La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Antonio Marletta Lorenzo Reitano Cristian Sinatra III A sec. I.C. G. Marconi Sede Ragalna (CT)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Antonio Marletta Lorenzo Reitano Cristian Sinatra III A sec. I.C. G. Marconi Sede Ragalna (CT)"— Transcript della presentazione:

1 Antonio Marletta Lorenzo Reitano Cristian Sinatra III A sec. I.C. G. Marconi Sede Ragalna (CT)

2 Circa 200 milioni di anni fa la Terra era un immenso e unico continente chiamata Pangea circondato da un unico mare chiamato Panthalassa. Circa 180 milioni, la Pangea, si suddivise in due continenti: la Godwana e Laurasia. 130 milioni di anni fa, la Godwana e la Laurasia, si suddivisero negli attuali continenti.

3 Nel 1912 il fisico Alfred Wegener, presentò la sua teoria ovvero che in origine tutti i continenti erano attaccati fra loro. Questa teoria fu chiamata deriva dei continenti Ma lo scienziato non fu creduto. Lo scetticismo degli altri, diminuì quando egli scoprì dei fossili di antichi organismi estinti da anni, in luoghi che secondo lui in passato erano collegati tra di loro. Solo a partire dagli anni 50 del 900 la teroria della deriva dei continenti fu confermata dagli studi di tettonica a placche

4 I moti convettivi spiegano lo spostamento dei continenti I moti convettivi che originano nel mantello spiegano come mai i continenti si spostano in continuazione. Il calore prodotto dal nucleo a causa del decadimento radioattivo genera uno spostamento di magma verso lalto. Il magma giunto sotto la crosta terrestre si raffredda e scende nuovamente verso il nucleo. Questi continui moti fanno si che la crosta di spacchi dando origine a vulcani, dorsali e terremoti e le zolle di cui è composta la crosta terrestre si spostino.

5 Oggi la teora della deriva dei continenti è accettata, in quanto la scienza ha potuto dare delle informazioni più complete con la teoria dellespansione dei fondali oceanici e la teoria della tettonica a zolle Lespansione dei fondali oceanici

6 Grazie alle sofisticate apparecchiature, si è potuto dedurre che il fondale marino non è pianeggiante ma è attraversato da catene montuose sottomarine chiamate dorsali medio oceaniche nati dalla solidificazione delle fuoriuscite di magma risalito dallinterno della Terra a causa dei moti convettivi.

7 La tettonica a zolle è una teoria che si basa sul movimento delle zolle di terra presenti nel mantello che si muovono costantemente e comportano vari fenomeni in base ai loro movimenti che sono: LavvicinamentoLavvicinamento Lallontanamento Lo scontroLallontanamentoLo scontro

8 Le zolle che si possono scontrare sono quelle oceaniche e quelle continentali. Quelle oceaniche sono quelle che si trovano sotto gli oceani e lo spostamento avviene quando una si piega e si incunea sotto unaltra. Quando due zolle una oceanica e una continentale si scontrano si originano catene montuose lungo la costa

9 Lallontanamento delle zolle, causa una grande frattura tra le due, chiamata Fosse tettonica. La più importante si trova nella Great Rift Valley. In molti casi quando due zone si dividono per molto tempo e nella loro frattura si crea un fiume o un lago.

10 Quando due zolle scorrono tra di loro luna accanto allaltra si forma una faglia.


Scaricare ppt "Antonio Marletta Lorenzo Reitano Cristian Sinatra III A sec. I.C. G. Marconi Sede Ragalna (CT)"

Presentazioni simili


Annunci Google