La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ritardo LUNEDI 6 Maggio 2013: CATECHESI PER GLI ADULTI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ritardo LUNEDI 6 Maggio 2013: CATECHESI PER GLI ADULTI."— Transcript della presentazione:

1 ritardo LUNEDI 6 Maggio 2013: CATECHESI PER GLI ADULTI

2 IN CHI CREDIAMO? ritardo

3 Con la morte l'anima viene separata dal corpo, ma nella risurrezione Dio tornerà a dare la vita incorruttibile al nostro corpo trasformato, riunendolo alla nostra anima. Come Cristo è risorto e vive per sempre, così tutti noi risusciteremo nell'ultimo giorno. ritardo

4 Non la risurrezione dei corpi (ritorno dei corpi di carne), bensì delle persone, ( > [1Cor. 15, 50]), bensì nella diversità specifica della vita della risurrezione, così come si è manifestata nel Signore risorto. ritardo

5 Comprendere come avverrà la risurrezione supera le possibilità della nostra immaginazione e del nostro intelletto. C.c.c ; ritardo

6 E la fine del pellegrinaggio terreno dell'uomo, è la fine del tempo della grazia e della misericordia che Dio gli offre per realizzare la sua vita terrena secondo il disegno divino e per decidere il suo destino ultimo. Quando è « finito l'unico corso della nostra vita terrena », 597 noi non ritorneremo più a vivere altre vite terrene. « È stabilito per gli uomini che muoiano una sola volta » (Eb 9,27). Non c'è « reincarnazione » dopo la morte. ritardo

7 Grazie a Cristo, la morte cristiana ha un significato positivo. « Per me il vivere è Cristo e il morire un guadagno » (Fil 1,21). « Certa è questa parola: se moriamo con lui, vivremo anche con lui » (2 Tm 2,11). ritardo

8 Gesù, il Figlio di Dio, ha liberamente subìto la morte per noi in una sottomissione totale e libera alla volontà di Dio, suo Padre. Con la sua morte ha vinto la morte, aprendo così a tutti gli uomini la possibilità della salvezza. C.c.c.1019 ritardo

9 La vita eterna è quella che inizierà subito dopo la morte. Essa non avrà fine. Sarà preceduta per ognuno da un giudizio particolare ad opera di Cristo, giudice dei vivi e dei morti, e sarà sancita dal giudizio finale. ritardo

10 La parola ebraica Amen, che conclude anche l'ultimo libro della Sacra Scrittura, alcune preghiere del Nuovo Testamento e quelle liturgiche della Chiesa, significa il nostro «sì» fiducioso e totale a quanto abbiamo professato di credere, fidandoci totalmente di colui che è l'« Amen » (Ap 3,14) definitivo: Cristo Signore. ritardo

11 Io credo che Dio "è" amore Io credo che Egli "è'" famiglia Padre, Figlio, Spirito Santo tre persone totalmente unite dall'amore che fanno uno. Credo che Dio è felicità infinita perché è amore infinito. Io credo che la creazione è frutto dell'amore perché l'amore vuol far partecipare alla sua felicità. Io credo che ogni uomo, prima ancora di esistere, è amato personalmente e infinitamente da Dio e che sarà sempre amato, quali che siano la sua faccia e i cammini della sua vita. Io credo che l'uomo è pensiero d'amore di Dio, fatto carne, e che questa immagine di Dio in lui può essere sfigurata ma non può mai essere distrutta. Io credo che l'uomo fatto per mezzo dell'amore è stato creato per l'amore e dunque libero e invitato alla felicità infinita dell'amore. ritardo

12 Io credo che Dio ha donato tutta la creazione agli uomini perché insieme ne prendano possesso, la completino e la mettano al servizio di tutti. Io credo che Dio ha creato l'uomo creatore con Lui per mezzo della famiglia umana, immagine della sua famiglia e libero di far sgorgare la vita o di rifiutarla. Io credo che "Dio ha tanto amato il mondo che ha inviato il suo figlio nel mondo" e che così l'amore infinito ha preso, in Maria, volto d'uomo, corpo d'uomo cuore di uomo Gesù di Nazareth trentatre anni di vita, che è piantato al centro della storia umana e la ricopre intera. Io credo che Gesù, perché è uomo, è fratello di tutti gli uomini perché è fratello di tutti gli uomini, è solidale con i loro peccati, il non-amore, e soffre delle loro sofferenze così come ha sofferto le proprie.

13 Io credo che Gesù, dando la sua vita per amore dei suoi fratelli, ha ridato a ognuno di noi e all'umanità intera tutto l'amore da noi sprecato e che, restituendo l'amore, ci ha restituito la vita. Io credo che Gesù ha traversato la morte, che è vivo tra noi fino alla fine dei tempi e che gli uomini, per mezzo di Lui e in Lui, possono vivere la vita che non finirà. Io credo che i credenti e amanti di Gesù formano insieme un grande popolo, una grande comunità: la Chiesa. Io credo che questa comunità-chiesa, di cui sono membro in Gesù e con i miei fratelli, è, per opera nostra, povera e peccatrice e che non ha saputo conservare la sua unità. Ma io credo che è chiamata ad essere Santa una e segno dell'amore. Io credo che Gesù ha voluto per lei dei responsabili, e che questi responsabili sono degli uomini e dunque che sono peccatori e possono sbagliare. Ma li rispetto e li amo perché Gesù li ha voluti, scelti, chiamati, e che il suo spirito li accompagna per i lunghi cammini della storia.

14 Io credo che lo Spirito di Gesù, lo Spirito Santo, è soffio d'amore. Che viene incontro all'uomo - libero - libertà che può aprirsi a Lui per accoglierlo lasciarsi invadere da Lui, permeare da Lui ed essere inviato verso gli altri. Soffio d'amore che unisce l'uomo all'uomo gli uomini agli uomini e all'universo e che costituisce il "Regno del Padre". Regno d'amore radicato nell'oggi della storia umana per fiorire domani nell'amore trinitario. Io credo che l'amore non può morire, perché viene da Dio e ritorna a Dio, passando attraverso l'uomo libero che si apre, riceve e a sua volta ridona. AMEN

15 BUONA ESTATE… A cura del Parroco Don Adriano D Amore. Ad Ottobre riprenderemo il percorso di formazione sulle altre verità di Fede


Scaricare ppt "Ritardo LUNEDI 6 Maggio 2013: CATECHESI PER GLI ADULTI."

Presentazioni simili


Annunci Google