La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Io e la GEOMETRIA Chiara Bianchi. La Geometria nella mia storia Io appena nata.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Io e la GEOMETRIA Chiara Bianchi. La Geometria nella mia storia Io appena nata."— Transcript della presentazione:

1 Io e la GEOMETRIA Chiara Bianchi

2 La Geometria nella mia storia Io appena nata

3 … alla scuola di infanzia Non ho molti ricordi della scuola di infanzia, ma recentemente ho avuto modo di tornarci per fare il tirocinio diretto e mi sono accorta di quanto gli spazi fossero sfalsati: avevo in mente un atrio anche classi molto grandi e invece entrando ho avuto modo di osservare le reali dimensioni …

4 E proprio vero che la prima unità di misura per gli ambienti siamo noi col nostro corpo, quanto più si è piccoli tanto più gli spazi sembrano essere immensi!

5 Ricordo che in classe vi era un materassone blu su cui si poteva giocare con cuscini (che allora sembravano grandissimi) di forme geometriche; cerano triangoli, rettangoli, cilindri, quadrati e sfere. Io alla scuola dinfanzia

6 Con queste forme si potevano realizzare costruzioni e improbabili torri. Credo che quelle esperienze si possano considerare le prime prove geometriche: dopo qualche tentativo era chiaro che porre la sfera alla base significava compromettere lequilibrio di tutta la torre.

7 Credo di aver sentito parlare tardi di Geometria vera e propria, anche se la scienza delle forme faceva già parte della mia vita…. Ricordo infatti di aver avuto un gioco in cui bisognava riconoscere le forme e inserirle nella casetta… era più o meno così: e mi piaceva un sacco!

8 Dopo aver imparato ad inserire ciascuna formina nel suo incastro mi divertivo a cercare le possibili combinazioni: ad esempio il cerchio, essendo più piccolo, poteva infilarsi anche nel foro quadrato … Queste sono state le mie prime scoperte geometriche, legate a Grande e Piccolo.

9 I percorsi A casa tra i giochi ricordo la presenza dei percorsi in legno per le palline: Con mio fratello -3 anni più piccolo di me- giocavo a fare le gare su chi riusciva prima a portare tutte le palline della propria squadra dallaltro lato.

10 Incastri Alla scuola di infanzia vi erano diverse versioni di questo gioco con forme differenti, vi era la serie della fattoria, della casa, del dottore, della maestra ….

11 … alla scuola primaria Nella Scuola Primaria le esperienze con la geometria furono di numero sicuramente maggiore, e soprattutto iniziarono piano piano ad essere consapevoli.

12 Le prime forme La maestra di matematica e geometria in prima per farci prendere confidenza con le forme geometriche ci fece provare a costruirle … Così facendo potevamo manipolare a piacimento queste entità geometriche astratte e sentirle un po più vicine, potendo quindi poi ricercarle negli ambienti di vita quotidiani.

13 Lati, Perimetro, Area, Volume … Molto interessante stata la scoperta dellesistenza delle formule geometriche, lidea che una scritta si potesse applicare a tutti i quadrati, o triangoli o a tutti gli appartenenti ad una categoria geometrica mi esaltava … mi piacciono le cose ordinate!

14 Tetris Questo è un gioco che mi piaceva – e mi piace ancora - molto: obiettivo è incastrare i pezzi nel modo migliore possibile … molto Geometrico in effetti!

15 … scuola secondaria inferiore Durante la scuola secondaria inferiore la mia idea della geometria non subì grandi variazioni; pian piano andavo costruendomi un mio formulario su cui segnavo tutte le formule relative a ciascuna figura da me incontrata … Le prime conoscenze ad essere inserite in questo personale strumento furono ovviamente quelle acquisite alla scuola primaria, relative per la maggior parte alle figure piane, solo in un secondo momento inserii la parte relativa alla geometria solida, che però onestamente non mi entusiasmava molto … preferivo il 2D al 3D!

16 …liceo scientifico Dopo un breve ripasso (e per breve intendo che nei primi 2 mesi di prima superiore la Prof aveva già rivisto tutte le formule geometriche da me conosciute) e tanti tanti esercizi … Al liceo scientifico di geometria ne incontrai parecchia … e lamico formulario non bastò più …

17 E decisamente necessario spiegare il perché di questo finalmente infatti la geometria pratica ovvero la manipolazione di solidi, ruotamento di figure e simili, non mi è mai piaciuta molto … faccio abbastanza fatica nei quiz attitudinali nella sezione indica quale è la figura esatta tra quelle proposte… … finalmente la Geometria analitica!

18 Invece la Geometria analitica permette di indicare con precisione i punti dei vertici delle figure, rotazioni non provocano confusione, tutto è sotto controllo e facilmente accessibile … Inoltre si attua una traduzione delle formule conosciute per adeguarle a questo mondo di ascisse e ordinate, e ogni cosa trova il suo posto!

19 Riflessioni … Ripensando al mio percorso scolastico credo che le esperienze siano state per la maggior parte positive; non amo in modo particolare la Geometria, a cui preferisco di gran lunga la matematica, però riflettendo su alcuni aspetti del mio carattere quali lordine e lamore per il sistemare credo che abbiano qualcosa di Geometrico … La Geometria è lo studio delle forme, delle formule per definirle in modo univoco e calcolarne le caratteristiche …soprattutto questultimo punto mi affascina!

20 La Geometria per me oggi Oggi le mie più grandi preoccupazioni geometriche sono relative a come trasmettere lamore per questa materia, come farla sentire vicino ai bambini e con quali strumenti farla loro vivere … Credo che la chiave del successo sia partire dallesperienza, dal mondo reale, e porre dei quesiti, mettere i piccoli geometri davanti a dei problemi di natura geometrica, in modo che siano loro stessi a ricercare analogie e formule … Solo così credo che si possa rendere un buon servizio alla Geometria!


Scaricare ppt "Io e la GEOMETRIA Chiara Bianchi. La Geometria nella mia storia Io appena nata."

Presentazioni simili


Annunci Google