La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE DELLA MOBILITAZIONE DEL PERSONALE VOLONTARIO A cura del VdS Domenico TROIANI Istruttore Nazionale C.R.I.di P.C. ROMA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE DELLA MOBILITAZIONE DEL PERSONALE VOLONTARIO A cura del VdS Domenico TROIANI Istruttore Nazionale C.R.I.di P.C. ROMA."— Transcript della presentazione:

1

2 PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE DELLA MOBILITAZIONE DEL PERSONALE VOLONTARIO A cura del VdS Domenico TROIANI Istruttore Nazionale C.R.I.di P.C. ROMA. Giugno 1999

3 Classificazione e strutture * Qualora venga disposto a livello centrale, la gestione delle disponibilità e linvio dei Volontari da altri Comitati anche limitrofi alle zone operative può essere demandata allIspettorato nazionale

4

5 Line Operativa Verticale

6 PROROGHE DI ATTIVAZIONE

7 COMPETENZE DEL S.A.S.A

8 Il Comitato Provinciale CRI : -riceve lautorizzazione di attivazione dei Volontari, con eventuale beneficio dellart.10 DPR 613/94, dal SASA; -provvede ad avvisare lIspettore del Gruppo VdS; -provvede alle pratiche per le spese di viaggio e i rimborsi di missione dei Volontari; -rilascia, al ricevimento dellautorizzazione, la certificazione dimpiego ai Volontari da presentare al datore di lavoro degli stessi; -avvisa, su notizia trasmessa dal S.I.E./PROCIVILPIANI, i datori di lavoro dei Volontari impiegati della possibilità di avviare le pratiche di rimborso (art. 11 DPR 613/94)

9 INFORTUNIO IN SERVIZIO In caso di infortunio del Volontario, durante lespletamento del servizio in Zona Operazioni, il Responsabile del Campo provvederà a darne comunicazione al Presidente del Comitato CRI dove questo è ubicato, (per conoscenza alla Sala Operativa Nazionale VdS) il quale, a sua volta, provvederà a trasmettere i dati dellavvenuto infortunio alla Compagnia di Assicurazione, interessandone la Sede Centrale, la Sede di Zona propria e la Sede di Zona di provenienza del Volontario. Per conoscenza ne invierà copia al Comitato Centrale CRI-Ufficio SASA-UCCV ed al SERVIZIO ASSICURAZIONE E PREVIDENZA oltre che al Comitato CRI di appartenenza del Volontario

10

11 Struttura Operativa Verticale

12 Il Comitato Provinciale o il Comitato Locale CRI: -Se sede dellevento calamitoso allestisce la Sala Operativa Locale e attiva le sue strutture in base alla lettera dincarico ricevuta dalla Autorità competente (Prefettura o Dipartimento di Protezione Civile); -provvede alla attivazione dei Volontari, con eventuale beneficio dellart.10 DPR 613/94; -provvede ad avvisare lIspettore del Gruppo VdS; -provvede alle pratiche per le spese di viaggio e i rimborsi di missione dei Volontari; -rilascia, al ricevimento dellattivazione, la certificazione dimpiego ai Volontari da presentare al datore di lavoro degli stessi; -avvisa, su notizia trasmessa dal S.I.E./PROCIVILPIANI, i datori di lavoro dei Volontari impiegati circa la possibilità di avviare le pratiche di rimborso (art. 11 DPR 613/94)

13 INFORTUNIO IN SERVIZIO In caso di infortunio del Volontario, durante lespletamento del servizio in Zona Operazioni, il Responsabile del Campo provvederà a darne comunicazione al Presidente del Comitato CRI dove questo è ubicato, (per conoscenza alla Sala Operativa Nazionale VdS) il quale, a sua volta, provvederà a trasmettere i dati dellavvenuto infortunio alla Compagnia di Assicurazione, interessandone la Sede Centrale, la Sede di Zona propria e la Sede di Zona di provenienza del Volontario. Per conoscenza ne invierà copia al Comitato Centrale CRI-Ufficio SASA-UCCV ed al SERVIZIO ASSICURAZIONE E PREVIDENZA oltre che al Comitato CRI di appartenenza del Volontario

14

15 Fac-simile certificato su carta intestata del Comitato CRI rilasciante C E R T I F I C A T O Si certifica che il/la Sig./Sig.ra nato/a a _______________________ _______ il ____________ e residente a _____________________ _____________________________ in via __________________________________________________ _____é Volontario del Soccorso della Croce Rossa Italiana, appartenente al Comitato Provinciale C.R.I. di ___________________________ Il suindicato è stato chiamato a partecipare dal alalle operazioni di soccorso relative a, autorizzate dal Capo Dipartimento della protezione civile con messaggio prot. n. del. Si rilascia ai fini di cui allOrdinanza 1675/FPC del 30 marzo Il Presidente del Comitato Provinciale C.R.I.

16 Prospetto da utilizzare nella Sala Operativa per lannotazione delle disponibilità dei Volontari comunicate dai vari Gruppi, i quali devono trasmettere i dati così come segnalati. I presenti schemi possono essere modificati a seconda delle esigenze del momento. E importante ricordare che devono essere trascritti e comunicati i soli DATI PREVISTI E RICHIESTI NELLO SCHEMA, al fine sia di un migliore e tempestivo avvicendamento del personale e una migliore visione delle necessità in atto, sia per una necessaria standardizzazione nella comunicazione dei dati da una sala operativa allaltra. Un identico elenco deve essere predisposto a parte per la registrazione e larchiviazione dei nominativi relativi al personale volontario IMPIEGATO durante le operazioni (sostituire la dicitura PERSONALE DISPONIBILE con PERSONALE IMPIEGATO). E duopo ricordare la NECESSITA DELLA BUONA TENUTA E DEL CONTINUO AGGIORNAMENTO, durante e dopo lemergenza, dellelenco del personale impiegato, sia ai fini operativi che amministrativo-statistici. REGISTRAZIONE DEL PERSONALE VDS

17 Nella colonna TOTALE GIORNI deve essere annotato il n° totale del periodo riportato nella riga: se questo è continuativo di una proroga effettuata dal volontario rispetto al periodo indicato precedentemente, basterà correggere la sola data della colonna AL. NON E DA CONSIDERARSI PROROGA linterruzione tra un periodo e laltro, anche di un solo giorno! Pertanto se lo stesso nominativo effettua due o più periodi differenti di servizio, vanno registrati distintamente. NON E DA CONSIDERARSI PROROGA linterruzione tra un periodo e laltro, anche di un solo giorno! Pertanto se lo stesso nominativo effettua due o più periodi differenti di servizio, vanno registrati distintamente. FORMULA N°1: : =A(coordinata della colonna)+ 1 FORMULA N°1: trascrivere nella cella la seguente formula: =A(coordinata della colonna)+ 1 FORMULA N°2: = (coordinate cella colonna AL-coordinate cella colonna DAL ) +1 COMPILAZIONE DELLA TABELLA ELENCO COMPILARE Indicare quale Specificare QUALE emergenza N° progressivo Indicare SI o NO ( (riportare la data della dichiarazione dello stato demergenza) Impostare la formula n°2 (impostare la formula n°1) Trascrivere il modello posseduto


Scaricare ppt "PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE DELLA MOBILITAZIONE DEL PERSONALE VOLONTARIO A cura del VdS Domenico TROIANI Istruttore Nazionale C.R.I.di P.C. ROMA."

Presentazioni simili


Annunci Google