La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL DIRITTO DEL LAVORO PORTOGHESE FRA SICUREZZA E FLESSIBILTÀ Trento, aprile 2012 LA FORMAZIONE DEL SISTEMA PORTOGHESE DI DIRITTO DEL LAVORO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL DIRITTO DEL LAVORO PORTOGHESE FRA SICUREZZA E FLESSIBILTÀ Trento, aprile 2012 LA FORMAZIONE DEL SISTEMA PORTOGHESE DI DIRITTO DEL LAVORO."— Transcript della presentazione:

1 IL DIRITTO DEL LAVORO PORTOGHESE FRA SICUREZZA E FLESSIBILTÀ Trento, aprile 2012 LA FORMAZIONE DEL SISTEMA PORTOGHESE DI DIRITTO DEL LAVORO

2 Una matrice individualistico-liberale sul telaio di una società agraria con qualche isola industriale, e molto ancien régime Tre moduli contrattuali lavoristici: Contratto di servizio domestico (serviço domestico) (familiare o agricola) Contratto di servizio salariato (serviço salariado) (lavoro pagato al giorno o allora) – regime giuridico semplice e paritario Contratto di apprendistato (aprendizagem) IL LAVORO NEL CODICE CIVILE DEL 1867 Antonio Monteiro Fernandes 2

3 1891 – Come altrove… una legge sul lavoro delle donne et dei minori Nel corso degli anni 90, diverse leggi sulle condizioni (primitive) di salute e sicurezza nel lavoro (ma niente sulla responsabilità per infortuni e malatie legate al lavoro) 1907 – Riposo settimanale obbligatorio LA NASCITA DEL DIRITTO DEL LAVORO MODERNO Antonio Monteiro Fernandes 3

4 Una ideologia politica libero-individualistica, appoggiata sul movimento popolare com aspirazioni di miglioramento sociale immediato (quindi: agitazione sociale permanente, repressione). La prima legge sul diritto di sciopero (1910) con intenzioni più regolative che garantistiche. La giornata di 8 ore e la settimana di 48 ore (1919) - in concomitanza con la convenzione nº 1 della OIL La prima menzione dellautonomia collettiva (come id pre-legale) da una legge sulle associazioni di classe (1924). LA PRIMA REPUBBLICA (1910/1926) Antonio Monteiro Fernandes 4

5 Lo Statuto del Lavoro Nazionale (1933), la carta del lavoro portoghese: Solidarietà fra proprietà, capitale e lavoro: il lavoratore à collaboratore nato dellazienda La legge protegge la situazione individuale del lavoratore, le forme di organizzazione ed azione collettiva vanno controllate e limitate Creazione e attività delle organizzazioni lavoristiche sottoposte alliniziativa ed al controllo del potere politico Comunque, un modello bipolare di organizzazione: sindicatos e gremios LA DITTATURA CORPORATIVA - ESTADO NOVO - Antonio Monteiro Fernandes 5

6 Lortodossia di un regime corporativo di Stato: Lincriminazione dello sciopero e della serrata (1934) Una legge molto minuziosa sul tempo di lavoro (1934) Infine, il regime della responsabilità (oggettiva) per infortuni e malatie (1936) La prima legge organica sul contratto di lavoro (1937) La prima legge sulla contrattazione collettiva (primato della funzione regolamentare su quella contrattuale) (1947) Tutte queste leggi sono state vigenti fino agli anni 60. LA LEGISLAZIONE CORPORATIVA DEL LAVORO: LA PRIMA ONDA (ANNI 30-50) Antonio Monteiro Fernandes 6

7 La Primavera del regime -- un timido tentativo di modernizzazione: Una nuovo legge sugli infortuni e malattie (1965) Laggiornamento del regime del contratto di lavoro ( ) sotto linspirazione del nuovo codice civile (1966) Una mossa legislativa verso una certa liberalizzazione della contrattazione collettiva (1969) La nuova legge sul tempo di lavoro (1971) LA LEGISLAZIONE CORPORATIVA DEL LAVORO: LA SECONDA ONDA (ANNI 60-70) Antonio Monteiro Fernandes 7

8 Una parte importante della legislazione precedente (inclusive la legge sulla contrattazione collettiva) è stata mantenuta in vigore, anche se ad un basso livello di effettività Una politica di «frenaggio» dellalluvione rivendicativo: Una legge sullo sciopero (per «organizzare» e «disciplinare» il movimento sociale) – inefficace Restrizioni legali alla crescita dei salari ed altri benefici contrattuali – relativamente efficace Una politica ugualitaria (appiattimento salariale) e anti- padronale, sulla base della difesa dellocupazione (sospensione dei licenziamenti...) La lotta per il controllo politico dei sindacati (unicità vs. pluralismo). IL DIRITTO DEL LAVORO NELLA RIVOLUZIONE ( ) Antonio Monteiro Fernandes 8

9 Un capitolo sui diritti, libertà e garanzie dei lavoratori (art ): sicurezza dellocupazione, comissioni di lavoratori (al livello azienda), libertá sindacale in tutte le sue manifestazioni (pluralismo sindacale compreso), autonomia collettiva, diritti sindacali di partecipazione politica, diritto di sciopero e divieto di serrata. Questi diritti sono direttamente applicabili e vano osservati da tutte le entità publiche e private (art. 18). Lo stesso regime è applicabile ad un insieme di diritti aggrupati in due articoli sotto il titolo Diritti e doveri economici: il diritto al lavoro (art. 58) ed un insieme di condizioni relative ai rapporti inidividuali di lavoro (art. 59). LA COSTITUZIONE DEMOCRATICA (DEL LAVORO) - 1 Antonio Monteiro Fernandes 9

10 La legislazione d emergenza -- aziende in «situazione economica difficile», sospensione dei contratti e riduzione dei tempi di lavoro (la nostra «cassa integrazioni guadagni»...) -– la prima erosione delle «conquiste» del movimento sociale. La concertazione sociale (dal 86): controllo dei salari (contro linflazione), negoziazione legislativa: Primi strumenti di flessibilità esterna o numerica: legge sulla risoluzione del contratto; il regime dellintermediazione (trabalho temporário) (1989). Il contrappeso: il regime (molto) restrittivo del contratto a termine. Sul piano della flessibilità interna: nuovi regimi del lavoro straordinario, dellorganizzazione flessibile degli orari (1991) sviluppata dalla legge che a stabilito la settimana di 40 ore (1996), del lavoro notturno (1999). La trasposizione delle direttive europee DALL EMERGENZA (ANNI 80) ALLA FLESSIBILITÀ (ANNI 90 E DOPO...) Antonio Monteiro Fernandes 10

11 La tradizione portoghese: il caos normativo. La pluralità dei testi,linterpretazione in conformitá con la costituzione ed il diritto comunitario… La scelta della codificazione (2003): Un dibattito antico, unprogetto poco seducente; i motivi del legislatore Il risultato: un mezzo-codice (parte generale + sanzioni), copiosa regolamentazione e legislazione complementare. In certa misura, la codificazione è stata fatta « a diritto costante », ma ci sono delle novità sopratutto nel campo della flessibilità interna Comunque, è ormai indiscutibile ed indiscusso il guadagno sotto il profilo dellaccessibilitá del diritto, sopratutto dopo il miglioramento della sistematizzazione operato nel LA CODIFICAZIONE (2003, 2009) Antonio Monteiro Fernandes 11


Scaricare ppt "IL DIRITTO DEL LAVORO PORTOGHESE FRA SICUREZZA E FLESSIBILTÀ Trento, aprile 2012 LA FORMAZIONE DEL SISTEMA PORTOGHESE DI DIRITTO DEL LAVORO."

Presentazioni simili


Annunci Google