La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PERSONA. TESTO DI RIFERIMENTO R. Spaemann, Persone. Sulla differenza tra qualcosa e qualcuno (Laterza, 2005). Filosofo e teologo tedesco nato a Berlino.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PERSONA. TESTO DI RIFERIMENTO R. Spaemann, Persone. Sulla differenza tra qualcosa e qualcuno (Laterza, 2005). Filosofo e teologo tedesco nato a Berlino."— Transcript della presentazione:

1 PERSONA

2 TESTO DI RIFERIMENTO R. Spaemann, Persone. Sulla differenza tra qualcosa e qualcuno (Laterza, 2005). Filosofo e teologo tedesco nato a Berlino nel 1927.

3 DEFINIZIONE DI PERSONA A partire da Boezio: insistenza sulla razionalità. Boezio: persona est naturae rationabilis individua substantia. Come usiamo persona nel linguaggio ordinario?

4 DONALD DAVIDSON, SOGGETTIVO, INTERSOGGETTIVO, OGGETTIVO, RAFFAELLO CORTINA EDITORE, MILANO 2003, «Né un neonato di sette giorni né una chiocciola sono creature razionali. Se il neonato sopravvive abbastanza, probabilmente diventerà razionale, ma non si può dire lo stesso della chiocciola. Se vogliamo, possiamo dire che il neonato è una creatura razionale fin dallinizio perché se sopravvive probabilmente diventerà razionale, o perché appartiene a una specie che ne ha la capacità. Comunque la si voglia mettere, quando si tratta di razionalità, la differenza tra il neonato e la chiocciola, da un lato, e un normale essere umano adulto, dallaltro, rimane.

5 … La differenza consiste nel possesso di atteggiamenti proposizionali come la credenza, il desiderio, lintenzione e la vergogna. Ciò solleva la questione di come fare a stabilire quando una creatura ha degli atteggiamenti proposizionali; le chiocciole, sarete daccordo, non ne hanno; ma che dire di cani e scimpanzé? Il problema non è interamente empirico, poiché si pone la questione filosofica di quale sia levidenza rilevante per decidere quando una creatura abbia atteggiamenti proposizionali».

6 AUTOCOSCIENZA Cartesio e lirruzione dellIO. Se dico «Io penso», il soggetto che parla necessariamente esiste. E coloro che non hanno autocoscienza? E coloro che subiscono metamorfosi?

7 CONSAPEVOLEZZA Aristotele, De anima 434b 21: solo luomo è consapevole della differenza tra vivere (zen) e vivere bene (eu-zen).

8 TRASFORMAZIONE Tommaso, Contra Gentiles: agere sequitur esse. Solo la persona è capace di non appiattirsi sulla sua natura, ma di trasformarla.

9 INTEGRAZIONE Jung ha parlato di accettazione di sé non come fissazione, ma come integrazione. Cf rapporto con i desideri : valutarli vuol dire non esserne dipendenti. Consapevolezza e intenzionalità. Siamo capaci di assumere una posizione ex-centrica /riflessione cf Morale e linguaggio

10 SVILUPPO DEL CONCETTO DI PERSONA

11 PENSIERO GRECO Platone Platone: luomo saggio è colui che è capace di dirigere se stesso. I poeti parlano di forze interiori e di divinità: non possono guidare la città. Il saggio si lascia guidare dalla parte razionale dell anima. Comincia ad emergere lidea di un soggetto. Ma perché in certi casi luomo non riesce a lasciarsi guidare dalla ragione? Qui il pensiero greco si inceppa.

12 NUOVO TESTAMENTO Volontà e relazione con un Altro Gv 3,19: «E il giudizio è questo: la luce è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno preferito le tenebre alla luce, perché le loro opere erano malvagie.». Gv 16,9: «Quanto al peccato, perché non credono in me». Gv 15,22: «Se non fossi venuto e non avessi parlato loro, non avrebbero alcun peccato; ma ora non hanno scusa per il loro peccato». Gv 11,24: «Gli rispose Marta: So che risusciterà nell'ultimo giorno». Cuore!

13 TERMINE PERSONA

14 TEATRO Prosopon Personaggi e interpreti

15 GIURISPRUDENZA ROMANA Lo schiavo non è persona, ma semplicemente homo e quindi alieno juri subiectus. Luomo libero è persona sui iuris.

16 CON IL CRISTIANESIMO Mondo classico persona- ruolo natura Cristianesimo ruolo- natura persona

17 Tertulliano traduce per primo il termine greco ipostasi con il termine latino persona. Formula trinitaria: unessenza (ousia), tre ipostasi. La persona esprime in chi lessenza si realizza. La natura (physis) indica invece ciò che è assunto dalla persona.

18 DEFINIZIONE DI BOEZIO Boezio: persona est naturae rationabilis individua substantia. Substantia sta qui per ipostasi, cioè una realtà autonoma. Non si tratta di unessenza da descrivere, ma di qualcuno da denominare.

19 RICCARDO DI SAN VITTORE La persona non è sostanza, ma è portatrice di sostanza: possiamo dire che uno è persona, ma non cosa sia la persona. Definizione di persona: existens per se solum juxta singularem quendam rationalis existentiae modum. La persona è un modus existentiae Esistiamo solo nella modalità di persona.

20 CHE EFETTO FA ESSERE UN PIPISTRELLO? Th. Nagel, 1974.

21 ANTROPOLOGIA DI TOMMASO

22 DOVE SI COLLOCA NELLA SUMMA THEOLOGIAE ? Sacra dottrina Dio Male; angeli; creazione. Prima parte Atto umano Passioni; virtù; peccato; grazia. Prima sezione della Seconda parte Virtù teologali; virtù cardinali. Carismi; stati di vita. Seconda sezione della seconda parte Cristo e i sacramenti Terza parte (incmpiuta)

23 S.T. I, 29 (QQ RIGUARDANO DAL DOTTRINA DELLA TRINITÀ)

24 S.T. Q.29, A.1 RISPONDO: Sebbene l'universale e il particolare si trovino in tutti i generi [o predicamenti], tuttavia l'individuo si ha specialmente nel predicamento di sostanza. Infatti la sostanza si individua di per se stessa, mentre l'accidente è individuato dal suo soggetto che è la sostanza: la bianchezza infatti è questa qui [e non altra], perché è in questo soggetto. Quindi gli individui sostanziali, a preferenza degli altri, hanno un nome proprio, e si dicono ipostasi o sostanze prime.

25 … L'individuo particolare poi si trova in un modo ancora più perfetto nelle sostanze ragionevoli che hanno il dominio dei propri atti che si muovono da se stesse e non già spinte dall'esterno come gli altri esseri: e le azioni si verificano proprio nella realtà particolare. Perciò, tra tutte le altre sostanze, gli individui di natura ragionevole hanno un nome speciale. E questo nome è persona. Nella suddetta definizione dunque ci si mette sostanza individua, per significare il singolare nel genere di sostanza: e vi si aggiunge di natura razionale, per indicare il singolare di sostanza ragionevole.

26 SI PUÒ PARLARE DI DIO COME PERSONA? S.T. I, Q.29, A. 3 RISPONDO: La persona significa quanto di più nobile c'è in tutto l'universo, cioè il sussistente di natura razionale. Per questo, dovendosi attribuire a Dio tutto ciò che importa perfezione, perché nella sua essenza contiene tutte le perfezioni, è conveniente che gli si attribuisca anche il nome di persona. Tuttavia non nel modo che si attribuisce alle creature ma in maniera più eccellente, come si fa con gli altri nomi da noi imposti alle creature ed applicati a Dio; come si è dimostrato sopra parlando dei nomi di Dio.

27 PERSONA UMANA (S.T. I, Q.29, A.4) Perciò una cosa è cercare il significato di animale ed altra cosa è cercare il significato di quell'animale che è l'uomo. Così pure altro è cercare il significato di persona in generale, ed altro è cercare il significato di persona divina. La persona in generale, come si è detto, significa una sostanza individua di natura ragionevole. L'individuo poi è ciò che è indistinto in se stesso e distinto dagli altri. Perciò la persona, in qualsiasi natura, significa ciò che è distinto in quella natura: così nella natura umana significa questa carne, queste ossa, quest' anima, che sono principio di individuazione per l'uomo; le quali cose, pur non facendo parte del significato di persona tuttavia fanno parte di quello di persona umana. Concretizzazione del concetto di persona

28 LE CRITICHE DEGLI ESISTENZIALISTI NEL 900 Priorità dellesistenza. Ortega y Gasset ( ): luomo è un gerundio (faciendum) e non un participio (factum). Luomo diviene, si fa, è storia, cultura e non natura. J. Sartre ( ), Lesistenzialismo è un umanismo: La libertà delluomo è assoluta, assiopoietica. Luomo è un progetto gettato, ma responsabile. Luomo (incompiutezza) vs Natura (chiusa). Luomo introduce il nulla, perché può rispondere «no». Luomo tende ad una completezza che non potrà mai raggiungere: è una è passione inutile!

29 PARS COSTRUENS

30 NON ESISTE UNIDEA DI PERSONA, MA ESISTONO DELLE PERSONE REALI Non riusciamo a definire la persona in modo conclusivo. È piuttosto una questione di riconoscimento. Perciò si può parlare di persona solo in termini plurali. E forse per questo il concetto di persone si è sviluppato in riferimento alla necessità di parlare delle persone nella trinità. Persona non è un predicato reale: incontriamo non la Persona, ma delle persone concrete.

31 PERCHÉ CI RICONOSCIAMO? Perché capisco il tuo dolore? Cè una rete di significati comuni a cui facciamo riferimento. È il riferimento comune che permette linterpretazione, ma non la deriva nel relativismo (il contrario è la follia – la rete di significati dello psicotico non ha più riferimenti nella realtà).

32 DARE SIGNIFICATO Latto intenzionale non è un atto solo teleologico. Lanimale compie atti teleologici per mantenere lequilibrio dellambiente (lasciarsi morire per dare da mangiare ai piccoli del pellicano). Gli uomini si formano unidea del mondo che oltrepassa lo scopo pratico: è il concetto di sogno che ha permesso alluomo di progredire rispetto agli animali. Luomo non è appiattito sulla sua natura.

33 TRASCENDENZA La persona percepisce la distinzione tra il sé e laltro. Laltro è un sé reale come me: qui entra in gioco la libertà. Mi trovo davanti alla scelta di lasciar essere laltro. Scelgo di non impossessarmi dellaltro: Levinas : laltro entra nel mio mondo come straniero non voluto. Lalternativa al lasciar essere è la violenza. Le persone sono esseri per i quali laltro ha una realtà diversa.

34 TUTTI GLI UOMINI SONO PERSONE?

35 NON TUTTI SONO DACCORDO La persona non è un insieme di qualità, ma uno/a che è portatore di queste qualità.

36 TRADIZIONE CHE RISALE A LOCKE SAGGIO SULL'INTELLETTO UMANO DEL 1694 Siamo biologicamente in continuo mutamento. Cosa permette la continuità? La coscienza attuale : la capacità di dire IO. Non tutti gli individui quindi sono persone. Solo la persona è titolare di diritti. Gli individui che non sono persone (incapaci di riconoscersi) non hanno diritti.

37 PERSONA DENTRO UNA RELAZIONE Noi ci relazioniamo ad individui che non hanno o non hanno ancora sviluppato la ragione come persone. O perché svilupperanno la ragione [il neonato]. O perché non riteniamo fondamentale quel parametro. [il malato di mente o lindividuo in stato vegetativo] Non ci relazioniamo a un neonato come a qualcosa, ma ci relazioniamo ad esso, fin dallinizio, come a un qualcuno.


Scaricare ppt "PERSONA. TESTO DI RIFERIMENTO R. Spaemann, Persone. Sulla differenza tra qualcosa e qualcuno (Laterza, 2005). Filosofo e teologo tedesco nato a Berlino."

Presentazioni simili


Annunci Google