La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Testo: Matteo 2, 1-12. Epifanía di Gesú –B-. 6-1-12 Commenti e presentazione: M.Asun Gutiérrez. Musica: Adeste fideles. La nascita di Gesù è Buona Notizia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Testo: Matteo 2, 1-12. Epifanía di Gesú –B-. 6-1-12 Commenti e presentazione: M.Asun Gutiérrez. Musica: Adeste fideles. La nascita di Gesù è Buona Notizia."— Transcript della presentazione:

1

2 Testo: Matteo 2, Epifanía di Gesú –B Commenti e presentazione: M.Asun Gutiérrez. Musica: Adeste fideles. La nascita di Gesù è Buona Notizia per tutta lumanità. Gesú non è monopolio per nessuno.

3 Nato Gesù a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode, ecco, alcuni Magi vennero da oriente a Gerusalemme e dicevano: «Dovè colui che è nato, il re dei Giudei? Abbiamo visto spuntare la sua stella e siamo venuti ad adorarlo». I sapienti, uomini inquieti in ricerca, dimostrano che chi osserva giunge alla scoperta e che chi cerca giunge allincontro. Rappresentano una sapienza poco comune: quella di coloro che sanno leggere i segni dei tempi e comprendono che la salvezza dellumanità non consiste nella forza e nel potere, ma nella sensibilità, nella tenerezza e nella bontà. Chiedono dove si trova Gesù. Che cosa rispondo? Quali stelle seguo nel mio percorso? Nel mio ambiente familiare, di lavoro, di amicizia... Sono stella che porta a Gesú? Vedo la quantità di segni e messaggi che Gesú mi invia perché lo scopra e lo mostri? Gerusalemme

4 Alludire questo, il re Erode restò turbato e con lui tutta Gerusalemme. Riuniti tutti i sommi sacerdoti e gli scribi del popolo, s`informava da loro sul luogo in cui doveva nascere il Messia. Gli risposero: «A Betlemme di Giudea, perché così è scritto per mezzo del profeta: E tu, Betlemme, terra di Giuda, non sei davvero il più piccolo capoluogo di Giuda: non sei davvero il più piccolo capoluogo di Giuda: da te uscirà infatti un capo da te uscirà infatti un capo che pascerà il mio popolo, Israele. che pascerà il mio popolo, Israele. I potenti si sentono perseguitati e minacciati, temono di perdere le loro sicurezze, il loro potere, il loro trono, il loro palazzo, e agiscono spaventati sulla difensiva. Li fanno tremare gli uomini che cercano la verità e la luce. I pagani, benché non conoscano le scritture, sono attenti ai segni del cielo. Erode e i suoi consiglieri, che pur le conoscono, non vi trovano lannuncio di Gesù e neppure vogliono trovarlo. Vivo la mia fede come abitudine e falsa sicurezza o come cammino e ricerca? Betlemme

5 Allora Erode, chiamati segretamente i Magi, si fece dire da loro con esattezza il tempo in cui era apparsa la stella e li inviò a Betlemme dicendo: «Andate e informatevi accuratamente sul bambino e, quando lavrete trovato, fatemelo sapere, perché anchio venga ad adorarlo». La notizia sui Magi, esclusiva di Matteo, ci aiuta a capire che al mistero di Dio si giunge pure per cammini diversi da quello religioso. I Magi, Erode e gli scribi ci mostrano le diverse reazioni che le persone hanno di fronte a un medesimo segno e come relazionano i segni alle loro attese, ai sogni, ai sentimenti, alle ambizioni... che ciascuno possiede. I Magi provano gioia, si pongono in cammino, riconoscono Gesú e lo adorano. Erode, Gerusalemme, i sommi sacerdoti e i maestri della legge si spaventano davanti alla notizia, agiscono di nascosto e pianificano la morte del Bambino.

6 Udito il re, essi partirono. Ed ecco, la stella, che avevano visto spuntare, li precedeva, finché giunse e si fermò sopra il luogo dove si trovava il bambino. Al vedere la stella, provarono una gioia grandissima. Nel loro lungo e faticoso cammino, vedono, discutono, credono, adorano, offrono, si trasformano... Il bisogno di verità e di luce spingono al cammino per cercare, scoprire e trovare Gesù. Chi crede di possedere la verità, non si muove per trovarla. Mettersi in cammino significa rischiar di perdersi, camminare assieme, abbandonare le sicurezze, staccarsi da luoghi amati, superare le paure, accettare la sorpresa e la novità. Ma mettersi in cammino è necessario per incontrare Gesù. Incontrarlo è la più grande delle gioie.

7 Entrati nella casa, videro il bambino con Maria sua madre, si prostrarono e lo adorarono. Poi aprirono i loro scrigni e gli offrirono in dono oro, incenso e mirra. Trovando ciò che cercano, i Magi sentono il bisogno di adorare. La vera adorazione non è un gesto esteriore, si compie in spirito e verità, suppone un impegno e un coinvolgimento radicale. Ladorazione comprende lofferta di alcuni doni... I Magi offrono al bambino ciò che possiedono, offrono sé stessi, con atteggiamento di rispetto, ammirazione e silenzio. Adorare, scoprire la vicinanza e la bontà di Dio, sentire gioia e accoglienza, riconoscere il mistero, sono atteggiamenti specifici di ogni credente. E il mio modo di vivere la ricerca, lammirazione, la contemplazione, la gioia, laccoglienza? Quali doni offro a Gesú e al mio prossimo?

8 Avvertiti in sogno di non tornare da Erode, per unaltra strada fecero ritorno al loro paese. Lincontro con Gesù li porta a cambiare strada, simbolo della transformazione interiore. Essi percorrono nuove vie perché sono nuove persone. E il cambiamento di vita che la fede produce. Non serve più a loro il potere di Erode né il sapere degli scribi. Hanno sperimentato limmensa gioia dellincontro con una Persona che dará un nuovo senso alla loro vita, a quanto faranno o capiterà loro in futuro. Lincontro con Gesù cambia la vita. Questo può essere il risultato del nostro incontro con Gesù: la transformazione delle nostre vite. La capacità di prendere unaltra strada.

9 Oggi mi sono ritrovato in mano i tuoi doni, Signore: nuova vita, nuovo tempo, nuova pioggia, nuovo sole... Perciò, per questo tempo che percorro con fantasia, cerco, Signore, e ti chiedo un nuovo orologio. Un orologio che segni il tempo come lo segna il tuo amore; che si fermi quando le persone mi vengono vicino, per poter ascoltare, condividendo, gioie e dolori. Un orologio che mi fissi mente e cuore al momento presente, che è il tuo momento, Signore, in quel fare quotidiano, che è luogo di incarnazione. Un orologio che segni il tempo con la tua pazienza, Signore: con il ritmo e la misura universale dellamore; distruttore di abitudini, vigilante, capace di aiuto; che non limiti mai i tempi del servizio e dellamore. Con la vita, con il tempo che oggi mi doni, Signore, per donarmi senza misura, attendo un nuovo orologio. Elvira Martínez


Scaricare ppt "Testo: Matteo 2, 1-12. Epifanía di Gesú –B-. 6-1-12 Commenti e presentazione: M.Asun Gutiérrez. Musica: Adeste fideles. La nascita di Gesù è Buona Notizia."

Presentazioni simili


Annunci Google