La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Gli antenati Camera oscura Lanterna magica Fenachistoscopio, Zootrope Prassinoscopio 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Gli antenati Camera oscura Lanterna magica Fenachistoscopio, Zootrope Prassinoscopio 1."— Transcript della presentazione:

1 Gli antenati Camera oscura Lanterna magica Fenachistoscopio, Zootrope Prassinoscopio 1

2 Il muto Fratelli Lumi è re, 1895: L arriv é e du train à la Ciotat, La sortie des usines Lumi è re Nascita spettacolo cinematografico: spettacolarizzazione attraverso il cinema Cinema assembla : letteratura, iconografia dell epoca, nuova tecniche e tecnologie, tradizione ombre cinesi, lanterna magica Georges M é li è s: irreale, fantastico, teatrale, effetti speciali (dal cinematografo al cinema ), Voyage dans la lune, 1902

3 La nascita del linguaggio E.S. Porter: 1903, Assalto al treno Articolazione spaziale e narrativa Organizzazione di una struttura narrativa, nascita montaggio 3

4 D.W. Griffith Piena forma dei linguaggi narrativi, grammatica e sintassi cinematografica. La nascita di una nazione, 1915: film spettacolare, 3 ore di durata, narrazione compiuta e complessa (all altezza di un romanzo), articolazione efficace e immediata (stacco di piani, montaggio alternato, dissolvenza incrociata) 4

5 Ascesa di Hollywood Da fine I Guerra Mondiale alla Grande Depressione, : apogeo del cinema muto Studio system: organizzazione del lavoro e ottimizzazione dei profitti Star system: divismo come promozione del prodotto cinematografico (fin dagli anni 10, Rodolfo Valentino) Sistema dei generi: differenziazione e razionalizzazione (commedia sentimentale, melodramma, dramma- epico-storico, western, gangster story, slapstick comedy) Sviluppo legato a nascente cultura di massa

6 Lo studio system Adolph Zukor, anni 20: Paramount, integrazione tra produzione, distribuzione ed esercizio Big Five: Fox, MGM, Warner Bros, Paramount, RKO (integrazione) Griffith, Chaplin, Fairbanks e Pickford fondarono la United Artists Universal, Columbia, UA: mini-majors Big Eight: 95% del mercato 6

7 Il cinema comico Slapstick comedy: erede del burlesque, vaudeville, music-hall Inseguimenti, torte in faccia, bellezze al bagno, poliziotti incapaci Adeguamento alla macchina, alla sua velocità, contesti urbani Capovolgimento di senso Un cinema di regia: la gag richiede perfezione di tempi e di esecuzione Fortuna nella critica europea Charlie Chaplin Buster Keaton Mack Sennett Harold Lloyd 7

8 Le avanguardie storiche Anni 10 e 20, in Europa, complessa interazione tra cinema e avanguardie artistico-letterarie Futurismo: Vita futurista, Alfredo Ginna, 1916, perduto Dada: negazione e superamento dei valori estetici tradizionali: Entracte, di René Clair, 1924 Surrealismo: analogie tra cinema e sogno, associazioni libere, inconscio: Un chien andalou (1928) e Lage dor (1930) di Luis Bunuel Espressionismo: scenografie e metodi di recitazione teatrali per rappresentare la realtà deformata, Il gabinetto del dottor Caligari, di Robert Wiene,1919 Avanguardie russe: cinema rivoluzionario, progetti sperimentali, propulsivi della nuova società; Ejzenstein: montaggio intellettuale, Corazzata Potemkin (1926) e Ottobre (1927). 8

9 Il cinema muto italiano Cabiria, 1914, di Giovanni Pastrone, kolossal, influenza Griffith, di nascita Maciste (cinema dei forzuti) Sperduti nel buio, 1914, di Nino Martoglio, anticipazione del neorealismo Policentrismo produttivo, scompare con il 1937: nascita di Cinecittà 1910: eclettismo Nascita del divismo femminile (diva), sul modello delle donne dannunziane (Francesca Bertini, Lyda Borrelli) Divo maschile per eccellenza: DAnnunzio 1934: intervento del fascismo (ma chiusura culturale italiana già a partire dagli anni 20), bozzettismo populista, mondo contadino (ma non operaio), celebrazione del nazionalismo 9

10 Il sonoro Il cantante di jazz, 1927, di Alan Crosland, durante l apogeo del cinema muto, con Al Jonson (in realt à solo pochi intermezzi cantati) Sviluppo tecnologia legato a progresso telefonia e radio Sonoro come accompagnamento o contrappunto (cinema sovietico) Steamboat Willie, 1928, di Walt Disney: primo cartone animato sonoro (sincronizzato) Sviluppo del melodramma Permette maggiori e pi ù ardite soluzioni di montaggio 10

11 Letà doro di Hollywood Dal 1932 al 1946, cinema=Hollywood Grazie a studios, star system e generi Sonoro conferma regime oligopolistico Integrazione verticale: illegittimo per la Corte Suprema nel 1948 Conflittualità studios registi (von Stroheim), film dei produttori (Via col vento, David O. Selznick) Alta qualità media 1934: codice Hays, autocensura 11

12 Generi di Hollywood Sistema generi non ha impedito nascita grandi autori (Hawks, Hitchcock, Minnelli, Ford) Indicatori di nazionalità, ambientazione, stile, ideologia Noir, musical, western, horror, melodramma, dramma, commedia … Risultato di universi figurativi e congegni narrativi: creazioni collettive Visione del mondo, filosofia di vita, concezione estetica e ideologica 12

13 Politica dei generi Processo di produzione: rigida classificazione per genere di ogni film (budget ripartiti per generi; permettono agli studios di specializzarsi; stretto rapporto divismo-genere) Aspetti figurativi: dettagli visivi, strutture compositive; iconografia (rispetto alle fonti culturali, letterarie, filosofiche) e iconologia (forme visibili come forme simboliche) Aspetti narrativi: elementi costanti, personaggi=funzioni, strutture narrative ricorrenti (commedia: amore conquistato; melodramma: amore impossibile) Rapporto dinamico con politica, società, cultura: generi son sempre ideologici 13

14 Successo dei generi Generi età doro Hollywood: melodramma, noir, western, fantascienza, musical Influssi eterogenei da registi europei (Sirk, Ophuls) Contaminazioni tra generi USA anni 30: film di gangster in rapporto a sviluppo criminalità organizzata (cinema definisce iconografia) Francia anni 30/40: dramma sociale Italia anni 50/60: commedia allitaliana 14

15 Realismo poetico francese Anni 30 e 40, tra le due guerre Julien Duvivier: Il bandito della Casbah, 37, con Jean Gabin, romantica tragedia moderna Volto per eccellenza: Jean Gabin René Clement: Alba tragica (39), Gli amanti perduti (44), dialoghi di Jacques Prévert Jean Renoir: La grande illusione (37), La regola del gioco (39) Jean Vigo: Zero in condotta (32), LAtalante (34) 15

16 Il neorealismo italiano I Il richiamo ai tratti regionali e paesani esisteva già durante fascismo Non rappresenta tutto il cinema italiano del dopoguerra È unaffermazione del mezzo cinematografico, come reazione morale, di fronte a una realtà eccezionale; racconto come necessità biologica ancor prima che drammatica Anticipato da Ossessione. 1943, di Luchino Visconti (girato in esterni ) Roma città aperta (45) e Paisà (47): Roberto Rossellini Sciuscià (46) e Ladri di biciclette (48): Vittorio De Sica 16

17 Il neorealismo italiano II Scuola italiana riferimento obbligatorio per nuovo cinema André Bazin Nouvelle vague Estetica: cinema girato per strada, senza manipolazioni, la realtà è là, perché manipolarla? (in realtà cinema ancora classico) Cesare Zavattini: congiunzione tra cinema, letteratura e giornalismo; teoria del pedinamento In realtà registi già attivi durante fascismo, non vera cesura Oltre a Rossellini e De Sica: Giuseppe De Sanctis (Riso amaro, contaminazione), Germi, Lattuada, Blasettti, Fellini… 1948: vittoria DC, reazione, rinnovamento si stempera (neorealismo rosa, neorealismo dappendice) 17

18 Cinema moderno Nuovi stili legati a innovazione tecnologiche: sonoro, colore, Cinemascope, pellicola pancromatica, obiettivi focale corta Anni 50 arrivo televisione Nuove cineprese: maneggevoli, leggere Innovazioni tecnologiche rottura schemi espressivi e produttivi Cinema moderno ideologia progressista Avanguardie 18

19 Bazin e la politica degli autori I I 400 colpi, François Truffaut, 1959 Fino allultimo respiro, Jean-Luc Godard, 1960 Chabrol (Le beau Serge, 58), Rohmer (Le signe du lion, 59), Rivette (Paris nous appartient, 60) Caratteristica comune: carriera iniziata come critici sulla rivista Cahiers du Cinéma, rivista nata per stimolare la cultura cinematografica di qualità, fondata da André Bazin nel 51 André Bazin: centrale per la Nouvelle Vague francese, ma non solo Nouvelle Vague: aggiunti anche Malle (Ascensore per il patibolo, 57), Bresson (Un condannato a morte è fuggito, 59) e Resnais (Hiroshima mon amour, 59) 19

20 Bazin e la politica degli autori II Rottura con il cinema tradizionale (cinema degli studios, realismo poetico francese non si era rinnovato) Rifacendosi a definizione di Astruc (Lècran français, 1948): la caméra-stylo, ovvero la cinepresa utilizzata con la stessa semplicità e libertà della penna del romanziere. Cinema immediato, spontaneo, a basso costo Politica degli autori parola dordine: primato della messa in scena (anche come metodo di analisi critica) cioè della regia e non delle dichiarazioni programmatiche o nelle tesi politiche o morali del film Ogni tecnica rimanda a una metafisica, Bazin, messa in scena come materia stessa dei film Bazin: teoria del cinema non più basata sul montaggio ma su tutti gli elementi che servono per accentuare limpressione di realtà dellimmagine filmica (montaggio tradizionale: manipolatorio; elogio piano-sequenza) 20

21 Cinema degli anni 60 Strutture comuni: rinnovamento sulla scia della Nouvelle Vague francese (rinnovamento anche letterario, culturale, politico) Struttura narrativa: abbandonato intreccio romanzesco tradizionale, personaggi non più a tutto tondo Linguaggio filmico: tecniche di ripresa, di recitazione e di montaggio che evidenziano la messa in scena, lautore Ideologia: non più eroi positivi, ma forme sfumate, indirette; procedimenti allegorici e metaforici Strutture produttive: budget più limitati, rinnovamento della produzione classica, circuiti alternativi (USA), riformismo nellEst socialista Nuovo tipo di pubblico: maturo, preparato (politica, cultura, cinema) 21

22 Nouvelle Vague Truffaut: ogni buon film deve saper esprimere insieme una concezione della vita e del cinema Affermazione di un nuovo cineasta, coscienza critica Nuova consapevolezza del linguaggio cinematografico (nascita della semiologia del cinema) Jean-Luc Godard: film=saggio sulle immagini e sul cinema, rapporto tra parole e immagini Recitazione: improvvisata; montaggio: noncurante regole, poco fluido, visibile; destrutturazione della continuità filmica Fraonçois Truffaut: narrativamente più tradizionale, autobiografico (Effetto notte) Alain Resnais: cinema in diretto contatto con nuove tecniche narrative (Duras, Robbe Grillet), cinema dellinteriorità, tempo, memoria Chabrol, Malle, Rivette, Rohmer, ancora oggi attivi: legami dissolti (cambiata situazione politica e culturale) 22

23 New American Cinema New American cinema Group, 1960, e New York Film Makers cooperative, 1962: nascita avanguardia (cinema sperimentale esisteva già) Cinema personale, no condizionamenti industriali, formato ridotto (16mm), no distribuzione tradizionale Cinema underground: al di l à del mercato, dell ideologia, della censura di Hollywood Stan Brackage, Jonas Mekas, Kenneth Anger Legame con pittura avanguardia: Andy Warhol (Sleep, 6h), Empire (8h) Rivisitazioni della mitologia hollywoodiana in chiave ironica o dissacratoria Influenza sul cinema documentario: cinema verità, cinema diretto, candid camera (fino a Cassavetes) 23

24 Cinema diretto, cinema verità Attrezzature leggere (16mm) e ripresa in sincrono del suono + moduli espressivi del reportage televisivo nuovo impulso al cinema documentario di carattere sociologico ed etnologico Canada, Stati Uniti (John Cassavetes), Francia (Jean Rouch) Il documentario classico (Flaherty, Nanouk leschimese, 22, o Grierson, The Drifters, 29) è un film recitato il documentario moderno si fonda sullimpossibilità di tener distinti documentario e finzione 24

25 Rinnovamento Est europeo Dopo morte Stalin, 1953, cinema del disgelo Tentativi di rinnovamento di tematiche e linguaggio che si distaccavano dalle forme del cinema celebrativo e propagandistico Nascita di nuovi autori, seguiti anche in Occidente Russia: Andrej Tarkovskij (L infanzia di Ivan 62, Andrej Rublev, 66) Polonia: Roman Polanski (Il coltello nell acqua, 62) Cecoslovacchia: Milos Forman (L assso di picche, 63) Ungheria: Miklos Jancso (I disperati di Sandor, 64) 25

26 Italia Crisi neorealismo, non crisi degli autori che hanno segnato il neorealismo Visconti continua carriera abbandonando neorealismo, entrando nella Storia (Senso, 54, Gattopardo, 63) De Sica sviluppa temi e ambientazioni ancora neorealisti (La ciociara, 60) Rossellini: crisi anni 60, attenzione al mezzo televisivo Antonioni e Fellini: esordio durante stagione neorealismo, approfondiranno ciascuno temi propri: soggettività personaggi e caratteri stilistici Miracolo economico spezza legame tra cinema e vita sociale alla base del neorealismo Scia neorealismo: commedia allitaliana e a cinema di genere (grazie a sceneggiatori, registi e attori formatisi durante neorealismo) Non ci sarà vera rottura con cinema neorealista, no Nouvelle Vague italiana: nessun linguaggio nuovo per nuova realtà, no tensione teorica o stilistica dei nuovi autori (Olmi, Petri, Taviani, Ferreri, Bellocchio) ad eccezione di Pier Paolo Pasolini (cinema di poesia) 26

27 Anni 70 e anni 80 Nouvelle Vague: diffuso politica degli autori ma anche mediazione con cinema hollywoodiano (autori anche nello studio system) Anni 70: crisi del cinema come istituzione, decadenza e riconversione Italia, n° biglietti: milioni milioni milioni Diminuzione della produzione, riduzione dell esercizio, ma aumenta consumo di film in televisione Fine di un sistema di produzione strutturato sul prodotto medio I singoli film hanno la propria identit à Fine capacit à aggregativa del cinema: visione specializzata (autore, cineclub, film per giovani) e disattenta (film in televisione) Cinema post moderno : istituzione smarrita, oggetto perduto (nostalgia per il passato), inglobato nell universo audiovisivo Estetica del remake 27

28 Rinascita di Hollywood II Steven Spielberg, Francis Ford Coppola, Sydney Pollack, George Lucas Majors comprendono necessità di rinnovamento e si appoggiano alle produzioni indipendenti e impostano ristrutturazione: riduzione n. film controllo da produzione a mktg aumento presenza in TV integrazione in settori industriali collegati Riconquista supremazia mondiale: revisione ideologica e rinnovamento estetico generi aggiornamento iconografia dei generi (noir) Commistione tra generi e integrazione tecnologie Riappropriazione tradizione generi grazie a commistione in continuità con propria storia e mitologia hollywoodiana, fino al manierismo e remake 28

29 Nuovo cinema tedesco Alexander Kluge (Artisti sotto la tenda del circo: perplessi, 68) Volker Schlondorff (I turbamenti del giovane Torless, 66) Werner Herzog (Nosferatu, 78) Rainer Werner Fassbinder (Effie Briest, 74), riferimenti a melodramma hollywoodiano Wim Wenders (Falso movimento, 74), riferimenti a cinema americano, road movie Cinema legato a regime protezionistico: finanziamenti statali e enti televisivi Privilegiata divulgazione culturale (adattamenti letterari) 29

30 Lelettronica Transizione anni 70/ 80 caratterizzata anche da passaggio da tecniche di riproduzione chimico- meccaniche dell immagine all elettronica Distribuzione immagini cinema su supporto elettronico (film in tv, videocassette/DVD) Televisione interviene direttamente nella fase di produzione cinematografica Integrazione tra tecnologia cinematografica tradizionale ed elettronica (computer graphics, Tron, 82) Sperimentazione di tecnologie elettroniche nell ottica di un futuro rinnovamento complessivo industriale 1980, Il mistero di Oberwald, di Antonioni (riprese in elettronica, sperimentazione del colore) 30

31 …e inoltre… Carl Theodor Dreyer (Dies Irae, 43) Ingmar Bergman (Settimo sigillo, 56) Akira Kurosawa (Rashomon, 50) Kenji Mizoguchi (Racconti della luna pallida di agosto, 53) Yasujiro Ozu (Viaggio a Tokyo, 53) Glauber Rocha (Il dio nero e il diavolo biondo, 64) Satyajit Ray (Il mondo di Apu, 59) Stanley Kubrick (2001 Odissea nello spazio, 68) Cinema iraniano (Panahi, Makhmalbaf, Kiarostami) 31

32 Oggi… Hollywood e il franchise I generi impazziti: Quentin Tarantino DallOriente con furore: nuovi autori (adottati), nuove storie (remake) Cinema europeo tra autorialità e tentazioni di box office 32


Scaricare ppt "Gli antenati Camera oscura Lanterna magica Fenachistoscopio, Zootrope Prassinoscopio 1."

Presentazioni simili


Annunci Google