La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Cepagatti (Pe) Gruppi di Caramanico - Catignano - Cepagatti - Popoli - Torre de Passeri C ORSO B ASE 2012 Catignano.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Cepagatti (Pe) Gruppi di Caramanico - Catignano - Cepagatti - Popoli - Torre de Passeri C ORSO B ASE 2012 Catignano."— Transcript della presentazione:

1 Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Cepagatti (Pe) Gruppi di Caramanico - Catignano - Cepagatti - Popoli - Torre de Passeri C ORSO B ASE 2012 Catignano (Pe) Lunedì 29 ottobre Obiettivi strategici Cenni su Protezione Civile e Croce Rossa Italiana Croce Rossa. Persone in prima persona Muni CYTRON Formatore Nazionale CRI contatti:

2 Docente della lezione: Croce Rossa. Persone in prima persona Muni CYTRON - Collaboratore Tecnico Regionale Abruzzo per la Promozione e l'Immagine - Coordinatore C.R.I. specializzato in Protezione Civile - 2° livello - Istruttore Nazionale C.R.I. di Protezione Civile - Formatore Nazionale C.R.I. Contatti: 2

3 Argomenti della lezione: Gli obiettivi strategici della Croce Rossa Italiana in generale Lobiettivo Croce Rossa. Persone in prima persona 3

4 Obiettivo della lezione: a.Far conoscere gli obiettivi strategici della Croce Rossa Italiana b.Approfondire gli obiettivi: Prepariamo le comunità e diamo risposta a emergenze e disastri Agiamo con una struttura capillare, efficace e trasparente, facendo tesoro dell'opera del Volontariato c. Conoscere il sistema nazionale di protezione civile. d. Acquisire coscienza e conoscenza del ruolo della CRI in Protezione Civile Durata 90 Croce Rossa. Persone in prima persona 4

5 Fare di più, fare meglio ed ottenere un impatto maggiore E questa lidea di fondo che ha concretamente reso possibile alla Croce Rossa Italiana ladozione degli Obiettivi strategici per il Basati sullanalisi delle necessità e delle vulnerabilità delle comunità in cui la CRI opera e ispirati ai Principi Fondamentali (Umanità, Imparzialità, Neutralità, Indipendenza, Volontariato, Unità e Universalità) e ai valori umanitari dellAssociazione, i sei Obiettivi Strategici 2020 riflettono limpegno di soci, volontari e dipendenti CRI nel prevenire e alleviare la sofferenza umana, contribuire al mantenimento e alla promozione della dignità umana e di una cultura della non violenza e della pace. Croce Rossa. Persone in prima persona 5

6 6

7 Obiettivi strategici 2020 Gli Obiettivi strategici 2020 della Croce Rossa Italiana sono basati sull'analisi delle necessità e delle vulnerabilità delle comunità che quotidianamente serviamo e sono ispirati ai nostri Principi Fondamentali e Valori Umanitari. Essi identificano le priorità umanitarie dell'Associazione, a tutti i livelli, e riflettono l'impegno di soci, volontari ed operatori CRI a prevenire e alleviare la sofferenza umana, contribuire al mantenimento e alla promozione della dignità umana e di una cultura della non violenza e della pace. Formulati in linea con la Strategia 2020 della Federazione Internazionale delle Società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa, essi forniscono quindi il quadro strategico di riferimento che guiderà l'azione della Croce Rossa Italiana verso il L'adozione dei sei Obiettivi Strategici 2020 s'inserisce nell'ambito del processo di costruzione di una Società Nazionale più forte. Croce Rossa. Persone in prima persona 7

8 Obiettivi strategici 2020 Alla base di una Croce Rossa Italiana più forte vi è una rete capillare di unità territoriali che vogliono "fare di più, fare meglio ed ottenere un maggiore impatto", operando in maniera trasparente nei confronti dei beneficiari e fornendo servizi affidabili, concepiti all'interno di un piano strategico basato sull'analisi dei bisogni e delle vulnerabilità della comunità alla quale rivolgono il loro operato, e tenendo in considerazione le capacità e le risorse che possono essere ottenute in maniera sostenibile. Le unità territoriali servono le rispettive comunità dall'interno, grazie all'azione quotidiana organizzata di volontari che hanno scelto di aderire al Movimento Internazionale di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa e ai Principi Fondamentali e Valori Umanitari, che conoscono e condividono gli indirizzi e gli obiettivi strategici della propria Società Nazionale e della Federazione Internazionale delle Società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa. Croce Rossa. Persone in prima persona

9 I sei obiettivi strategici Tuteliamo e proteggiamo la salute e la vita; Favoriamo il supporto e linclusione sociale; Prepariamo le comunità e diamo risposta a emergenze e disastri; Disseminiamo il Diritto Internazionale Umanitario, i Principi Fondamentali ed i Valori Umanitari e cooperiamo con gli altri membri del Movimento Internazionale; Promuoviamo attivamente lo sviluppo dei giovani e una cultura della cittadinanza attiva; Agiamo con una struttura capillare, efficace e trasparente, facendo tesoro dellopera del Volontariato. Croce Rossa. Persone in prima persona

10 Prepariamo le comunità e diamo risposta a emergenze e disastri La CRI si adopera per garantire un'efficace e tempestiva risposta alle emergenze locali, nazionali ed internazionali. Lo fa attraverso la formazione delle comunità e lo sviluppo di un meccanismo di risposta ai disastri altrettanto efficace e tempestivo. La gestione sistematica delle emergenze e dei disastri inizia con la preparazione ad un'azione condotta da volontari e da staff organizzati ed addestrati. Importante è la pianificazione e la implementazione di attività volte a ridurre il rischio di disastri ed emergenze. Anche incoraggiando l'adozione di misure comportamentali ed ambientali, ed a prevenire e ridurre la vulnerabilità delle comunità. Obiettivo III Croce Rossa. Persone in prima persona 10

11 Prepariamo le comunità e diamo risposta a emergenze e disastri Gli effetti di un disastro possono essere ridotti se la situazione viene stabilizzata il prima possibile, consentendo quindi alle persone di iniziare a ricostruire le proprie vite e la propria comunità. L'intervento a seguito di un disastro mira a facilitare il ristabilimento dei meccanismi interni della comunità colpita, promuovendo la ricostruzione di una società più inclusiva e riducendo il rischio di vulnerabilità in caso di disastri futuri. Obiettivo III Croce Rossa. Persone in prima persona 11

12 Prepariamo le comunità e diamo risposta a emergenze e disastri Obiettivi specifici: Obiettivo III Salvare vite e fornire assistenza immediata alle comunità colpite dal disastro Ridurre il livello di vulnerabilità delle comunità di fronte ai disastri Assicurare una risposta efficace e tempestiva ai disastri ed alle emergenze nazionali ed internazionali Ristabilire e migliorare il funzionamento delle comunità a seguito di disastri Croce Rossa. Persone in prima persona 12

13 Prepariamo le comunità e diamo risposta a emergenze e disastri Attività quadro: Obiettivo III - Attività di prevenzione e preparazione delle comunità ai disastri - Attività di risposta nelle emergenza nazionali - Risposta ai disastri internazionali - Attività psico-sociali in emergenza - Recupero a seguito di disastri e crisi - Assistenza sanitaria in occasione di grandi eventi - Soccorsi Speciali (SMTS, OPSA, Unità cinofile, Soccorso su piste da sci) - NBCR - Mitigazione ed adattamento ai cambiamenti climatici - … Croce Rossa. Persone in prima persona 13

14 Agiamo con una struttura capillare, efficace e trasparente, facendo tesoro dell'opera del Volontariato Obiettivo VI Essere una Società Nazionale forte significa essere capace di prevenire e affrontare in modo efficace le vulnerabilità delle comunità. La costruzione di una Società Nazionale forte passa attraverso una crescita sostenibile, volta a garantire livelli sempre più elevati di efficacia, efficienza e integrità delle attività operative e dei processi di gestione, accountability nei confronti dei beneficiari e di chi sostiene le nostre attività, nonché il rafforzamento e lo sviluppo della nostra rete di volontari. In questo contesto, la CRI riconosce il valore strategico della comunicazione, che permetta di catalizzare l'attenzione pubblica sui bisogni delle persone vulnerabili, favorisca la riduzione delle cause della vulnerabilità, ne prevenga quelle future, e mobiliti maggiori risorse per un'azione efficace. Le attività che la Croce Rossa Italiana svolge quotidianamente rappresentano un terreno sicuro per azioni costanti di diplomazia umanitaria volte a mantenere in primo piano i bisogni umanitari delle persone che "non hanno voce. Accountability: la capacità di un sistema di identificare un singolo utente, di determinarne le azioni e il comportamento all'interno del sistema stesso e si basa sulla concezione che gli individui siano responsabili delle loro azioni all'interno del sistema)

15 Obiettivi specifici: Obiettivo VI Adattare ogni nostra azione all'evoluzione dei bisogni delle persone vulnerabili Aumentare la capacità sostenibile della Croce Rossa Italiana a livello locale e nazionale, di prevenire ed affrontare in modo efficace le vulnerabilità delle comunità Rafforzare la cultura del servizio volontario e della partecipazione attiva Assicurare una cultura di responsabilità trasparente nei confronti dei nostri stakeholder Agiamo con una struttura capillare, efficace e trasparente, facendo tesoro dell'opera del Volontariato Mantenere gli statuti, regolamenti e piani d'azione in linea con le raccomandazioni e decisioni internazionali stakeholder (o portatore di interesse) si individuano i soggetti influenti nei confronti di un'iniziativa economica, sia essa unazienda o un progetto 15

16 Agiamo con una struttura capillare, efficace e trasparente, facendo tesoro dell'opera del Volontariato Attività quadro: Obiettivo VI - Sviluppo organizzativo - Comunicazione (esterna, interna, documentazione) - Promozione e politiche del volontariato - Promozione - Reclutamento - fidelizzazione soci attivi e sostenitori - Sviluppo partenariati strategici - Pianificazione e progettazione dei servizi - Accountability - Advocacy - Fundraising - Gestione risorse umane - Monitoraggio delle attività/progetti in corso di implementazione e valutazione del loro impatto Croce Rossa. Persone in prima persona 16

17 Accountability: la capacità di un sistema di identificare un singolo utente, di determinarne le azioni e il comportamento all'interno del sistema stesso e si basa sulla concezione che gli individui siano responsabili delle loro azioni all'interno del sistema Advocacy è una forma di pubblicità non profit Il fund raising (o fundraising) è una parola inglese che non è traducibile semplicemente in raccolta fondi. "To raise" ha il senso di: far crescere, coltivare, sorgere, ossia di sviluppare i fondi necessari a sostenere una azione senza finalità di lucro. Il fund raising, infatti, trova le sue origini nell'azione delle organizzazioni non profit, quelle organizzazioni che hanno l'obbligo di non destinare i propri utili ai soci, ma di reinvestirli per lo sviluppo delle proprie finalità sociali. Tuttavia attualmente il fund raising viene praticato anche da enti e servizi pubblici e da aziende che promuovono iniziative a scopo sociale. Croce Rossa. Persone in prima persona 17

18 Croce Rossa. Persone in prima persona domande ?

19 La Protezione Civile e la Croce Rossa Italiana Cosè la Protezione Civile ? Insieme delle attività volte a fronteggiare eventi straordinari che non possono essere affrontati con singole forze ordinarie Obiettivi della Protezione Civile CONOSCERE e FAR CONOSCERE i rischi (cultura del rischio) DIFFONDERE le nozioni di comportamento EVITAREle emergenze prevedibili LIMITARE al massimo le conseguenze di una catastrofe inevitabile LEGGE 225/92 Croce Rossa. Persone in prima persona 19

20 Finalità del Sistema di Protezione Civile Il sistema di Protezione Civile nasce al fine di tutelare lintegrità della vita, dei beni, degli insediamenti e dellambiente dai danni o dal pericolo di danni derivanti da calamità naturali, da catastrofi e da altri grandi eventi che determinino grave rischio attraverso le Attività di Protezione Civile Croce Rossa. Persone in prima persona 20

21 Attività di Protezione Civile Croce Rossa. Persone in prima persona 21

22 Attività di Protezione Civile Croce Rossa. Persone in prima persona Analisi delle cause degli eventi calamitosi Analisi dei rischi e della loro storicità e frequenza Quantificazione dei possibili danni Censimento delle risorse alternative Attività volte ad evitare o ridurre la pericolosità di un evento Azioni che comportano degli accorgimenti tendenti a diminuire la vulnerabilità cui siamo soggetti a seguito di un evento 22

23 Attività di Protezione Civile Croce Rossa. Persone in prima persona Attuazione degli interventi tecnici e sanitari diretti ad assicurare lassistenza alle popolazioni colpite Svolgimento delle attività necessarie alla ripresa delle normali condizioni di vita 23

24 Servizio Nazionale di Protezione Civile: Componenti Istituzionali Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Protezione Civile Regioni Province/Uffici Territoriali di Governo-Prefetture Comuni Associazioni di Comuni altri Enti pubblici e privati Cittadini Croce Rossa. Persone in prima persona 24

25 Servizio Nazionale di Protezione Civile: Strutture Operative Nazionali Vigili del Fuoco Forze Armate Forze dellOrdine Corpo Forestale dello Stato Servizi Tecnici Nazionali Gruppi Nazionali di Ricerca Scientifica Croce Rossa Italiana Servizio Sanitario Nazionale Associazioni di Volontariato Soccorso Alpino Croce Rossa. Persone in prima persona 25

26 Croce Rossa. Persone in prima persona Centro di coordinamento attivo presso il Dipartimento della Protezione Civile, che garantisce la raccolta, la verifica e la diffusione delle informazioni di Protezione Civile, con lobbiettivo di allertare immediatamente le diverse componenti e strutture preposte alla gestione dell emergenza. Sistema – Sala situazioni Italia 26

27 Croce Rossa. Persone in prima persona

28 Ordinanza Commissariale n. 387 del 22 luglio 2010 Approvazione del regolamento di Organizzazione delle Attività del Settore Emergenza della Croce Rossa Italiana La risposta ai disastri rappresenta una delle attività principali del Movimento Internazionale di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa. La Croce Rossa Italiana da sempre è attiva nella preparazione e risposta a emergenze e crisi nazionali ed internazionali. In linea con il primo obiettivo della Strategia 2020 la Croce Rossa Italiana si pone lobiettivo di raggiungere una migliore preparazione alle emergenze, una più efficace e rapida risposta agli eventi ed una più rapida riabilitazione della popolazione e dei mezzi di sussistenza. Croce Rossa. Persone in prima persona 28

29 1.Cosè il Regolamento? Il regolamento è lo strumento normativo interno della Croce Rossa Italiana che disciplina lorganizzazione di tutta la struttura nazionale e territoriale per quanto riguarda le attività di preparazione e risposta ai disastri. Nel medesimo ambito di attività rientrano i grandi eventi e gli eventi a massiccio afflusso solo nei casi in cui le risorse impiegate in tali contesti siano quelle generalmente coordinate dal Delegato per le Attività di Emergenza. Esso affronta aspetti relativi al coordinamento, linterazione con gli altri attori, la formazione e alla gestione delle strutture logistiche e del personale. Il Regolamento, però, non è il piano di emergenza della C.R.I. che dovrà invece essere il documento operativo dellAssociazione dove saranno effettivamente indicate le modalità di attivazione, i recapiti dei vari responsabili, le procedure e la modulistica predisposta. Nellelaborazione del piano di emergenza il regolamento sarà, però, uno strumento di consultazione ed indirizzo essenziale. Croce Rossa. Persone in prima persona 29

30 ERU Emergency Response Unit (Unità di Risposta alle Emergenze) Le Emergency Response Unit (Unità di Risposta alle Emergenze) generalmente chiamate ERU, sono unità standardizzate, composte da personale altamente qualificato e formato e dotate dell'equipaggiamento necessario, pronte a essere impiegate in brevissimo tempo in seguito ad un disastro. Le ERU possono essere chiamate ad intervenire in una situazione di emergenza, quando la Società Nazionale di Croce Rossa o Mezzaluna Rossa o la delegazione della Federazione Internazionale, non sono in grado di rispondere autonomamente al disastro. Le ERU possono fornire specifico supporto o direttamente servizi, quando le risorse locali sono state distrutte, sono insufficienti oppure non esistono affatto. Croce Rossa. Persone in prima persona 30

31 ERU Emergency Response Unit (Unità di Risposta alle Emergenze) Esistono differenti tipologie di ERU, impiegate a seconda delle esigenze: logistica, soccorso, Informatica e telecomunicazioni, trattamento acque e igiene, ospedale da campo, assistenza sanitaria di base e campo base. Le ERU sono uno degli strumenti di risposta alle emergenze della Federazione Internazionale, e sono finanziate e gestite da alcune Società Nazionali di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa. La Croce Rossa Italiana è inserita nel sistema di risposta internazionale ai disastri della Federazione con una ERU Base Camp (Campo base) Croce Rossa. Persone in prima persona 31

32 Grazie per lAttenzione Muni CYTRON Contatti: Croce Rossa. Persone in prima persona domande ?

33 maggiori informazioni sono presenti Muni CYTRON Contatti: Croce Rossa. Persone in prima persona Il sito web del Comitato locale di Cepagatti


Scaricare ppt "Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Cepagatti (Pe) Gruppi di Caramanico - Catignano - Cepagatti - Popoli - Torre de Passeri C ORSO B ASE 2012 Catignano."

Presentazioni simili


Annunci Google