La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

NANOBIOTECNOLOGIE DIAGNOSTICA MEDICINA RIGENERATIVA TRAPIANTI CON CELLULE STAMINALI Francesco HinegkGiovanni Masotto Martino Panarisi Alessandro Signora.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "NANOBIOTECNOLOGIE DIAGNOSTICA MEDICINA RIGENERATIVA TRAPIANTI CON CELLULE STAMINALI Francesco HinegkGiovanni Masotto Martino Panarisi Alessandro Signora."— Transcript della presentazione:

1 NANOBIOTECNOLOGIE DIAGNOSTICA MEDICINA RIGENERATIVA TRAPIANTI CON CELLULE STAMINALI Francesco HinegkGiovanni Masotto Martino Panarisi Alessandro Signora Enrico Soprana Marco Vecchiato

2 DIAGNOSTICA OBIETTIVI STRUMENTI IN-VITRO IN-VIVO

3 OBIETTIVI e PROBLEMI DIANGNOSTICA DIAGNOSTICA TRADIZIONALE PROBLEMI: Deterioramento campione Costi elevati Lunghi tempi di attesa NANO-DIAGNOSTICA OBIETTIVI: Delocalizzazione diagnosi (P.O.C.) Riduzione tempi attesa delle analisi 3F : Find,Fight,Follow Diagnosi precoce ed eventuale somministrazione dei farmaci Monitorare lefficacia della terapia PROBLEMI: Eventuale tossicità

4 STRUMENTI DIAGNOSTICA IN-VITRO Obiettivi: Analisi multiparametrica Maggiore affidabilità Componenti: Biorecettore Trasduttore Amplificatore e microelettronica Caratteristiche: Maggiore sensibilità, specificità, affidabilità

5 STRUMENTI DIANGNOSTICA IN-VIVO Nano-Imaging Obiettivi: Ricostruzione 3D Combinazione di imaging differenti Maggiore efficenza Nano particelle in grado di essere attivate al bisogno Esempi: Imaging multi-modale Quantum dots Progetto della MagForce AG Dispositivi impiantabili Obiettivi: Miniaturizzazione Integrazione sensori MEMS con finalità differenti Trasmissione dati verso un ricevitore esterno Uso di bracci robotici e rilascio farmaci Esempi: Progetto VECTOR Progetto IDEAS

6 CONCLUSIONI DIAGNOSTICA Obiettivi: Miniaturizzazione Biocompatibilità Auto-alimentazione, Autodiagnosi Trasmissione dati verso centri di raccolta anche remoti Ridurre tempi attesa per i test Diagnosi e prescrizione rapide Problemi: Eventuale tossicità sistemica di dispositivi per la diagnostica in-vivo

7 MEDICINA RIGENERATIVA Settori Biomateriali Terapia con PRP Prospettive e conclusioni

8 SETTORI Tecniche e applicazioni Ingegneria tissutale Obiettivi Modalità Vantaggi Terapia genica Obiettivi Modalità Vantaggi Terapia cellulare somatica Cellule staminali

9 BIOMATERIALI COSA SINTENDE PER BIOMATERIALE? Biomateriali passivi Funzione Biomateriali attivi Funzione

10 Terapia con PRP Cosè il PRP e come si ottiene? Centrifuga Piastrine Fattori di crescita Attivatore piastrinico Obiettivi: Chirurgia estetica Trattamento ulcere(vascolari e diabetiche) Piaghe da decubito Vantaggi: Sicurezza Costi

11 Prospettive e Conclusioni Prospettive: Mercato emergente Conclusioni: Ricostruzione in vivo/vitro Utilizzo di biomateriali

12 TRAPIANTI CELLULE STAMINALI Tipi di NSCs e processi rigenerativi Il futuro delle cellule staminali Problematiche delle cellule staminali Proprietà delle cellule staminali Tipologie delle cellule staminali Patologie infiammatorie NSCs e NSC Effetto tropico

13 TIPI di NSCs e PROCESSI RIGENERATIVI Processi rigenerativi condizione: Fisiologica (di mantenimento) Patologica (di riparazione) Il cervello contiene cellule staminali neurali (NSCs) in grado di differenziarsi nelle tre tipologie di cellule nervose: Neuroni Oligontrocidi Astrociti Processi endogeni spontanei non sufficienti a promuovere un recupero funzionale ottimale del sistema nervoso

14 IL FUTURO DELLE CELLULE STAMINALI Possibilità di isolare cellule staminali ed espanderle in condizioni ALTAMENTE CONTROLLATE.espanderle Le NSCs promessa per il futuro: includono meccanismi di NEUROPROTEZIONE e IMMUNO-MODULAZIONE; capacità delle NPCs di instaurare un meccanismo di intercomunicazione con cellule residenti nel SNC

15 PROBLEMATICHE CELLULE STAMINALI Ci sono ancora aspetti da chiarire nella tecnica somministrazione ENDOVENOSA o LOCALE delle NPCs, ovvero: Ideale fonte di produzione di cellule staminali Ideale via di somministrazione Ideale tempistica di somministrazione e meccanismo dazione da promuovere

16 PROPRIETÀ CELLULE STAMINALI Abilità di alternare tra divisione cellulare simmetrica e asimmetrica Possibilità di rimanere in stato miotonicamente quiescente in vivo Capacità di dare origine a tutti i tipi cellulari che compongono il tessuto in cui esse risiedono

17 TIPOLOGIE CELLULE STAMINALI Cellule staminali divisibili in base alle potenzialità differenziative: Cellule TOTIPOTENTI: capacità di differenziare in tutti i tipi cellulari Cellule PLURIPOTENTI: possono differenziare in ogni tipo di cellula somatica Cellule MULTIPOTENTI: differenziabili in nei diversi tipi cellulari che costituiscono un sistema (turnover tessuti danneggiati)

18 PATOLOGIE INFIAMMATORIE SNC Primarie: SM, ictus cerebrale, lesione midollo spinale Caratterizzate da un evento infiammatorio che porta a neurodegenerazione Secondarie: epilessia, Alzheimer, Parkinson Si ha una neurodegenerazione primaria che porta ad infiammazione cronica

19 NPCs e SNC Inaspettatamente, NPCs trapiantate SISTEMATICAMENTE si sono dimostrate capaci di superare le barriere, che proteggono lSNC infiammato dove possono indurre il recupero funzionale NCPs trapiantate in topi sani (senza un infiammazione presente ) non riescono a superare la barriera Le NPCs sono in grado di percepire (grazie a recettori di membrana) gradienti di molecole infiammatorie che vengono rilasciate dai tessuti infiammati; in breve tempo raggiungono la sorgente di questi segnali infiammatori ed iniziano una serie di eventi che le porta a superare la barrierarecettori di membrana

20 EFFETTO TROFICO Le cellule staminali concorrono alla formazione di strutture molecolari per la riparazione dei tessuti, comunicando con quelle preesistenti grazie a fattori di rilascio

21 IMMUNOMODULAZIONE Le NPCs trapiantate sono in grado di modulare lazione del sistema immunitario grazie a: PROGRAMMAZIONE MORTE LINFOCITI T RIDUZIONE FATTORI PRO-INFIAMMATORI

22 CONCLUSIONI Il trapianto di cellule neuronali staminali è molto più articolato e complesso di quanto si ipotizzasse allinizio delle ricerche. Questi trapianti portano ad un effetto neuro protettivo del tessuto riducendo la morte cellulare, in secondo luogo modulano la risposta dellinfiammazione. Tutto ciò è definito come plasticità terapeutica.

23

24


Scaricare ppt "NANOBIOTECNOLOGIE DIAGNOSTICA MEDICINA RIGENERATIVA TRAPIANTI CON CELLULE STAMINALI Francesco HinegkGiovanni Masotto Martino Panarisi Alessandro Signora."

Presentazioni simili


Annunci Google