La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Autorità per lenergia elettrica e il gas Modalità e condizioni economiche per il ritiro dell'energia elettrica prodotta da piccoli impianti idroelettrici.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Autorità per lenergia elettrica e il gas Modalità e condizioni economiche per il ritiro dell'energia elettrica prodotta da piccoli impianti idroelettrici."— Transcript della presentazione:

1 Autorità per lenergia elettrica e il gas Modalità e condizioni economiche per il ritiro dell'energia elettrica prodotta da piccoli impianti idroelettrici non in grado di partecipare al mercato Andrea Galliani Autorità per lenergia elettrica e il gas Seminario Lenergia mini-idroelettrica in Italia: compatibilità ambientali e prospettive di sviluppo Fiera SolarExpo 2006 Vicenza, 29 aprile 2006

2 Autorità per lenergia elettrica e il gas Le possibili destinazioni dellenergia elettrica Il produttore, ad eccezione delle convenzioni di cessione destinata pluriennali in essere (es. Cip n. 6/92), può cedere lenergia: al mercato vendendo lenergia elettrica ad un cliente finale idoneo o grossista, tramite contrattazione bilaterale; vendendo lenergia elettrica in borsa; oppure, in alternativa, può richiedere al gestore di rete cui limpianto è connesso il ritiro dellenergia elettrica prodotta, se rientra nellambito di applicazione previsto dallart. 13, commi 3 e 4, del d.lgs. n. 387/03 e dal comma 41 della legge n. 239/04 (secondo le modalità definite dalla delibera n. 34/05). Il GRTN non è più, quindi, il cessionario unico nazionale.

3 Autorità per lenergia elettrica e il gas Ambito di applicazione della delibera n. 34/05 a) Energia elettrica prodotta dagli impianti di potenza inferiore a 10 MVA, qualunque sia la fonte; b) Energia elettrica prodotta dagli impianti, di potenza qualsiasi, alimentati dalle fonti rinnovabili eolica, solare, geotermica, del moto ondoso, maremotrice ed idraulica, limitatamente, per questultima fonte, agli impianti ad acqua fluente; c) Eccedenze prodotte dagli impianti, anche di potenza uguale o superiore a 10 MVA, alimentati da fonti assimilate o da fonti rinnovabili purché nella titolarità di un autoproduttore, ad eccezione dellenergia elettrica ceduta al GRTN nellambito delle convenzioni pluriennali in essere stipulate ai sensi dei preesistenti provvedimenti, tra cui il più noto Cip n. 6/92.

4 Autorità per lenergia elettrica e il gas Condizioni per poter immettere energia elettrica in rete e semplificazioni previste dalla delibera n. 34/05 I produttori, direttamente o attraverso linterposizione di un terzo (gestore di rete per chi si avvale della delibera n. 34/05), per poter immettere energia elettrica nella rete con obbligo di connessione di terzi sono tenuti a: versare a Terna una componente per il servizio di trasmissione (pari a 0,0259 c/kWh nel 2006 per le immissioni); concludere il contratto per il servizio di dispacciamento con Terna. Per gli impianti di potenza nominale fino a 1 MW che cedono lenergia ai gestori di rete, la delibera n. 34/05 ne ha previsto lesenzione. In più concludono con il distributore il contratto per il servizio di trasporto (per eventuali prelievi) e, se connessi in MT o BT, ricevono dai distributori la componente CTR.

5 Autorità per lenergia elettrica e il gas Il produttore che richiede al gestore di rete cui limpianto è connesso il ritiro dellenergia elettrica prodotta, può richiedere che lo stesso gestore stipuli e gestisca, per conto del produttore, i contratti necessari per immettere energia elettrica in rete. (Semplificazione per i produttori che si interfacciano solo con il gestore di rete locale) Poiché lenergia elettrica ritirata dai gestori di rete viene remunerata sulla base delle immissioni effettive, e non sulla base dei programmi, i produttori non sono tenuti a presentare i programmi di produzione e non si applicano i corrispettivi di sbilanciamento, normalmente previsti dal contratto di dispacciamento. Ulteriori semplificazioni contrattuali previste dalla delibera n. 34/05 - 1

6 Autorità per lenergia elettrica e il gas Nellambito del contratto di dispacciamento si applicano, su base oraria e con riferimento ai programmi di produzione, i corrispettivi per l'assegnazione dei diritti di utilizzo della capacità di trasporto (CCT). Per gli impianti che chiedono il ritiro al gestore di rete, la componente CCT viene applicata all'energia elettrica effettivamente ritirata dai gestori di rete (non ai programmi), ad eccezione: a) degli impianti di potenza nominale elettrica fino a 1 MW, per i quali detti corrispettivi sono nulli; b) degli impianti di potenza nominale elettrica superiore a 1 MW e fino a 5 MW alimentati da fonti rinnovabili o dai rifiuti, escluse le centrali ibride, per i quali detti corrispettivi vengono ridotti gradualmente. Inoltre, per gli impianti < 10 MVA si applica un valore medio mensile della CCT, anziché un valore orario. Ulteriori semplificazioni contrattuali previste dalla delibera n. 34/05 - 2

7 Autorità per lenergia elettrica e il gas Modalità di ritiro dellenergia elettrica (delibera n. 34/05) Su richiesta del produttore, il gestore di rete ritira lenergia elettrica gestendo altresì i contratti necessari ai fini dellimmissione dellenergia elettrica in rete (esiste uno schema di convenzione che regola il rapporto tra produttore e gestore di rete); detta energia viene commercialmente trasferita allAU (i distributori possono scomputare il controvalore di detta energia dagli acquisti effettuati presso lAU); il GRTN e i distributori per la parte in eccesso rispetto ai fabbisogni dei propri clienti vincolati cedono allAU lenergia elettrica ritirata ai sensi della delibera n. 34/05.

8 Autorità per lenergia elettrica e il gas

9 Le condizioni economiche di ritiro: il caso delle fonti rinnovabili

10 Autorità per lenergia elettrica e il gas Prezzo dallAU alle imprese distributrici per la vendita al mercato vincolato (art. 30, comma 30.1, lettera a), del Testo integrato) E un prezzo pari a quello applicato nel periodo transitorio, che dipende dagli approvvigionamenti dellAU per i clienti del mercato vincolato. E un prezzo mensile, già pubblicato dallAU e differenziato per fasce. In alternativa a tale prezzo differenziato per fasce e su richiesta del produttore all'atto della stipula della convenzione, viene riconosciuto anche un prezzo unico indifferenziato per fasce orarie, determinato dall'Acquirente unico. Quali sono i prezzi di ritiro - 1

11 Autorità per lenergia elettrica e il gas Valori mensili (indicativi) del prezzo dallAU alle imprese distributrici per la vendita al mercato vincolato Quali sono i prezzi di ritiro - 2 I valori riportati sono quelli pubblicati dallAU sul proprio sito internet (dati aggiornati al 14 aprile 2006).

12 Autorità per lenergia elettrica e il gas I prezzi minimi garantiti previsti dalla delibera n. 34/05 Per lintero anno di durata della convenzione, su richiesta del produttore, per gli impianti idroelettrici di potenza di concessione fino a 1 MW e per quelli alimentati da fonti rinnovabili di potenza nominale elettrica fino a 1 MW, inclusi i rifiuti, i gestori di rete riconoscono i seguenti prezzi minimi garantiti (valori 2006), definiti per scaglioni progressivi: per i primi kWh annui, 95,65 euro/MWh; da oltre fino a 1 milione di kWh annui, 80,54 euro/MWh; da oltre 1 milione fino a 2 milioni di kWh annui, 70,48 euro/MWh; oltre 2 milioni di kWh annui, il prezzo dellAU (per fasce o indifferenziato). Il 40% di tali prezzi viene aggiornato annualmente in base allIstat.

13 Autorità per lenergia elettrica e il gas

14

15 Costi riconosciuti al gestore di rete Il produttore riconosce al gestore di rete: un corrispettivo a copertura dei costi amministrativi (120 Euro annui per impianto e 0,5% del controvalore dellenergia ritirata); se si avvale del gestore di rete per stipulare e gestire i contratti necessari per immettere energia elettrica in rete, un ulteriore corrispettivo a copertura dei connessi costi gestionali (120 Euro annui per impianto e 0,5% del controvalore dellenergia ritirata).

16 Autorità per lenergia elettrica e il gas

17

18 Scambio sul posto (net metering) per impianti fino a 20 kW: delibera n. 28/06 Lo scambio semplificato sul posto è una modalità di ritiro dellenergia elettrica alternativa alla vendita. E previsto per i clienti che installano impianti alimentati da fonti rinnovabili con potenza nominale fino a 20 kW (delibera n. 28/06). Per tali impianti: lenergia elettrica immessa in rete e quella prelevata si compensano tra loro su base annua, per fasce orarie o indipendentemente dalle fasce orarie (net metering); se il saldo (immissioni totali – prelievi totali) è positivo, viene riportato a credito per la compensazione nei tre anni successivi; se è negativo, al saldo si applicano i normali corrispettivi previsti per i clienti. Il soggetto cui rivolgersi è il gestore di rete cui limpianto è collegato (distributore).

19 Autorità per lenergia elettrica e il gas Grazie per lattenzione


Scaricare ppt "Autorità per lenergia elettrica e il gas Modalità e condizioni economiche per il ritiro dell'energia elettrica prodotta da piccoli impianti idroelettrici."

Presentazioni simili


Annunci Google