La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Elementi di linguistica sarda Giovanni Lupinu Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Sassari Lezione n. 7.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Elementi di linguistica sarda Giovanni Lupinu Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Sassari Lezione n. 7."— Transcript della presentazione:

1 Elementi di linguistica sarda Giovanni Lupinu Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Sassari Lezione n. 7

2 Il secondo superstrato italiano Durante la dominazione iberica la conoscenza e la diffusione dellitaliano, pur non cessando del tutto, si attenuarono parecchio, per poi riprendere a partire dal 1720, quando la Sardegna passò ai Piemontesi e, più tardi, entrò a far parte dello Stato italiano. Non bisogna pensare che il passaggio ai Piemontesi abbia provocato un brusco mutamento degli usi linguistici: lisola era ormai profondamente spagnolizzata, con lo spagnolo (e ancora, in qualche misura, il catalano) lingua ufficiale ed elevata e il sardo dominante fra le classi non colte (la stragrande maggioranza della popolazione).

3 Ci furono anche iniziative assai decise a favore della diffusione dellitaliano, come quella del ministro Bogino che, nel 1760, rendeva obbligatorio lutilizzo di tale lingua nelle scuole e il suo impiego nellufficialità. In ogni caso, quella dellitaliano fu unespansione assai lenta e graduale, che dovette tener conto della situazione di partenza, in particolare della diffusa dialettofonia: solo nel XX sec., specie dopo le guerre mondiali, litaliano troverà in Sardegna una diffusione e un impiego realmente capillari.

4 Allindomani dellunificazione (1861) In unopera assai importante del 1963, il linguista Tullio De Mauro poneva per la prima volta un problema cruciale (anche in relazione alla Sardegna): quanti erano gli italofoni nel 1861, allindomani dellunificazione? Sino ad allora, in modo quanto meno ingenuo, il numero degli italofoni era stato considerato uguale a quello degli Italiani. In realtà, possiamo dire che luso dellitaliano era ristretto ai ceti colti e benestanti e solo a situazioni pubbliche e solenni: la stragrande maggioranza della popolazione parlava unicamente il proprio dialetto.

5 Al di là di questa prima, fondamentale approssimazione, è possibile arrivare a dati più precisi, sia pure per via indiretta. Nel 1861, infatti, si aveva il primo censimento della popolazione: il 75% degli individui sopra i 5 anni di età era costituito da analfabeti (è un dato altissimo: a metà dellOttocento in Svezia siamo intorno al 10%, in Prussia al 20% ca., in Inghilterra e Svizzera al 30% ca., in Austria e Francia al 40% ca., in Spagna al 75% ca., in Russia al 90% ca.). A proposito della situazione italiana e delle singole regioni (Sardegna compresa), si veda la tabella nella diapositiva seguente (fonte: De Mauro).

6 Tasso di analfabetismo fra la popolazione di più di 5 anni di età

7 Come si vede chiaramente, in questo quadro desolante la Sardegna stava allultimo posto (bisognerà attendere il 1921 per arrivare a un tasso di analfabetismo inferiore al 50%). A questo punto si può tornare alla domanda iniziale, relativa al numero di coloro che, al momento dellunificazione, sapevano parlare litaliano. Il primo elemento utile da tenere presente è che allora litaliano non era lingua usata nella comunicazione quotidiana: dunque non si poteva apprendere per semplice immersione, come avviene oggi.

8 In un simile contesto, italofono era soltanto chi avesse potuto apprendere litaliano attraverso unistruzione scolastica prolungata, protrattasi almeno qualche anno dopo le elementari, ciò che garantiva un contatto duraturo con la lingua nazionale. Se dunque escludiamo dal numero degli italofoni gli analfabeti totali e coloro che avevano avuto unistruzione insufficiente, arriviamo, fuori di Roma e della Toscana, all8 della popolazione (circa individui su 20 mil.).

9 A questi individui bisogna aggiungere i Toscani e i Romani: in Toscana e a Roma, infatti, la capacità di esprimersi in italiano era generalizzata (per ragioni diverse: la vicinanza strutturale del toscano allitaliano da un lato, dallaltro una situazione storica, a partire dal Cinquecento, che favorì a Roma una diffusione capillare dellitaliano). Sommando i Toscani e i Romani, arriviamo a italofoni: appena il 3% della popolazione. Il dato che possiamo riferire alla Sardegna, tuttavia, è ancora più basso di quell8 che si commentava sopra, considerando il tasso di analfabetismo di partenza.

10 Fattori dellitalianizzazione linguistica Come lingua delluso, dunque, nel 1861 litaliano era in Sardegna (e non solo in Sardegna) pressoché inesistente. A fianco alla scuola, e per certi versi più efficaci della scuola, i fattori che giocarono a favore dellitalianizzazione linguistica furono diversi. In particolare, furono decisivi lapertura verso lesterno imposta dallesperienza delle due guerre mondiali, il servizio militare obbligatorio (svolto spesso in caserme della penisola), i fenomeni di urbanesimo e di espansione di nuove forme di economia, la creazione di una rete stradale capace di porre rimedio allisolamento delle regioni centrali, la diffusione dei mezzi di comunicazione di massa (giornali, radio, cinema e, a partire dal 1954, la televisione).

11 La seconda italianizzazione Il risultato dei processi sopra descritti in modo sommario è che – come si vedrà meglio più avanti – oggi è litaliano e non il sardo la lingua materna di numerosissimi giovani. Tutto questo, visto dal punto di vista della storia della lingua sarda, ha avuto conseguenze vistose: dopo la prima italianizzazione, dopo il 1000, si è avuta una seconda italianizzazione, ben più potente, i cui effetti sono sotto i nostri occhi e che mette a rischio la sopravvivenza stessa del sardo.

12 Sostituzioni lessicali Per es., è accaduto e accade continuamente che vocaboli più antichi siano sostituiti da italianismi: anziché luègo, luègu etc. (di origine spagnola), per subito si sente sempre di più súbbitu; anziché aorrare, aurrare, aorrai (di origine spagnola), o istraviare, straviai (di origine catalana), per risparmiare è duso comune litalianismo risparmjare, risparmjai; anziché pústis e simm. (di origine latina), per poi si sente sempre più spesso pói; anziché nađále (di origine latina), molti giovani tendono a dire, allitaliana, dičèmbre.

13 Linflusso dellitaliano, inoltre, si nota nel fatto che quei settori del vocabolario che vanno a rappresentare le nuove tecnologie, le nuove realtà sociali, culturali, politiche ed economiche sono presi di peso dalla lingua nazionale, con qualche minimo adattamento. Accade così che nei più recenti dizionari della lingua sarda si incontrino voci di questo tipo: aeróbbiku, autokráve, komunísta, kóntu kurrènte, parlaméntu, púlma, sintássi, telégrafu, termómetru, trattòre etc.

14 Influssi sulla fonetica e sulla sintassi Anche nel campo della fonetica, ossia della pronuncia, linflusso dellitaliano si fa sentire. Per es., nelle giovani generazioni tendono a scomparire le articolazioni retroflesse, tanto caratteristiche del sardo: così, per gallina si sente sempre di più púdda e sempre di meno pú a. Anche nella sintassi è evidente linflusso dellitaliano: già il Wagner, nel 1950, segnalava lesistenza come di due sintassi del sardo, una popolare, conservativa, laltra cittadina e borghese, italianizzante.

15 Un simile influsso sulla sintassi del sardo interessa, per es., lordine delle parole in certi costrutti, come quello del sostantivo con laggettivo. Lordine più antico del sardo è Sost. + Agg.: per es. un ómine ónu un bravuomo. Sempre più spesso, però, si osserva linversione di questo ordine, sul modello dellitaliano: per es. una òna ƀ essòne una brava persona. La morfologia, invece, si dimostra più impermeabile a simili influssi.

16 Breve bibliografia T. De Mauro, Storia linguistica dellItalia unita, Roma-Bari I. Loi Corvetto, La Sardegna, in I. Loi Corvetto, A. Nesi, La Sardegna e la Corsica, Torino 1993, pp M. L. Wagner, Dizionario etimologico sardo, Heidelberg M. L. Wagner, La lingua sarda. Storia, spirito e forma, Nuoro 1997.


Scaricare ppt "Elementi di linguistica sarda Giovanni Lupinu Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Sassari Lezione n. 7."

Presentazioni simili


Annunci Google