La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CORSO BASE DINFORMATICA Diego Marianucci. DOVE, COME E QUANDO SALVARE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CORSO BASE DINFORMATICA Diego Marianucci. DOVE, COME E QUANDO SALVARE."— Transcript della presentazione:

1 CORSO BASE DINFORMATICA Diego Marianucci

2 DOVE, COME E QUANDO SALVARE

3 LA TASTIERA Tasti Shift e Caps Lock Tasto Windows Tasto AltGr (Grafica Alternativa), posto solitamente alla destra della barra spaziatrice, serve per digitare il terzo carattere "alternativo" # [ ]) presente in alcuni tasti della tastiera. Lo stesso risultato si può ottenere premendo Ctrl + Alt + Carattere.

4 IL MOUSE Mentre i pulsanti sinistro, destro (successivamente il centrale) sono presenti fin dai primi mouse, la rotella di scorrimento ha avuto ampia diffusione di pari passo con il diffondersi di Internet perché permette di scorrere i contenuti dei siti con più facilità rispetto all'uso della classica barra di scorrimento delle finestre. Un clic con il tasto sinistro [1] serve tipicamente a selezionare un oggetto come un'icona o un comando da un menu, mentre un clic con il tasto destro [2] attiva il menu contestuale.

5 IL MOUSE Un clic con il tasto centrale, o l'equivalente pressione della rotella [3], non ha un significato comune ben definito, ma dipende dal contesto e dall'applicativo. Nei browser per esempio permette di scorrere la pagina con il movimento del mouse. I tasti addizionali [4] a volte sono utilizzati in internet replicando il comportamento dei pulsanti Avanti e Indietro dell'interfaccia grafica, ma in linea di massima la loro configurazione è lasciata alle necessità e al gusto dell'utente (sono quindi personalizzabili).

6 GLI ELEMENTI BASE DI UNA FINESTRA Barra del titolo – Visualizza il nome del documento e del programma (o il nome della cartella se si sta utilizzando una cartella). Pulsanti Riduci a icona, Ingrandisci e Chiudi – Questi pulsanti consentono rispettivamente di nascondere la finestra, ingrandirla a tutto schermo e chiuderla. Barra dei menu – Contiene gli elementi su cui è possibile fare clic per effettuare scelte in un programma. Barra di scorrimento – Consente di scorrere il contenuto della finestra per visualizzare le informazioni attualmente non visibili. Bordi e angoli – È possibile trascinarli con il puntatore del mouse per modificare le dimensioni della finestra.

7 GLI ELEMENTI BASE DI UNA FINESTRA

8 COME APRIRE, CHIUDERE E RIDURRE A ICONA UNA FINESTRA Chiudere una finestra – Quando si chiude una finestra, la si rimuove dal desktop e dalla barra delle applicazioni. Se si è terminato di utilizzare un programma o un documento e non si intende riutilizzarlo è consigliabile chiuderlo per liberare la memoria. Per chiudere una finestra, fare clic sul pulsante Chiudi X. Ridurre a icona una finestra – Ridurre a icona una finestra significa nasconderla. Se si desidera non visualizzare temporaneamente una finestra senza chiuderla, basta ridurla a icona. Per ridurre a icona una finestra, fare clic sul pulsante Riduci a icona. La finestra scomparirà dal desktop e sarà visibile solo come pulsante sulla barra delle applicazioni, la lunga barra orizzontale nella parte inferiore dello schermo. – Per visualizzare nuovamente sul desktop una finestra ridotta a icona, fare clic sul relativo pulsante sulla barra delle applicazioni. La finestra verrà visualizzata esattamente come era prima di essere ridotta a icona.

9 SPOSTARE E RIDIMENSIONARE UNA FINESTRA Spostare una finestra – Per spostare una finestra, posizionare sulla barra del titolo il puntatore del mouse. Trascinare quindi la finestra nella posizione desiderata. Per trascinare si intende posizionare il puntatore su un elemento, tenere premuto il pulsante del mouse, spostare l'elemento con il puntatore e quindi rilasciare il pulsante del mouse. Modificare le dimensioni di una finestra – Per ingrandire la finestra a tutto schermo, fare clic sul pulsante Ingrandisci oppure fare doppio clic sulla barra del titolo della finestra. – Per ripristinare le dimensioni precedenti di una finestra ingrandita, fare clic sul pulsante Ripristina, visualizzato al posto del pulsante Ingrandisci, oppure fare doppio clic sulla barra del titolo della finestra.

10 SPOSTARE E RIDIMENSIONARE UNA FINESTRA Per ridimensionare una finestra – Per modificare l'altezza, posizionare il puntatore del mouse sul bordo superiore o inferiore della finestra. Quando il puntatore assume la forma di una freccia verticale con punta doppia, fare clic sul bordo e quindi trascinarlo verso l'alto o verso il basso. – Per modificare la larghezza, posizionare il puntatore del mouse sul bordo destro o sinistro della finestra. Quando il puntatore assume la forma di una freccia orizzontale con punta doppia, fare clic sul bordo e quindi trascinarlo verso destra o verso sinistra. – Per modificare contemporaneamente l'altezza e la larghezza, posizionare il puntatore del mouse su un angolo qualsiasi della finestra. Quando il puntatore assume la forma di una freccia diagonale con punta doppia, fare clic sul bordo e quindi trascinarlo in una direzione qualsiasi.

11 SPOSTARE E RIDIMENSIONARE UNA FINESTRA Nota: Sebbene sia possibile ingrandire e ridimensionare la maggior parte delle finestre, le dimensioni di alcune finestre sono fisse Nota: Non è possibile ridimensionare una finestra ridotta a icona o ingrandita.

12 I FILE Un file contiene una raccolta di informazioni. I file memorizzati in un computer includono documenti di testo, applicazioni, immagini digitali e brani musicali. In un computer i file sono rappresentati da icone, il cui aspetto consente di identificare immediatamente il tipo di file corrispondente. Di seguito sono elencate alcune icone di file comuni.

13 LE CARTELLE Una cartella è un contenitore nel quale è possibile archiviare i file. Se su una scrivania si disponessero migliaia di documenti cartacei, sarebbe praticamente impossibile trovare quello desiderato nel momento opportuno. Per questo motivo tali documenti vengono spesso organizzati in cartelle all'interno di un archivio, suddividendoli in gruppi logici in modo da individuarli più facilmente. Le cartelle del computer funzionano esattamente allo stesso modo. Oltre ai file, le cartelle possono contenere anche altre cartelle. Una cartella all'interno di una cartella viene in genere denominata sottocartella. È possibile creare un numero illimitato di sottocartelle, ognuna contenente un numero illimitato di file e sottocartelle.

14 ORGANIZZAZIONE DI FILE E CARTELLE In Windows è disponibile un gruppo di cartelle che è possibile utilizzare come punto di partenza per l'organizzazione dei file personali. Documenti: utilizzare questa cartella per archiviare file di elaborazione di testo, documenti personali, presentazioni e altri file di carattere professionale. Immagini: utilizzare questa cartella per archiviare tutte le immagini digitali provenienti da fotocamere digitali, scanner o messaggi di posta elettronica. Musica: utilizzare questa cartella per archiviare tutta la musica digitale, ad esempio i brani copiati da un CD audio o scaricati da Internet. Video: utilizzare questa cartella per archiviare i video creati con fotocamere digitali o videocamere oppure scaricati da Internet. Download: utilizzare questa cartella per archiviare file e programmi scaricati dal Web. È possibile accedere facilmente a queste cartelle in diversi modi. Il modo più semplice consiste nell'aprire la cartella personale. Per aprirla, fare clic sul pulsante START e quindi scegliere il proprio nome utente.

15 COPIARE E SPOSTARE FILE E CARTELLE Per copiare e spostare file viene in genere utilizzato un metodo chiamato trascinamento della selezione. Aprire innanzitutto la cartella contenente il file o la cartella che si desidera spostare, quindi aprire la cartella nella quale si desidera spostarli. Posizionare le finestre delle cartelle sul desktop per visualizzare il contenuto di entrambe, quindi trascinare il file o la cartella dalla prima alla seconda cartella. L'operazione è terminata. Quando si utilizza il metodo di trascinamento della selezione, a volte l'elemento trascinato viene copiato, mentre altre volte viene spostato. Il motivo è semplice. Se si trascina un elemento tra cartelle che si trovano sullo stesso disco rigido, l'elemento verrà spostato per impedire che sullo stesso disco rigido vengano create due copie dello stesso file o della stessa cartella. Se invece si trascina l'elemento in una cartella che si trova su un disco rigido diverso, ad esempio in un percorso di rete o su un supporto rimovibile quale un CD, l'elemento verrà copiato, senza rimuoverlo dal percorso originale.

16 COPIARE E SPOSTARE FILE E CARTELLE

17 CREARE ED ELIMINARE FILE l modo più comune per creare nuovi file consiste nell'utilizzare un programma. Alcuni programmi creano un file al momento dell'apertura. Quando viene aperto Word, ad esempio, viene visualizzata una pagina vuota che rappresenta un file vuoto e non salvato. Iniziare a digitare e, quando si è pronti a salvare il lavoro, scegliere Salva con nome dal menu File. Nella finestra di dialogo visualizzata digitare un nome di file che consentirà di ritrovare il file in un secondo momento, quindi fare clic su Salva. Quando un file non è più necessario, è possibile rimuoverlo dal disco rigido del computer per recuperare spazio e impedire che rimangano presenti file inutilizzati. Per eliminare un file, aprire la cartella in cui è contenuto e selezionarlo, premere CANC e quindi fare clic su Sì nella finestra di dialogo Elimina file. Quando si elimina un file, questo viene temporaneamente archiviato nel Cestino, una sorta di cartella di sicurezza che consente di recuperare file e cartelle eliminati accidentalmente. È opportuno svuotare il Cestino di tanto in tanto per recuperare tutto lo spazio sul disco rigido occupato dai file inutilizzati.

18 Quando si utilizza un file, è consigliabile salvarlo frequentemente per non rischiare di perdere i dati in modo imprevisto a causa di un'interruzione dell'alimentazione o di un altro problema. – Scegliere Salva dal menu File. – Quando si salva un nuovo file per la prima volta, digitare un nome per il file nella casella Nome file e quindi fare clic su Salva. Per rinominare un file, non è necessario aprirlo in un programma. – Fare clic con il pulsante destro del mouse sul file che si desidera rinominare e quindi scegliere Rinomina. – Digitare il nuovo nome e quindi premere INVIO. Se viene chiesto di specificare una password di amministratore o di confermare, digitare la password o confermare. SALVARE E RINOMINARE UN FILE

19 FILE E CARTELLE NASCOSTE Sebbene un file nascosto non venga in genere visualizzato, è un file ordinario sotto tutti gli aspetti. È possibile scegliere se visualizzare o nascondere un file modificandone le relative proprietà in modo da designarlo come nascosto. Per una migliore organizzazione, è possibile nascondere i file utilizzati di rado. Tenere tuttavia presente che i file nascosti occupano comunque spazio sul disco rigido. Nota: È possibile nascondere i file riservati in modo che non vengano visualizzati da altri utenti ma non è consigliabile fare affidamento solo sui file nascosti come unico mezzo di protezione o privacy. Per visualizzare le cartelle e i file nascosti, eseguire la procedura seguente: 1.Per aprire Opzioni cartella, fare clic sul pulsante Start, scegliere Pannello di controllo, fare clic su Aspetto e personalizzazione e quindi su Opzioni cartella. 2.Fare clic sulla scheda Visualizza. 3.In Impostazioni avanzate fare clic su Visualizza cartelle e file nascosti, quindi fare clic su OK.

20 I COLLEGAMENTI Un collegamento, rappresentato da un'icona, consente un rapido accesso a un file o programma. Quando si fa doppio clic sul collegamento, il file o il programma viene aperto. Consente di organizzare efficacemente i file utilizzati di frequente in un unico percorso facilmente accessibile, ad esempio una cartella o il desktop. Se si elimina il file originale, il collegamento non funzionerà più. È quindi consigliabile eliminare anche il collegamento. L'eliminazione del collegamento invece non influisce sul file originale. Se un collegamento non è più necessario, è possibile eliminarlo. Nelle icone dei collegamenti è presente una piccola freccia per indicare che si tratta di un collegamento.

21 I COLLEGAMENTI Per creare un collegamento 1.Aprire il percorso che contiene l'elemento per cui si desidera creare un collegamento. 2.Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'elemento e quindi scegliere Crea collegamento. Il nuovo collegamento verrà visualizzato nello stesso percorso dell'elemento originale. 3.Trascinare il nuovo collegamento nel percorso desiderato. Per eliminare un collegamento – Fare clic con il pulsante destro del mouse sul collegamento che si desidera eliminare e quindi scegliere Elimina. Nota Quando si elimina un collegamento, viene rimosso solo il collegamento. L'elemento originale non viene eliminato.

22 IL CESTINO Quando si elimina un file dal computer, questo viene temporaneamente archiviato nel Cestino. In tal modo, se un file è stato eliminato erroneamente, sarà in genere possibile ripristinarlo nel percorso originale. Eliminare definitivamente i file del Cestino Per eliminare definitivamente i file dal computer e liberare spazio sul disco rigido, è necessario eliminare i file dal Cestino, rimuovendoli singolarmente o svuotando il Cestino dell'intero contenuto. Per aprire il Cestino, fare doppio clic su Cestino su sul desktop. Eseguire una delle operazioni seguenti: – Per eliminare un file, fare clic su di esso e premere CANC. – Per eliminare tutti i file, fare clic su Svuota cestino sulla barra degli strumenti.

23 IL CESTINO Ripristinare file dal Cestino Sul desktop fare doppio clic sull'icona Cestino. Eseguire una delle operazioni seguenti: – Per ripristinare un file, fare clic su di esso con il pulsante destro del mouse e quindi scegliere Ripristina. – Per ripristinare tutti i file, fare clic su Ripristina tutti gli elementi sulla barra degli strumenti. I file verranno ripristinati nel computer nei rispettivi percorsi originali. Le impostazioni del Cestino possono essere modificate in base alle esigenze. Se ad esempio non si ha l'abitudine di svuotare il Cestino regolarmente, per evitare di eliminare definitivamente file che potrebbero tornare utili in futuro, è possibile aumentare la dimensione massima di archiviazione del Cestino. È inoltre possibile disattivare la finestra di dialogo di conferma dell'eliminazione visualizzata ogni volta che si invia un file al Cestino o persino scegliere di non spostare i file nel Cestino, ma di rimuoverli dal computer al momento dell'eliminazione.

24 GESTIONE ATTIVITÀ (IL TASK MANAGER) Gestione attività consente di visualizzare i programmi, i processi e i servizi attualmente in esecuzione nel computer. È possibile utilizzare Gestione attività per monitorare le prestazioni del computer oppure per chiudere un programma che non risponde. Come è possibile aprire Gestione attività? – Per aprire Gestione attività, fare clic con il pulsante destro del mouse sulla barra delle applicazioni e quindi scegliere Gestione attività. Per aprire Gestione attività è inoltre possibile premere CTRL+ALT+CANC e quindi fare clic su Avvia Gestione attività. – È inoltre possibile aprire Gestione attività premendo CTRL+MAIUSC+ESC.

25 GESTIONE ATTIVITÀ (IL TASK MANAGER) Uscire da un programma che non risponde Se un programma in esecuzione nel computer non risponde, Windows tenterà di individuare il problema e di correggerlo automaticamente. L'utente, anziché rimanere in attesa, può scegliere di terminare manualmente il programma utilizzando Gestione attività. L'utilizzo di Gestione attività per l'interruzione manuale di un programma consente certamente di risparmiare tempo, ma in tal caso le eventuali modifiche non salvate verranno perse. Per evitare di perdere dati importanti, è consigliabile attendere alcuni minuti affinché Windows tenti di correggere il problema. 1.Per aprire Gestione attività, fare clic con il pulsante destro del mouse sulla barra delle applicazioni e quindi scegliere Gestione attività. 2.Selezionare la scheda Applicazioni, fare clic su programma che non risponde e quindi su Termina operazione.

26 GESTIONE ATTIVITÀ (IL TASK MANAGER) Come arrestare un processo Nella scheda Processi sono visualizzate le informazioni sui processi in esecuzione sul computer. NOTA: procedere con cautela quando si arresta un processo. Se si chiude un programma in questo modo, i dati non salvati verranno persi. Se si arresta un processo di sistema, è possibile che un componente di sistema non funzioni più correttamente. Effettuare una delle seguenti operazioni a seconda dell'azione che si desidera eseguire: – Se si desidera arrestare un singolo processo, selezionarlo e quindi fare clic su Termina processo. – Se si desidera arrestare un processo e tutti i processi direttamente o indirettamente correlati, fare clic sul processo con il pulsante destro del mouse e scegliere Termina struttura processi.

27 GESTIONE ATTIVITÀ (IL TASK MANAGER) Identificare il processo associato a un programma Ai programmi che vengono eseguiti nel computer sono associati processi che determinano l'avvio del programma. Se il programma non risponde, la conoscenza del processo associato al programma può consentire di risolvere il problema. Se ad esempio un programma non risponde, dal momento che si conosce qual è il processo utilizzato dal programma, sarà possibile terminare tale processo per uscire dal programma che non risponde. 1.Per aprire Gestione attività, fare clic con il pulsante destro del mouse sulla barra delle applicazioni e quindi scegliere Gestione attività. 2.Fare clic sulla scheda Applicazioni, fare clic con il pulsante destro del mouse sul programma per il quale si desidera identificare il processo e quindi scegliere Vai al processo. Il processo associato al programma risulterà evidenziato nella scheda Processi.

28 GESTIONE ATTIVITÀ (IL TASK MANAGER)


Scaricare ppt "CORSO BASE DINFORMATICA Diego Marianucci. DOVE, COME E QUANDO SALVARE."

Presentazioni simili


Annunci Google