La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai Giuseppe Maria Milanese Presidente FederazioneSanità Confcooperative.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai Giuseppe Maria Milanese Presidente FederazioneSanità Confcooperative."— Transcript della presentazione:

1 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai Giuseppe Maria Milanese Presidente FederazioneSanità Confcooperative

2 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai Da sistema universalistico a privato A mercato assicurativo obbligatorio TAGLI PROGRAMMATI 3,5 MLD DEBITO MEDICINALI con aziende farmaceutiche 2,5 MLD Sospensione del rifornimento di medicinali di prima necessità. GRECIA SPAGNA LObamacare COPERTURA SANITARIA ASSICURATIVA anche ai 30 MLN di cittadini oggi sprovvisti, MA NON SI ARRIVERÀ ad un sistema di welfare con copertura sanitaria OBBLIGATORIA e UNIVERSALE. STATI UNITI

3 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai REGNO UNITO Aboliti i Primary Care Trusts Creati i Clinical Commissioning Groups, CONSORZI DI MEDICI cui sono attribuite senza limiti territoriali, sia lEROGAZIONE che la TUTELA BRASILE UNIMED: la più grande esperienza cooperativa al mondo nel settore sanitario e la maggiore rete di assistenza medica del Brasile, presente nell83% del territorio nazionale con 371 cooperative di medici che forniscono assistenza a più di 17 milioni di clienti e a imprese in tutto il Brasile 8,7 milioni di americani in 9 differenti stati dipendenti con medici Rapporto ospedali centri medici 1:13 Giornate degenza:301 vs 1000 Degenza media 3,2 vs 5,5 Spinta alle cure primarie, forte controllo del dato, obiettivi chiari e semplici e rapporto di lavoro unico e paritario fra tutti gli attori.

4 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai Un contesto complicato per la riorganizzazione dellassistenza primaria FEDERALISMO FISCALE COMPOSIZIONE DELLA SPESA CRISI DELLE RISORSE DEOSPEDALIZZAZIONE AUMENTO BISOGNI ASSISTENZIALI A LUNGO TERMINE APPROPRIATEZZA DELLE CURE SUSSIDIARIETA NUOVO PSN CONVENZIONE DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE NUOVO RUOLO ASSISTENZA INTEGRATIVA NUOVI SERVIZI EROGATI DALLE FARMACIE

5 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai Fondo nazionale Politiche sociali: -77,8% dal 2004 al 2013 Fondo per le politiche della famiglia: zero risorse per il 2013 Fondo per le politiche giovanili. È dal 2011 che non viene stanziato un euro Le Regioni e fondi per le politiche sociali. Dal 2008 scesi del 53,3% Solo Fondo per le non autosufficienze nel 2013: 275 mln Gli economisti italiani aggiungono la fine delle Politiche Sociali

6 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai

7

8

9 DESIDERIO DI PRIVATO?

10 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai 16,2% i familiari che prestano cure a persone anziane e disabili (Italia: prima in Europa). Pochi investimenti nei servizi allassistenza a lungo termine (0,8% Pil rispetto al 2,3% della Gran Bretagna e 3,9% Svezia) In Italia: 2 milioni 600 mila persone con disabilità * di cui 2 milioni tra gli anziani

11 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai

12 Un sistema solidale??

13 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai Da oltre un decennio il sistema sanitario italiano è sottoposto a riforme che hanno come obiettivo la razionalizzazione delle risorse e il contenimento della spesa. Il settore ospedaliero è stato oggetto di rilevanti cambiamenti legati agli indirizzi di programmazione nazionale e regionale che hanno determinato una riduzione del numero di strutture e dei posti letto complessivi, considerando anche il trasferimento di una parte delle attività dal regime ordinario al day hospital. Gli indicatori mostrano una tendenza di assestamento verso questa riduzione dellofferta ospedaliera. Negli ultimi anni in tutte le regioni, con leccezione del Molise, lofferta dei posti letto si è allineata con il valore medio nazionale pari a 3,7 posti letto ogni mille abitanti nel Pag. 21 UNO SGUARDO D INSIEME

14 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai Regno Unito 7,6 Francia10,3 Germania16,3 Italia30,3 Regno Unito 8,2 Francia5,7 Germania8,2 Italia18,6 TAC per milione di abitanti RMN per milione di abitanti Fonte: OECD – Health Data – Anni 2007 e LA COMPOSIZIONE DELLA SPESA

15 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai SSN MERCATO TERZO SETTORE NO PROFIT Integrazione Pubblico/Privato

16 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai NO PROFIT Logiche integrative Assistito e assistente terminali dellazione Proprietà dei soci lavoratori Remunerazione tramite ristorno Ristorno nasce da logiche economiche Partecipazione allargata agli assistiti Sistema integrato da differenti professionalità Ricerca dellappropriatezza Valutazione basata sull efficacia Prevalenza di stimoli sociali con vincoli economici e finanziari Primum movens: lettura di unesigenza PROFIT Logiche sostitutive Indici di redditività terminali dellazione Proprietà di capitalisti Remunerazione tramite dividendo Il dividendo nasce da logiche patrimoniali ????????? Sistema mono tematico Ricerca del profitto Valutazione basata sullefficienza Prevalenza di stimoli economici e finanziari con vincoli sociali Primum movens: lettura di unopportunità No-profit vs. Profit in sanità

17 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai Larticolo 45 riconosce solennemente la funzione sociale della cooperazione a carattere di mutualità e senza fini di speculazione privata e affida alle legge il compito di promuoverne e favorirne con i mezzi più idonei e con gli opportuni controlli il carattere e le finalità. Lart. 41 Cost. sancisce che l'iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l'utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana. Lart. 118, co. 4, Stato, Regioni, Città metropolitane, Province e Comuni favoriscono l'autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale, sulla base del principio sussidiarietà.

18 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai

19 Si tratta di un PARTICOLARE MERCATO (asimmetria della domanda) Differenziare la logica del capitale da quella del lavoro. (lavoratore e soggetto assistito non solo degli elementi di natura economica che consentano ritorni sul capitale investito, ma i beneficiari stessi dellazione) In sintesi un corretto utilizzo dello strumento cooperativistico consente allo Stato di usufruire dei vantaggi che esso stesso concede, e di conseguire in termini di pubblica utilità il bene Salute in MODO PIÙ VANTAGGIOSO ED EQUO.(struttura estremamente concorrenziale)..quindi garantisce la MASSIMA ASSISTENZA a parità di risorse e il miglior risultato in termini di salute per gli assistiti, come anche di soddisfazione per gli stessi. TRASPARENZA NELLA MISURAZIONE delle risorse e la loro trasformazione in output (prestazioni) ma anche in outcome (salute). LA COOPERAZIONE IN SANITA

20 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai La geografia della cooperazione Cooperative ogni 10 mila abitanti per regione e provincia, 2011 Fonte: elaborazione Censis su dati Unioncamere

21 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai Un modello che «tira» Andamento di cooperative e imprese Imprese +7,7% Fonte: elaborazione Censis su dati Istat e Unioncamere Cooperative +14,2%

22 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai Il miracolo occupazionale nella crisi Occupazione nelle cooperative e imprese Fonte: elaborazione Censis su dati Istat, Unioncamere e Censis (per il 2011) Mercato lavoro -1,2% Imprese -2,3% Cooperative +8%

23 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai Il contributo cooperativo per settori economici Incidenza sul totale degli occupati nelle imprese, 2011 (val.%) Fonte: elaborazione Censis su dati Unioncamere

24 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che maiLAPERSONA LA RETE LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE TRA PROFESSIONISTI DELLA SALUTE UNASSUNZIONE DI RESPONSABILITÀ LA MISSION DELLA NOSTRA FEDERAZIONE

25 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai COOPERAZIONE SOCIALE: DA FASE DI DIPENDENZA DAL SISTEMA PUBBLICO …

26 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai INNOVAZIONE SVILUPPO PROGETTAZIONE NUOVI SERVIZI NUOVO RUOLO DELLA COOPERAZIONE SOCIALE

27 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai LE COOPERATIVE IN SANITÀ SERVONO 100 MILIONI DI FAMIGLIE NEL MONDO…

28 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai PESO DELLA COOPERAZIONE SOCIALE CHE FA RIFERIMENTO A CONFCOOPERATIVE A Confcooperative aderiscono la maggioranza assoluta della cooperative sociali iscritte al registro imprese. Sono (il 50,8% delle registrate) Nel complesso, la cooperazione sociale in Italia conta circa cooperative iscritte al Registro imprese Sono oltre 350 mila gli addetti occupati stabilmente nel settore. Sono stimati in circa 7 milioni annui gli utenti, beneficiari dei servizi delle cooperative sociali

29 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai PESO ECONOMICO E OCCUPAZIONALE In termini di peso occupazionale, le cooperative aderenti a Confcooperative rappresentano il 64% delloccupazione complessiva nelle cooperative sociali in Italia. In termini di peso economico, il fatturato aggregato delle cooperative sociali aderenti a Confcooperative è oltre 5,9 miliardi di Euro e rappresenta, con il 63%, la componente maggioritaria del fatturato aggregato realizzato dalla cooperazione sociale in Italia

30 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai UNA RISPOSTA CONCRETA PER IL RINNOVO DELLA SANITÀ TERRITORIALE LOGICA VETERO SINDACALE SISTEMA PRIVATO PAZIENTE

31 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai LE COOPERATIVE A SPECIALIZZAZIONE SANITARIA

32 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai PRESA IN CARICO CONTINUITA ASSISTENZIALE Pz cronico (CCM) Pz indifferenziato (MMG, PLS, Medici di continuità assistenziale:ostetrico-ginecologo,cardiologo, psichiatra,odontoiatra; infermieri, altre figure professionali) Pz non autosufficiente (long-term care) INTEGRAZIONE SANITARIA E SOCIO- SANITARIA

33 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai Incentivi allo sviluppo di sistemi di assistenza domiciliare integrata, per spostare la spesa dall' ospedale al territorio, attraverso la realizzazione di una rete di "assistenza primaria", oggi carente per non dire assente in molte regioni. Tale sviluppo potrà avvenire utilizzando anche la leva fiscale, ad esempio dando vantaggi alle imprese che si cimentino in questo difficile campo. PROPOSTA 1

34 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) 1. sinonimo di servizio di cure domiciliari modulato al suo interno su più livelli, differenziati per intensità assistenziale. -assistenza infermieristica domiciliare; -assistenza domiciliare programmata (ADP) dei MMG; -assistenza domiciliare per particolari tipologie di utenza. 2. Compresenza di prestazioni sociali e prestazioni sanitarie, del più ampio sistema delle cure domiciliari, configurato come sommatoria di tutte le modalità di assistenza a domicilio.

35 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai Popolazione over65 in ADI - Europa

36 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai ASSISTENZA DOMICILIARE IN EUROPA (assisiti a domicilio su pazienti di età superiore ai 65 anni), 2005

37 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai Assistenza Domiciliare Integrata: Anno 2007 Casi trattati Italia di cui 81,2% anziani (3,27% anziani) Lombardia81.174di cui 84.8% anziani(3,66% anziani) Veneto73.431di cui 81.0% anziani(6,42% anziani) Emilia Romagna64.666di cui 85.0% anziani(5,72% anziani) Piemonte24.300di cui 71,8% anziani(1,77% anziani) Lazio51.877di cui 79.7% anziani(3,88% anziani) Abruzzo12.705di cui 80.7% anziani(3,66% anziani) Campania17.707di cui 82.9% anziani(1,63% anziani) Puglia13.882di cui 83.3% anziani(1,62% anziani) Basilicata6.774di cui 75.6% anziani(4,32% anziani) Calabria13.071di cui 77.9% anziani(2,76% anziani) Sicilia12.784di cui 72.4% anziani(1,02% anziani) Sardegna5.228di cui 68.4% anziani(1,20% anziani) Ore per caso trattato 22 di cui 15 infermieristica 17 di cui 11 infermieristica 10 di cui 8 infermieristica 22 di cui 20 infermieristica 21 di cui 12 infermieristica 20 di cui 13 infermieristica 28 di cui 19 infermieristica 60 di cui 28 infermieristica 51 di cui 32 infermieristica 40 di cui 24 infermieristica 15 di cui 11 infermieristica 34 di cui 20 infermieristica 72 di cui 58 infermieristica Fonte: Annuario Statistico del SSN, Anno 2007.

38 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai Assistenza Domiciliare Integrata Consultorio Prestazioni residenziali e semiresidenziali erogate a soggetti non autosufficienti Comunità Alloggio Ospedale di Comunità Centri di Salute mentale RSA demenze Servizio di psicologia clinica Residenze assistenziali RSA disabili giovani /adulti Centro diurno Specialistica ambulatoriale Servizi per le Dipendenze Patologiche (SERT) RSA anziani Nuclei Alzheimer Assistenza Domiciliare Programmata Assistenza Domiciliare Infermieristica Residenze di Riabilitazione Estensiva e Semiresidenziale MMG Medici di continuità assistenziale PLS Hospice

39 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai Attività ambulatoriale territoriale: MMG, PLS, specialisti Prestazioni residenziali e semiresidenziali erogate a soggetti non autosufficienti, non assistibili a domicilio, RSA anziani RSA demenze Residenze Assistenziali Hospice Centro Diurno Assistenza Domiciliare ADI, ADP, assistenza domiciliare infermieristica Nuclei Alzheimer Riabilitazione e Disabilità Residenze di Riabilitazione Estensiva e Semiresidenziale Degenza in RSA disabili adulti gravi ed RSA disabili adulti Ospedale di Comunità Salute Mentale: Centri di Salute Mentale, Servizio di Psicologia Clinica, Strutture psichiatriche semiresidenziali e residenziali, Comunità alloggio Salute Donna, attività consultoriale Servizi per le Dipendenze Patologiche (SERT)

40 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai STATO DELLARTE assistenza domiciliare -> deve essere erogata da soggetti autorizzati e accreditati percorso giuridico - amministrativo di autorizzazione e accreditamento ancora incompleto Criticità del sistema vigente: disomogeneità dei modelli di ADI nelle diverse ASL (cfr. bandi di gara per beni e servizi) coinvolgimento dei Medici di Medicina Generale nei processi di presa in carico e continuità assistenziale responsabilizzazione dei soggetti erogatori esterni sistema parcellizzato e non integrato difficoltà di sostenibilità economica dei servizi strumenti efficaci di verifica per la misurazione di outcome Nessuna modalità di misurazione della soddisfazione del cittadino

41 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai MMGG Ente Accreditato Controllo periodico appropriatezza e compatibilità di budget UTENTE CIP (problemi/bisogni assistenziali/obiettivi raggiungere) BIP (prescrizione di interventi e relativo impegno economico) PIA (pianificazione interventi prescritti) Trasmissione CIP/BIP/PIA al CAD Richiesta assistenza CAD Schema di flusso - MODELLO SPERIMENTALE

42 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai Simulazione ASL Roma D – mese di Novembre Nel mese di Novembre sono state eseguite prestazioni nella ASL Roma D, nel corso di accessi. Nella tabella sono elencate le prestazioni eseguite e riclassificate secondo il nuovo modello. Le prestazioni riclassificate sono state moltiplicate per i valori proposti, ottenendo una ipotesi di costo totale mensile. A questo costo va aggiunto il numero degli accessi moltiplicati per il relativo costo. Metodo attuale Fascia Pazienti Assistiti Giornate Presa in Carico Fatturato Alta Media Bassa Occasionale Costo totale Metodo sperimentale NumeroCosto Prestazioni Accessi Costo Totale

43 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai ACCREDITAMENTO: attraverso una fase sperimentale che veda la promozione di forme avanzate di partenariato pubblico- privato non profit, per laffidamento in gestione di servizi domiciliari complessi di cure primarie e anche di strutture residenziali, semiresidenziali e intermedie, in rete con i servizi domiciliari. PROPOSTA 2

44 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai Superare il sistema delle convenzioni per introdurre laccreditamento inteso come strumento di regolazione del mercato sanitario. STATUS di accreditato per essere inseriti come potenziali fornitori di prestazioni per conto e a carico del SSN. Status cui si perviene sulla base della verifica e del monitoraggio di requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per lesercizio delle attività sanitarie da parte delle strutture pubbliche e private, con rinvio alla regolamentazione regionale, deputata a definire standard di qualità che costituiscono requisiti ulteriori per laccreditamento delle strutture pubbliche e private autorizzate.

45 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai

46

47 Rivedere e valorizzare la posizione in tali sistemi dei Medici di Famiglia, che potrebbero rappresentare lelemento di controllo del territorio, fino a poter gestire budget territoriali correlati allassistenza. Realizzazione di una rete territoriale fra tutti i soggetti che si occupano di assistenza PRIMARIA, che avrebbe anche valenza di motore economico e sviluppo delloccupazione PROPOSTA 3

48 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai DOPO IL DECRETO BALDUZZI….. MODIFICA dellattuale regime delle convenzioni per la medicina generale, la continuità assistenziale, la medicina dei servizi e lemergenza sanitaria territoriale allo scopo di introdurre il principio della concessione di servizi complessi di assistenza primaria a strutture multi professionali, anche su base cooperativistica, in grado di assicurare la gestione integrata dei servizi stessi.

49 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai SVILUPPO ASSISTENZA PRIMARIA LA GRANDE OPPORTUNITA OCCUPAZIONALE Se rapportiamo allItalia i dati relativi allInghilterra e agli Stati Uniti, solo per lassistenza domiciliare occorrono 32 addetti ogni abitanti, cioè circa unità, che di fatto si raddoppiano se si assicurano adeguate dotazioni agli ambulatori e alle residenzialità.

50 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai Favorire lo sviluppo della mutualità integrativa, come forma di gestione del risparmio privato destinato a fini sanitari con effetti di alleggerimento della pressione sulla spesa pubblica. PROPOSTA 4

51 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai MA OCCORRE… Chiarezza nella definizione dei livelli essenziali di assistenza sanitaria, salvaguardia dei soggetti più bisognosi tracciando una linea di demarcazione degli ambiti riservati alla funzione pubblica e di quelli demandati alla mutualità integrativa privata, allo scopo di eliminare le attuali sovrapposizioni degli ambiti di intervento e le conseguenti duplicazioni di finanziamento.

52 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai Sanità integrativa e società di mutuo soccorso Il sistema sanitario pubblico universalistico comincia a scricchiolare arretra e passa il testimone ad un sistema bi-polare nel quale saranno i cittadini e le loro organizzazioni ad affiancare il sistema pubblico per finanziare e gestire un secondo polo assistenziale complementare La cooperazione e la mutualità raccolte in FederazioneSanità sono già attive nellofferta di servizi innovativi e nella gestione di coperture assistenziali integrative nellarea dellassistenza extraospedaliera e ritengono di essere le forze sociali più adatte per assecondare le trasformazioni in atto nel sistema, per promuovere la crescita del secondo pilastro e per contribuire ad orientarlo fuori dalle insidie del mercato profittevole.

53 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai Avvicinare i servizi quanto più possibile alle comunità dove le persone vivono e desiderano essere assistite, adeguare i luoghi e i modi di erogazione delle prestazioni ai crescenti bisogni assistenziali del nostro tempo per il prevalere della cronicità, non autosufficienza e disabilità, creando luoghi istituzionali d'integrazione dei finanziamenti e delle azioni pubbliche, al fine di evitare o quantomeno ridurre l'attuale parcellizzazione degli interventi e una spesa a pioggia che non comporta alcun elemento di efficacia di efficienza

54 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai DALLINTEGRAZIONE UN NUOVO SOGGETTO FederazioneSanità sta promuovendo la formazione di Consorzi Territoriali, secondo il criterio della maggiore prossimità allassistito. Il Consorzio Territoriale è laggregazione operativa delle Cooperative di settore esistenti nelle diverse regioni. interlocutore, in una logica di accreditamento, nei confronti delle Regioni, e come erogatore nei confronti degli assistiti Il Consorzio si pone come interlocutore, in una logica di accreditamento, nei confronti delle Regioni, e come erogatore nei confronti degli assistiti. 54

55 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai Centro Cap – Punto dascolto e di valutazione Punti di Contatto di fiducia, presso i quali lAssistito potrà ottenere tutte le Informazioni sui Servizi Socio Sanitari Integrativi e le modalità di accesso Operatori Socio Sanitari - Centri di Diagnostica Rete di operatori e di strutture costituita da circa professionisti e da circa 50 centri diagnostici sanitari altamente specializzati e distribuiti sul territorio romano e laziale Carta associativa Sistemi di Incasso e Rendicontazione Carta associativa finanziaria Direzione del Consorzio Cap Programma la rete dei servizi Controlla lofferta dei consorziati Controlla la qualità della rete dei servizi Gestisce i centri di ascolto e di valutazione Controlla le rendicontazioni contabili Punti di Contatto Le Farmacie Rete in grado di garantire a tutti gli Assistiti un canale di accesso web ai Servizi Socio Sanitari Integrativi e Medico diagnostici COMPITI IL CONSORZIO CAP LA RETE DEI SERVIZI CAP VOCE AL CITTADINO

56 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai In funzione delle diverse realtà distrettuali, il Consorzio potrà offrire: servizi di Assistenza Domiciliare, gestione operativa di Presidi di Prossimità previsti dalla legge Balduzzi gestione di residenzialità intermedie (ospedali di comunità, rsa, comunità terapeutiche per malati psichiatrici, centri diurni, strutture ex. Art. 26) servizi di distribuzione di farmaci e presidi, servizi preventivi allinterno delle farmacie, etc I CONSORZI TERRITORIALI: UNOFFERTA INTEGRATA OLTRE LADI

57 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai I DECRETI SUI NUOVI SERVIZI IN FARMACIA INFERMIERI IN FARMACIA (medicazioni, iniezioni intramuscolo) e FISIOTERAPISTI IN FARMACIA (rieducazione disabilità motorie, cognitive, viscerali etc) AUTOANALISI (glicemia, colesterolo, tligriceridi, gravidanza etc) e ESAMI STRUMENTALI (pressione arteriosa, elettrocardiogrammi etc) ATTIVITA CUP (prenotazione specialistica ambulatoriale) ….in attesa ACN e ACR) Con la cooperazione farmaceutica si può realizzare di fatto quell efficace azione sinergica, unica capace di rendere possibile tante attività dentro lo schema di una farmacia e in un contesto complesso come quello delle prestazioni sanitarie.

58 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai

59 COSTITUZIONE DI UN TAVOLO DI LAVORO AD HOC CON INTERLOCUZIONE CERTA PER: ISTITUIRE una cabina di regia ad hoc (NAZIONALE E REGIONALE) per definire le linee guida SULLASSISTENZA PRIMARIA Considerare le specificità del SETTORE FAVORENDONE LO SVILUPPO ANCHE TRAMITE POLITICHE FISCALI (IVA!!!) COMPLETARE il percorso legislativo (v. Decreto Balduzzi) FAVORIRE i processi dintegrazione fra Sociale e Sanitario VALUTARE i risultati dei servizi INDIVIDUARE le risorse per la sostenibilità economica e finanziaria degli interventi COSA CHIEDIAMO Il patrimonio di esperienza e la capacità di supporto che vengono dalla cooperazione in ambito sanitario, alla luce delle dimensioni raggiunte, hanno oggi bisogno di una corretta regolamentazione che ne valorizzi la autentica identità.

60 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai LA FINE DEL WELFARE STATE? Per Cameron è il momento della filantropia Il premier britannico si presenterà al prossimo appuntamento del G8 con una sua proposta per ridimensionare definitivamente la concezione del welfare state e far posto a quella che lui chiama filantropia. Con il massiccio ricorso a fondi a impatto sociale. Si tratta in pratica di dimezzare il ruolo dello Stato per far posto a quella che lui non chiama filantropia cioè il ricorso a fondi a impatto sociale che deriverebbero dalle grandi accumulazioni di profitto. Gli Uman Impact Fund sarebbero gestiti secondo criteri di redditività e basati sullinvestimento in imprese ad alto impatto sociale.

61 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai La cattiveria dei buoni è pericolosissima

62 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai Tragica gaffe del candidato repubblicano alla Casa Bianca. In una riunione di grandi elettori, avvenuta a porte chiuse, Romney si è lasciato andare a considerazioni sprezzanti nei confronti dei cittadini che usufruiscono dellassistenza pubblica. «Parassiti» è il termine usato da Romney per i tanti che ricevono sussidi di disoccupazione, per i pensionati, per quelli che «credono di avere diritto al cibo, alla casa, alla sanità» e che non pagano le tasse. Si tratta del 47% dei cittadini che certo non saranno rimasti contenti delle parole del repubblicano. Le affermazioni di Romney sono state carpite tramite un video rimasto nascosto per cinque mesi

63 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai La Chiesa di Bergoglio? «Sarà una Chiesa dei poveri ma anche dei ricchi, perché i ricchi hanno il dovere di dare. Come cristiani i ricchi compiono il loro dovere dando ai poveri. Per cui la Chiesa di Bergoglio sarà aperta a tutti, un luogo dove tutti possono entrare, non cè esclusività, non ci sono i potenti da una parte e i poveri dallaltra.

64 Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai


Scaricare ppt "Assemblea 2013 FederazioneSanità-Confcooperative Assistenza Primaria. Ora più che mai Giuseppe Maria Milanese Presidente FederazioneSanità Confcooperative."

Presentazioni simili


Annunci Google