La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

EU Observatory Estratti delle evoluzioni nello scenario corporate governance a livello europeo in base alle notizie diffuse dalle varie associazioni e.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "EU Observatory Estratti delle evoluzioni nello scenario corporate governance a livello europeo in base alle notizie diffuse dalle varie associazioni e."— Transcript della presentazione:

1 EU Observatory Estratti delle evoluzioni nello scenario corporate governance a livello europeo in base alle notizie diffuse dalle varie associazioni e enti di riferimento Agosto 2015 Documento prodotto con il supporto di Tutti i diritti riservati

2 2 Index European and Italian Authorities 1. COMMISSIONE EUROPEA 2. CONSIGLIO DELL’UNIONE EUROPEA 3. EBA – European Banking Authority 4. ESMA - European Security and Markets Authority 5. GOVERNO 6. PARLAMENTO ITALIANO 7. BANCA D’ITALIA Associations/Institutes 8. IAASB – International Auditing and Assurance Standards Board 9. FEE - Federation of European Accountants 10. SEC - Bank for U.S.Securities and Exchange Commission 11. Surveys & Insights

3 3 IssuerTitleDescriptionLink to document COMMISSIONE EUROPEA Commission delegated Regulation (EU) …/... of supplementing Directive 2002/87/EC of the European Parliament and of the Council with regard to regulatory technical standards specifying the definitions and coordinating the supplementary supervision of risk concentration and intra-group transactions. This Regulation lays down rules regarding: -The establishment of a more precise formulation of the definitions of "intra-group transactions" and "risk concentration" set out in points (18) and (19) of Article 2 of Directive 2002/87/EC by laying down criteria for assessing when they are of a significant character; -The coordination of the provisions adopted pursuant to Articles 7 and 8 and Annex II of Directive 2002/87/EC. Article 1 defines the subject matter of the delegated act. Article 2 sets out a more precise definition of risk concentration. It clarifies which risk concentration shall be considered as significant, what coordinators and other relevant competent authorities shall take into account when defining thresholds, periods for reporting and overviewing significant risk concentration and what coordinators and other relevant competent authorities shall require regulated entities or mixed financial holding companies to report on. With respect to the same aspects of supplementary supervision, Article 3 provides a set of rules for significant intra-group transactions as referred to in Article 2 (18) and Article 8 of Directive 2002/87/EC. In order to further ensure consistent application of Articles 2, 7 and 8 and Annex II of Directive 2002/87/EC, Article 4 provides a list of supervisory measures which competent authorities shall take into account with respect to the supplementary supervision of financial conglomerates. Commission delegated Regulation (EU) …/... of supplementing Directive 2002/87/EC of the European Parliament and of the Council with regard to regulatory technical standards specifying the definitions and coordinating the supplementary supervision of risk concentration and intra-group transactions. RELATED DOCUMENT - Direttiva 2002/87/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 dicembre 2002, relativa alla vigilanza supplementare sugli enti creditizi, sulle imprese di assicurazione e sulle imprese di investimento appartenenti ad un conglomerato finanziario e che modifica le direttive 73/239/CEE, 79/267/CEE, 92/49/CEE, 92/96/CEE, 93/6/CEE e 93/22/CEE del Consiglio e le direttive 98/78/CE e 2000/12/CE del Parlamento europeo e del Consiglio 1) COMMISSIONE EUROPEA

4 4 IssuerTitleDescriptionLink to document CONSIGLIO DELL’UNIONE EUROPEA Decisione di esecuzione (UE) 2015/1401 del Consiglio, del 14 luglio 2015, che autorizza l'Italia ad introdurre una misura speciale di deroga agli articoli 206 e 226 della direttiva 2006/112/CE, relativa al sistema comune d'imposta sul valore aggiunto. In deroga all'articolo 206 della direttiva 2006/112/CE, l'Italia è autorizzata a prevedere che l'IVA dovuta sulle cessioni di beni e sulle prestazioni di servizi alle pubbliche amministrazioni debba essere versata dall'acquirente/destinatario su un apposito conto bancario bloccato dell'amministrazione fiscale. In deroga all'articolo 226 della direttiva 2006/112/CE, l'Italia è autorizzata a imporre che nelle fatture emesse in relazione alle cessioni di beni e alle prestazioni di servizi effettuate a favore delle pubbliche amministrazioni sia apposta una specifica annotazione secondo cui l'IVA deve essere versata su un apposito conto bancario bloccato dell'amministrazione fiscale. Entro 18 mesi dalla data di entrata in vigore sul territorio nazionale delle misure di cui agli articoli 1 e 2, l'Italia trasmette alla Commissione una relazione sulla situazione generale dei rimborsi dell'IVA ai soggetti passivi interessati da tali misure e, in particolare, sulla durata media della procedura di rimborso. La presente decisione si applica a decorrere dall’1 gennaio 2015 al 31 dicembre G.U.E. Decisione di esecuzione (UE) 2015/1401 del Consiglio, del 14 luglio 2015, che autorizza l'Italia ad introdurre una misura speciale di deroga agli articoli 206 e 226 della direttiva 2006/112/CE, relativa al sistema comune d'imposta sul valore aggiunto CONSIGLIO DELL’UNIONE EUROPEA Raccomandazione del Consiglio, del 14 luglio 2015, sul programma nazionale di riforma 2015 dell'Italia e che formula un parere del Consiglio sul programma di stabilità 2015 dell'Italia. Il Consiglio dell’Unione Europea raccomanda, tra l’altro, che l'Italia adotti provvedimenti nel 2015 e nel 2016 al fine di: -Conseguire un aggiustamento di bilancio verso l'obiettivo di bilancio a medio termine pari ad almeno lo 0,25 % del PIL nel 2015 e allo 0,1 % del PIL nel 2016, adottando le necessarie misure strutturali sia nel 2015 che nel 2016, tenuto conto dello scostamento consentito per l'attuazione di importanti riforme strutturali; -Attuare in modo rapido e accurato il programma di privatizzazioni e ricorrere alle entrate straordinarie per compiere ulteriori progressi al fine di assicurare un percorso adeguato di riduzione del rapporto debito pubblico/PIL; -Attuare la legge delega di riforma fiscale entro settembre 2015, con particolare riguardo alla revisione delle agevolazioni fiscali e dei valori catastali e alle misure per migliorare il rispetto della normativa tributaria; -Introdurre entro la fine del 2015 misure vincolanti per risolvere le debolezze che permangono nel governo societario delle banche, dare attuazione alla riforma concordata delle fondazioni e adottare provvedimenti per accelerare la riduzione generalizzata dei crediti deteriorati; -Attuare l‘»Agenda per la semplificazione » al fine di snellire gli oneri amministrativi e normativi; -Adottare misure finalizzate a favorire la concorrenza in tutti i settori contemplati dal diritto della concorrenza e intervenire in modo deciso sulla rimozione degli ostacoli che ancora permangono. Raccomandazione del Consiglio, del 14 luglio 2015, sul programma nazionale di riforma 2015 dell'Italia e che formula un parere del Consiglio sul programma di stabilità 2015 dell'Italia. 2) CONSIGLIO DELL’UNIONE EUROPEA

5 5 IssuerTitleDescriptionLink to document EBA - EUROPEAN BANKING AUTHORITY Technical advice by the European Banking Authority on classes of arrangements to be protected in a partial property transfer. The EBA issued its Opinion on how to define what arrangements should be protected in a partial property transfer in resolution. The Opinion ensures full protection of well-established sources of refinancing such as secured debt, including securities lending and covered bonds, and of means of risk mitigation. The Opinion is issued in response to a request for advice from the European Commission and it will inform its delegated acts on the classes of arrangements to be protected in a partial transfer of the property of a bank under resolution. Technical advice by the European Banking Authority on classes of arrangements to be protected in a partial property transfer RELATED PRESS - EBA publishes technical advice on protected arrangements in a resolution situation EBA - EUROPEAN BANKING AUTHORITY Final report. Guidelines on passport notifications for credit intermediaries under the Mortgage Credit Directive. The EBA published its final Guidelines on passport notifications for mortgage credit intermediaries in support of the transposition of the Mortgage Credit Directive (MCD). The Guidelines will ensure that information about credit intermediaries carrying out business in more than one Member State is exchanged consistently between national authorities. The MCD will have to be transposed into national law across the EU by March They will ensure that information on the provision of services and the establishment of branches, as well as on the transmission of notifications, the registrations, and the notifications of changes is shared consistently across the EU. The Guidelines also include template notification forms for exercising the freedom to provide services and freedom of establishment, as foreseen in Article 32 of the MCD. Final report. Guidelines on passport notifications for credit intermediaries under the Mortgage Credit Directive RELATED PRESS - The EBA issues final Guidelines on passport notifications for mortgage credit intermediaries 3) EBA

6 6 IssuerTitleDescriptionLink to document ESMA - EUROPEAN SECURITY AND MARKETS AUTHORITY Consultation Paper. Draft implementing technical standards under MiFID II. The ESMA has published a consultation paper on the remaining draft implementing technical standards (ITS) under MiFID II on which ESMA has not yet consulted. This paper covers the following: -The suspension and removal of financial instruments from trading on a trading venue; -The notification and provision of information for data reporting services providers (DRSPs); -The weekly aggregated position reports for commodity derivatives, emission allowances and derivatives thereof. The last section provides the text of the -Draft ITS 1 - Draft implementing technical standards on format and timing of the communications and the publication regarding the suspension and removal of financial instruments from trading on a Regulated Market, an MTF or an OTF; -Draft ITS 2 - Draft implementing technical standards under Article 61(5) of Directive 2014/65/EU; -Draft ITS 3 – Draft implementing technical standards on the format and timing of weekly position reports. This consultation runs until 31 October ESMA will use the input received to finalise its draft implementing technical standards which will be sent for endorsement to the European Commission on 3 January MiFID II/ MiFIR and its implementing measures will be applicable from 3 January Consultation Paper. Draft implementing technical standards under MiFID II PRESS RELEASE - ESMA consults on MIFID II standards regarding trading suspensions, data service providers and derivatives reporting 4) ESMA

7 7 IssuerTitleDescriptionLink to document PARLAMENTO ITALIANO Legge 6 agosto 2015, n Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 27 giugno 2015, n. 83, recante misure urgenti in materia fallimentare, civile e processuale civile e di organizzazione e funzionamento dell'amministrazione giudiziaria. Tra i punti principali dell’intervento legislativo: -Il concordato preventivo diventa un «procedimento competitivo». Il tribunale di fronte a un’offerta deve sempre aprire una sorta di sondaggio esterno; -I creditori cosiddetti “chirografari” (o senza privilegi) dovranno essere soddisfatti per almeno un quinto del loro credito. La disposizione non si applica al concordato con continuità aziendale; -Non sarà più automatico il silenzio-assenso in materia fallimentare: i creditori che non hanno votato il piano di rientro possono rimediare nei 20 giorni successivi alla chiusura del verbale; -Credito di imposta fino a un massimo di 250 euro (nella dichiarazione 2016) per le parti che si avvarranno con successo della negoziazione assistita, evitando così di intasare i canali della giustizia ordinaria; -Sequestro giudiziario per reati ambientali o di sicurezza sul lavoro potranno continuare l’attività in deroga per altri 12 mesi, ma devono subito presentare un piano di adeguamento. La norma ha validità retroattiva. -Interventi anche nel processo esecutivo immobiliare - legato a valori reali di mercato e con soglia minima non superabile- e anche in quello mobiliare, con la semplificazione dei pignoramenti e l’accesso (per ora in fase sperimentale) alla banche dati pubbliche (anagrafe tributaria, Pra ed enti previdenziali). Entrata in vigore del provvedimento: 21 agosto G.U. Legge 6 agosto 2015, n Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 27 giugno 2015, n. 83, recante misure urgenti in materia fallimentare, civile e processuale civile e di organizzazione e funzionamento dell'amministrazione giudiziaria G.U. Testo del decreto-legge 27 giugno 2015, n. 83 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 147 del 27 giugno 2015), coordinato con la legge di conversione 6 agosto 2015, n. 132 recante "Misure urgenti in materia fallimentare, civile e processuale civile e di organizzazione e funzionamento dell'amministrazione giudiziaria" 5) PARLAMENTO ITALIANO

8 8 IssuerTitleDescriptionLink to document PARLAMENTO ITALIANO Decreto Legislativo 5 agosto 2015, n Disposizioni sulla certezza del diritto nei rapporti tra fisco e contribuente, in attuazione degli articoli 5, 6 e 8, comma 2, della legge 11 marzo 2014, n. 23. Il provvedimento ha la finalità di rafforzare la certezza del diritto nei rapporti tra fisco e contribuente in materia di abuso del diritto ed elusione fiscale, raddoppio dei termini per l’accertamento e tax compliance. Un’altra novità riguarda una specifica disposizione sulla cosiddetta Voluntary Disclosure: si prevede che possano accedere alla collaborazione volontaria e quindi beneficiare della riduzione delle sanzioni amministrative tributarie e della non punibilità penale le attività e le imposte riferite ad annualità per le quali siano scaduti i termini per l’accertamento fiscale. Confermata l’istituzione di un nuovo schema di relazioni tra l’Agenzia delle Entrate e i contribuenti denominato “Regime di adempimento collaborativo”, valevole in via di prima applicazione per le imprese di maggiori dimensioni. L’accesso al regime, su base volontaria, è subordinato al possesso da parte del contribuente di un sistema di rilevazione, misurazione, gestione e controllo del rischio fiscale, che consenta l’autovalutazione preventiva e il monitoraggio dei rischi. Entrata in vigore del provvedimento: 2 settembre G.U. Decreto Legislativo 5 agosto 2015, n Disposizioni sulla certezza del diritto nei rapporti tra fisco e contribuente, in attuazione degli articoli 5, 6 e 8, comma 2, della legge 11 marzo 2014, n. 23 RELATED PRESS - Abuso del diritto fiscale: le nuove disposizioni in Gazzetta PARLAMENTO ITALIANO Decreto Legislativo 6 agosto 2015, n Attuazione della direttiva 2013/11/UE sulla risoluzione alternativa delle controversie dei consumatori, che modifica il regolamento (CE) n. 2006/2004 e la direttiva 2009/22/CE (direttiva sull'ADR per i consumatori). Nei diversi articoli del decreto vengono apportate le seguenti modifiche: -Modifiche al Codice del consumo in attuazione della direttiva 2013/11/UE sulla risoluzione alternativa delle controversie dei consumatori; -Modifiche al Decreto legislativo 8 ottobre 2007, n Istituzione di procedure di conciliazione e arbitrato, sistema di indennizzo e fondo di garanzia per i risparmiatori e gli investitori in attuazione dell'articolo 27, commi 1 e 2, della legge 28 dicembre 2005, n Con l’entrata in vigore del decreto, tutte le conciliazioni attualmente svolte da vari organismi avranno una procedura uniforme, sia in termini di formazione e requisiti dei conciliatori, sia rispetto alla domanda di conciliazione che deve compilare il consumatore per accedere alla procedura.Le procedure, gestite dagli organismi Adr, saranno gratuite, o comunque potranno prevedere dei costi definiti come “minimi” a carico dei consumatori (art. 141-quater, comma 3, lettera c, cod. cons). La durata massima del procedimento è fissata in novanta giorni decorrenti dalla data di ricevimento, da parte dell’organismo ADR, del fascicolo completo della domanda. Le disposizioni del presente decreto si applicano a decorrere dal 9 gennaio Entrata in vigore del provvedimento: 03/09/2015 G.U. Decreto Legislativo 6 agosto 2015, n Attuazione della direttiva 2013/11/UE sulla risoluzione alternativa delle controversie dei consumatori, che modifica il regolamento (CE) n. 2006/2004 e la direttiva 2009/22/CE (direttiva sull'ADR per i consumatori) 5) PARLAMENTO ITALIANO

9 9 IssuerTitleDescriptionLink to document GOVERNO ITALIANO Consiglio dei Ministri n.78. Ratifica di quattro disegni di legge di ratifica ed esecuzione di Protocollo e Accordi internazionali. Il Consiglio dei ministri ha approvato i seguenti disegni di legge di ratifica ed esecuzione di accordi internazionali: -Ratifica ed esecuzione del Protocollo tra la Repubblica italiana e la Confederazione svizzera in materia di imposte su reddito e sul patrimonio: Con il Protocollo, conforme allo standard Ocse, si determina un ampliamento del perimetro dello scambio di informazioni, che può riguardare imposte di qualsiasi natura, e si prevede il superamento del segreto bancario; -Ratifica ed esecuzione dell’Accordo tra il Governo della Repubblica italiana e il governo del Principato di Monaco sullo scambio di informazioni in materia fiscale: Con la ratifica dell’Accordo e del Protocollo, con cui Monaco integra i requisiti previsti dalla normativa italiana in materia di rientro dei capitali (la cosiddetta Voluntary Disclosure), il Principato sarà escluso dalle black list e questo consentirà ai contribuenti italiani che aderiranno al programma di collaborazione volontaria, di fruire di una più agevole regolarizzazione in termini di riduzione delle sanzioni amministrative; -Ratifica ed esecuzione della Convenzione tra il Governo della Repubblica italiana e la Santa Sede in materia fiscale: La Convenzione recepisce il più aggiornato standard internazionale in materia di scambio di informazioni di natura fiscale previsto dall’Ocse. Lo scambio di informazioni riguarderà i periodi d’imposta a partire dal 1° gennaio 2009; -Ratifica dell’Accordo tra il Governo della Repubblica italiana e il Governo del Principato del Liechtenstein sullo scambio di informazioni in materia fiscale: Analogamente a quello con la Svizzera, anche l’Accordo con il Liechtenstein pone fine al segreto bancario. L’Accordo sullo scambio di informazioni e il Protocollo aggiuntivo si applicano dopo la ratifica ma a decorrere della data della firma. Di conseguenza lo scambio di informazioni potrà riguardare elementi in essere alla data del 26 febbraio Consiglio dei Ministri n.78. Ratifica di quattro disegni di legge di ratifica ed esecuzione di Protocollo e Accordi internazionali GOVERNO ITALIANO Decreto legislativo 18 agosto 2015, n Attuazione dell'articolo 11 del Regolamento (UE) n. 260/2012 del 14 marzo 2012 che stabilisce i requisiti tecnici e commerciali per i bonifici e gli addebiti diretti in euro e disposizioni sanzionatorie per le violazioni del Regolamento (CE) n. 924/2009 relativo ai pagamenti transfrontalieri nella Comunita'. Il presente decreto reca la disciplina sanzionatoria per le violazioni delle disposizioni del regolamento (CE) n. 924/2009 del 16 settembre 2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, relativo ai pagamenti transfrontalieri nella Comunita', e del regolamento (UE) n. 260/2012 del 14 marzo 2012 del Parlamento europeo e del Consiglio, che stabilisce i requisiti tecnici e commerciali per i bonifici e gli addebiti diretti in euro. Entrata in vigore del provvedimento: 1 Settembre G.U. Decreto legislativo 18 agosto 2015, n Attuazione dell'articolo 11 del Regolamento (UE) n. 260/2012 del 14 marzo 2012 che stabilisce i requisiti tecnici e commerciali per i bonifici e gli addebiti diretti in euro e disposizioni sanzionatorie per le violazioni del Regolamento (CE) n. 924/2009 relativo ai pagamenti transfrontalieri nella Comunita'. 6) GOVERNO ITALIANO

10 10 IssuerTitleDescriptionLink to document BANCA D’ITALIA Documento per la consultazione. Attuazione dell’articolo 120, comma 2, del Testo unico bancario in materia di produzione degli interessi nelle operazioni poste in essere nell’esercizio dell’attività bancaria. Banca d’Italia ha posto in consultazione la proposta di delibera CICR di attuazione all’articolo 120, comma 2, del Testo Unico Bancario, il quale disciplina la produzione degli interessi nelle operazioni poste in essere nell’esercizio dell’attività bancaria. L’attuale formulazione dell’articolo 120 TUB affida a una delibera del CICR il compito di adottare una disciplina attuativa in base alla quale: a) nelle operazioni in conto corrente sia assicurata, nei confronti della clientela, la stessa periodicità nel conteggio degli interessi sia debitori sia creditori; b) gli interessi periodicamente capitalizzati non possano produrre interessi ulteriori che, nelle successive operazioni di capitalizzazione, sono calcolati esclusivamente sulla sorte capitale. Lo schema di delibera, composto di cinque articoli, reca alcune norme volte a regolare in generale la produzione di interessi nell’ambito delle operazioni di raccolta del risparmio e di esercizio del credito tra intermediari e clienti; disposizioni specifiche sono poi rivolte ai rapporti regolati in conto corrente, conto di pagamento e ai finanziamenti a valere su carte di credito. Osservazioni e commenti possono essere trasmessi entro il 23 ottobre Documento per la consultazione. Attuazione dell’articolo 120, comma 2, del Testo unico bancario in materia di produzione degli interessi nelle operazioni poste in essere nell’esercizio dell’attività bancaria Proposta di delibera CICR ai sensi dell'articolo 120, comma 2, del Decreto Legislativo 1° settembre 1993, n. 385 (TUB) RELATED DOCUMENT - Relazione sull’analisi d’impatto TOPIC OVERVIEW - Proposta di delibera CICR ai sensi dell'articolo 120, comma 2, del Decreto Legislativo 1° settembre 1993, n. 385 (TUB) BANCA D’ITALIA Documento per la consultazione. Recepimento in Italia degli orientamenti dell’Abe in materia di sicurezza dei pagamenti tramite canale internet. Il documento illustra le modifiche che la Banca d'Italia intende apportare alla disciplina applicabile alle banche, agli istituti di pagamento, agli istituti di moneta elettronica, agli intermediari finanziari autorizzati alla prestazione di servizi di pagamento e/o all’emissione di moneta elettronica e all’attività di Bancoposta per recepire gli “Orientamenti in materia di sicurezza dei pagamenti via internet” adottati dall’Autorità Bancaria Europea il 18 dicembre Le modifiche in consultazione riguardano in particolare: -La disciplina prudenziale applicabile alle banche (Circolare n. 285/2013) (le raccomandazioni della Banca Centrale Europea erano già state esplicitamente incorporate nelle disposizioni di vigilanza ad esse applicabili); -Le disposizioni di vigilanza per gli istituti di pagamento e gli istituti di moneta elettronica, che risultano destinatari degli Orientamenti in quanto prestatori di servizi di pagamento, ai sensi del D.lgs. 11/2010. Gli orientamenti trovano applicazione anche nei confronti degli intermediari finanziari di cui al Titolo V del Testo Unico Bancario (TUB) autorizzati alla prestazione di servizi di pagamento e/o all’emissione di moneta elettronica, iscritti nei relativi albi. La consultazione terminerà il 12 ottobre Documento per la consultazione. Recepimento in Italia degli orientamenti dell’Abe in materia di sicurezza dei pagamenti tramite canale internet RELATED DOCUMENT - Abe - Orientamenti finali sulla sicurezza dei pagamenti via Internet 7) BANCA D’ITALIA

11 11 IssuerTitleDescriptionLink to document IAASB – INTERNATIONAL AUDITING AND ASSURANCE STANDARDS BOARD Proposed International Standard on Auditing (ISA) 810 (Revised) - Engagements to Report on Summary Financial Statements. The exposure draft deals with the auditor’s responsibilities relating to an engagement to report on summary financial statements derived from financial statements audited in accordance with ISAs by that same auditor. The IAASB is proposing limited conforming amendments to ISA 810 as a result of the issuance of its new and revised Auditor Reporting standards, which address auditor reporting on general purpose financial statements. The proposals in this Exposure Draft may be modified in light of comments received before being issued in final form. Comments are requested by November 2, Proposed International Standard on Auditing (ISA) 810 (Revised) - Engagements to Report on Summary Financial Statements. PRESS RELEASE - Proposed International Standard on Auditing (ISA) 810 (Revised) 8) IAASB

12 12 IssuerTitleDescriptionLink to document FEE – FEDERATION OF EUROPEAN ACCOUNTANTS Scope of audit of banks across Europe.A FEE survey reveals that the scope of audits of European banks regarding regulatory reporting vary widely between EU member states. FEE Members in 27 EU countries provided information on how the audit profession is involved in assuring the reports banks provide to their regulators. This is a task auditors can provide in addition to the annual statutory audits of a bank’s financial statements, which is required by EU law. FEE has informed the European Central Bank (ECB), as the direct supervisor of 123 EU banks, about this divergence in practice and has offered the ECB its support in developing a more coordinated approach. Scope of audit of banks across Europe PRESS RELEASE - FEE demonstrates different scope of bank audits of regulatory reporting across Europe 9) FEE

13 13 IssuerTitleDescriptionLink to document U.S. SECURITIES AND EXCHANGE COMMISSION (SEC) SEC Adopts Rule for Pay Ratio Disclosure The Securities and Exchange Commission adopted a final rule that requires a public company to disclose the ratio of the compensation of its chief executive officer (CEO) to the median compensation of its employees. The new rule, mandated by the Dodd-Frank Wall Street Reform and Consumer Protection Act, provides companies with flexibility in calculating this pay ratio, and helps inform shareholders when voting on “say on pay”.. The new rule will provide shareholders with information they can use to evaluate a CEO’s compensation, and will require disclosure of the pay ratio in registration statements, proxy and information statements, and annual reports that call for executive compensation disclosure. Companies will be required to provide disclosure of their pay ratios for their first fiscal year beginning on or after Jan. 1, For example, a company will be permitted to select its methodology for identifying its median employee and that employee’s compensation, including through statistical sampling of its employee population or other reasonable methods. The rule also permits companies to make the median employee determination only once every three years and to choose a determination date within the last three months of a company’s fiscal year. In addition, the rule allows companies to exclude non-U.S. employees from countries in which data privacy laws or regulations make companies unable to comply with the rule and provides a de minimis exemption for non-U.S. employees. The rule does not apply to smaller reporting companies, emerging growth companies, foreign private issuers, MJDS filers, or registered investment companies. The rule does provide transition periods for new companies, companies engaging in business combinations or acquisitions, and companies that cease to be smaller reporting companies or emerging growth companies. SEC Adopts Rule for Pay Ratio Disclosure 10) SEC

14 14 IssuerTitleDescriptionLink to document FRC - FINANCIAL REPORTING COUNCIL Department for Business, Innovation & Skills issues 'Update on the implementation of the EU Audit Directive and Regulation‘. The Department of Business Innovation and Skills has published an update on the implementation of the EU Audit Directive and Regulation. BIS intends to publish a formal consultation in the next few weeks, focusing on the definition of a public interest entity. The EU reforms introduce changes to auditing and ethical standards. The FRC will, in September, report on the decisions it has reached in the light of responses to its preliminary consultation, and consult further on the detail of implementation. This will include in particular, types of entities in scope, prohibited non-audit services to audit clients, application of independence principles across firms’ networks and, audit firm and key audit partner rotation. The EU reforms introduce new Audit Committee requirements applying to all PIEs, i.e. to undertakings with securities admitted to trading on a regulated market, as well as to other banks, building societies and insurers. Department for Business, Innovation & Skills issues 'Update on the implementation of the EU Audit Directive and Regulation' OECD - ORGANISATION FOR ECONOMIC CO-OPERATION AND DEVELOPMENT The Global Forum releases new compliance ratings on tax transparency The Global Forum releases new compliance ratings on tax transparency. Phase 1 reports on Albania, Burkina Faso, Cameroon, Dominican Republic, Lesotho, Pakistan and Uganda assessed their legal and regulatory frameworks for transparency and exchange of information on request. These countries were assessed to have legal frameworks in place to enable them to move to the next stage of the review process, which will assess exchange of information practices. The Global Forum also reviewed exchange of information practices through Phase 2 peer review reports in Lithuania and Sint Maarten. Both were given a rating for compliance with the individual elements of the international standard and an overall rating with Lithuania receiving an overall rating of “Compliant” and Sint Maarten an overall rating of “Partially Compliant.” Jurisdictions continue to request supplementary reviews that assess steps taken to address recommendations of the Global Forum to address gaps in their legal frameworks and exchange of information practices identified in previous reviews. This included the Marshall Islands, which had been blocked from moving to Phase 2 of its review process due to significant gaps in its legal framework. A supplementary review concluded that key changes to its legislation now enable the Marshall Islands to move to Phase 2. The Global Forum releases new compliance ratings on tax transparency 11) Surveys & Insights

15 15 IssuerTitleDescriptionLink to document FED – FEDERAL RESERVE The Federal Reserve Board clarified Regulation II (Debit Card Interchange Fees and Routing) regarding the inclusion of transaction-monitoring costs in the interchange fee standard Regulation II implements, among other things, standards for assessing whether interchange transaction fees for electronic debit transactions are reasonable and proportional to the cost incurred by the issuer, as required by section 920 of the Electronic Fund Transfer Act (EFTA). On March 21, 2014, the Court of Appeals for the D.C. Circuit reversed an earlier decision of the District Court and largely upheld Regulation II against a challenge to the rule by merchant groups. The court found that one aspect of the rule--the Board's inclusion of transaction-monitoring costs in the interchange fee standard--required further explanation. The Federal Reserve Board clarified Regulation II (Debit Card Interchange Fees and Routing) regarding the inclusion of transaction-monitoring costs in the interchange fee standard CFO NEWS Risk Governance Improving at Big Banks Risk governance practices at the largest global banks have tightened since 2009, reflecting tougher international regulation, according to a new report by Moody’s Investors Service.report The frequency of banks’ risk committee meetings varied between banks in the U.S. and Europe and those in Asia. The U.S. and European banks convened risk committee meetings on average nine times a year, while reported data showed that banks in Asia met on five or fewer occasions a year. The vast majority of banks also now have a chief risk officer, but the stature of that position varies across banks, according to the report. Many are members of the bank’s executive committee or management board, but that is not the case at all banks. Risk Governance Improving at Big Banks 11) Surveys & Insights

16 Documento prodotto con il supporto di Tutti i diritti riservati


Scaricare ppt "EU Observatory Estratti delle evoluzioni nello scenario corporate governance a livello europeo in base alle notizie diffuse dalle varie associazioni e."

Presentazioni simili


Annunci Google