La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Disposizioni normative D.P.R. 416 del 31 maggio 1974 D.I. del 28 maggio 1975 O.M. n. 215 del 15 luglio 1991 O.M. n. 267 del 4 agosto 1995 O.M. n. 277 del.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Disposizioni normative D.P.R. 416 del 31 maggio 1974 D.I. del 28 maggio 1975 O.M. n. 215 del 15 luglio 1991 O.M. n. 267 del 4 agosto 1995 O.M. n. 277 del."— Transcript della presentazione:

1 Disposizioni normative D.P.R. 416 del 31 maggio 1974 D.I. del 28 maggio 1975 O.M. n. 215 del 15 luglio 1991 O.M. n. 267 del 4 agosto 1995 O.M. n. 277 del 17 giugno 1998 D.I. n. 44 del 1 febbraio 2001 Nota tecnica riferita alla nota MIUR prot. n del 30 luglio 2010

2 Elezione Consiglio di circolo o distituto Creazione di nuova istituzione scolastica a seguito di fusione di due o più circoli didattici o scuole medie (art. 52 c° 4 O.M. 215 del 1991). Costituzione istituti scolastici comprensivi di scuola materna, elementare e medie (art. 52 c° 5 O.M. 215 del 1991) Provvedimenti adottati in materia di razionalizzazione della rete scolastica riguardanti le scuole secondarie di secondo grado (art. 52 c° 6 O.M. 215 del 1991). Es.: Confluenza di scuole o istituti di istruzione secondaria superiore nella nuova istituzione scolastica (art. 5 c° 6 O.M. 215 del 1991). Aggregazione ad unistituzione scolastica, presso cui è in funzione un Consiglio distituto non ancora giunto alla normale scadenza, di sezioni staccate e/o scuole coordinate (art. 5 c° 7 O.M. 215 del 1991).

3 Decadenza Consiglio di circolo o dIstituto Soppressione dellautonomia di circoli didattici e scuole medie. (art. 52 c° 3 O.M. 215 del 1991). Confluenza nella nuova istituzione di scuole o istituti di istruzione secondaria superiore presso le quali era in carica il Consiglio distituto. Cè la nomina del commissario straordinario che svolge le funzioni sino allinsediamento del nuovo consiglio distituto (art. 5 c° 6 O.M. 215 del 1991). Aggregazione ad unistituzione scolastica, presso la quale è in funzione il Consiglio distituto non ancora giunto alla normale scadenza, di sezioni staccate e/o scuole coordinate. Non cè nomina commissario straordinario. Sono indette le elezioni ed il Consiglio uscente rimane in carica fino allinsediamento del nuovo organo collegiale. (art. 5 c° 7 O.M. 215 del Disposizione confermata dalla nota tecnica riferita alla nota MIUR n del 30 luglio 2010).

4 Scioglimento Consiglio dIstituto Presupposto: funzione di vigilanza dellamministrazione sul regolare funzionamento degli organi collegiali di circolo o distituto (art. 26 c° 6 del D.P.R. 416 del 1974). Rimedi (art. 26 cc° 7 e 8 del D.P.R. 416 del 1974): 1) In caso di irregolarità, cè la richiesta dellAmministrazione agli organi collegiali di provvedere tempestivamente ad eliminare le cause delle irregolarità stesse. 2) In caso di persistenti e gravi irregolarità o di mancato funzionamento del Consiglio, interviene il provvedimento dellAmministrazione di scioglimento del consiglio stesso.

5 Nomina commissario straordinario D.I. 28 Maggio 1975 Art. 9 c° 1 Nei casi di scioglimento dei consigli di circolo o distituto e nel caso di nuove istituzioni …. (Es. nel caso di creazione di nuova istituzione scolastica a seguito di fusione di due o più circoli didattici o scuole medie – art. 52 c° 4 O.M. 215 del 1991). Confluenza nella nuova istituzione di scuole e istituti distruzione secondaria superiore presso le quali era in carica il consiglio distituto. In tal caso si ha decadenza del vecchio Consiglio, nomina del commissario straordinario, ed elezione del nuovo Consiglio (art. 5 c° 6 O.M. 215 del 1991). Costituzione nuovi istituti comprensivi di scuola materna, primaria e secondaria di primo grado. In tal caso si ha nomina commissario straordinario fino a prima costituzione organi collegiali (art. 52 c° 5 O.M. 215 del 1991 e art. 1 O.M. 267 del 1995) Disposizioni confermate dalla nota tecnica riferita alla nota M.I.U.R. prot. n del 30 luglio 2010 che prevede che Nelle more dellelezione dei nuovi organi collegiali, nelle scuole di nuova istituzione, viene nominato un Commissario Straordinario ex art. 9 D.I. 28 maggio

6 Modalità nomina commissario straordinario Richiesta dellIstituzione scolastica allUfficio Scolastico Regionale contenente la segnalazione della persona che viene proposta per lincarico. Provvedimento di nomina dellU.S.R.

7 Competenze commissario straordinario Lart. 9 c° 2 del D.I. 28 Maggio 1975 prevede che al commissario straordinario spettino le attribuzioni del Consiglio distituto di cui agli artt. 1,2,3 dello stesso Decreto. Per individuare le attribuzioni del Consiglio dIstituto viene in rilievo anche il D.I. n. 44 del Disposizioni normative da contestualizzare. Al riguardo per definire concretamente quali siano le attribuzioni del commissario straordinario bisogna tenere conto della previsione della succitata nota tecnica secondo cui il Commissario straordinario ha i poteri in materia amministrativo finanziaria spettanti allorgano decaduto, con esclusione di qualsiasi attribuzione didattica organizzativa.. Per es. unattribuzione del commissario straordinario è la predisposizione del conto consuntivo ( che secondo la succitata nota tecnica riguarda il periodo che va dal 1 gennaio – al 31 agosto).

8 Durata e permanenza in carica Consiglio di circolo o distituto Il Consiglio di circolo e distituto restano in carica per tre anni scolastici. La rappresentanza studentesca viene rinnovata annualmente (art. 5 c°10 D.P.R. 416 del 1974). I Consigli di circolo o distituto rimangono in carica nei circoli didattici e nelle scuole medie di cui siano stati resi autonomi (o siano stati resi aggregati ad altre istituzioni scolastiche) plessi, sezioni staccate o succursali (art. 52 c° 3 O.M. n. 215 del 1991).

9 Commissario ad acta Mancata approvazione del programma annuale da parte del Consiglio dIstituto entro 45 giorni dallinizio dellesercizio di riferimento. In tale caso lU.S.R., entro 15 giorni dalla comunicazione dellIstituzione scolastica, nomina di un commissario ad acta per il relativo adempimento da compiersi entro il termine prestabilito nellatto di nomina. (art. 8 D.I. n. 44 del 2001). Mancata deliberazione del Consiglio dIstituto sul conto consuntivo (dellanno precedente) entro 45 giorni dalla sua presentazione (deve essere presentato al Consiglio entro il 30 aprile). In tal caso lU.S.R. nomina un commissario ad acta per il relativo adempimento. (art. 18 comma 7 D.I. n. 44 del 2001). Però la predisposizione del conto consuntivo dellanno in corso (1 gennaio – 31 agosto) viene effettuata dal commissario straordinario nominato dallU.S.R., conformemente a quanto previsto dalla succitata nota tecnica. Presupposto per la nomina: inerzia, che si protrae oltre un termine previsto, da parte del Consiglio distituto, tenuto per disposizione normativa a porre in essere un determinato adempimento. Finalità della nomina: compiere quel determinato adempimento


Scaricare ppt "Disposizioni normative D.P.R. 416 del 31 maggio 1974 D.I. del 28 maggio 1975 O.M. n. 215 del 15 luglio 1991 O.M. n. 267 del 4 agosto 1995 O.M. n. 277 del."

Presentazioni simili


Annunci Google