La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Martina Strudel Mikiko Watanabe Latina, 18 Maggio 2012 Tanzania e Camerun Note di viaggio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Martina Strudel Mikiko Watanabe Latina, 18 Maggio 2012 Tanzania e Camerun Note di viaggio."— Transcript della presentazione:

1 Martina Strudel Mikiko Watanabe Latina, 18 Maggio 2012 Tanzania e Camerun Note di viaggio

2 Namanyere District Hospital, Tanzania Ejed Clinic e St. Francis Clinic, Kumba, Camerun

3 Dovè Namanyere Namanyere è un piccolo villaggio dellAfrica subsahariana orientale. Si trova in Tanzania Occidentale, a pochi Km dal lago Tanganika.

4 LOspedale a Namanyere NAMANYERE DISTRICT HOSPITAL Circa 100 posti degenza, distribuiti tra reparto maschile, femminile e pediatrico Sala operatoria Ambulatorio medico, ambulatorio chirurgico e ambulatorio specialistico per pazienti HIV+ Laboratorio analisi come unico supporto diagnostico.

5 …Chi ci lavora E tutto coordinato dal Dr Dandah, affiancato da altri tre medici. Non cè ripartizione dei compiti: ciascuno di essi provvede a tutto ciò di cui i pazienti necessitano giornalmente. I paramedici si occupano di mansioni più tecniche, ma spesso si trovano a dover affrontare anche compiti propriamente medici, causa carenza di personale. E presente personale infermieristico che viene istruito nella scuola per infermieri situata nelle immediate vicinanze dellospedale. La struttura è gestita interamente da personale del posto, salvo collaborazioni occasionali di studenti,infermieri e medici provenienti da varie nazioni.

6 Chi vive a Namanyere… Nei dintorni dellospedale si trovano numerosi piccoli villaggi. La popolazione è estremamente ospitale, ci si sente subito parte della comunità. Il livello socio-economico è piuttosto basso, è bene prepararsi ad affrontare realtà molto lontane dalla nostra. La religione principale è il cattolicesimo, con una minoranza musulmana. La lingua parlata è lo Swahili, anche se con il personale ospedaliero e una parte di popolazione è possibile dialogare in inglese.

7 La nostra casa… Ai volontari sono destinate apposite casette adiacenti allospedale. In casa cè tutto il necessario per vivere, ma bisogna ricordare che è indispensabile unestrema adattabilità per trovarsi a proprio agio in condizioni di vita così lontane da quelle a cui siamo abituati. E probabile che ci si trovi a condividere lalloggio con volontari provenienti da altri Paesi..unulteriore occasione di scambio culturale da non perdere!

8 Racconto di una giornata tipo h 7,30: preghiera mattutina nella sala comune dellospedale h 8,00: discussione dei casi clinici di maggiore rilevanza h 11,00: giro visite Due giorni a settimana dedicati ad attività di sala operatoria, con una pianificazione media di 5-6 interventi al giorno Nellarco delle 24h i volontari restano reperibili per eventuali casi di emergenza

9 …e dovè Kumba Kumba è una cittadina di circa abitanti nel Sud-Ovest del Camerun.

10 LEjed Clinic e la St. Francis Clinic a Kumba LEjed e la St. Francis Clinic sono piccole strutture private con un reparto, la sala operatoria, un ambulatorio di medicina generale ed un laboratorio analisi. Un paio di volte al mese è presente un servizio di ecografia ed uno di radiologia.

11 …Chi ci lavora Il Dr. Eben, laureato e specializzato in ortopedia negli Stati Uniti Il Dr. Nzumè, laureato e specializzato in chirurgia generale in Italia Il personale infermieristico e di laboratorio formato a Kumba

12 Chi vive a Kumba La popolazione è composta prevalentemente di agricoltori e commercianti Il livello socio-culturale è molto basso, come a Namanyere E anche qui la religione praticata è il cattolicesimo, anche se abbiamo potuto osservare un frequente ricorso agli sciamani Le lingue parlate correntemente sono linglese, il francese e il pidgin, una mescolanza dei primi due.

13 La nostra casa La nostra casa era in tutto e per tutto simile a quella di Namanyere, con tutti i confort per essere nellAfrica sub equatoriale, ovviamente molto spartana per i nostri standard…ma noi ci siamo trovati benissimo!

14 La giornata tipo… Ambulatorio di medicina generale gestito da noi dalle 9 alle 17 Occasionalmente sala operatoria Pranzo Discussione tra noi dei casi del giorno e passeggiate per Kumba

15 …E le giornate atipiche Allorfanotrofio Nel carcere Dallo sciamano A Koto Barombi

16 Cosa ci si deve aspettare… …di dare una mano in qualsiasi modo, senza sentirsi eroi …di imparare ad imparare da loro e di capire pienamente il significato della parola cooperazione …di ammirare, giorno dopo giorno, la grandiosità di persone che portano avanti un ospedale con un livello di mezzi per noi impensabile …di trovare sorrisi e amicizie speciali

17 …e cosa si deve fare lì … sarà un dovere essere aperti ad un altro modo di vedere la vita. … sarà un dovere prestare le proprie mani quando ci si renderà conto che ce nè davvero bisogno. … sarà un dovere fermarsi ad ascoltare, fermarsi a guardare e fermarsi a comunicare.

18 Il nostro perché Noi labbiamo fatto perché ognuno di quei doveri diventasse un piacere immenso … e ci siamo riusciti. Vorremmo che il vostro piacere più grande fosse quello di guardare con i vostri occhi tutto ciò che abbiamo provato a raccontarvi… ….BUON VIAGGIO!

19 GRAZIE ! Progetti Nazionali


Scaricare ppt "Martina Strudel Mikiko Watanabe Latina, 18 Maggio 2012 Tanzania e Camerun Note di viaggio."

Presentazioni simili


Annunci Google