La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 La spesa equa, etica ed ecologica Alcune buone ragioni per diventare cittadini globali non casuali, ma critici e consapevoli, iniziando dalle scelte.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 La spesa equa, etica ed ecologica Alcune buone ragioni per diventare cittadini globali non casuali, ma critici e consapevoli, iniziando dalle scelte."— Transcript della presentazione:

1 1 La spesa equa, etica ed ecologica Alcune buone ragioni per diventare cittadini globali non casuali, ma critici e consapevoli, iniziando dalle scelte quotidiane e banali, come la spesa e il conto in banca. A cura di Gaia animali &ambiente Onlus – Uni Lombardia Milano giugno 2003

2 2 Consumo critico e consapevole. Il non acquisto, acquisto critico o boicottaggio possono influire sui prodotti e sui punti vendita facendo calare le vendite del 2-3%, una percentuale sufficiente a condizionare o modificare le scelte delle imprese. E indispensabile quindi trasformarsi da consumatori del mondo in cittadini del mondo.

3 3 La banana. Come è formato, in percentuale, il prezzo di una comune banana? Bracciante della piantagione 1% Proprietario della piantagione 3% Compagnia esportatrice 10% Trasportatore 15% Tasse e licenze Unione Europea 23% Importatore e maturatore 8% Supermercato 40% Lalternativa: il Commercio equo e solidale, presente sia nei Supermercati, sia nelle Botteghe dellAltromercato.

4 4 La scarpa. Il prezzo di una scarpa Nike, Levis, Adidas, Reebok (in dollari). Materiale 4,7 - 4% Manodopera 1,3% - 1% Grossista % Dettagliante % Prezzo al pubblico %

5 5 Le multinazionali. Le multinazionali esasperando la logica del profitto, costringono milioni di persone a ritmi di lavoro indegni, a volte da schiavitù e salari da fame, con un impatto ambientale e sociale devastante nelle aree più arretrate del pianeta. Lo sfruttamento fino allinverosimile delle risorse naturali porta miseria, impatti chimici e sanitari, rapina delle ricchezze dei paesi poveri e negazione del futuro per il sud del mondo. Se vostro figlio gioca con un pallone cucito a mano da altri bambini schiavi e se indossate una t-shirt o un paio di scarpe lavorate da donne e minori schiavizzati 16 ore al giorno per una miseria, dipende solo dalle vostre scelte. Le multinazionali non sono tutte cattive, per questo è utile conoscerle, per evitare di foraggiare le peggiori.

6 6 Bayer. Multinazionale chimico-farmaceutica. Nel 1999 è indagata per la morte di alcuni contadini brasiliani. In una piantagione di caffè era usato il Baysiston, un pesticida vietato in Germania da ventanni. Nel 2000 patteggia una condanna per esportazione illegale di glucosio, sostanza che può essere impiegata per produrre armi chimiche e batteriologice.

7 7 Benetton. Presso una licenziataria di Benetton Turchia, ma anche in alcuni stabilimenti di Catania, è stata scoperta manodopera infantile. Benetton possiede ettari di terra in Argentina per il pascolo (lana), terra da sempre del popolo indio Mapuche: ha sfrattato gli indio e deviato il fiume Chubut, sottraendo la possibilità di pesca per i residenti.

8 8 Ciquita, Dole e Del Monte. Le multinazionali si assicurano i 2/3 del commercio mondiale di banane, con bassi salari ai contadini ed uso intensivo di pesticidi. Le piantagioni sono in Ecuador, Costa Rica, Colombia, Kenya (ormai la Somalia è terra di nessuno), i salari medi sono di un dollaro al giorno per circa 14 ore di lavoro quotidiano. Circa il 50% del costo di produzione di una banana è dato dallimpiego di pesticidi (un vermifugo usato dalla Dole ha reso sterili lavoratori costaricani).

9 9 Coca- Cola. Non rispetta i diritti sindacali. In India fa uso di lavoro minorile. In Belize, CentrAmerica distrugge la foresta equatoriale, a Manila ha licenziato 600 lavoratori. Coca Cola light contiene aspartame, sospetto di causare danni cerebrali ai bambini. Nel 1999 sono state ritirate dal mercato belga tutte le bevande Coca cola per avere provocato il ricovero per intossicazione di 90 persone in una settimana. Responsabile della produzione di milioni di tonnellate di rifiuti di contenitori di plastica e alluminio. Una potenza mondiale che, in fondo, vende solo acqua, zucchero, anidride carbonica e additivi chimici (aromi e coloranti).

10 10 Del Monte- Cirio. Nessun diritto sindacale e abbondante uso di pesticidi e fertilizzanti chimici, sospetti cancerogeni, in Filippine, Kenya, Amazzonia, Guatemala.

11 11 Eni- Saipem. In Nigeria la multinazionale italiana espropria con la polizia e lesercito le terre degli Iyak. Eni è tra i promotori del Consorzio Ocp, di cui controlla l8%, nato per costruire e gestire loleodotto nella foresta amazzonica dellEcuador. Loleodotto, contestato da tutte le associazioni ecologiste, sarà lungo 500 chilometri, attraverserà terre indigene, 11 parchi naturali, 44 villaggi, 6 vulcani attivi e trasporterà la bellezza di barili di greggio al giorno. I manager dellEnichem si danno un gran da fare anche in casa nostra. Laccusa, in base alla quale sono finiti in manette i vertici dello stabilimento di Priolo (Siracusa) è di aver scaricato direttamente in mare rifiuti tossici, pur di risparmiare sui costi di gestione. Il risultato è lavvelenamento di uno dei litorali più belli della Sicilia, con livelli di inquinamento provocati dal mercurio (ma non solo) di 20 mila volte al di sopra dei limiti consentiti dalla legge.

12 12 Henkel. Tra i colossi della chimica, commercializza i marchi Loctite, Attack, Bostik. Sperimenta sugli animali tutti i suoi prodotti. Produttrice di ftalati, sostanza pericolosa per ammorbidire la plastica per giocattoli e per le pellicole alimentari (il bando ai giocatoli al PVC è imminente).

13 13 Cosmetici e profumi (LOreal, Elena Rubinstein, Synthelabo etc.). Tutte le multinazionali di cosmesi sperimentano gli ingredienti ed i prodotti finiti sugli animali. Molti ingredienti provengono da parti di animali allevati (vedi le fattori degli orsi in Cina) o a rischio di estinzione (vedi lo Zibetto). Lalternativa è ricorrere ai prodotti del Body Shop e naturali-biologici delle Botteghe dellAltromercato.

14 14 Mc Donalds. Parla da sola. Come è possibile smerciare un panino con carne di qualità e una bibita a mezzeuro? Accusata in tutto il mondo di comportamento antisindacale, per le paghe da fame ed i ritmi di lavoro alienanti. Il cibo alieno di Mc Donald e le sue campagne affliggenti sui bambini sono ormai un must. Se si volesse aprire lUniversità della diseducazione alimentare, quasi tutti i docenti dovrebbero essere assunti nei Mc Donalds.

15 15 Nestlè. Viola costantemente il codice dellOrganizzazione Mondiale della sanità sul commercio e la promozione del latte in polvere. Milioni di bambini nel mondo si ammalano e muoiono per luso scorretto del latte in polvere, per labbandono dellallattamento al seno, per lacqua sporca usata nei biberon, per il crollo di difese immunitarie.

16 16 Nike. La Nike è solo un logo, tutte le calzature sono prodotte in Indonesia, Taiwan, Corea, Thailandia, Vietnam e Cina. Lazienda è accusata di offrire salari bassissimi con ritmi di lavoro disumani agli operai che, per 12 ore al giorno, sono esposti a colle, solventi e vernici. In Indonesia i sindacati sono illegali e gli attivisti sono imprigionati, torturati e uccisi.

17 17 Montedison. Tra le aziende chimiche responsabili dei maggiori disastri ambientali italiani: dallAcna di Cengio a Porto Marghera, dalla Farmoplant di Massa alla produzione di CFC ed HCFC (responsabili del buco nellozono). Emblema di come lalimentazione industriale sia figlia della chimica, Montedison controlla i marchi: Carapelli, parte di Eridania, Coreol.

18 18 Monsanto. Monsanto, acquisita da Pharmacia, a sua volta acquisita da Pfizer, produce, tra le altre sostanze, gli HFC, idrofluorocarburi, responsabili delleffetto serra, lormone per la crescita dei bovini BGH (ritenuto cancerogeno e vietato nella Ue) e controlla il marchio Misura- dolcificanti

19 19 Novartis. Con la Monsanto-Pharmacia (Pfizer) è in cima alla classifica dei produttori di pesticidi e sementi modificati geneticamente. Controlla non solo parte del mercato farmaceutico, ma anche di quello alimentare, degli integratori e dei dietetici (accordo strettissimo con la Quaker, partecipa la Eridania zuccherifici) e dei prodotti per linfanzia (con la Gerber). Viola, come la Nestlè, il codice dellOMS sul latte in polvere per linfanzia, è il primo produttore mondiale di atrazina (pesticida ritenuto cancerogeno).

20 20 Parmalat. Presente in Brasile, Ecuador (chiusa dal Governo nel 2000 per speculazione sul prezzo del latte) e sud Africa, la multinazionale agro-alimentare, è accusata di comportamenti anti sindacali.

21 21 Philip Morris. Controlla e produce dalle sigarette al cioccolato. E lei lartefice della Direttiva europea che consente di sostituire il 5% di burro di cacao della cioccolata con dei succedanei più a buon mercato (come lolio di palma o di soja). Per alcuni stati africani (Camerun, Ghana, Nigeria), che dipendono per oltre il 50% delle proprie esportazioni dal cacao, la Direttiva ha significato danni irreparabili e miseria per almeno 11 milioni di persone. Poiché le sigarette perdono appeale nel nord del mondo, grazie alle campagne anti fumo, Philip Morris aggredisce i mercati del sud del mondo.

22 22 Procter & Gamble. Specializzata in saponette, igiene intima e per la casa, farmaceutici, cosmetici e alimentari. Denunciata dai consumatori americani per la produzione di patatine transgeniche. Nel 1999 licenzia lavoratori. Le controllate della cosmetica sperimentano i propri prodotti sugli animali (Noxell, Olay, Pantene, Vidal Sassoon, Max Factor).

23 23 Unilever. Colosso dellagro-alimentare, dei prodotti per la casa e ligiene personale. Nessuno è immune dallaver consumato almeno un prodotto Unilever nella sua vita: Quattrosalti in padella e Bastoncini Findus sono Unilever, come la gran parte dei tè e degli oli di oliva. I marchi controllati sono, tra gli altri, Lever Fabergè, Van Den Berg, Kalvin Klein, Lipton, Brioschi, Eldorado, Magum, Sorbetteria Ranieri, Algida, Carte dOr, Findus, Genepesca, Bertolli, Uliveto, Maya, Coccolino, Svelto, Axe, Denim, Dove, Durbans, Mentadent, Lysoform, Paperinos…. Unilever è il più grande produttore mondiale di tè con condizioni per i lavoratori nelle piantagioni di tè del Kenya da manuale del colonialismo (The Guardian). Ha ettari di piantagioni (che includono aree di foresta tropicale) in Colombia, Costa dAvorio, Ghana, India, Kenya, Malesia, Mali, Nigeria, Thailandia e Congo.per coltivare noci di cocco, olio di palma, cacao, gomma, fiori e tè.

24 24 Walt Disney. Fa divertire e sognare i bambini del nord a scapito di quelli del sud. Negli stabilimenti Disney ad Haiti, migliaia di giovani lavoratrici e bambini cuciono e confezionano abbigliamento di marca per circa 50 centesimi allora. Per guadagnare lo stipendio di unora dellAmministratore delegato Disney un lavoratore Disney dovrebbe lavorare 101 anni. Sempre ad Haiti, 150 lavoratori che osarono lamentarsi per le condizioni di lavoro furono licenziati.

25 25 Animali Multinazionali. Il 66% del mercato del pet food, cibo industriale per cani e gatti, è detenuto dai principali produttori e importatori (Friskies, Purina Italia, Alpo, Fancy Feast, Mighty Dog della Nestlè, Dolma, Royal Canin, Pedigree, Sheba, Kal Kan, Mealtime del Gruppo Mars), seguiti da altre multinazionali della grande distribuzione e su quello specializzato (Hills Pet Nutrition della Colgate Palmolive, IAMS Eukanuba della Procter & Gamble –), e da alcuni produttori italiani (Palmera, Morando, Giuntini).

26 26 Perché preferire il fresco di stagione al surgelato. La frutta e verdura fresca e di stagione hanno il pregio di comportare meno trattamenti fitosanitari (pesticidi) e dispendio di energia (serre/importazione). Il pesce piccolo, pescato fresco del Mediterraneo è molto più salubre e meno contaminato di quello grande (tonni, pescespada) proveniente da lontano. La catena del freddo implica che i prodotti siano surgelati a 25/35 gradi sotto zero, conservati e trasportati ad una temperatura costante di meno 18 gradi, il che comporta un dispendio enorme di energia. Se, malauguratamente, la catena del freddo si interrompe i prodotti alimentari rischiano di deperire e non essere più commestibili (a volte restando nella catena commerciale).

27 27 Le Banche armate. Lexport di armi dallItalia verso paesi esteri si sostiene sul credito e su transazioni finanziarie operate da banche ed istituti di credito. Le banche italiane investono i nostro quattrini nel commercio di armi. Le armi, che non dovrebbero essere vendute a paesi belligeranti, arrivano nelle zone calde di conflitto, attraverso le triangolazioni: in Congo, Uganda e Randa tramite il Kenya e il Sud Africa, in Israele e negli arsenali di molte dittature del terzo mondo.

28 28 Credito armato Sono quattro gli istituti di credito che, nel 2001, si sono aggiudicati il 57% delle transazioni bancarie; tra queste: Banca Nazionale del Lavoro (17,1%), Banca di Roma (11,7%), Credito Italiano-Intesa BCI (9%) e Bipop-Carire che per il 2001 si aggiudica il primo posto (con il 19,4 % delle transazioni) tra gli istituti finanziari bellici.

29 29 La classifica dei cannonieri Nel 1999 la Presidenza del Consiglio comunicava, in base alla legge 185/90, la seguente lista di banche italiane impegnate in transazioni belliche (in miliardi di lire): Unicredito Italiano Banca Commerciale Italiana (Banca Intesa) 357,1 San Paolo – Imi 151,6 Banca di Roma 101 Banca Nazionale del Lavoro 94 (Per saperne di più: F INE


Scaricare ppt "1 La spesa equa, etica ed ecologica Alcune buone ragioni per diventare cittadini globali non casuali, ma critici e consapevoli, iniziando dalle scelte."

Presentazioni simili


Annunci Google