La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

G.F. La Gioconda Scopo del corso Avvertenze. dare le basidare le basi di conoscenza necessarie a capire la fotografia e il suo sviluppo digitale: saper.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "G.F. La Gioconda Scopo del corso Avvertenze. dare le basidare le basi di conoscenza necessarie a capire la fotografia e il suo sviluppo digitale: saper."— Transcript della presentazione:

1 G.F. La Gioconda Scopo del corso Avvertenze

2 dare le basidare le basi di conoscenza necessarie a capire la fotografia e il suo sviluppo digitale: saper leggere il libretto di istruzioni e comprendere articoli, notizie, cataloghi mettere in gradomettere in grado di scegliere ed utilizzare apparecchi digitali sapendo ciò che si fa mettere in gradomettere in grado di trattare le foto ottenute mettere in gradomettere in grado di apportare correzioni mettere in gradomettere in grado di stampare Scopo del corso:

3 dare le basidare le basi di conoscenza necessarie a capire la fotografia e il suo sviluppo digitale: saper leggere il libretto di istruzioni e comprendere articoli, notizie, cataloghi mettere in gradomettere in grado di scegliere ed utilizzare apparecchi digitali sapendo ciò che si fa mettere in gradomettere in grado di trattare le foto ottenute mettere in gradomettere in grado di apportare correzioni mettere in gradomettere in grado di stampare Scopo del corso: Per produrre una bella fotografia non basta quasi mai limitarsi a portare la fotocamera allocchio e scattare unistantanea Gli automatismi a disposizione non devono evitare al fotografo la necessaria conoscenza della tecnica e della fotocamera ma, al contrario, fornirgli maggiori potenzialità di sfruttamento

4 Avvertenze: Tempi ridotti:Tempi ridotti: –quattro serate dedicate alla tecnica –una serata dedicata alla composizione della foto –quattro serate per Photoshop –due serate per Lightroom Il digitale va da fotografia a informatica a elettronicaIl digitale va da fotografia a informatica a elettronica –Necessità di essere sintetici –Necessità di semplificazioni –Necessità di scelta argomenti Possibilità di sviluppo futuroPossibilità di sviluppo futuro –Eventuali corsi più approfonditi su tematiche specifiche –Frequentare gruppo –Leggere libri e riviste Ma soprattutto….Ma soprattutto…. –FARE FOTO AUTOCRITICA CONFRONTO

5 1.Gestione domande –Interrompere se non si ha capito –Ripeto e spiego meglio –Rimando ad approfondimento successivo –Si capirà meglio in seguito –Non pertinente al corso (= non lo so…) –Chiedo se tutto chiaro –Ripeto e spiego meglio –Rimando ad approfondimento successivo –Si capirà meglio in seguito –Non pertinente al corso (= non lo so…) –Domande servono a tutti: –Domande servono a tutti: non farle privatamente al proprio vicino –Si disturba –Non si aiuta chi non ha il coraggio di farle –Chi parla è convinto di essere stato chiaro anche se non si è spiegato a sufficienza –Spazio di approfondimento a fine serata Avvertenze:

6 2.Alla fine del corso 2. Alla fine del corso verrà consegnato un CD contenente le presentazioni utilizzate per le lezioni. 3. Dopo ogni serata 3. Dopo ogni serata sarà possibile scaricare la presentazione appena vista dal sito del Gruppo: 4. Allo stesso indirizzo 4. Allo stesso indirizzo è reperibile il programma del corso dettagliato per ogni serata. Avvertenze:

7 G.F. La Gioconda Perché digitale? Le fotocamere Le pellicole ed il sensore I pixel e la risoluzione I files

8 Perché digitale?VANTAGGI IMMEDIATEZZA:IMMEDIATEZZA: le immagini possono essere visionate sul monitor in miniatura incorporato nella macchina immediatamente dopo averle scattate. Se la foto non è riuscita bene, la si può semplicemente cancellare. Se è sovresposta, troppo scura, sfocata o mossa si ha la possibilità di rifarla. Una volta a casa (ma anche, con un portatile, durante le riprese) le immagini si possono vedere subito sullo schermo del computer (o del televisore) ed eventualmente stampare. AUTONOMIA:AUTONOMIA: fino a migliaia di foto senza cambiare rullino; unico limite pratico la durata della batteria. Le schede di memoria possono contenere un numero enorme di foto e possono essere riutilizzate per un numero (quasi) illimitato di volte. FLESSIBILITÀ:FLESSIBILITÀ: non si è legati al tipo di pellicola: è possibile variare sensibilità, colore/BN, bilanciamento del bianco, contrasto ecc. foto per foto e anche dopo che si è scattato. ECONOMICITÀ:ECONOMICITÀ: una volta affrontato la spesa iniziale per lattrezzatura uno scatto in sé stesso non costa praticamente nulla: possibilità quindi di scattare a ripetizione senza preoccuparsi del costo. Se poi si decide di stampare, non sarà necessario fare sviluppare lintero rullino, sarà invece possibile scegliere e stampare solo le foto migliori ed è abbastanza agevole farlo da soli.

9 Perché digitale?VANTAGGI (segue) CONDIVISIBILITÀ:CONDIVISIBILITÀ: le immagini sono immediatamente disponibili per essere mostrate, distribuite su svariati supporti, inviate via ecc. MANEGGEVOLEZZA:MANEGGEVOLEZZA: si possono ritoccare con semplicità le foto al computer correggendo eventuali difetti, errori o distorsioni. È relativamente semplice montare proiezioni e audiovisivi. (Attenzione ai programmi usati!) RIPRODUCIBILITÀ:RIPRODUCIBILITÀ: i files immagine possono essere duplicati infinite volte senza perdita di qualità. CONSERVABILITÀ:CONSERVABILITÀ: Si possono archiviare con semplicità ed a costi infimi innumerevoli foto sul proprio disco fisso e su supporti di memorizzazione trasportabili (floppy, CD, DVD, BD, HD, schede, chiavi) e distribuirle a chi possano interessare con un ingombro di spazio pressoché nullo. I files immagine sono inalterabili e, se si adottano le opportune precauzioni, hanno una grande affidabilità di durata nel tempo Oltre a scattare fotografieOltre a scattare fotografie, la macchine digitali offrono una quantità di funzioni extra, come la registrazione di suoni, la creazione di filmati, la funzione web cam, la registrazione della posizione tramite GPS…. ATTENZIONE! 1.NON APPROFITTARNE: faccio la foto senza troppa cura, tanto poi la correggo 2.NON ESAGERARE: la correzione migliore è quella che non si vede

10 Perché digitale?SVANTAGGI Qualità,Qualità, intesa in termini di quantità di informazioni registrate, non allaltezza della foto su pellicola. ?

11 Perché digitale? Pellicola VELVIA 100 F Sensore 6 megapixel Sensore 10 megapixel Tratto da Nikon eXperience (http://www.nital.it/experience/index.php)http://www.nital.it/experience/index.php

12 Perché digitale? Pellicola VELVIA 100 F Sensore 10 megapixel Tratto da Nikon eXperience (http://www.nital.it/experience/index.php)http://www.nital.it/experience/index.php

13 Perché digitale?SVANTAGGI Qualità,Qualità, intesa in termini di quantità di informazioni registrate, non allaltezza della foto su pellicola. In proiezioneIn proiezione il rapporto qualità/costo è ancora molto insoddisfacente. ormai quasi soddisfacente. Alto costo inizialeAlto costo iniziale dellattrezzatura e necessità di rinnovarla quasi totalmente. Quasi necessitàQuasi necessità, per sfruttarne appieno le potenzialità, di trattare i files ottenuti. NecessitàNecessità di costante manutenzione per assicurare la conservazione dei files. TimoreTimore reverenziale ed ingiustificato dei termini digitale, file, computer, informatica… ConservatorismoConservatorismo puro e semplice.

14 Cosa usiamo per vedere? Strumento Non perfetto Selettivo Automatico Guidato OCCHIOCERVELLO È lui che vede Abitudinario Influenzabile Sceglie Autonomo

15 Cosa usiamo per vedere? Strumento Non perfetto Selettivo Automatico Guidato OCCHIOCERVELLO È lui che vede Abitudinario Influenzabile Sceglie Autonomo MACCHINA FOTOGRAFICA = OCCHIO SENZA CERVELLO

16 LE FOTOCAMERE Classiche non reflex Piccole compatte Reflex ScattareScattare in fretta e senza problemi PiccolePiccole, maneggevoli e leggere: da portare sempre con noi CompletamenteCompletamente automatiche, offrono comunque alcune possibilità di regolazione TalvoltaTalvolta forme di fantasia DimensioniDimensioni maggiori: obbiettivi più luminosi, sensori più grandi Possibilitàdi sceltaPossibilità di scelta tra vari tipi di automatismi, impostazioni e regolazioni manuali DisponibilitàDisponibilità di accessori VisioneVisione nel mirino attraverso lobbiettivo ObbiettiviObbiettivi completamente intercambiabili SensoriSensori grandi Vasta sceltaVasta scelta tra vari tipi di automatismi, impostazioni e regolazioni manuali Ampia disponibilitàAmpia disponibilità di accessori CONSUMER PROSUMER PROFESSIONAL Mirrorless

17 LA DIFFERENZA La diversità è dietro Davanti non cambia niente (o quasi) PELLICOLA SENSORE

18 Bianco e nero Negativi a colori Diapositive Luce naturale Luce artificiale LE PELLICOLE Da 25 A 6400 ASA E oltre 12 pose 24 pose 36 pose VARI TIPI VARIE SENSIBILITÀ VARIA CAPACITÀ SENSIBILITÀ = quantità di luce necessaria alla pellicola per ottenere unimmagine correttamente esposta. Viene espressa abitualmente in ASA. Raddoppia al raddoppiare del numero di ASA

19 IL SENSORE

20 Sistemi di colore Il colore, in fotografia, è unopinione In natura gli oggetti ci appaiono variamente colorati perché assorbono solo alcune lunghezze donda della luce che li colpisce e rimandano le altre. Gli oggetti neri assorbono tutta la luce, gli oggetti bianchi la rimandano tutta. Non esiste un modo fotograficamente pratico di rilevare le lunghezze donda rimandate da ogni singolo punto del mio soggetto: viene registrata solo la loro maggiore o minore luminosità. Le foto che facciamo quindi sono solo in BN. Il colore viene aggiunto con degli artifici.

21 Sistemi di colore RGB R ed G reen B lue Usato quando il colore è prodotto da raggi luminosi (schermi, sensori). In questo sistema i tre colori primari della luce sono il rosso, il verde e il blu; tutti gli altri colori possono essere ottenuti sommando i colori primari in proporzioni e intensità diverse. Il bianco e il grigio vengono prodotti quando rosso, verde e blu sono aggiunti in proporzioni simili, mentre la loro completa assenza produce il nero. CMYK C yan M agenta Y ellowBlac K Usato quando il colore è stampato. I filtri o pigmenti di stampa cyan, magenta e giallo sottraggono dalla luce bianca varie quantità di rosso, verde e blu producendo in questo modo i vari colori dello spettro. Si forma il nero quando i filtri CMY sono combinati nella massima quantità, e ci si avvicina al bianco quando la loro concentrazione diminuisce.

22 IL SENSORE

23

24 I PIXEL picture element Unità di informazione:Unità di informazione: colore e luminosità

25 I PIXEL picture element Unità di informazioneUnità di informazione: colore e luminosità RappresentabiliRappresentabili come quadretti

26 I PIXEL picture element RISOLUZIONE: Il loro numero determina la RISOLUZIONE: possibilità di riprodurre accuratamente piccoli dettagli e particolari megapixel (4600 x 3100) 2 2 megapixel (1824 x 1216)

27 Un po di terminologia pixel = 1 Kilopixel (mille pixel) Kilopixel= 1 Megapixel (un milione di pixel) Megapixel= 1 Gigapixel (un miliardo di pixel) Gigapixel= 1 Terapixel (mille miliardi di pixel) Circa la stessa relazione esiste tra Byte, Megabyte, Gigabyte, Terabyte, (anche se non bisogna moltiplicare per ma per 1.024). Un Byte è formato da 8 bit. Un bit può assumere un valore tra 0 e 1, quindi il valore di un Byte è compreso tra 0 e 256. Anche un pixel è di solito descritto da un gruppo di 8 bit (anche se possono essere 10, 12, 16, …), quindi può assumere 256 valori (livelli di nero). Ma i colori del pixel sono tre, quindi può assumere 256 x 256 x 256 = valori (livelli di colore) PPI (pixels per inch, pixel per pollice) o DPI (drops per inch, punti per pollice) danno il valore della risoluzione)

28 RISOLUZIONE 5 5 megapixel (2560 x 1920) 0,5 0,5 megapixel (800 x 600)

29 RISOLUZIONE 5 5 megapixel (2560 x 1920) 0,5 0,5 megapixel (800 x 600)

30 QUANTA RISOLUZIONE? Quella necessaria QUANTI MILIONI DI PIXEL CI SERVONO DIPENDE DA COME INTENDIAMO UTILIZZARE I FILES IMMAGINE PRODOTTI DALLA FOTOCAMERA

31 QUANTA RISOLUZIONE? Quella necessaria RISOLUZIONE PER LO SCHERMO 72 ppi Determina la dimensione dello schermo 1 inch 72 pixel Anche 96 ppi per lalta risoluzione : tenere comunque presente che in questo modo icone, scritte, immagini ecc. vengono rimpicciolite e di solito bisogna ingrandirle

32 QUANTA RISOLUZIONE? Quella necessaria RISOLUZIONE PER LO SCHERMO SchermoMegapixel Dimensione file (in Mb ) 15" 800x600 (SVGA ) 0,51,373 17" 1024x768 (XGA) 0,82, x1024 (SXGA) 1,33, ppi Determina la dimensione dello schermo I pixel in più vengono eliminati

33 QUANTA RISOLUZIONE? Quella necessaria RISOLUZIONE PER LE STAMPE StampaMegapixel Dimensione file (in Mb ) 10x15 cm - 4x6 in 2,26 13x18 cm - 5x7 in 3,19 21 x 29,7 - A4 8, ppi 4 x 300 = x 1800 = x 300 = 1800

34 QUANTA RISOLUZIONE? Quella necessaria RISOLUZIONE PER LE STAMPE 300 ppi Da una fotocamera di 5 Megapixel (file di 2560x1920 pixel) se dobbiamo stampare a 300 pixel/pollice avremmo una dimensione di stampa di: 2560:300=8,53 pollici (1 pollice = 2,54 cm.) = 21,66 cm 1920:300=6,40 pollici (1 pollice = 2,54 cm.) = 16,26 cm In realtà nella pratica si stampa a 240 ppi (e anche meno). Si può poi intervenire interpolando pixel, e occorre inoltre tener conto della distanza di osservazione: con un file 2560x1920 pixel sarà possibile stampare, con i giusti interventi, anche un 70x100 cm

35 Dimensioni di stampa desiderata (teorica) Risoluzione Megapixel 13,5 x 10 cm 1600 x x 12 cm 2016 x x 16 cm 2560 x x 17 cm 3000 x x 22 cm 3872 x x 27 cm 4672 x Dimensioni di stampa desiderata (teorica) Risoluzione Megapixel 17 x 13 cm 1600 x x 16 cm 2016 x x 20 cm 2560 x x 21 cm 3000 x x 28 cm 3872 x x 33 cm 4672 x QUANTA RISOLUZIONE? Quella necessaria RISOLUZIONE PER LE STAMPE 300 ppi 240 ppi

36 QUANTA RISOLUZIONE? Quella necessaria TRANQUILLIZZATEVI: Tutti questi calcoli, che sembrano complessi, in realtà sono molto semplici quando si capiscono nella loro logica. I calcoli si possono fare (e di solito, quando dovessero servire, si fanno) in automatico, aprendo un qualsiasi programma di elaborazione di immagini: inserendo i parametri che ci interessano o che ci sono noti (dimensione in pixel, dimensione di stampa, dimensione in Mb, risoluzione…) si potranno visualizzare gli altri. TORNEREMO SUL PROBLEMA PARLANDO DELLA STAMPA

37 QUANTA RISOLUZIONE? Quella necessaria Come regola generale è di norma preferibile scattare alla massima risoluzione disponibile: sarà sempre possibile ridurla in seguito con un software per la gestione delle immagini… Ricordate però che grandi numeri necessitano di strumenti appropriati per: registrazione del file (schede di memoria capienti) spazio su disco per l'archiviazione tanta memoria RAM sul computer per la loro manipolazione.

38 QUANTA RISOLUZIONE? NON SOLO PIXEL ATTENZIONE: Alla qualità dell'immagine non concorrono solo quanti milioni di Pixel ci vengono restituiti dalla fotocamera, ma anche e soprattutto: il tipo di sensore e la sua dimensione fisica la qualità dell'ottica la bontà dell'elaborazione effettuata dal software interno della fotocamera nel trasformare la carica elettrica raccolta dall'elemento del sensore in dato digitale il grado di compressione scelto per il formato del nostro file LA TECNICA FOTOGRAFICA : una corretta esposizione e il contrasto generale del soggetto. MAGGIOR RISOLUZIONE non significa necessariamente MAGGIOR DEFINIZIONE nè MAGGIOR NITIDEZZA significa semplicemente la possibilità di ottenere stampe più grandi NELLA SCELTA DELLA FOTOCAMERA NON DEVE ESSERE LA CARATTERISTICA DETERMINANTE

39 DIMENSIONI DEL SENSORE 36 x 24 mm = 864 mm 2 - rapp. 3 a 2 28,7 x 19,1 mm = 548 mm 2 - rapp. 3 a 2 23,7 x 15,6 mm = 370 mm 2 (DX)- rapp. 3 a 2 17 x 13 mm = 221 mm 2 - rapp. 4 a 3 8,8 x 6,6 mm = 58,08 mm 2 - rapp. 4 a 3 - Formato 2/3 7,2 x 5,3 mm = 38,16 mm 2 - rapp. 4 a 3 - Formato 1/1,8 5,8 x 4,3 mm = 24,94 mm 2 - rapp. 4 a 3 - Formato 1/2,5

40 I FILES.BMP – Il tipo più semplice memorizza limmagine pixel per pixel.TIF – Leggermente compresso compressione non distruttiva.JPG – Fortemente compresso si può scegliere il grado di compressione compressione distruttiva.RAW – Formato nativo della fotocamera leggermente compresso compressione non distruttiva proprietario: è necessario un apposito traduttore.DNG – Formato RAW universale non vincolato alla fotocamera

41 LE MEMORIE Il rullino delle macchine fotografiche convenzionali, nelle digitali è sostituito dalla scheda di memoria. esistono modelli di fotocamere con memoria fissa, installata in modo permanente le schede di memoria rimovibili sono, evidentemente, più pratiche: un adeguato numero di schede garantisce un divertimento praticamente illimitato consiste in elementi capaci di conservare le informazioni anche quando il sistema è spento la si inserisce nella macchina fotografica come un normale rullino e la si utilizza per salvare le immagini può essere cancellata e riutilizzata la capacità di memorizzazione è variabile, da pochi Mb (ormai obsolete) a parecchi Gb variabile è anche la velocità di scrittura e lettura purtroppo non ce standard e ne esistono vari tipi

42 LE MEMORIE COMPACT FLASH E il formato più ingombrante tra quelli esistenti, utilizzata in moltissimi dispositivi miglior rapporto costo/memoria dello stesso formato è il microdrive, un piccolo disco fisso che si presenta come una scheda Compact Flash. Per funzionare, occorre che la macchina sia adatta. SECURE DIGITAL molto compatta, delle dimensioni di un francobollo e dello spessore di poco più di un millimetro consente di impedire la registrazione agendo sullapposito cursore standard nellambito dei computer palmari e nelle fotocamere prezzi al megabyte molto convenienti. una sua derivazione è la MINI SD, ancor più compatta, molto usata nei cellulari LE PIU USATE

43 LE MEMORIE MULTIMEDIA CARD molto simile alle schede Secure Digital in quanto a forma e ingombro compatto, grande non più di un francobollo MEMORY STICK delle dimensioni di un chewing-gum, proposto dalla Sony sono stati introdotti altri formati, non sempre compatibili con i prodotti che gestiscono Memory Stick Memory Stick Pro porta la memory card di Sony oltre il gigabyte Memory Stick Duo è una versione miniaturizzata Memory Stick Micro è ancor più piccola XD PICTURE CARD Le xD Picture Card sono un formato abbasanza recente (2002). Promosso da Fujifilm e Olympus. Il formato xD è estremamente compatto, il più piccolo tra quelli disponibili solitamente utilizzato con fotocamere tascabili di minuscole dimensioni. ALTRI TIPI

44 LE PILE ALCALINE Facilmente reperibili Relativamente poco costose Buona durata della caricaLITIO Più difficilmente reperibili Costose Grande durata della carica RICARICABILI: al nichel cadmio o altra composizione (es. ioni litio) Abbastanza reperibili Le più costose Buona durata della carica La carica può essere ripristinata per un buon numero di volte VARI TIPI

45 LE PILE COMMERCIALE A STILO Facilmente reperibili Relativamente poco costose Buona durata della carica Sia usa e getta che ricaricabile COMMERCIALE PARTICOLARE Più difficilmente reperibili Possibilità di cessazione della produzione Più costose Grande durata della carica Sia usa e getta che ricaricabile DEDICATO ALLA FOTOCAMERA Più difficilmente reperibile Probabilità di cessazione della produzione Le più costose Grandissima durata della carica Generalmente solo ricaricabile VARI FORMATI

46 SCARICARE LE FOTO un rullino lo si porta a sviluppare le schede di memoria sono piuttosto costose, per cui, una volta riempite di immagini, si "svuotano" sull'hard disk del computer in modo da poterle riutilizzare è anche possibile, per i più pigri, portarle direttamente al laboratorio per la stampa lo stesso laboratorio le può scaricare e registrare su un CD, se non si sa farlo da soli

47 SCARICARE LE FOTO Via cavo: tutte le macchine digitali vengono fornite dotate di un cavo che consente di scaricare le foto dalla scheda di memoria (inserita nella macchina fotografica) sul computer la macchina viene riconosciuta dal computer come una sorta di unità disco normalmente il cavo è per la porta "USB" alcune sono dotate di interfaccia Firewire ad alta velocità alcuni modelli possiedono una base (anche detta cradle o docking station). Dopo averla connessa con il computer tramite un cavo, basta inserirvi la macchina fotografica per attivare il trasferimento dei dati e altre funzioni (come il caricamento delle batterie).

48 SCARICARE LE FOTO Lettore Lettore Si può usare anche uno speciale drive per la scheda o un lettore una volta connesso, è sufficiente inserirvi la scheda di memoria della macchina per avere accesso diretto ai dati (proprio come si accede ai dati di un CD), scaricarli e salvarli sul disco fisso normalmente la velocità è maggiore che attraverso il cavo della fotocamera si possono perdere alcune informazioni (dati Exif) i drive di questo tipo esistono sia come accessori incorporati, sia in versione esterna molti sono dotati di alloggiamenti per diversi tipi di schede memoria il prezzo è decisamente ragionevole

49 ORGANIZZARE LE FOTO TRATTARLE COME QUALSIASI ALTRO FILE Utilizzare Programma fornito con fotocamera Esplora risorse Programmi appositi Archiviare: Archiviare: Le nostre foto sono preziose Prima salvare file originale: masterizzare su CD, DVD, BD, o fare backup su altro disco Poi sbizzarirsi a modificare, raddrizzare, correggere…., ma solo sulla copia

50 ORGANIZZARE LE FOTO TRATTARLE COME QUALSIASI ALTRO FILE Utilizzare Programma fornito con fotocamera Esplora risorse Programmi appositi Archiviare: Archiviare: Le nostre foto sono preziose Prima salvare file originale: masterizzare su CD, DVD, BD, o fare backup su altro disco Poi sbizzarirsi a modificare, raddrizzare, correggere…., ma solo sulla copia

51 G.F. La Gioconda con Lobiettivo La messa a fuoco La lunghezza focale La luminosità Lotturatore


Scaricare ppt "G.F. La Gioconda Scopo del corso Avvertenze. dare le basidare le basi di conoscenza necessarie a capire la fotografia e il suo sviluppo digitale: saper."

Presentazioni simili


Annunci Google