La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

UN MONUMENTO UN NOME PER RICORDARE Istituto Tecnico Industriale Statale Marconi Lugo- Ravenna Classe 2B Docenti: Paola dalla Valle/Golfera Silvia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "UN MONUMENTO UN NOME PER RICORDARE Istituto Tecnico Industriale Statale Marconi Lugo- Ravenna Classe 2B Docenti: Paola dalla Valle/Golfera Silvia."— Transcript della presentazione:

1 UN MONUMENTO UN NOME PER RICORDARE Istituto Tecnico Industriale Statale Marconi Lugo- Ravenna Classe 2B Docenti: Paola dalla Valle/Golfera Silvia

2 Conserverò nella mia casa e dentro le mie mura UN MEMORIALE E UN NOME…. darò loro un nome eterno che non sarà mai cancellato Isaia 56.5 INSEGNARE LA SHOAH: COMBATTERE RAZZISMO E PREGIUDIZIO YAD VASHEM

3 GERUSALEMME Yad Vashem é il principale museo dellOlocausto, collocato sulle pendici del monte HarHaZikaron il Monte del Ricordo Progettato in Israele nel 1953 per perpetrare la memoria delle vittime della Shoah. Documenta la storia degli Ebrei prima e durante l'Olocausto per tramandarne il ricordo alle future generazioni. Un progetto importante per la giovane nazione israeliana. per i suoi cittadini e per tutti i sopravissuti.

4 YAD VASHEM COSTRUITO NEL 1953 IL PIU IMPORTANTE MUSEO DELLOLOCAUSTO SORGE A GERUSALEMME SUL MONTE HERTZ RESTITUIRE UN NOME E UN VOLTO AI DI EBREI UCCISI NELLA SHOAH RACCOGLIERE E TRASMETTERE LA MEMORIA DELLE VITTIME

5 INGRESSO

6 MEMORIALE DELLOLOCAUSTO E DEGLI EROI YAD VASHEM OPERA DELLARCHITETTO MOSHE SAIDE MOSTRARE LA SHOAH CONOSCERE LA VITA EBRAICA PRIMA DEL NAZISMO Ho voluto mettere accanto ai nomi degli sterminati i volti di quando erano vivi 15 marzo 2005

7

8 La forma triangolare delledificio rappresenta la metà inferiore della stella di David. Ricorda come la popolazione ebraica fu dimezzata con lOlocausto ogni sala è dedicata ad un capitolo diverso dellolocausto Lungo 180 metri In 10 sale sotterranee sono esposte opere darte, fotografie effetti personali

9 MUSEO STORICO DELLOLOCAUSTO É una esposizione sotterranea che narra la Shoah vista dagli ebrei. Racconta dove vivevano e dove sono morti. Le foto sono accompagnate da immagini, testimonianze, documenti, dipinti.

10 STRUTTURA DEL MUSEO Il percorso del museo è a zig zag, gallerie disposte cronologicamente rappresentano le fasi dell'ebraismo europeo. Il percorso inclinato dà l'impressione di una discesa ad inferos. Le pareti laterali convergono verso l'alto da dove, debole e fioca, proviene la luce.

11 Interno del museo

12 Alla fine si arriva nella Stanza dei nomi, un cono di dieci metri con testimonianze e lettere delle vittime conosciute dell'Olocausto; simmetricamente, sotto terra, un altro cono è dedicato alle vittime senza nome. STANZA DEI NOMI

13

14 Nella roccia scavata si ricordano le 5000 comunità ebraiche distrutte dai nazisti, di 22 paesi che furono. VALLE DELLE COMUNITA

15

16

17 COMUNITÁ ITALIANE

18 PIAZZA DEL GHETTO DI VARSAVIA

19 LA RIVOLTA DEL GHETTO Incastonate nel muro del ricordo due sculture simboleggiano La marcia allo sterminio

20 Lartista raffigura i nazisti senza volto muniti solo di armi ed elmi

21 La rivolta del ghetto

22 Lartista ha voluto evidenziare nei volti la fierezza e il coraggio di coloro che si sono ribellati al loppressione nazista

23 PIAZZA DI KORCZAK In memoria di un grande educatore polacco che raccolse nel ghetto di Varsavia circa 200 orfani. Con loro fu deportato a Treblinka nellagosto del 1942

24 Dedicato ai milioni di ebrei ammassati in carri bestiame e verso lo sterminio. Il vagone esposto è stato donato dalla Polonia. Il vagone è sospeso nel vuoto perché non cè ritorno IL CARRO BESTIAME

25 MEMORIALE DEI BAMBINI Una sala buia scavata nel terreno, punteggiata di luci, moltiplicate da specchi. Una voce scandisce i nomi delle vittime, l età ed il campo in cui sono state uccise. In ricordo di un di piccoli martiri

26 L appello da il senso di individualità e totalità …..in silenzio si avanza nel buio e ci si trova in uno spazio dove sembra brillino milioni di stelle

27 Georges Andre Kohn 12 anni Francia

28 Jacqueline Mongersten 13 anni Francia

29 Eduard Horneman 12 anni Olanda

30 Ruchla Zyberberg 9 anni Polonia

31 Sergio de Simone 8 anni Italia

32 Maria Altman 5 anni Polonia

33 Hall of Remembrance Una struttura in cemento armato a forma di tenda commemora l'uccisione di intere comunità ebraiche.

34 La Hall of Remembrance, in cemento armato a forma di tenda, commemora l'uccisione di intere comunità. Dinanzi a una fiamma eterna, sono scolpiti a terra i nomi di 22 campi di sterminio; nella Tenda sono sepolte le ceneri di vittime dei forni crematori.

35 In memoria dei partigiani La scultura si chiama For is the tree of the field man. Lo scultore ha scelto un albero a simbolo dei combattenti partigiani, nascosti nelle foreste. I loro alberi erano un luogo sicuro

36 GIARDINO DEI GIUSTI FRA LE NAZIONI Il giardino e stato costruito in onore delle migliaia di non ebrei che, rischiando la vita, hanno salvato ebrei durante lOlocausto.

37 STRADA DEI GIUSTI FRA LE NAZIONI Sono stati piantati intorno allo Yad Vashem degli alberi in onore di coloro che, non ebrei, hanno salvato dallolocausto molte persone.

38 Gli alberi dei giusti sono carrubi che producono frutti dopo tanto tempo. Le future generazioni li coglieranno per trarne esempio.

39 Al mondo molte sono le atrocità e moltissimi i pericoli. Ma … il male peggiore è lindifferenza……É contro questa che bisogna combattere con tutte le nostre forze. E unarma esiste: leducazione. Bisogna praticarla, diffonderla, condividerla, esercitarla sempre e dovunque. Non arrendersi mai. Elie Wiesel


Scaricare ppt "UN MONUMENTO UN NOME PER RICORDARE Istituto Tecnico Industriale Statale Marconi Lugo- Ravenna Classe 2B Docenti: Paola dalla Valle/Golfera Silvia."

Presentazioni simili


Annunci Google