La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PERMESSO PERsistent MESSaging in ad hOc networks Corso di Reti di Calcolatori L-S AA 2005-2006 Presentazione di Roberto Gamboni Progetto di Giuseppe Vitalone,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PERMESSO PERsistent MESSaging in ad hOc networks Corso di Reti di Calcolatori L-S AA 2005-2006 Presentazione di Roberto Gamboni Progetto di Giuseppe Vitalone,"— Transcript della presentazione:

1 PERMESSO PERsistent MESSaging in ad hOc networks Corso di Reti di Calcolatori L-S AA Presentazione di Roberto Gamboni Progetto di Giuseppe Vitalone, Melli Michele, Roberto Gamboni e Valentina Bonsi Prof. Antonio Corradi Tutor Eugenio Magistretti

2 Sommario Introduzione Manet Introduzione Manet PERMESSO: struttura e progetto PERMESSO: struttura e progetto Discovery Discovery Replicazione Replicazione Presence awareness Presence awareness Sviluppi futuri Sviluppi futuri

3 Cosa è una MANET Mobile ad hoc networks (MANETs) come reti ad-hoc di dispositivi mobili Mobile ad hoc networks (MANETs) come reti ad-hoc di dispositivi mobili Assenza di infrastruttura di comunicazione Assenza di infrastruttura di comunicazione Elevata dinamicità: la topologia della MANET cambia in continuazione in base agli spostamenti dei nodi. Elevata dinamicità: la topologia della MANET cambia in continuazione in base agli spostamenti dei nodi.

4 PERMESSO: progetto Instant Messaging su MANET Instant Messaging su MANET Solo distanze 1-Hop Solo distanze 1-Hop J2ME J2ME Serializzazione fatta ad-hoc Serializzazione fatta ad-hoc Utilizzo di broadcast Utilizzo di broadcast

5 PERMESSO: struttura Discovery & Presence Awareness Chat SincronaChat Asincrona Instant messaging fra utenti presenti nella MANET con scambio reliable di messaggi Messaggistica persistente per utenti non presenti contemporaneamente nella MANET Gestione dellentrata, delluscita e della caduta dei nodi nella rete organizzata in modo distribuito, con il ruolo del coordinatore che ruota fra i presenti.

6 Discovery Fornire ad un nodo entrante le informazioni per operare nella MANET Fornire ad un nodo entrante le informazioni per operare nella MANET Soluzione decentralizzata: ogni nodo risponde per sè elevato numero di risposte: Overhead elevato numero di risposte: Overhead Soluzione centralizzata: un nodo coordinatore Chi fa da coordinatore? Chi fa da coordinatore? Se cade il coordinatore? Se cade il coordinatore?

7 Il nodo coordinatore risponde per tutti! Il nodo coordinatore risponde per tutti! Indica lelenco dei nodi presenti Discovery La risposta è inviata in Broadcast, in modo che anche tutti gli altri dispositivi possono aggiornare le loro liste. Coordinatore notifica a tutti i nodi ogni cambiamento nella MANET

8 Chi fa il coordinatore? Nessun nodo ha il compito specifico di mantenere lelenco dei nodi online. Nessun nodo ha il compito specifico di mantenere lelenco dei nodi online. Rotazione del compito di coordinatore Rotazione del compito di coordinatore –Struttura ad anello logico –Token rappresenta lattività di coordinatore

9 Chi fa il coordinatore?

10 Se cade il coordinatore? In un modello centralizzato se cade il coordinatore non si ha più servizio. In un modello centralizzato se cade il coordinatore non si ha più servizio. La dinamicità dellanello logico non consente di applicare politiche di rigenerazione del Token basata su time out. La dinamicità dellanello logico non consente di applicare politiche di rigenerazione del Token basata su time out. Modello di Replicazione Modello di Replicazione un nodo si preoccupa di mantenere la lista dei nodi in modo da essere in grado di sostituire il coordinatore in caso di guasto.

11 Modello di Replicazione Modello a copie calde Modello a copie calde Ogni modifica viene comunicata alla copia Modello Passivo? Modello Passivo? Fase di checkpoint con cui la copia viene aggiornata Modello Attivo? Modello Attivo? La copia provvede ad aggiornarsi appena entra un nuovo nodo

12 Modello di Replicazione Ridondante! Ma con poco aumento di computazione otteniamo una lista sempre corretta in caso di caduta di un nodo in un qualsiasi momento. Politica Eager? Politica Lazy?

13 Presence Awareness Obiettivo: fornire a tutti gli utenti una visione aggiornata dei nodi presenti con cui possono chattare Obiettivo: fornire a tutti gli utenti una visione aggiornata dei nodi presenti con cui possono chattare Ogni nodo deve confermare periodicamente la sua presenza al coordinatore Ogni nodo deve confermare periodicamente la sua presenza al coordinatore Dopo la mancata ricezione di due messaggi si suppone che il nodo sia caduto (si ritarda la rilevazione ma un solo messaggio potrebbe essere perso) Dopo la mancata ricezione di due messaggi si suppone che il nodo sia caduto (si ritarda la rilevazione ma un solo messaggio potrebbe essere perso)

14 Aumento notevole del numero di messaggi inviati! Aumento del carico computazionale del nodo coordinatore! Servizio costoso Presence Awareness Lalto numero di messaggi non deve influire sulla qualità del servizio di messaging.

15 Possibili sviluppi Load balacing Load balacing Scalabilità Scalabilità Protocolli Reattivi per Multi-hop Protocolli Reattivi per Multi-hop Conclusioni Discovery e Presence Awareness forniscono il supporto base per lo sviluppo dei servizi di chat sincrono e asincrono. Discovery e Presence Awareness forniscono il supporto base per lo sviluppo dei servizi di chat sincrono e asincrono. Replicazione per maggiore affidabilità. Replicazione per maggiore affidabilità.


Scaricare ppt "PERMESSO PERsistent MESSaging in ad hOc networks Corso di Reti di Calcolatori L-S AA 2005-2006 Presentazione di Roberto Gamboni Progetto di Giuseppe Vitalone,"

Presentazioni simili


Annunci Google