La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lesperienza di Dio da Francesco e Chiara. Onnipotente, santissimo, altissimo e sommo Dio, Padre santo e giusto, Signore Re del cielo e della terra, per.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lesperienza di Dio da Francesco e Chiara. Onnipotente, santissimo, altissimo e sommo Dio, Padre santo e giusto, Signore Re del cielo e della terra, per."— Transcript della presentazione:

1 Lesperienza di Dio da Francesco e Chiara

2 Onnipotente, santissimo, altissimo e sommo Dio, Padre santo e giusto, Signore Re del cielo e della terra, per te stesso ti rendiamo grazie, santa volontà poiché per la tua santa volontà per l'unico tuo Figlio con lo Spirito Santo e per l'unico tuo Figlio con lo Spirito Santo hai creato tutte le cose spirituali e corporali, e noi fatti a immagine tua e a tua somiglianza hai posto in paradiso; e noi per colpa nostra siamo caduti (Rnb. 23,1-4; 63; RegNB, XXIII, 1-2). la creazione è il primo motivo di ringraziamento per Francesco ma l'uomo ha peccato Dio ha creato l'uomo a sua immagine lo ha messo nel paradiso terrestre Nella 2° Ammonizione, precisa che l'uomo è infelice perché porta il castigo del suo peccato avendo disobbedito a Dio Luomo non è cattivo di per sé, ma è a causa del peccato!

3 Probabilmente contro i catari che consideravano le realtà materiali cattive, Francesco esalta Dio per le creature materiali: Laudato sii, mi Signore, cun tutte le tue creature, spezialmente messer lo frate Sole... per sora Luna e le Stelle... (Cantico in FF 263). volto paterno Padre di tutte le creature Dio prende essenzialmente un volto paterno perché è il Padre di tutte le creature. grande famiglia La creazione diventa una grande famiglia. Il Cantico delle creature è linno di questa grande famiglia, dove alla fine Francesco loda Dio anche per sora nostra morte corporale

4 Per questo motivo egli predica con naturalezza il dovere di lodare la bontà di Dio Creatore non soltanto agli uomini, ma a tutte le creature Francesco scopre che vi è fra sé stesso e ogni creatura una consanguineità fraterna. relazioneesistenza cioè una relazione fondamentale di esistenza che lega tutte le creature al Creatore Le messi e le vigne, le pietre e le selve, la terra e il fuoco, l'aria e il vento, le acque correnti e i giardini verdeggianti, con semplicità e purità di cuore invitava ad amare e a lodare il Signore. E finalmente chiamava tutte le creature col nome di fratello o sorella, intuendone i segreti in modo mirabile e noto a nessun altro, perché aveva conquistato la libertà della gloria riservata ai figli di Dio (1 Cel. 81; 460; Leg.mag. VIII, 6; 1145).

5 meraviglia La creazione è la meraviglia Dio infinitamente buono del Dio infinitamente buono. Tu sei santo, Signore Dio unico, che fai cose meravigliose! Tu sei forte, Tu sei grande, Tu sei altissimo. Tu sei Re onnipotente, Tu Padre santo, Re cielo e della terra… (LodiAlt. 1-2; 261) perché è dono di Dio che è Tu sei il bene, tutto il bene, il sommo bene, il Signore Iddio vivo e vero… Tu sei amore, carità. (LodiAlt )

6 sei luce sei luce è lo Spirito Santo sei amore sei amore è Cristo Dio è luce (1Gv 1,5) Dio è amore (1Gv 4,8.16) Luomo creato a Immagine e somiglianza di Dio Che sei nei cieli: negli angeli e nei santi, sei luce illuminandoli alla conoscenza, perché tu, Signore, sei luce; sei amore infiammandoli allamore, perché tu, Signore, sei amore (ExPat 2; FF 267) immagine similitudine Considera, o uomo, in quale sublime condizione ti ha posto il Signore Dio, poiché ti ha creato e formato a immagine (cfr Gn 1,26) del suo Figlio diletto secondo il corpo e a similitudine di lui secondo lo spirito (III Ammonizione, FF 153) immagineil corpoCristo similitudine lo spirito azione dello Spirito Santo Nelle ammonizioni Francesco esorta:

7 Secondo Origene Per i Padri, luomo è un composto di corpo e di anima, così da essere messo al centro della creazione perché riunisce in sé spirito e materia Per i Padri, luomo è un composto di corpo e di anima, così da essere messo al centro della creazione perché riunisce in sé spirito e materia Luomo è stato creato così in vista dellincarnazione del Verbo di Dio, quando in Gesù si sarebbe realizzato il grande mistero dellunione del Creatore increato con la creatura creata. spirito - materia Divino creato luomo ha ricevuto nella sua prima creazione la dignità dellimmagine luomo la deve conquistare da se stesso con i suoi sforzi, imitando Dio «luomo ha ricevuto nella sua prima creazione la dignità dellimmagine», ma la somiglianza, «luomo la deve conquistare da se stesso con i suoi sforzi, imitando Dio».

8 la volontà del Padre fu tale che il suo figlio benedetto e glorioso, dato e nato per noi, offrisse sé stesso cruentemente come sacrificio e come vittima sullaltare della croce, non per sé, per il quale tutte le cose sono state create (Gv 1,3), ma per i nostri peccati, lasciando a noi lesempio perché ne seguiamo le orme (1Pt 2,21) (Lettera a tutti i fedeli, FF 184) Contemplando il mistero di Cristo, Francesco si sofferma sullincarnazione, in cui Dio trascendente si fa immanente, non per sé stesso ma per la nostra salvezza. Scrive Francesco:

9 Galati 4, 4-6 Quando venne la pienezza del tempo, Dio mandò il suo Figlio, nato da donna, nato sotto la legge, per riscattare coloro che erano sotto la legge, perché ricevessimo l'adozione a figli. E che voi siete figli ne è prova il fatto che Dio ha mandato nei nostri cuori lo Spirito del suo Figlio che grida: Abbà, Padre! Quando venne la pienezza del tempo: Dio mandò il suo Figlio nato da donna nato sotto la legge riscattare per riscattare coloro che erano sotto la legge adozione perché ricevessimo l'adozione a figli SALVEZZA mistero della SALVEZZA REDENZIONE mistero della REDENZIONE dato e nato per noi… non per sé, per il quale tutte le cose sono state create offrisse sé stesso cruentemente come sacrificio e come vittima sullaltare della croce, … per i nostri peccati

10 Poiché sono servo di tutti, sono tenuto a servire tutti e ad amministrare le fragranti parole del mio Signore. E perciò... mi sono proposto di riferire a voi Gesù CristoVerbo del Padre - le parole del Signore nostro Gesù Cristo, che è il Verbo del Padre, e Spirito Santospirito e vita - le parole dello Spirito Santo, che sono spirito e vita. sante parole sangue del Signore …E tutti dobbiamo sapere fermamente che nessuno può essere salvato se non per mezzo delle sante parole e del sangue del Signore nostro Gesù Cristo, che i chierici pronunciano, annunciano e amministrano (FF,134, 137). Nella Lettera ai fedeli, Francesco dice: Queste affermazioni attestano l'importanza che avevano per Francesco: la Sacra Scrittura l'eucaristia

11 Francesco aveva compreso incontrare Cristo che egli può incontrare Cristo attraverso la Parola ispirata e il sacramento dell'altare

12 Nella scuola di S. Giorgio, Francesco aveva imparato a Leggere e a scrivere con la Bibbia e specialmente con il Salterio che è il libro dell'Antico Testamento più citato nei suoi Scritti libri liturgici Francesco conobbe poi la Parola di Dio attraverso la lettura- ascolto dei testi biblici contenuti nei libri liturgici Francesco nel 1223 comprò un breviario allinizio del quale Frate Leone aveva scritto: iI beato Francesco procurò questo breviario per i suoi compagni frate Angelo e frate Leone poiché mentre era in salute, volle sempre dire l'ufficio, come è contenuto nella Regola; e nel tempo della sua malattia, invece, non potendo recitarlo, voleva ascoltarlo, e questo continuò a fare finché visse Francesco nel 1223 comprò un breviario allinizio del quale Frate Leone aveva scritto: iI beato Francesco procurò questo breviario per i suoi compagni frate Angelo e frate Leone poiché mentre era in salute, volle sempre dire l'ufficio, come è contenuto nella Regola; e nel tempo della sua malattia, invece, non potendo recitarlo, voleva ascoltarlo, e questo continuò a fare finché visse Fece anche scrivere un evangeliario perché quando non poteva ascoltare la messa, a causa di malattia o di altro impedimento manifesto, si faceva leggere il brano evangelico che in quel giorno si diceva in chiesa nella messa. E così continuò fino alla morte

13 comunitariamente CreatoreRedentoreSalvatore Queste meraviglie sono compiute comunitariamente dalle 3 Persone divine. Nessuno degli attributi «Creatore», «Redentore» e «Salvatore» è riservato in modo speciale a Cristo, che non è mai visto separato dal Padre e dallo Spirito Il posto di Cristo, nella sua vita divina e umana, è rilevato da Francesco in ogni momento della storia: non solo nella sua vita terrena o in quella del suo ritorno glorioso, ma anche in quello della creazione del mondo. Dio della Rivelazione Il Dio conosciuto da Francesco è essenzialmente quello biblico: il Dio della Rivelazione conosciuto e contemplato in modo concreto attraverso le meraviglie compiute nella storia della salvezza attraverso le meraviglie compiute nella storia della salvezza: la creazione la vita terrena di Cristo (nascita-croce-risurrezione) Cristorivelatore della Trinità Cristo è essenzialmente il rivelatore della Trinità. non tanto nel senso che Cristo comunica agli uomini una conoscenza ma perché è Colui mediante il quale il Padre realizza in unione con lo Spirito il suo disegno d'amore in favore degli uomini

14 È il Padre che per sua Volontà ha creato l'uomo a immagine del suo Figlio e lo ha posto nel paradiso. il Padre Per Francesco il Padre ha una ruolo molto attivo nello svolgimento della storia della salvezza. Volontà È da lui che parte liniziativa di creare l'universo: tutte le cose sgorgano dalla sua Volontà come dalla fonte unica e verace. Anche lannuncio della venuta del Figlio è opera del Padre: L'Altissimo Padre celeste annunciò questo Suo Verbo... (2Lf 4; 181). Anche la scelta e la consacrazione di Maria appartengono in modo particolare al Padre: … eletta dal santissimo Padre celeste e da lui consacrata col santissimo Figlio diletto e con lo Spirito Santo Paraclito (Salut. 1-2; 259).

15 Il santissimo Padre che è nei cieli, nostro Re dall'eternità, ha mandato dall'alto il diletto Figlio suo, ed egli nacque dalla beata Vergine santa Maria (Uff. V, Vespro, 3; 303). Cristo, il più grande dono di Dio, è l'Inviato dal Padre per compiere la sua volontà.

16 Colui che vive nel seno del Padre nel seno del Padre (Gv 1,18) non viene a dimorare nel seno del tempio ma preferisce dimorare nel seno di una madre

17 Ecco, ogni giorno egli si umilia, come quando dalla sede regale (Sap 18,15) discese nel grembo della Vergine; ogni giorno viene a noi in apparenza umile; ogni giorno discende dal seno del Padre (Gv 1,18; 6,38) sopra laltare nelle mani del sacerdote. Admonitiones, I, 18. Accogli o Dio i doni che presentiamo allaltare, e consacrali con la potenza del tuo Spirito, che santificò il grembo della Vergine Maria… (Orazione sulle offerte IV dom. di Avvento)

18 Nelle 3 lettera ad Agnese di Praga, Chiara sintetizza tutto il discorso di Francesco: La sua bellezza ammirano il sole e la luna, i suoi premi sono di pregio e grandezza infiniti (Sal 144,3). Voglio dire quel Figlio dellAltissimo, che la Vergine ha partorito, senza cessare di essere vergine.

19 che i cieli non potevano contenere Stringiti alla sua dolcissima Madre, la quale generò un Figlio tale che i cieli non potevano contenere piccolo chiostro del suo santo seno (cfr 1Re 8,27; 2Cr 2,5), eppure ella lo raccolse nel piccolo chiostro del suo santo seno e lo portò nel suo grembo verginale.

20 Chi non sdegnerebbe con orrore le insidie del nemico dellumano genere, che, facendo brillare innanzi agli occhi il luccicore delle cose transitorie e delle glorie fallaci, tenta annientare ciò che è più grande del cielo?

21 è resa dalla grazia di Dio più grande del cielo Sì, perché è ormai chiaro che lanima delluomo fedele, che è la più degna tra tutte le creature, è resa dalla grazia di Dio più grande del cielo. è sua dimora e soggiorno Colui che mi ama, sarà amato dal Padre mio, e io pure lamerò; e noi verremo a lui e porremo in lui la nostra dimora Mentre, infatti, i cieli con tutte le altre cose create non possono contenere il Creatore (cfr 1Re 8,27; 2Cr 2,5), lanima fedele invece, ed essa sola, è sua dimora e soggiorno (cfr Gv 14,23), e ciò soltanto a motivo della carità, di cui gli empi sono privi. É la stessa Verità che lo afferma: Colui che mi ama, sarà amato dal Padre mio, e io pure lamerò; e noi verremo a lui e porremo in lui la nostra dimora (Gv 14,21).

22 A quel modo A quel modo, dunque, che la gloriosa Vergine delle vergini tu pureseguendo le sue orme portò Cristo materialmente nel suo grembo, tu pure, seguendo le sue orme (cfr 1Pt 2,21), specialmente dellumiltà e povertà di lui, puoi sempre, senza alcun dubbio, portarlo spiritualmente nel tuo corpo casto e verginale. E conterrai in te Colui dal quale tu e tutte le creature sono contenute E conterrai in te Colui dal quale tu e tutte le creature sono contenute (cfr Sap 1,7; Col 1,17), e possederai ciò che è bene più duraturo e definitivo anche a paragone di tutti gli altri possessi transeunti di questo mondo.

23 Per cui lo Spirito del Signore, che abita nei suoi fedeli, egli stesso riceve il santissimo corpo e sangue del Signore; tutti coloro che non partecipano del medesimo Spirito e presumono accogliere il Signore, mangiano e bevono la loro condanna (1Cor 11,29). Per cui: Figliuoli degli uomini, sino a quando avrete duro il cuore (Sal 4,3)? Perché non riconoscete la verità e non credete nel Figlio di Dio (Gv 9,35) Come ai santi apostoli apparve in vera carne, così ora si mostra a noi nel pane consacrato; e come essi con lo sguardo fisico vedevano solo la sua carne ma, contemplandolo con gli occhi della fede, credevano che egli era Dio, così anche noi, vedendo pane e vino con gli occhi del corpo, vediamo e fermamente crediamo che il suo santissimo corpo e sangue sono vivi e veri Epistola ad fideles - Rec. posterior,


Scaricare ppt "Lesperienza di Dio da Francesco e Chiara. Onnipotente, santissimo, altissimo e sommo Dio, Padre santo e giusto, Signore Re del cielo e della terra, per."

Presentazioni simili


Annunci Google