La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La famiglia primo contesto educativo La famiglia primo contesto educativo Parrocchia San Mauro Abate Casoria.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La famiglia primo contesto educativo La famiglia primo contesto educativo Parrocchia San Mauro Abate Casoria."— Transcript della presentazione:

1 La famiglia primo contesto educativo La famiglia primo contesto educativo Parrocchia San Mauro Abate Casoria

2 PREGHIERA INIZIALE Ci impegniamo noi e non gli altri unicamente noi e non gli altri. Ci impegniamo senza pretendere che altri simpegni con noi o per suo conto, come noi o in altro modo.

3 Ci impegniamo senza giudicare chi non simpegna senza accusare chi non simpegna senza condannare chi non simpegna senza cercare perché non simpegna senza disimpegnarci perché altri non simpegnano. Ci impegniamo non per riordinare il mondo non per rifarlo su misura ma per amarlo.

4 Per amare anche quello che non possiamo accettare anche quello che non è amabile anche quello che pare rifiutarsi allamore poiché dietro ogni volto e sotto ogni cuore cè, insieme ad una grande sete damore, il volto e il cuore dellAmore, che non teme confronti, la sola che basta per impegnarci perdutamente. (PRIMO MAZZOLARI)

5 LE PORTE Mettono in comunicazione interno ed esterno, separano e uniscono, permettono di entrare e di uscire. Suscitano sentimenti e stati danimo diversi. Una porta chiusa può scatenare curiosità o paura: aprire una porta dietro la quale si sa esserci qualcosa di gradito provoca certamente gioia.

6 LETTERA APOSTOLICA PORTA FIDEI

7

8 Attraversare quella porta comporta immettersi in un cammino che dura tutta la vita. Inizia con il Battesimo, mediante il quale possiamo chiamare Dio con il nome di Padre, e si conclude con il passaggio attraverso la morte alla vita eterna, frutto della risurrezione del Signore Gesù che, con il dono dello Spirito Santo, ha voluto coinvolgere nella sua stessa gloria quanti credono in Lui (cfr Gv 17,22).

9

10 IN ASCOLTO … IN ASCOLTO … Dal libro della Genesi Dal libro della Genesi E Dio disse: «Facciamo l'uomo a nostra immagine, a nostra somiglianza, e domini sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo, sul bestiame, su tutte le bestie selvatiche e su tutti i rettili che strisciano sulla terra». Dio creò l'uomo a sua immagine; a immagine di Dio lo creò; maschio e femmina li creò. Dio li benedisse e disse loro: «Siate fecondi e moltiplicatevi, riempite la terra; soggiogatela e dominate sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo e su ogni essere vivente,che striscia sulla terra». Poi Dio disse: «Ecco, io vi do ogni erba che produce seme e che è su tutta la terra e ogni albero in cui è il frutto, che produce seme: saranno il vostro cibo. A tutte le bestie selvatiche, a tutti gli uccelli del cielo e a tutti gli esseri che strisciano sulla terra e nei quali è alito di vita, io do in cibo ogni erba verde». E così avvenne. Dio vide quanto aveva fatto, ed ecco, era cosa molto buona. E fu sera e fu mattina: sesto giorno.

11 Il serpente era la più astuta di tutte le bestie selvatiche fatte dal Signore Dio. Egli disse alla donna: «È vero che Dio ha detto: Non dovete mangiare di nessun albero del giardino?». del giardino?». Rispose la donna al serpente: «Dei frutti degli alberi del giardino noi possiamo mangiare, ma del frutto dell'albero che sta in mezzo al giardino Dio ha detto:Non ne dovete mangiare e non lo dovete toccare, altrimenti morirete». Ma il serpente disse alla donna: «Non morirete affatto! Anzi, Dio sa che quando voi ne mangiaste, si aprirebbero i vostri occhi e diventereste come Dio, conoscendo il bene e il male». Allora la donna vide che l'albero era buono da mangiare, gradito agli occhi e desiderabile per acquistare saggezza; prese del suo frutto e ne mangiò, poi ne diede anche al marito, che era con lei, e anch'egli ne mangiò. Allora si aprirono gli occhi di tutti e due e si accorsero di essere nudi; intrecciarono foglie di fico e se ne fecero cinture.

12 IN CHE DIO CREDIAMO? In quello della Creazione? In quello del serpente? Lidea che ognuno di noi si fa di Dio, conserverà sempre qualcosa dellidea che ci siamo fatti della vita dei nostri genitori.

13 TESTIMONIANZA Mons. Angelo Roncalli, poi Papa Giovanni XXIII, scriveva ai suoi genitori: Quando sono uscito di casa verso i dieci anni di età, ho letto molti libri e imparato molte cose che voi non potevate insegnarmi. Ma quelle poche cose che ho appreso da voi in casa, sono ancora le più preziose e importanti: esse sorreggono e danno vita e calore alle molte altre che appresi in seguito, in tanti anni di studio e di insegnamento (Lettera ai genitori, 26 novembre 1930)

14

15 PREGHIERA FINALE Ti ringraziamo, Signore, per il dono della fede, che ci hai donato nel giorno del Battesimo. Ti ringraziamo, Signore, per il dono della speranza, che ci sostiene nel cammino della vita e che sa vedere e amare ciò che ancora non cè. Ti ringraziamo, Signore, per il dono dellamore, che rimane in eterno e ci permette di incontrarti in ogni uomo.

16 Ti ringraziamo, Signore, per Maria nostra Madre, modello di ogni virtù, vergine prudente, donna forte, esempio di giustizia; lode a Te che ci offri questo tempo di ascolto e di crescita nella fede; a Te, che vivi e regni con il Figlio e lo Spirito Santo sia gloria nei secoli. Amen


Scaricare ppt "La famiglia primo contesto educativo La famiglia primo contesto educativo Parrocchia San Mauro Abate Casoria."

Presentazioni simili


Annunci Google