La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Il bilancio degli enti locali Novembre 2009. 2 Il bilancio di previsione E' il documento contabile che contiene tutte le entrate e le spese di competenza.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Il bilancio degli enti locali Novembre 2009. 2 Il bilancio di previsione E' il documento contabile che contiene tutte le entrate e le spese di competenza."— Transcript della presentazione:

1 1 Il bilancio degli enti locali Novembre 2009

2 2 Il bilancio di previsione E' il documento contabile che contiene tutte le entrate e le spese di competenza dell'anno, cioè : le entrate che l'ente prevede di accertare le spese che l'ente prevede di impegnare

3 3 I principi contabili Unità ( il totale delle entrate finanzia indistintamente, salvo le eccezioni di legge, il totale delle spese) Annualità ( unità temporale è l'anno finanziario che coincide con anno solare 1° gennaio /31 dicembre ) Universalità ( vietate le gestioni fuori bilancio e contabilità separate)

4 4...i principi contabili Integrità ( entrate vanno iscritte al lordo delle spese di riscossione /le spese per il loro importo integrale) veridicità ed attendibilità ( le previsioni devono essere realistiche, supportate da analisi riferite ad un arco temporale o altri parametri ) Pubblicità ( va assicurata la conoscenza ai cittadini ed agli organismi di partecipazione )

5 5 il carattere autorizzatorio ha carattere autorizzatorio, nel senso che le previsioni costituiscono limite agli impegni di spesa ( se una spesa non è prevista non può essere assunta, prima bisogna fare una variazione al bilancio )

6 6 La struttura Si divide in due parti : Entrata Spesa

7 7 Le entrate Sono ordinate gradualmente in: TITOLI (Fonte di provenienza) CATEGORIE (Tipologia dell'entrata) RISORSE (Specifica individuazione oggetto dell'entrata)

8 8 I titoli delle entrate: le entrate correnti I Entrate tributarie II Entrate da trasferimenti correnti dallo Stato, dalla Regione, da altri enti pubblici III Entrate extratributarie

9 9...i titoli delle entrate: le entrate in conto capitale IV Entrate da alienazione e trasferimenti di capitale e riscossione crediti V Entrate da accensione di prestiti

10 10...i titoli delle entrate VI Entrate per servizi per conto di terzi

11 11 Entrate tributarie

12 12 Entrate da trasferimenti correnti

13 13 Entrate extra tributarie

14 14 Entrate da alienazioni, trasf. capitale riscossione crediti

15 15 Le entrate da accensione di prestiti

16 16 Le entrate per servizi per conto terzi Si suddividono solo in CAPITOLI: ritenute previdenziali e assistenziali al personale; ritenute erariali; altre ritenute al personale per conto terzi; depositi cauzionali; rimborso spese per servizi per conto di terzi; rimborso di anticipazioni di fondi per il servizio economato; depositi per spese contrattuali

17 17 Le spese Sono ordinate gradualmente in: TITOLI ( principali aggregati della spesa ) FUNZIONI ( funzioni dellente) SERVIZI ( reparto organizzativo semplice o complesso, composto da persone e mezzi) INTERVENTI ( natura economica dei fattori produttivi)

18 18 I titoli della spesa I Spese correnti II Spese in conto capitale III Spese per il rimborso di prestiti IV Spese per servizi per conto terzi

19 19 Le funzioni e i servizi 12 Funzioni 51 Servizi

20 20 Le funzioni 01 Funzioni generali, di amministrazione, di gestione e di controllo 02 Funzioni relative alla giustizia 03 Funzioni di polizia locale 04 Funzioni di istruzione pubblica 05 Funzioni relative alla cultura e ai beni culturali

21 21 Le funzioni 06 Funzioni nel settore sportivo e ricreativo 07 Funzioni nel campo turistico 08 Funzioni nel campo viabilità e trasporti 09 Funzioni riguardanti la gestione del territorio e dellambiente 10 Funzioni nel settore sociale 11 Funzioni nel campo sviluppo economico 12 Funzioni relative ai servizi produttivi

22 22 Alcuni esempi

23 23...alcuni esempi

24 24...alcuni esempi

25 25 Gli interventi delle spese correnti Spese personale Acquisto beni Prestazioni di servizi Utilizzo beni di terzi Trasferimenti Interessi ed oneri finanziari Imposte e tasse Ammortamenti

26 26...g li interventi delle spese correnti Fondo svalutazione crediti Fondo di riserva

27 27 Gli interventi delle spese di conto capitale Acquisizione di beni immobili Espropri e servitù Acquisto di beni per realizzaz. in economia Utilizzo beni di terzi per realizzaz. in economia Acquisizione di beni mobili, arredi ed attrez.

28 28...g li interventi delle spese di conto capitale Incarichi professionali esterni Trasferimenti di capitale Partecipazioni azionarie Conferimenti di capitale Concessioni di crediti

29 29 G li interventi delle spese per rimborso di prestiti Rimborso per anticipazioni di cassa Rimborso di finanziamenti a breve Partecipazioni azionarie Rimborso di prestiti obbligazionari Rimborso quota capitale di debiti pluriennali

30 30 Risorse ed interventi Ciascuna risorsa e ciascun intervento indicano: a) ammontare di accertamenti ed impegni che risultano dal rendiconto del penultimo anno precedente all'esercizio di riferimento b) la previsione aggiornata dell'anno in corso; c) c) ammontare delle entrate che si prevede di accertare e delle spese che si prevede di impegnare;

31 31 quindi... Il bilancio di previsione per il 2010 indica : a) ammontare di accertamenti ed impegni del rendiconto dell'anno 2008 b) la previsione aggiornata dell'anno 2009; c) ammontare delle entrate che si prevede di accertare e delle spese che si prevede di impegnare nell'anno 2010;

32 32 Gli equilibri del bilancio pareggio finanziario complessivo di parte corrente o economico di conto capitale dei movimenti finanziari delle partite di giro

33 33 Equilibrio complessivo Totale entrate = Totale spese

34 34 Equilibrio di parte corrente o economico Entrate correnti (Titoli I,II,III) = o > Spese correnti (titolo I)+ Spese per rimborso prestiti (titolo III)

35 35..equilibrio di parte corrente o economico Se entrate correnti sono > Spese correnti + rimborso prestiti si ha avanzo economico

36 36...equilibrio di parte corrente o economico Sono ammesse eccezioni per legge: a) applicazione dei proventi per permessi a costruire (max 75%) b) plusvalenze da alienazioni a rimborso delle quote capitali dei prestiti

37 37 Equilibrio dei movimenti finanziari Le concessioni di crediti = le riscossioni di crediti

38 38 Equilibrio di conto capitale Entrate conto capitale (Titoli IV+V) = Spese investimento (titolo II)

39 39...equilibrio di conto capitale Le spese di investimento possono essere > delle entrate in conto capitale in presenza di a) avanzo economico b) avanzo di amministrazione

40 40 Equilibrio delle partite di giro Le entrate da servizi per conto di terzi ( Titolo VI) = le spese per i servizi per conto di terzi (titolo IV)

41 41 Le variazioni di bilancio Durante l'anno (fino al 30 novembre) possono essere approvate variazioni al bilancio di previsione per sopravvenute esigenze.Le variazioni possono consistere in : a) maggiori entrate che finanziano maggiori spese b) storni nelle spese Le variazioni devono rispettare gli equilibri previsti per il bilancio

42 42 La variazione di assestamento generale Con questa variazione si attua la verifica generale di tutte le entrate e le spese, compreso il fondo di riserva, per assicurare il mantenimento del pareggio finanziario. La deliberazione è di competenza esclusiva del Consiglio comunale. In questa sede può essere applicato l'avanzo di amministrazione dell' esercizio precedente a finanziamento di ulteriori spese correnti

43 43 I l fondo di riserva E' iscritto nelle spese correnti (titolo I, funzione 01, altri servizi generali) Non può essere inferiore allo 0,3% e maggiore al 2% del totale delle spese correnti previste inizialmente nel bilancio di previsione Viene utilizzato per integrare gli stanziamenti di spese corrente insufficienti o per esigenze straordinarie di bilancio

44 44 Il fondo di riserva Il prelevamento è di competenza della giunta comunale La deliberazione va comunicata al Consiglio comunale È possibile fare prelevamenti fino al 31 dicembre

45 45 Il patto di stabilità Sono soggetti le Province ed i Comuni con popolazione superiore ai 5 mila abitanti che hanno l'obbligo di ottenere un determinato saldo finanziario (obiettivo programmatico) Il bilancio deve garantire il rispetto del patto di stabilità interno già in sede di previsione e in tutte le sue successive variazioni

46 46 Il saldo finanziario E' calcolato in termini di competenza mista, cioè: a) per la parte corrente ( Titolo I,II,III entrate e titolo I delle spese ) dalla differenza tra accertamenti e impegni b) per la parte in conto capitale (titolo IV dell'entrata e titolo II della spesa) dalla differenza tra incassi e pagamenti (anche in conto residui), al netto delle entrate e spese derivanti da concessioni di crediti

47 47 Le esclusioni Sono perciò esclusi a) per la parte entrata : l'avanzo di amministrazione e le entrate da indebitamento (titolo V) b) per la parte spesa: le spese per il rimborso di prestiti (titolo III)

48 48 L'obiettivo programmatico del triennio 2009/2011 Ogni ente ha un proprio obiettivo da raggiungere che varia in relazione a: a) segno algebrico del saldo finanziario dell'anno 2007 b) se è stato o meno rispettato il patto di stabilità nell'anno 2007

49 49 Enti che hanno rispettato il patto nel 2007 a)con saldo finanziario positivo: il saldo può essere peggiorato del 10% per il 2009 e il % per il 2012 b)con saldo finanziario negativo: il saldo deve essere migliorato del 48% per il % per il % per il 2012

50 50 Enti che non hanno rispettato il patto nel 2007 a)con saldo finanziario positivo: il saldo deve essere mantenuto per tutto il triennio b)con saldo finanziario negativo: il saldo deve essere migliorato del 70% per il % per il % per il 2012

51 51 Le sanzioni Se a consuntivo l'obiettivo non è raggiunto scattano sull'esercizio successivo le seguenti sanzioni: riduzione dei trasferimenti erariali limite all'assunzione di impegni per spese correnti divieto di indebitamento per spese di investimento divieto di assunzioni a qualsiasi titolo riduzione delle indennità per gli amministratori

52 52 Gli allegati al bilancio Bilancio pluriennale Relazione previsionale e programmatica Piano delle opere pubbliche Piano delle alienazioni e valorizzazioni del patrimonio Rendiconto del penultimo esercizio precedente Bilancio delle o rendiconto delle aziende, partecipate e consorzi costituiti per esercizio pubblici servizi Deliberazioni delle tariffe, aliquote ecc. e tasso di copertura dei servizi a domanda individuale Deliberazione con la quale si verificano quantità e qualità aree e fabbricati da destinare alla residenza, attività produttive e terziarie da cedere in diritto di proprietà o di superficie Tabella parametri di deficitarietà strutturale

53 53 La gestione delle entrate Avviene attraverso le seguenti fasi: accertamento riscossione versamento

54 54 L' accertamento In base ad idonea documentazione si determina : Motivo del credito Esistenza idoneo titolo giuridico Individuazione del debitore La somma da incassare La scadenza

55 55...l' accertamento Avviene con : Emissione di ruoli o altre forme stabilite dalla legge (per le entrate tributare) Emissione liste carico o acquisizione diretta (per le entrate patrimoniali o da servizi) Contratti,atti giudiziari o atti amministrativi

56 56...l' accertamento Il responsabile del servizio trasmette al responsabile del servizio finanziario la documentazione per la registrazione contabile dell'accertamento secondo le modalità previste nel regolamento di contabilità.

57 57 La riscossione E' l'introito da parte del tesoriere delle somme dovute all'ente Avviene attraverso l'ordinativo di incasso (reversale) trasmesso al tesoriere che indica: il debitore, la somma, la causale, la risorsa o capitolo, i codici di bilancio e Siope, il riferimento alla competenza o ai residui Il tesoriere deve accettare gli incassi anche in assenza di reversale

58 58 Il versamento E' il trasferimento delle somme incassate sul conto di tesoreria dell'ente

59 59 I residui attivi Le somme accertate e non incassate entro il termine dell'esercizio finanziario confluiscono nell'esercizio successivo.

60 60 La gestione delle spese Avviene attraverso le seguenti fasi: impegno liquidazione ordinazione pagamento

61 61 L'impegno A seguito di obbligazione giuridicamente perfezionata si determina: a) la somma da pagare b) il creditore c) la ragione e) si costituisce il vincolo sulle previsioni di bilancio nell'ambito della disponibilità accertata

62 62...l'impegno L'impegno è assunto con : determina dirigenziale delibera di giunta delibera di consiglio comunale

63 63...l'impegno Con l'approvazione del bilancio si costituisce impegno automatico per : Trattamento economico personale Rate di ammortamento dei mutui Spese dovute in base a contratti o disposizione di legge

64 64...l'impegno Gli atti che assumo impegni di spesa devono riportare : il visto di regolarità contabile per le determinazioni il parere di regolarità contabile per le deliberazioni

65 65...l'impegno Il visto o il parere hanno lo scopo di accertare la copertura della spesa nel bilancio dell'ente. Fino a quando non sono espressi non si può dare esecuzione all'atto

66 66...l'impegno Il responsabile del servizio, ottenuto il visto, può ordinare la spesa e comunicare contestualmente al terzo interessato l'impegno e la copertura finanziaria ( capitolo di imputazione).

67 67...l'impegno Per le spese in conto capitale se entro la fine dell'anno il responsabile non assume formale impegno, esso è assunto d'ufficio dal responsabile del servizio finanziario nei limiti dell'entrata accertata che le finanzia Durante l'anno possono essere prenotati impegni relativi a procedere di gara, in tal caso la prenotazione assume valore di impegno se non si conclude entro il termine dell'esercizio

68 68 La liquidazione E' la fase con la quale il responsabile del servizio che ha dato esecuzione alla spesa determina la somma certa e liquida da pagare al fornitore nei limiti dell'impegno acquisito. Consiste nella verifica della regolarità della fornitura o prestazione del servizio e della rispondenza alle condizioni economiche pattuite. Termina con l'emissione dell'atto di liquidazione e la sua trasmissione al responsabile del servizio finanziario

69 69 L'ordinazione Il responsabile del servizio finanziario dopo aver riscontrato la regolarità della liquidazione (corretta imputazione in bilancio, regolarità fiscale ) emette l'ordinativo di pagamento (c.d. mandato). L'ordinativo è la disposizione impartita al tesoriere di provvedere al pagamento. Il mandato deve indicare: creditore, somma, imputazione di bilancio, codici, scadenza.

70 70 Il pagamento Avviene a cura del tesoriere che provvede al pagamento materiale a favore del creditore. Il tesoriere verifica la capienza dello stanziamento di bilancio.

71 71 I residui passivi Impegni non pagati entro la fine dell'anno Confluiscono a tale titolo nell'esercizio finanziario successivo.


Scaricare ppt "1 Il bilancio degli enti locali Novembre 2009. 2 Il bilancio di previsione E' il documento contabile che contiene tutte le entrate e le spese di competenza."

Presentazioni simili


Annunci Google