La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Insegnamento di CHIMICA CLINICA Anno Accademico 2012-2013 Corso di Laurea in Farmacia FABIO DI LISA Dip. Scienze Biomediche Sperimentali Complesso Vallisneri.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Insegnamento di CHIMICA CLINICA Anno Accademico 2012-2013 Corso di Laurea in Farmacia FABIO DI LISA Dip. Scienze Biomediche Sperimentali Complesso Vallisneri."— Transcript della presentazione:

1 Insegnamento di CHIMICA CLINICA Anno Accademico Corso di Laurea in Farmacia FABIO DI LISA Dip. Scienze Biomediche Sperimentali Complesso Vallisneri I° Piano Nord, stanza 58 Tel MARCELLA CANTON Tel

2 DEFINIZIONE La chimica o biochimica clinica è parte fondamentale della medicina di laboratorio. La medicina di laboratorio è quella disciplina che studia in campioni biologici provenienti dalluomo (ma anche in vivo: per esempio spettroscopia a risonanza magnetica nucleare) quei parametri fisicochimici che possono fornire informazioni su processi fisiologici e/o patologici che avvengono nelluomo stesso a vari livelli dorganizzazione strutturale, e quindi di sistemi, dorgani, di tessuti, di cellule, ed anche di singole molecole(vedi DNA, proteine, ecc). In tale ambito la biochimica clinica è incentrata sullanalisi di campioni di fluidi corporei, principalmente il plasma e altri fluidi quali urina, liquido pleurico e peritoneale, fluido cerebro-spinale e altri.

3 La biochimica clinica studia leffetto della malattia o dei farmaci sui processi biochimici degli organi, dei tessuti e dei fluidi biologici. A differenza della biochimica che ha lintento di ricavare comportamenti e leggi generali, la biochimica clinica è interessata allo studio del singolo individuo ammalato. A questo scopo utilizza la misura delle eventuali alterazioni riscontrabili nei materiali biologici per raccogliere dati che abbiano valore di prove semeiologiche, a favore o contrarie, allipotesi formulata dal clinico.

4 Utilità della biochimica clinica Diagnosi di malattie su base biochimica (errori del metabolismo) Classificazione e caratterizzazione fisiopatologica di malattie (es. diabete) Fornire dati per analisi statistiche e/o epidemiologiche Ruolo nel controllo della posologia dei farmaci Monitoraggio di farmaci Rischio lavorativo e tossicologia

5 Le principali finalità per la richiesta di indagini di laboratorio sono le seguenti: FINALITA DI SCREENING FINALITA DIAGNOSTICHE - confermare o escludere un sospetto diagnostico - per formularne un altro. Un singolo test, o gruppi di test, possono: - fornire informazioni prognostiche - essere utilizzati per il monitoraggio terapeutico o del decorso di una malattia

6

7

8

9 Preparazione e conservazione di campioni biologici

10

11 Variabilità pre-analitica legata al paziente -Età -Sesso -Non standard (pazienti ambulatoriali) -Assunzione medicamenti -Dieta -Attività fisica -Postura -Ritmi biologici

12

13 Variabilità pre-analitica legata al prelievo ed alla conservazione del campione -Tempo di conservazione -Temperatura -Esposizione alla luce -Sterilità -Coagulazione -Emolisi

14

15 I provvedimenti adottabili per garantire una conservazione ottimale dei campioni consistono sostanzialmente nella scelta di opportune condizioni quali: temperatura di conservazione conservazione al buio liofilizzazione modificazione del pH (es. acidificazione o alcalinizzazione per aumentare la stabilità di determinati enzimi) aggiunta di sostanze (es. anticoagulanti)

16 TRATTAMENTO DEL CAMPIONE

17

18

19

20 VARIABILITA ANALITICA Precisione, accuratezza, sensibilità e specificità

21 ERRORE TOTALE E ATTENDIBILITÀ Se si eseguono più misurazioni di una stessa quantità, raramente le misure coincidono: se ne trae la conclusione ovvia che i valori misurati sono in genere diversi dal vero valore della quantità oggetto di misura. La differenza tra il valore misurato (x) e quello vero è detta errore totale. Lattendibilità esprime la capacità della misura in esame di approssimare il valore vero

22 ERRORI DI MISURA Gli errori grossolani sono quelli che vengono commessi in seguito ad un'inappropriata applicazione del metodo analitico Gli errori sistematici rappresentano la tendenza di un dato metodo a sovrastimare (o sottostimare) il vero valore. Gli errori sistematici hanno cause ben determinate, inerenti o al metodo (es.: scarsa selettività del reagente usato per la titolazione di un certo soluto), o alle condizioni di esecuzione del procedimento analitico (es.:strumento non calibrato correttamente). Gli errori casuali sommano tutte le piccole e imprevedibili variazioni nell'esecuzione delle varie operazioni analitiche. Pertanto le misure fluttuano attorno a un valore μ, che si scosta più o meno dal valore θ, a seconda dell'entità dell'errore sistematico.

23

24 LA VARIABILITA ANALITICA La variabilità analitica è legata al metodo di analisi. Lattendibilità di un metodo analitico dipende da diversi fattori, tra cui i principali sono: laccuratezza, la precisione, la sensibilità e la specificità.

25 Loperatività del laboratorio presuppone una serie di procedure in grado di garantire laffidabilità, cioè il sicuro significato dei dati che fornisce. Tali procedure conferiscono il controllo di qualità dei risultati e presuppongono i criteri analitici dellaccuratezza e della precisione, oltre al criterio clinico della plausibilità.

26 La precisione è il grado di convergenza di dati individualmente rilevati su un valore medio della serie cui appartengono. La precisione è di fatto collegata alla variabilità intrinseca di ogni metodo e si valuta in base alla concordanza tra misure ripetute. In una serie di frecce scagliate su un bersaglio, tanto più le frecce giungono raggruppate, tanto più la serie di tiri è precisa. La accuratezza indica quanto un valore medio si scosta dal valore atteso. In altri termini, laccuratezza equivale alla concordanza tra il valore dato ed il valore vero e dipende dal metodo usato. Un metodo di analisi è tanto più accurato, quanto più si avvicina ai valori determinati mediante un metodo di riferimento.

27

28 Limprecisione è la dispersione tra misure ripetute rispetto ad un valore medio (allontanamento dalla media). Riflette lerrore casuale. Si valuta analizzando lo stesso campione più volte. Linaccuratezza può anche essere definita come la differenza tra il valore misurato e il valore vero. E dovuta alla presenza di un errore sistematico del metodo adottato In pratica il controllo si effettua utilizzando sieri di controllo, cioè campioni appositamente predisposti con quantità note di vari componenti e sottoposti ad analisi contemporaneamente ai sieri dei pazienti. In ogni gruppo di analisi relative a sieri di pazienti vi saranno così dati che si riferiscono ad un siero di controllo. La concordanza tra i valori analitici e quelli noti dei composti usati come calibratori garantirà la correttezza analitica dei risultati.

29 Il concetto di precisione contiene anche quelli di ripetibilità e riproducibilità. La ripetibilità è la misura della deviazione dal valore medio dei risultati ottenuti da uno stesso operatore in ununica serie analitica e senza cambiare reattivi o apparechiature (precisione entro la serie). La riproducibilità è la misura della deviazione dal valore medio dei risultati ottenuti in un arco variabile di tempo da operatori diversi che non conoscono lidentità del campione analizzato e che usano lotti di soluzioni e reagenti diversi

30

31

32

33 La sensibilità analitica (da non confondere con la sensibilità diagnostica) è data dalla minima quantità di un analita rilevabile in un campione biologico. La specificità analitica (da non confondere con la specificità diagnostica) indica la capacità del metodo di determinare un dato analita senza subire interferenze, ossia la capacità del metodo di distinguere tra una sostanza e possibili sostanze interferenti.

34 Sensibilità analitica: indica lattitudine del metodo a dosare piccole quantità del componente studiato Limite di rivelabilità: indica la più piccola quantità di sostanza che il metodo riesce a dosare

35 I VALORI DI RIFERIMENTO Il dato di laboratorio serve per poter decidere un comportamento verso un paziente. Bisogna quindi avere il mezzo per confrontare il dato ottenuto con quello della popolazione da cui il paziente stesso è tratto. Si dovranno stabilire dei valori al di fuori dei quali si presume vi sia unanormalità con un limite di errore accettabile. Occorre osservare che il termine normale ha diversi significati: in senso statistico definisce un tipo di distribuzione; in senso epidemiologico può essere confuso con il valore tipico di una popolazione; in senso clinico la parola normale spesso indica unassenza di una certa malattia. Si preferisce quindi parlare di VALORI DI RIFERIMENTO.

36 Se la distribuzione è statisticamente normale, i valori di riferimento vengono arbitrariamente fissati come pari alla media+/- 2 E.S.; vi si include così circa il 95% della popolazione sana. Se la distribuzione non è statisticamente normale (cioè non è descrivibile con una gaussiana) e non si può rendere normale con procedimenti matematici, si usa prendere un limite inferiore il percentile 2.5% e come limite superiore quello 97.5% degli individui affetti dalla patologia. Ciò vuol dire che per il 5% dei casi si avranno valori troppo bassi o troppo alti senza che vi sia una patologia presente (falsi positivi). Lintervallo dei Valori di Riferimento per un determinato analita è linsieme dei valori ottenuti con un determinato metodo su una popolazione SANA e OMOGENEA rispetto al fattore di variabilità legata al paziente che può influenzare quel parametro.

37 Affidabilità vs Validità Affidabilità: capacità del test di offrire sempre lo stesso risultato nel corso di misurazioni ripetute Validità di un test: capacità del test di distinguere in una popolazione i soggetti sani da quelli malati

38 FALSI POSITIVI E FALSI NEGATIVI Non si può affermare a priori che un valore allinterno dellintervallo di riferimento appartenga ad un individuo senzaltro sano ed uno allesterno ad un individuo senzaltro ammalato. Alcuni pazienti sani possono presentare dei valori non inclusi nei valori di riferimento (falsi positivi). Daltronde può accadere anche il contrario e cioè che persone ammalate presentino valori che cadono allinterno dei valori di riferimento (falsi negativi). La produzione di falsi negativi e di falsi positivi è legata alla distribuzione dei valori nelle due popolazioni.

39 Si possono avere 3 situazioni: 1) Le medie sono molto lontane e lE.S. è molto piccolo: è il caso ideale. Le probabilità che si possa far confusione tra il sano ed il malato sono minime. 2) Le medie sono identiche e la distribuzione intorno alle medie simile. In questo caso il test non è utile per la patologia che si vuol indagare. 3) Le medie sono abbastanza lontane, ma si ha anche una discreta sovrapposizione dei valori. E evidente che i casi 1 e 2 sono teorici. Infatti il primo presuppone che non vi sia sovrapposizione tra i sani ed i malati ed il secondo che la sovrapposizione sia completa (inutile prospettare luso del test). Nel caso intermedio il test sarà più o meno utile in dipendenza della minore o maggiore sovrapposizione tra i valori ottenuti in una popolazione sana ed in una popolazione malata.

40

41

42

43 Sensibilità e specificità (diagnostiche) di un test. La sensibilità e la specificità (diagnostiche) di un test sono due caratteristiche che vengono prese in considerazione per valutare la capacità del test di individuare, fra gli individui di una popolazione, quelli provvisti del «carattere» ricercato e quelli che invece ne sono privi. In pratica, per il nostro scopo, il «carattere» è rappresentato dalla malattia.

44 Sensibilità (diagnostica) La sensibilità è la capacità di identificare correttamente gli individui ammalati. In termini di probabilità, la sensibilità è la probabilità che un individuo ammalato risulti positivo al test; si può anche dire che essa è la proporzione degli individui ammalati che risultano positivi al test.

45 Nella tabella gli individui ammalati sono rappresentati da (VP+FN) e, fra questi, i positivi al test sono rappresentati da (VP). La sensibilità si calcola come rapporto tra i veri positivi e tutti i malati, cioè:

46

47 Il termine «sensibilità» in senso epidemiologico/diagnostico viene utilizzato diversamente da quanto avviene in immunologia, in farmacologia o in altre discipline, per le quali «un test sensibile è quello capace di svelare la presenza di piccole quantità di anticorpi, tossine, enzimi ecc.». Evidentemente, questo concetto di sensibilità è da tenere ben distinto da quello utilizzato in epidemiologia: infatti, un test immunologicamente «molto sensibile» può essere «poco sensibile» sul piano della valutazione epidemiologica.

48 Sembrerebbe un eccellente risultato il poter identificare correttamente tutti gli individui con la malattia impiegando un test con una sensibilità del 100%. Tuttavia, esaminando meglio la questione, si giunge alla conclusione che la suddetta qualità non è sufficiente. Infatti, è necessario anche un altro requisito: il test deve identificare come positivi SOLTANTO gli individui che hanno la malattia; cioè, è necessario che fra i positivi al test non siano inclusi anche degli individui sani. Da questa osservazione discende il concetto di specificità.

49 Specificità (diagnostica) La specificità è la capacità di identificare correttamente gli individui sani. In termini di probabilità, la specificità è la probabilità che un individuo sano risulti negativo al test; si può anche dire che essa è la proporzione degli individui sani che risultano negativi al test.

50 Nella tabella gli individui sani sono rappresentati da (FP+VN) e, fra questi, i negativi al test sono i soli (VN). La specificità si calcola con il rapporto tra veri negativi e tutti i sani

51

52 Un test ottimale dovrebbe essere contemporaneamente molto sensibile e molto specifico. Nellambito dello stesso test, la specificità e la sensibilità sono due caratteristiche interdipendenti, cioè quando si abbassa luna salza laltra e viceversa. Nella pratica clinica, volendo confermare la presenza di una certa malattia si sceglierà un esame che presenti elevata specificità, volendo invece escluderla si sceglierà un esame con alta sensibilità Le due caratteristiche del test possono essere dosate sacrificando luna allaltra. Basta variare il valore di riferimento del test spostando il punto di discriminazione tra positivo e negativo.

53 si aumentano i FN che diminuiscono la sensibilità si aumentano i FN che diminuiscono la specificità

54 Il punto di discriminazione più conveniente di un test si ricava dalle curve ROC (Receiver Operating Characteristics), Ad ogni soglia di decisione corrisponde una coppia (sensibilità (SE) e specificità (SP)). Riportando in ascisse 1-SP che rappresenta la frazione di FP ed i ordinata SE che rappresenta la frazione VP, si può tracciare una curva i cui punti rappresentano le prestazioni del metodo di decisione (test diagnostico) per ogni possibile scelta della soglia di decisione clinica VP Il valore di FP è inversamente proporzionale alla specificità

55 Il punto di ottimo e quello in alto a sinistra (SE=1,SP=1) per il quale la regola di decisione (test diagnostico) è infallibile (nessun FP e FN) Pertanto più la curva ROC è arcuata verso quel punto, migliore è il test decisionale. Larea grigia sopra la curva ROC rappresenta pertanto lerrore connesso con luso del test stesso.

56 Il clinico però non è interessato (solo) alla sensibilità e specificità analitiche a priori. Linteresse va anche alla probabilità di trovarsi di fronte ad una persona malata, dato il risultato patologico del test (valore predittivo positivo) o di fronte ad una persona sana, dato il risultato normale di un test (valore predittivo negativo) Si tratta della probabilità a posteriori.

57

58

59

60 Il valore predittivo (che ci indica la percentuale dei pazienti ammalata dopo test positivo) non dipende soltanto dalla sensibilità e dalla specificità analitiche del test, ma anche dalla prevalenza della malattia. La prevalenza è il numero dei pazienti che sono affetti da una data malattia (calcolati su individui) Lincidenza è il numero di persone (sempre ogni ) che contraggono la malattia ogni anno. Quindi esiste la seguente relazione: PREVALENZA = INCIDENZA X DURATA Maggiore è la prevalenza, maggiore è la probabilità che il risultato positivo del test corrisponda alla presenza della malattia. Per prevalenze piccole aumentano le probabilità che il risultato positivo corrisponda ad una falsa positività. Detto in altre parole, la prevalenza sposta il punto discriminante.

61

62

63 Prima di stabilire il valore soglia sarebbe quindi opportuno chiedersi se il test in questione sarà orientato allesclusione di patologia o alla diagnosi. Nel primo caso si dovrà sacrificare la specificità a favore della sensibilità (non dovranno esserci FN), nel secondo caso sarà invece necessario prediligere la specificità a spese della sensibilità (non dovranno esserci FP). meglio per una diagnosi accurata meglio per lesclusione di una patologia

64 LIVELLI DECISIONALI Si possono individuare alcuni valori soglia, universalmente definiti, che il medico può usare per operare determinate scelte cliniche (donde il nome di livelli decisionali) ogni volta che il risultato di un test si collochi sopra o sotto il valore soglia. I livelli decisionali corrispondono a valori limite ( universalmente accettati) utilizzati per confermare o meno la appartenenza di un determinato paziente ad una definita categoria clinica. Un esempio è dato dalle relazioni esistenti tra livelli decisionali nel caso del calcio sierico e categorie cliniche. Lintervallo di riferimento per il calcio sierico è 9,0-10,6 (mg/dl). I valori di calcemia nei soggetti con tetano ipocalcemico variano da 7 a 3 (mg/dl). Al valore 7 è posto il primo livello decisionale. Nei soggetti con paraparoitidismo primario il valore di calcemia va da 11 a 19 mg/dl); al valore 11 è posto il secondo livello decisionale. Nei soggetti con coma ipercalcemico il valore di calcemia va da 13,5 a 20 (mg/dl); al valore di 13,5 è posto il terzo livello decisionale.


Scaricare ppt "Insegnamento di CHIMICA CLINICA Anno Accademico 2012-2013 Corso di Laurea in Farmacia FABIO DI LISA Dip. Scienze Biomediche Sperimentali Complesso Vallisneri."

Presentazioni simili


Annunci Google