La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

A cura della referente dIstituto per lorientamento prof.ssa Bignotti Katia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "A cura della referente dIstituto per lorientamento prof.ssa Bignotti Katia."— Transcript della presentazione:

1 a cura della referente dIstituto per lorientamento prof.ssa Bignotti Katia

2 CHE COSE LORIENTAMENTO? Insieme di attività che mirano a potenziare le capacità degli studenti di conoscere: se stessi l'ambiente in cui vivono i mutamenti culturali e socio-economici, le offerte formative

3 QUAL E IL SUO SCOPO? Portare i ragazzi alla formulazione di un progetto di vita, attraverso la scelta consapevole della scuola secondaria di II grado.

4 DEVO PROPRIO SCEGLIERE? In Italia lobbligo scolastico ha una durata di 10 anni. Se non compi il 16° anno di età al termine della Scuola secondaria di I grado, devi proprio scegliere!

5 NON E SOLO UN DOVERE, E UN DIRITTO! Abbandonare gli studi è molto pericoloso. Una buona cultura di base e una preparazione professionale adeguata sono indispensabili per tenere il passo con l'evoluzione delle tecnologie ed i mutamenti in atto nella società.

6 CHI MI AIUTA?

7 LA FAMIGLIA GLI INSEGNANTI I REFERENTI ORIENTAMENTO DELLE SCUOLE SUPERIORI

8 MA CHI DEVO ASCOLTARE?

9 PRIMA DI TUTTO CONOSCI TE STESSO! Quali desideri hai per il futuro? Quali sono le tue attitudini? Che cosa ti viene bene? Quali sono i tuoi punti deboli? Che cosa fai con piacere? Quanto ti impegni nello studio? Come sono i tuoi risultati scolastici?

10 E POI? PARLA CON I TUOI GENITORI, CON I TUOI INSEGNANTI E CON QUELLI DELLE SCUOLE CHE VISITERAI. CONOSCI LA SCUOLA SUPERIORE RIFORMATA INFORMATI SULLOFFERTA FORMATIVA DEL TERRITORIO IN CUI VIVI

11 Considera anche le prospettive di lavoro!

12 I PERCORSI SCOLASTICI

13 I LICEI I corsi durano 5 anni. Il diploma liceale è un titolo non sempre utile per inserirsi immediatamente nel mondo del lavoro: più spesso è un punto di partenza verso gli studi universitari.

14 Il profilo culturale ed educativo dei Licei studio delle discipline in una prospettiva sistematica, storica e critica; pratica dei metodi di indagine propri dei diversi ambiti disciplinari; esercizio di lettura, analisi, traduzione di testi letterari, filosofici, storici, scientifici, saggistici e di interpretazione di opere darte; uso costante del laboratorio per linsegnamento delle discipline scientifiche; pratica dellargomentazione e del confronto; cura di una modalità espositiva scritta ed orale corretta, pertinente, efficace e personale; uso degli strumenti multimediali a supporto dello studio e della ricerca.

15 I NUOVI LICEI Classico Scientifico e Scienze applicate Linguistico Artistico (6 indirizzi: arti figurative, architettura e ambiente, audiovisivo e multimedia, design, grafica, scenografia) Musicale e coreutico Scienze umane

16 GLI ISTITUTI TECNICI I corsi durano 5 anni. Permettono di conseguire il diploma di istruzione tecnica riconosciuto a livello nazionale.

17 Il profilo culturale ed educativo degli Istituti Tecnici solida base culturale a carattere scientifico e tecnologico in linea con le indicazioni dellUnione europea. le aree di indirizzo hanno lobiettivo di far acquisire agli studenti sia conoscenze teoriche che applicative I risultati di apprendimento attesi a conclusione del percorso quinquennale consentono agli studenti: di inserirsi direttamente nel mondo del lavoro di accedere alluniversità o al sistema dellistruzione e formazione tecnica superiore, nonché ai percorsi di studio e di lavoro previsti per laccesso agli albi delle professioni tecniche secondo le norme vigenti in materia.

18 I NUOVI ISTITUTI TECNICI 2 SETTORI: ECONOMICO E TECNOLOGICO 11 INDIRIZZI

19 SETTORE ECONOMICO 1) amministrazione Finanza e Marketing 2) turismo

20 SETTORE TECNOLOGICO 1) meccanica, meccatronica ed energia 2) trasporti e logistica 3) elettronica ed elettrotecnica 4) informatica e telecomunicazioni 5) grafica e comunicazione 6) chimica materiali e biotecnologie 7) sistema moda 8) agraria, agroalimentare e agroindustria 9) costruzioni, ambiente e territorio

21 GLI ISTITUTI PROFESSIONALI I corsi durano 5 anni Permettono di proseguire alluniversità, oppure di entrare nel mondo del lavoro con un mestiere in mano

22 Il profilo culturale ed educativo degli Istituti professionali tendono a individuare «lessenziale» di ogni insegnamento la riforma prevede più laboratori, stage, tirocini e alternanza scuola-lavoro per apprendere, specie nel secondo biennio e nel quinto anno, attraverso unesperienza diretta.

23 I NUOVI ISTITUTI PROFESSIONALI 2 SETTORI: SERVIZI E INDUSTRIA/ARTIGIANATO 6 INDIRIZZI

24 SETTORE DEI SERVIZI 1) servizi per lagricoltura e lo sviluppo rurale 2) servizi socio-sanitari 3) servizi per lenogastronomia e lospitalità alberghiera 4) servizi commerciali

25 SETTORE INDUSTRIA/ARTIGIANATO 1) produzioni artigianali e industriali 2) manutenzione e assistenza tecnica

26 LA FORMAZIONE PROFESSIONALE I corsi hanno una durata di tre/quattro anni Permettono di conseguire una qualifica riconosciuta a livello nazionale ed europeo In alcuni casi, permettono di accedere al 4° anno dellistruzione professionale o tecnica

27 Il profilo culturale ed educativo della formazione professionale i corsi di formazione professionale sono programmati annualmente dalle Regioni affrontano in prevalenza argomenti tecnici legati allambito lavorativo prevedono molte ore di attività ed esercitazioni pratiche, sia internamente (laboratori e simulazioni) sia attraverso stage aziendali: tutti gli studenti, oltre alle lezioni, potranno così trascorrere dei periodi di tirocinio allinterno delle aziende, misurando direttamente le loro conoscenze nel mondo del lavoro permettono di sviluppare le competenze professionali necessarie per un inserimento qualificato nella realtà economica e produttiva

28 LA PROVINCIA DI MANTOVA I dati sono stati forniti da Marina Martignano della Camera di Commercio di Mantova

29 Assunzioni non stagionali previste dalle imprese per il 2011 secondo il livello di istruzione segnalato Mantova, Lombardia, Italia

30 La formazione richiesta dalle imprese mantovane Tra i dipendenti non stagionali il titolo di studio più richiesto è il diploma (39,3%) Anche per i collaboratori a progetto si cercano per la maggior parte diplomati (60,9%)

31 Assunzioni di laureati (*): le lauree più richieste a Mantova Di difficile reperimento sono insegnamento e formazione, sanitario paramedico e ingegneria mentre le più facili sono quelle ad indirizzo chimico-farmaceutico ed economico * Dipendenti non stagionali

32 Assunzioni di diplomati (*): i diplomi più richiesti a Mantova * Dipendenti non stagionali Mantova v. a.difficile reper. % Amministrativo-commerciale 47016,7 Meccanico 19048,7 Elettrotecnico 1300,8 Turistico-alberghiero 11058,9 Indirizzo generale (licei) 4040,0 Informatico 402,6 Socio-sanitario 4026,3 Chimico 402,8 Non specificato 68033,3 Altri indirizzi 402,2 Totale ,3

33 Assunzioni di qualificati (*): le qualifiche professionali più richieste a Mantova * Dipendenti non stagionali

34 Le competenze ritenute più importanti dalle imprese per le assunzioni programmate nel 2010 Per tutti, anche per le figure meno qualificate, è richiesta come requisito fondamentale la capacità di lavorare in gruppo

35 SITI UTILI


Scaricare ppt "A cura della referente dIstituto per lorientamento prof.ssa Bignotti Katia."

Presentazioni simili


Annunci Google