio è deliberato a novembre, in delibera si darà atto del contestuale assestamento salvaguardato… SALVAGUARDIA EQUILIBRI

7 ropol13 … nel guado in cui ci troviamo … cosa chiede lANCI ? …

8 ANCI – Ufficio Presidenza 23 settembre 2013 l erogazione immediata della compensazione della prima rata IMU abitazione principale; (FATTO) la chiusura del confronto sui dati del Fondo Sperimentale di Sviluppo 2012 con l integrazione di circa 120 milioni di euro; (FATTO) l adozione dal Mininterno di circolare che estenda la facolt à, e non l obbligo, della delibera di salvaguardia degli equilibri di cui all art. 193 del TUEL; (solo proroga) la proroga del termine del 30 settembre per la restituzione dell anticipazione di tesoreria da mancata riscossione acconto IMU prima casa di cui ad allegato A del D.L. n. 54/2013; (FATTO)

9 ANCI – Ufficio Presidenza 23 settembre 2013 l avvio formale del tavolo di negoziazione per discutere i contenuti del D.L. previsto per met à ottobre che deve regolare le compensazioni per la seconda rata IMU, nonch é i contenuti della legge di stabilit à 2014, che dovr à contenere i seguenti punti: - compensazione IMU prima casa ad aliquote 2013 e non 2012; (forse) - ristoro risorse mancanti dal gettito IMU 2012 (circa 700 milioni) (NO) e riconoscimento a regime dei 300 milioni di IMU immobili comunali; (FATTO) - elaborazione di nuovo tributo (service tax?) che garantisca autonomia e responsabilit à del Comune; (in corso)./.

10 ANCI – Ufficio Presidenza 23 settembre allentamento del Patto di Stabilit à, con onere a carico dello Stato, che lasci massima autonomia ai Comuni per l utilizzo di tale allentamento in investimenti sul territorio; (NO) - esclusione dei Comuni < abitanti dalle regole del Patto; (NO) - la legge di stabilit à 2014 non dovr à contenere alcun ulteriore taglio alle entrate dei Comuni; (??) Infine

11 ANCI – Ufficio Presidenza 23 settembre 2013 l ufficio di Presidenza CHIEDE: 1.Di procedere rapidamente nell approvazione del disegno di legge di riordino istituzionale territoriale, prevedendo che sia collegato all approvazione della legge di stabilit à ; (in corso) 2. Di risolvere la problematica relativa al vincolo sul livello indebitamento: riportando la percentuale ad una soglia di ragionevolezza e sostenibilit à attestabile intorno al 30%. (6% - art. 11-bis D.L. n. 76/2013) 3.Di definire un quadro certo e stabile in materia di riscossione che consenta ai Comuni di fare un passo in avanti in una funzione strategica, migliorando efficienza e capacit à del servizio, garantendo le gestioni dirette e definendo un quadro di regole organico che coniughi l attivit à di riscossione con l attivit à di contrasto con l elusione e l evasione fiscale. (??)

12 ropol13 ARMONIZZAZIONEBILANCI

13 DLgs. 118/ Sistemi contabili (art. 38) DECORRENZA Le disposizioni contenute nel Decreto entreranno in vigore a decorrere dal Ora dal 2015, a sensi art. 9, comma 1, lett. b), D.L. 31 agosto 2013, n. 102.

14 ropol13 - art. 9, comma 4: Con decreto del Ministero dell'economia e delle finanze la sperimentazione puo' essere estesa agli enti che, entro il 30 settembre 2013, presentano la domanda di partecipazione al terzo anno di sperimentazione. Gli enti di cui al presente comma provvedono al riaccertamento straordinario dei residui con riferimento alla data del 1° gennaio 2014, contestualmente all'approvazione del rendiconto D.L. n. 102/13 IMU e lavoro

15 ropol13 - recuperati 670 milioni per i Comuni che nel 2014 sono in sperimentazione; - innalzamento dal 40 al 50 per cento del limite di assunzione del personale a tempo indeterminato e dal 50 al 60 per cento per il personale a tempo determinato. SPERIMENTAZIONE

16 ropol13 Occorre ricordare che: - gli Enti, che saranno ammessi, applicano le norme del D.L. 118/2011 e del D.P.C.M. 28 dicembre 2011 riferite al terzo anno. - il 2 gennaio 2014 gli Enti devono consegnare al Tesoriere il bilancio riclassificato, o, se in esercizio provvisorio, il pluriennale però riclassificato, e la contabilità economica deve essere operativa. - applicano il principio della competenza potenziata. - riuniscono, per il bilancio annuale e pluriennale. - istituiscono il Fondo crediti di dubbia esigibilità in sostituzione del Fondo svalutazione crediti. D.L. n. 102/13 IMU e lavoro

17 ropol13 L ingresso nella sperimentazione comporta: - il coinvolgimento di due enti strumentali (aziende, consorzi, istituzioni, etc), uno in contabilit à finanziaria e uno in patrimoniale; - l adeguamento del software; - l utilizzo diretto del nuovo bilancio armonizzato in termini autorizzatori; - l applicazione del nuovo principio di competenza finanziaria potenziata ; - l istituzione del Fondo crediti di dubbia esigibilit à ; - la disponibilit à del Tesoriere alla sperimentazione. SPERIMENTAZIONE

18 DLgs. 118/ Sistemi contabili Il bilancio di previsione finanziario annuale e pluriennale ha carattere autorizzatorio. Regioni ed enti locali allegano ai propri bilanci e rendiconti lelenco dei propri enti ed organismi strumentali, informando della loro pubblicazione sul proprio sito internet. Le predette amministrazioni comunicano periodicamente, e comunque in sede di rendicontazione, l'elenco delle partecipazioni possedute e il tipo di contabilita' adottato dalle partecipate stesse. BILANCIO DI PREVISIONE decisionale (art. 10)

19 ENTRATASPESA Titoli Titoli Tipologie Tipologie Categorie Categorie Capitoli / Capitoli /articoli Missioni Missioni Programmi Titoli Titoli Macroaggregati Macroaggregati Capitoli / Capitoli /articoli CONSIGLIOCONSIGLIO

20 DLgs. 118/ Sistemi contabili Il decreto di cui al primo periodo prevede la sperimentazione della tenuta della contabilita' finanziaria sulla base di una configurazione del principio della competenza finanziaria secondo la quale le obbligazioni attive e passive giuridicamente perfezionate, che danno luogo a entrate e spese per l'ente di riferimento sono registrate nelle scritture contabili con l'imputazione all'esercizio nel quale esse vengono a scadenza, ferma restando, nel caso di attivita' di investimento che comporta impegni di spesa che vengono a scadenza in piu' esercizi finanziari, la necessita' di predisporre, sin dal primo anno, la copertura finanziaria per l'effettuazione della complessiva spesa dell'investimento. Ai fini della sperimentazione il bilancio di previsione annuale e il bilancio di previsione pluriennale hanno carattere autorizzatorio, costituendo limite agli impegni di spesa, fatta eccezione per le partite di giro, i servizi per conto di terzi e per i rimborsi delle anticipazioni di cassa. NUOVA COMPETENZA (art. 36)

21 DLgs. 118/ Sistemi contabili Per i comuni con popolazione inferiore a 5000 abitanti possono essere sperimentati sistemi di contabilita' e schemi di bilancio semplificati. La tenuta della contabilita' delle amministrazioni coinvolte nella sperimentazione e' disciplinata dalle disposizioni di cui al Titolo I e al decreto di cui al presente comma, nonche' dalle discipline contabili vigenti alla data di entrata in vigore del presente decreto, in quanto con esse compatibili. Al termine del primo esercizio finanziario in cui ha avuto luogo la sperimentazione e, successivamente, ogni sei mesi, il Ministro dell'economia e delle finanze trasmette alle Camere una relazione sui relativi risultati. Nella relazione relativa all'ultimo semestre della sperimentazione il Governo fornisce una valutazione sulle risultanze della medesima sperimentazione, anche ai fini dell'attuazione del comma 4. NUOVA COMPETENZA (art. 36)

22 1. Aggiornamento inventari (beni immobili e mobili) 2. Revisione straordinaria residui attivi e passivi 3. Vincolo in avanzo di amm.ne delle economie in c/capitale 4. Verifica residui attivi, ruoli e recupero coattivo 5. Verifica vincoli sul fondo di cassa 6. Indicazione scadenza ad ogni impegno residuo 7. Primo approccio al bilancio consolidato 8. Confronto capitoli di PEG con nuovo piano dei conti e conseguente riorganizzazione dei servizi 9. Redazione cronoprogramma ad ogni opera pubblica 10. Formazione del personale (non solo di ragioneria) LE COSE DA FARE SUBITO … O QUASI

23 1. Snobbare contenuti e temi della riforma 2. Non sperimentare già nel 2014 il principio di competenza potenziata 3. Limitarsi a delegare la formazione del nuovo software alla softwarehouse e a riclassificare il bilancio 4. Rinviare ogni attività al Non rinnovare i processi organizzativi e decisionali 6. Demandare tutto allUfficio Ragioneria 7. Trascurare gli effetti (mega avanzi o disavanzi) di una chiusura dei conti con la competenza potenziata 8. Non curare i rapporti con gli organismi partecipati GLI ERRORI DA NON COMMETTERE

24 ropol13 RAPPORTI CON LO STATO

25 ropol13 … i fondi e i tagli …

26 Fondo Solidarietà Comunale 2013 =

27 ropol13 Legge di stabilità n. 228/2012 Il comma 380, dal 2013: - sopprime il Fondo Sperimentale di Riequilibrio (lettera e); - istituisce il Fondo di Solidarietà, che compensa la rivoluzione IMU dal 2013 (lettera b), la cui alimentazione e distribuzione è demandata ad apposito D.MEF, da emanarsi entro il 30 aprile 2013 !! Fondi

28 Fondo di solidarietà Il DPCM definisce la consistenza, nonché i criteri di formazione e di riparto, del fondo, quantificando la quota di Imu comunale da versare. Il riparto tiene conto, per il 2013: 1) del maggiore o minore gettito derivante dalle modifiche apportate alla disciplina dellImu; 5) della diversa incidenza delle risorse di cui ai soppressi fondo sperimentale di riequilibrio e trasferimenti erariali sulle risorse complessive per l'anno 2012; 6) delle riduzioni di cui allart. 16, comma 6, del D.L. 95/2012; 7) dell'esigenza di limitare le variazioni, in aumento ed in diminuzione, delle risorse disponibili ad aliquota base, attraverso l'introduzione di un'appropriata clausola di salvaguardia che dovrebbe operare a livello di singolo ente. Dal 2014 dovrà tenere conto anche: 2) della definizione dei costi e dei fabbisogni standard; 3) della dimensione demografica e territoriale; 4) della dimensione del gettito dell'Imu ad aliquota base di spettanza comunale.

29 ropol13 Legge di stabilità n. 228/2012 E alimentato: - per 4.717,9 mln di euro dai Comuni attraverso prelievo dallIMU comunale in base a DPCM da emanare entro 30 aprile 2013 (c. 380, lett. b); (saranno trattenuti direttamente dallAgenzia delle entrate sui saldi IMU di dicembre 2013 – sono il 30,76% dellIMU lorda spettante) - per 2.256,44 mln di euro dal bilancio dello Stato (c. 380, lett. c) – art. 10, c. 2, lett. e) D.L. n. 35/2013). In totale circa 6.974,34.. Fondo di Solidarietà

30 … in linea di larga massima: FSR 2012 FSR IMU comunale 2012 IMU comunale 2012 aliquota base Quota taglio Spending Review 2013 = Fondo solidarietà IMU comunale 2013 Aliquota base

31 … ovvero: FSR 2012 FSR IMU comunale 2012 IMU comunale 2012 aliquota base Quota taglio Spending Review 2013 = Fondo solidarietà IMU comunale 2013 Aliquota base

32 ropol13 - è pari alle risorse attribuite ai Comuni delle RSO per gli importi divulgati dal Min.interno in data 27 giugno 2013, al lordo del taglio da spending review e al netto minore riduzione 120 mln da comma 17 art. 13 DL 201/2011 per effetto art. 34, comma 37, D.L. 179/2012; … dove: FSR 2012 FSR 2012 IMU comunale 2012 IMU comunale 2012 aliquota base - è pari agli importi pubblicati sul portale Federalismo Fiscale in data 31 maggio 2013;

33 ropol13 … dove: - è pari agli importi determinati dal Ministero delleconomia, al lordo del gettito prima casa, tenendo conto delle modifiche IMU di cui alla legge di stabilità Quota taglio Spending Review è pari agli importi definiti con Decreto Ministro interno del 24 settembre 2013, in base ai consumi intermedi ; - a questa occorre aggiungere il taglio 2012 per gli enti < abitanti e per la quota non utilizzata per estinzione di debito a sensi del comma 6-bis dellart. 16 del D.L. 95/2012 dagli enti- patto. IMU comunale 2013 Aliquota base

34 ropol13 Lart. 2 del D.L. 15 ottobre 2013, n. 120, la cosiddetta manovrina, ha riconosciuto, per il solo anno 2013, un contributo per un importo complessivo di 120 milioni ai Comuni secondo la tabella allegata A (comma 1). Il detto contributo, da annotare nel Titolo II dellentrata, non è utile ai fini del patto di stabilità (comma 2)

35 … fondi 2013 da ricevere: TOTALE Acconto Fondo solidarietà set 2013 solidarietà set Acconto Fondo solidarietà feb 2013 solidarietà feb Saldo Fondo Saldo Fondo solidarietà nov 2013 solidarietà nov Stato in mln Comune In euro

36 … fondi 2013 da ricevere: RIMBORSO ACCONTO RIMBORSO ACCONTO IMU 1^ CASA ? ? ? ? Rimborso IMU immobili comunali 2012 e Stato in mln Comune In euro RIMBORSO SALDO RIMBORSO SALDO IMU 1^ CASA ? ?

37 FSR 2012 FSR ,38% fabbricati D 0,38% fabbricati D 2012 aliquota base 2012 aliquota base Quota taglio Spending Review 2013 = Accesso al Fondo solidarietà 2013 Fondo solidarietà … se negativo : % altri immobili 0.38% altri immobili non D 2012 … se positivo : = Rimborso al Fondo solidarietà 2013 (ca. 169 mln) … prima contavamo così : … adesso invece :

38 FSR 2012 FSR 2012 Quota taglio Quota taglio Spending Review 2013 e taglio 2012 se dovuto Risorse standard Riduzione 120 mln Riduzione 120 mln per terremoto Risorse standard LE RISORSE STANDARD : FSR 2012 FSR

39 Quota Comune 2012 Quota Comune 2012 IMU standard Comune LA STIMA DEL GETTITO IMU STANDARD 2013 Quota Stato 2012 Quota Stato Cat. D Cat. D -

40 - FSC 2013 lordo … se negativo : - Alimentaz. FCS Alimentaz. FCS30,76% … se positivo : Rimborso al Fondo solidarietà LA COMPOSIZIONE DELLE RISORSE 2013 Risorse standard IMU standard Comune 2013 = FSC 2013 o rimborso netto

41 ropol13 Restano ancora da prevedere, accertare e poi riscuotere (se non ancora riscosso): il reintegro della riduzione dei 120 milioni tolti per terremoto Emilia; - rimborso IMU su immobili comunali, 330 mln per 2013 ex D.L. n. 35/2013. Entrambe le entrate non sono valide ai fini del Patto di stabilità Naturalmente è ancora in ballo la questione saldo IMU TRASFERIMENTI STATO

42

43

44

45

46

47 ropol13 Le allocazioni in bilancio Entrate IMU 2013 lorda Fondo solidarietà comunale lordo Rimborso acconto IMU 1^ casa Rimborso IMU immobili comunali Titolo 1° Titolo 1° Titolo 2°

48 ropol13 Le allocazioni in bilancio Spese Rimborso acconti IMU eccedenti le spettanze Finanziamento FSC – 30,76% Titolo 1° - intervento 5 – trasferimenti allo Stato

49 ropol13 D.D. LEGGE DI STABILITA 2014

50 ropol13 - Stop all aumento IVA per le imprese sociali - L IVA resta al 4%. La legge di stabilit à 2013 di euro prevedeva che a partire dal prossimo anno scattasse dal 4 al 10% l aumento dell aliquota IVA di asili, ospizi e Residenze Sanitarie Assistenziali, assistenza domiciliare, comunit à per minori, centri - per disabili ecc. gestiti dalle cooperative sociali. L aumento è stato cancellato: l IVA resta al 4%. Stanziati 130 milioni per questa finalit à. D.D.L. STABILITA 2014 (A.S. 1120) (Nota sintesi Il sole24h )

51 ropol13 D.D.L. STABILITA 2014 (A.S. 1120) Allentamento dei vincoli del Patto di Stabilit à per Province e Comuni Si prevede che nel Patto di Stabilit à per gli enti locali non siano considerati – per un importo complessivo di 1 miliardo di di euro per il 2014 – i pagamenti in conto capitale (ossia quelli destinati agli investimenti) sostenuti dai Comuni. Per accelerare, inoltre, il percorso gi à in atto, il pagamento dei debiti pregressi degli enti territoriali (Regioni, Province, Comuni) relativi a spese in conto capitale è escluso dal Patto di Stabilit à interno, per complessivi 500 milioni di euro nel È fatto divieto a Regioni ed enti locali di: stipulare contratti relativi a strumenti finanziari derivati; rinegoziare derivati gi à in essere alla data di entrata in vigore della legge; stipulare contratti di finanziamento che includono componenti derivate.

52 ropol13 D.D.L. STABILITA 2014 (A.S. 1120) LA NUOVA SERVICE TAX "Vedo, pago, voto". Con la Legge di Stabilit à arriva finalmente il riordino del sistema di tassazione locale che pone l Italia in linea con gli standard europei. Nel complesso l operazione consentir à un alleggerimento del carico tributario sugli immobili pari ad 1 miliardo di euro. La cifra verr à infatti trasferita dallo Stato ai Comuni che dunque non subiranno perdite di risorse. Saranno i sindaci a decidere le modalit à attraverso le quali applicare gli sgravi.

53 ropol13 D.D.L. STABILITA 2014 (A.S. 1120) LA NUOVA SERVICE TAX La nuova Service Tax avr à due gambe: La tassa che serve a coprire i costi del servizio di raccolta rifiuti (TARI). È calcolata in base ai metri quadrati o alla quantit à di rifiuti e la versa chi occupa l immobile. La tassa sui servizi indivisibili offerti dai comuni (TASI). È calcolata sul valore catastale ed è pagata dai proprietari. Nel caso di immobili affittati il conduttore partecipa per una piccola quota, tra il 10 e il 30%.

54 ropol13 D.D.L. STABILITA 2014 (A.S. 1120) LA NUOVA SERVICE TAX Sulla prima casa al posto di IMU e TARES si verser à la tassa sui servizi municipali. Per la parte riferita ai servizi indivisibili, per il 2014 l aliquota massima è fissata al 2,5 per mille. Per le altre propriet à immobiliari il Comune potr à riscuotere l imposta relativa ai servizi indivisibili insieme all IMU, ma la somma tra le due non potr à essere superiore alla cifra prevista applicando l attuale aliquota massima dell IMU.

55 PROPOSTE ANCI 1) rendere strutturale l allentamento del patto di stabilit à di un miliardo, ridurre gradualmente la manovra imposta ai Comuni in termini di patto ed introdurre a regime la golden rule ; 3) escludere dai vincoli relativi al patto di stabilit à interno i comuni con popolazione compresa tra i 1000 e i 5000 abitanti; 4) eliminare le sanzioni poste a carico degli enti locali in conseguenza dell assoggettamento al patto di stabilit à interno delle societ à, aziende speciali ed istituzioni degli enti locali; 5) regolamentare gli strumenti di finanza derivata al fine di favorire una maggiore trasparenza e tutelare il contraente debole;

56 PROPOSTE ANCI 6) ripristinare un livello appropriato di detrazioni per abitazione principale applicabili alla TASI, mettendo a disposizione dei comuni le opportune risorse; 7) aumentare le risorse statali che confluiscono nel FSC a fini di contenimento della pressione fiscale TASI ovvero innalzare il livello di manovrabilit à dell aliquota; 8) decidere immediatamente le soluzioni riguardanti la seconda rata dell IMU per l abitazione principale, tenendo conto del gettito derivante dalle variazioni di aliquota decise dai Comuni negli anni 2012 e 2013; 9) escludere il criterio dai Fabbisogni Standard dal riparto del Fondo di Solidariet à e varare al pi ù presto un sistema perequativo maturo e condiviso.

57 GRAZIE E ARRIVEDERCI Pierluigi Ropolo


Scaricare ppt "Il rebus dei bilanci e degli equilibri comunali ANCI PIEMONTE 1^ Consulta Finanza, istituzione, personale Torino, 6 novembre 2013 Pierluigi Ropolo."

Presentazioni simili


Annunci Google