La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

il tasso di disoccupazione giovanile in Europa sfiora il 33%. Nel Lazio è al 35,3% in Italia 800mila giovani hanno lasciato prematuramente gli studi,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "il tasso di disoccupazione giovanile in Europa sfiora il 33%. Nel Lazio è al 35,3% in Italia 800mila giovani hanno lasciato prematuramente gli studi,"— Transcript della presentazione:

1

2 il tasso di disoccupazione giovanile in Europa sfiora il 33%. Nel Lazio è al 35,3% in Italia 800mila giovani hanno lasciato prematuramente gli studi, nel lazio i NEET sono A febbraio 2013 il tasso di disoccupazione nell'Unione Europea è salito al 10,9 percento. Nel Lazio è al 10,8%. Per la BCE in Europa il tasso di disoccupazione peggiorerà almeno fino al Nel Lazio il tasso di disoccupazione delle persone disabili raggiunge il 70% Nel primo trimestre 2013 in Italia hanno chiuso 31mila aziende. Il Lazio è fra le tre Regioni più colpite.

3

4 La programmazione dei Fondi Strutturali è un momento fondamentale per pianificare le POLITICHE E IL MODELLO DI SVILUPPO che lAmministrazione Regionale vuole perseguire per i prossimi 5 anni. Lefficacia delle azioni sarà facilitata dalla coincidenza fra avvio di legislatura e programmazione del nuovo POR.

5 A) LEUROPA - per un buon utilizzo del FSE - ci ha lanciato delle sfide Il contesto di riferimento B) Lo STATO ITALIANO sta lavorando alla programmazione con alcune indicazioni per arrivare allACCORDO DI PARTENARIATO con la CE

6 Le sfide dellEUROPA PRIORITA Intelligente Crescita Intelligente Sostenibile Crescita Sostenibile Inclusiva Crescita Inclusiva 1.La Strategia EUROPA 2020 OBIETTIVI Occupazione al 75% della popolazione attiva 3% PIL per R&S 20% fonti rinnovabili & efficienza energetica Abbandono scolastico <10% Lotta contro la povertà

7 2.La Politica di COESIONE a) Aumentare efficacia della spesa e la sua qualità attraverso: Condizionalità ex ante Concentrazione tematica Ruolo del partenariato Integrazione tra fondi Le sfide dellEUROPA

8 b) Investire nella crescita e nell occupazione definendo : 4 obiettivi tematici FSE 8. Occupazione e sostegno alla mobilità dei lavoratori 9. Inclusione sociale e lotta alla povertà 10. Istruzione, competenze e apprendimento permanente 11. Potenziamento capacità istituzionale e amministrazioni pubbliche efficienti Le sfide dellEUROPA

9 Scelte strategiche Le indicazioni dello STATO ITALIANO Strategia Aree Urbane Ruolo delle Città come luoghi di sviluppo dellinnovazione e della Ricerca e delle politiche di inclusione e lotta alla povertà (FSE) Strategia Aree Urbane Ruolo delle Città come luoghi di sviluppo dellinnovazione e della Ricerca e delle politiche di inclusione e lotta alla povertà (FSE) Strategia Aree Interne Luoghi di promozione della diversità naturale e culturale per la tutela del territorio con la leva dellintegrazione fra Fondi (FSE+FESR+FEASR) Strategia Aree Interne Luoghi di promozione della diversità naturale e culturale per la tutela del territorio con la leva dellintegrazione fra Fondi (FSE+FESR+FEASR)

10 La condizionalità integrazione nel mercato del lavoro dei NEET avrà risorse aggiuntive a valere sul fondo Garanzia giovani per quelle regioni che superano la soglia del 25% per il tasso di disoccupazione giovanile (valore Lazio 2010, 31%). A tal proposito la Commissione ha introdotto la Raccomandazione del 25/3/2013 che garantisce il diritto ad una opportunità di lavoro, tirocinio o formazione a ciascun giovane europeo (25 anni) entro 4 mesi dalla conclusione degli studi. La condizionalità integrazione nel mercato del lavoro dei NEET avrà risorse aggiuntive a valere sul fondo Garanzia giovani per quelle regioni che superano la soglia del 25% per il tasso di disoccupazione giovanile (valore Lazio 2010, 31%). A tal proposito la Commissione ha introdotto la Raccomandazione del 25/3/2013 che garantisce il diritto ad una opportunità di lavoro, tirocinio o formazione a ciascun giovane europeo (25 anni) entro 4 mesi dalla conclusione degli studi. Le indicazioni dello STATO ITALIANO Piano garanzia giovani Piano garanzia giovani

11 Le risposte della REGIONE LAZIO Obiettivi della PROGRAMMAZIONE FSE DIMENSIONE SOCIALE RAFFORZATA INCLUSIVITA 20% dei contributi dell'FSE destinati all'inclusione sociale, Intensificazione della lotta alla disoccupazione giovanile; Integrazione e sostegno specifico all'uguaglianza di genere e alla non discriminazione 20% dei contributi dell'FSE destinati all'inclusione sociale, Intensificazione della lotta alla disoccupazione giovanile; Integrazione e sostegno specifico all'uguaglianza di genere e alla non discriminazione SOSTENIBILITA INTELLIGENZA

12 PAROLE CHIAVE Per una crescita collettiva di cultura di programmazione Per una capacità di definire collegialmente azioni precise su obiettivi prefissati Per un allargamento della partecipazione su tutti i livelli di governance Per superare vecchi schemi di concertazione che si scontrano con meccanismi di rappresentanza in crisi ATTIVAZIONE DI UN PERCORSO DI PARTENARIATO E DI PARTECIPAZIONE Contratti di partenariato Incontri territoriali Tavoli tematici Questionari Concorsi di idee In risposta alla raccomandazione della Commissione definita dal Codice di Condotta Europeo del Partenariato COLLETTIVITA CONSAPEVOLE Attivazione Assistenza Tecnica a supporto del partenariato

13 Garantire ai cittadini ai cittadini laccesso e la piena partecipazione a politiche attive per il lavoro mantenimento di un reddito minimo, per evitare la proliferazione del lavoro precario o in nero coinvolgere istituzioni locali ed il sistema dei servizi pubblici per limpiego nellassistenza ai cittadini In attesa di una legge sul Reddito Minimo Garantito….. In risposta alla raccomandazione della Commissione sulla concentrazione tematica che destina il 20% del FSE allinclusione e lotta alla povertà RIPENSARE UN SISTEMA DI WELFARE REGIONALE ATTIVAZIONE DEL REDDITO DEL CITTADINO IN FORMAZIONE PAROLE CHIAVE

14 GIOVANI E QUALITA DEL LAVORO Garantire ai giovani un inserimento lavorativo consono al percorso educativo intrapreso Contrastare loccupazione precaria (contratti involontari a tempo determinato o part-time) Rafforzare i dispositivi di orientamento e ri-orientamento in percorsi lavorativi di estrema flessibilità Qualificare lofferta formativa sul territorio regionale Valorizzare i talenti e fornire opportunità transnazionali In risposta alla raccomandazione della Commissione sugli obiettivi 8, 9 e 10 e alla GARANZIA GIOVANI PAROLE CHIAVE FORMA GIOVANI Alta Formazione NEET CENTRI TEMATICI PER LA FORMAZIONE DELLE NUOVE PROFESSIONI

15 Incrementare il tasso di matching nei canali di ricerca pubblici (solo il 3,4% del lavoro passa per i CPI – per i giovani solo il 2,7%. Il 2,4% tramite agenzie interinali) Rafforzare i dispositivi di orientamento e ri-orientamento per i giovani in percorsi lavorativi di estrema flessibilità per una maggiore qualità dell'intermediazione pubblica al lavoro Ruolo dei CPI da reattivo (che risponde ad una domanda) a proattivo (che sollecita cittadini e imprese nella soluzione di bisogni es. PORTAFUTURO) IL NETWORK REGIONALE PORTAFUTURO In risposta alla raccomandazione della Commissione sugli obiettivi tematici 8 e 11 e al Piano Garanzia Giovani PAROLE CHIAVE SERVIZI PUBBLICI PER LA RICERCA DEL LAVORO HUB EUROPEO per la mobilità delle esperienze professionali

16 Invertire i saldi negativi di nati/mortalità delle imprese nel Lazio (quasi PMI chiuse nel primo trimestre 2013) Rafforzare i dispositivi di formazione per occupati per agevolare processi di ristrutturazione o di sviluppo sostenibile delle imprese Costruire strumenti di ingegneria finanziaria per agevolare laccesso al credito soprattutto per le piccole imprese Favorire lAlta formazione ed i rapporti Università/Imprese per linnovazione tecnologica In risposta alla raccomandazione della Commissione sugli obiettivi tematici 8,9 e 10 FORMAZIONE ON-DEMAND ALTA FORMAZIONE GREEN JOBS PAROLE CHIAVE IMPRESE SOSTENIBILI INNOVAZIONE E RICERCA IMPRESE SOSTENIBILI INNOVAZIONE E RICERCA Riorganizzazione di processo e di prodotto

17 Recuperati oltre 40 milioni di euro a rischio inutilizzo. Azioni di pulizia e controllo POR milioni saranno utilizzati per riattivare i percorsi di formazione continua SPAL per i lavoratori cassintegrati in deroga. 8 milioni saranno utilizzati entro lestate 2013 per azioni di: Alta formazione A sostegno dei NEET Per un target complessivo di 500/750 giovani (18-29 anni) Azioni a sostegno del Piano Giovani del Governo

18 Tre Tavoli tematici Tre Tavoli tematici Idee e proposte pervenute Occupazione Ob. tematico 8 Inclusione Ob. tematico 9 Istruzione formazione Ob. tematico 10 8 luglio ore 15 - Sala Tevere 10 luglio ore 15 - Sala Tevere 12 luglio ore 15 - Sala Tevere Strumenti Portale interattivo Animazione territoriale Eventi locali e a tema Altre idee proposte TRA LUGLIO E SETTEMBRE PARTECIPAZIONE: prossime tappe

19 Tavoli territoriali Tavoli territoriali Sviluppo territorio Province e Comuni Partenariato istituzionale Codifica ed inserimento in database Individuazione priorità di investimento, traduzione in obiettivi ed azioni per giungere alla stesura della nuovo POR 2014/2020 Tutte le idee e i questionari TRA LUGLIO E SETTEMBRE ENTRO DICEMBRE PARTECIPAZIONE: prossime tappe

20


Scaricare ppt "il tasso di disoccupazione giovanile in Europa sfiora il 33%. Nel Lazio è al 35,3% in Italia 800mila giovani hanno lasciato prematuramente gli studi,"

Presentazioni simili


Annunci Google