La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ESCREZIONE E BILANCIO IDRICO. Lescrezione è il processo che porta alla eliminazione dei cataboliti azotati (prodotti di rifiuto del catabolismo delle.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ESCREZIONE E BILANCIO IDRICO. Lescrezione è il processo che porta alla eliminazione dei cataboliti azotati (prodotti di rifiuto del catabolismo delle."— Transcript della presentazione:

1 ESCREZIONE E BILANCIO IDRICO

2 Lescrezione è il processo che porta alla eliminazione dei cataboliti azotati (prodotti di rifiuto del catabolismo delle proteine e degli acidi nucleici). Negli animali in cui tale eliminazione non può avvenire per diffusione esistono degli organi escretori e un apparato escretore. Lapparato escretore di norma serve anche a regolare lequilibrio idro-salino dei liquidi extracellulari degli organismi (osmoregolazione),

3 La maggior parte degli organi escretori è costituita da strutture tipicamente tubulari o sacciformi.

4 I meccanismi comuni impiegati consistono nella filtrazione dei liquidi extracellulari e nella modificazione del filtrato mediante trasporto attivo di determinate molecole, che possono essere aggiunte o rimosse (secrezione e riassorbimento). La soluzione finale di acqua, prodotti di rifiuto e sali è espulsa allesterno sotto forma di urina.

5 La maggior parte dei prodotti del catabolismo azotato si presenta sotto forma di ammoniaca (NH 3 ), un gas molto solubile in acqua ma tossico a determinate concentrazioni. Lammoniaca rappresenta la scoria azotata normalmente eliminata dagli animali acquatici. Negli animali terrestri lammoniaca è trasformata in urea o in acido urico. Entrambi sono meno tossici e quindi richiedono meno acqua per essere eliminati.

6 Gli organi escretori ed osmoregolatori presenti nella stragrande maggioranza dei differenti gruppi animali sono tubuli chiamati NEFRIDI. Esistoni due tipi di nefridi: i PROTONEFRIDI e i METANEFRIDI.

7 Alcuni Crostacei (gamberi e granchi) hanno organi escretori chiamati ghiandole antennali o ghiandole verdi.

8 Gli Insetti e molti Aracnidi presentano un apparato escretore formato da un numero variabile di tubuli malpighiani che eliminano acido urico.

9 Nei Vertebrati lorgano rsponsabile della regolazione dellequilibrio idro-salino e delleliminazione dei cataboliti azotati è il RENE.

10 OSMOREGOLAZIONE Lacqua passa attraverso le membrane cellulari mediante un processo definito OSMOSI, di natura totalmente passiva, correlato alla quantità di soluti presenti nelle soluzioni allinterno e allesterno delle cellule. Le concentrazioni dei soluti rappresentano il fattore principale di ciò che viene definito potenziale osmotico di una soluzione.

11 Se due soluzioni presentano il medesimo potenziale osmotico, esse vengono dette isosmotiche (isotoniche); se non lo sono, quella che presenta una maggiore concentrazione di soluti viene detta iperosmotica (ipertonica) rispetto allaltra, che risulterà quindi iposmotica (ipotonica) nei confronti della prima.

12 La natura dei compiti da eseguire da parte del sistema escretore per quanto riguarda la osmoregolazione dipende dallambiente (habitat) in cui vive lanimale. Distinguiamo tre situazioni: animali che vivono in acqua marina animali che vivono in acqua dolce animali che vivono in ambiente terrestre

13 Animali che vivono in acqua marina I liquidi corporei della maggior parte degli invertebrati marini sono isosmotici con lacqua di mare. Se la salinità dellambiente esterno cambia leggermente, cambia anche la concentrazione dei sali nei liquidi interni. Tali animali sono detti osmoconformi; essi non sono in grado di tollerare variazioni consistenti di salinità e sono quindi stenoalini, cioè possono vivere in un limitato ambito di salinità.

14 In questi animali lapparato escretore provvede fondamentalmente alla regolazione del volume interno dacqua e al relativo contenuto in ioni I cataboliti vengono eliminati attraverso le superfici del corpo e specialmente nelle branchie

15 Non tutti gli animali marini sono osmoconformi: alcuni sono in grado di mantenere il potenziale osmotico dei propri liquidi interni su valori diversi da quelli dellambiente che li circonda e vengono definiti osmoregolatori. Gli osmoregolatori marini possono invadere o abitare acque di estuari, dove il grado di salinità è più basso ma anche variabile. Essi sono in grado di tollerare un ampio intervallo di salinità e sono detti eurialini.

16 Il contenuto in sali dei liquidi corporei dei Vertebrati marini (Pesci) è circa un terzo rispetto a quello dellacqua marina. I liquidi interni sono quindi iposmotici e lacqua tende a diffondere verso lesterno, soprattutto attraverso superfici di scambio come le branchie. La conservazione dellacqua costituisce pertanto il problema più importante.

17 I pesci ossei (Osteitti) risolvono il problema bevendo lacqua del mare ed eliminando il sale in eccesso dalle branchie. I pesci cartilaginei (Condroitti) trattengono una parte dellurea prodotta nel sangue, che diviene così isosmotico con lacqua marina. Condroitti

18 Animali che vivono in acqua dolce La concentrazione dei sali nell acqua dolce, per quanto variabile, è sempre estremamente bassa; i liquidi interni degli animali dacqua dolce sono dunque iperosmotici rispetto allambiente esterno. Questi animali devono far fronte alla tendenza dellacqua a diffondere nel corpo (soprattutto attraverso le superfici respiratorie) e dei sali a diffondere verso lesterno. Essi sono ovviamente osmoregolatori e gli organi escretori funzionano come pompe dacqua.

19 I Protozoi dacqua dolce possiedono organuli cellulari specifici, chiamati vacuoli contrattili, in grado di svolgere la osmoregolazione, pompando acqua allesterno della cellula.

20 Animali che vivono in ambiente terrestre Nellambiente terrestre il pericolo maggiore è rappresentato dalla disidratazione: lacqua viene persa con lurina e le feci, ma soprattutto con levaporazione. Le principali strategie adattative sono: 1. riduzione dellevaporazione attraverso scambi gassosi interni modificazioni della barriera tegumentale occupazione di habitat umidi attività notturna

21 2. riduzione della perdita dacqua per escrezione attraverso produzione di cataboliti azotati non solubili produzione di urina iperosmotica bassa produzione di urina 3. riduzione della perdita dacqua da egestione 4. tolleranza alla disidratazione 5. utilizzazione dellacqua di ossidazione


Scaricare ppt "ESCREZIONE E BILANCIO IDRICO. Lescrezione è il processo che porta alla eliminazione dei cataboliti azotati (prodotti di rifiuto del catabolismo delle."

Presentazioni simili


Annunci Google