La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA GUERRA DEL PELOPONNESO. Le cause Politica espansionistica di Pericle: alleanza con Corcira (Corfù), colonia di Corinto nell'Adriatico orientale; decreto.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA GUERRA DEL PELOPONNESO. Le cause Politica espansionistica di Pericle: alleanza con Corcira (Corfù), colonia di Corinto nell'Adriatico orientale; decreto."— Transcript della presentazione:

1 LA GUERRA DEL PELOPONNESO

2 Le cause Politica espansionistica di Pericle: alleanza con Corcira (Corfù), colonia di Corinto nell'Adriatico orientale; decreto di Atene che impedisce a Megara, alleata di Corinto, di usare porti controllati dalla Lega delio-attica; 432: assedio di Potidea a cui Atene aveva chiesto di spezzare i contatti con Corinto.

3 La Guerra Archidamica ( a.C.) 432: Corinto ingiunge ad Atene di liberare Potidea dall'assedio, ma Atene si rifiuta. 431: Lega peloponnesiaca ingiunge ad Atene di sciogliere la Lega delio-attica. Sparta si schiera al fianco di Corinto contravvenendo agli accordi della pace dei Trent'anni. Pericle decide di evitare lo scontro diretto con Sparta via terra e fa richiamare dentro alle Lunghe Mura gli abitanti della campagna.

4 429: ad Atene si diffonde la peste > muore circa un quarto della popolazione e dei opliti ateniesi che erano stati inviati a Potidea. Muore anche Pericle. La polis di Atene attraversa un periodo di duri contrasti interni: NICIA aristocratico moderatovs CLEONE demagogo violento e radicale

5 425: La flotta ateniese vince a SFACTERIA (isoletta davanti a Pilo) 424: Il re spartano Brasida vince gli Ateniesi ad ANFIPOLI Andamento incerto della guerra:

6 421 a. C. Le due potenze, stremate, firmano la PACE DI NICIA che sarebbe dovuta durare 50 anni Nel frattempo Cleone era morto

7 420 a. C. ALCIBIADE eletto stratega ad Atene propone alleanze con le città del Poloponneso per isolare Sparta

8 415 a. C. ALCIBIADE ottiene dallEcclesia lapprovazione allintervento ateniese in Sicilia in appoggio a Segesta contro Selinunte alleata di Siracusa

9 Giugno 415 a. C. Parte da Atene una flotta di 134 triremi, 130 navi da trasporto, con uomini di cui opliti

10 Alla guida dellesercito, 3 comandanti: ALCIBIADENICIALAMACO Alcibiade e Lamaco caldeggiavano lintervento diretto contro Siracusa al fine di conquistare la Sicilia intera

11 Vince il parere di ALCIBIADE che propone alleanze con altre città siciliane prima di assediare Siracusa. Ma durante le trattative viene richiamato in patria per essere giudicato per lo scandalo delle Erme

12 ALCIBIADE fugge a Sparta Lamaco e Nicia iniziano lattacco contro Siracusa

13 Ortigia

14 1ª fase dellattacco favorevole ad Atene, ma Nicia e Lamaco non approfittano del successo e nellinverno tra il 415 e il 414 si ritirano nellalleata Catania

15 INVERNO 414 Messaggeri di Siracusa convincono Corinto a fornire un supporto militare contro gli Ateniesi. Alcibiade convince il generale spartano Gilippo ad inviare opliti a Siracusa

16 414 Grazie allarrivo di GILIPPO e dei rinforzi spartani le sorti del conflitto, che sembravano favorevoli allesercito ateniese, volgono in favore dei Siracusani e dei loro alleati.

17 413 NICIA chiede rinforzi ad Atene che invia altre 75 navi con forze militari fresche al comando di Demostene. Anche la flotta siracusana si è nel frattempo arricchita di unità da Corinto e Sparta: è migliore e più adatta di quella ateniese al combattimento in mare aperto

18 Nonostante i rinforzi, lesercito ateniese poco organizzato subisce pesanti sconfitte. NICIA indugia a dare lordine della ritirata Lesercito di Atene viene spezzato in due tronconi attaccati singolarmente > sconfitta catastrofica

19 I comandanti NICIA e DEMOSTENE accettano la resa pur di aver salva la vita dei superstiti. GILIPPO li attende a Siracusa e li fa giustiziare condannando i prigionieri ateniesi alla schiavitù nelle Latomie grave umiliazione grave umiliazione FINE DELLA CAMPAGNA DI SICILIA

20 La Guerra Deceleica ( a.C.)

21 La Lega di Delo, dopo la sconfitta in Sicilia, abbandona Atene che resta senza tributi e senza alleati SPARTANI attaccano e fortificano la città di Decelea da cui continuano le scorribande sullAttica.

22 SPARTA conclude un patto con Dario II di Persia: in cambio di aiuti economici e militari riconcede il controllo delle colonie greche in Asia Minore

23 411 a.C. Colpo di stato oligarchico Colpo di stato oligarchico filo-spartano ad Atene. Il controllo della politica passa alla Bulè (Consiglio aristocratico dei 400)

24 410 a.C. BATTAGLIA DI CIZICO BATTAGLIA DI CIZICO Vittoria della flotta ateniese Rientro in Atene di ALCIBIADE

25 406 a.C. BATTAGLIA DELLE ARGINUSE BATTAGLIA DELLE ARGINUSE Vittoria della flotta ATENIESE ma i generali furono accusati di non aver recuperato i naufraghi caduti in mare. Scandalo ad Atene.

26 405 a.C. BATTAGLIA DI EGOSPOTAMI BATTAGLIA DI EGOSPOTAMI Vittoria della flotta SPARTANA guidata dal generale LISANDRO.

27 404 a.C. PRESA DI ATENE PRESA DI ATENE LISANDRO entra con la flotta spartana al Pireo e ordina di abbattere le Lunghe mura

28 a.C. I TRENTA TIRANNI I TRENTA TIRANNI LISANDRO impone ad Atene un regime oligarchico che durerà solo pochi mesi. TRASIBULO, democratico, riporta la democrazia in unAtene ormai in declino

29 La fine di ALCIBIADE Al suo rientro ad Atene nel 407 furono annullati tutti i procedimenti contro di lui e fu accolto con grande fiducia. Dopo una serie di sconfitte riportate da lui o da suoi fedeli, fu costretto nuovamente a fuggire e di rifugiò in Frigia dove cercò di ottenere per Atene lappoggio dei Persiani contro Sparta.

30 Morì in Frigia nel 404, per mano di sicari inviati da Sparta Morte di Alcibiade, opera dell'artista Michele de Napoli, datata 1839, conservata a Napoli, Museo Archeologico Nazionale.


Scaricare ppt "LA GUERRA DEL PELOPONNESO. Le cause Politica espansionistica di Pericle: alleanza con Corcira (Corfù), colonia di Corinto nell'Adriatico orientale; decreto."

Presentazioni simili


Annunci Google