La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Avv. Federico Peres B & P – avvocati Butti – Butti – Peres – Zalin – Chilosi via Leoni n. 4 – 37121 Verona tel. 045/8012901 – fax 045/8031355

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Avv. Federico Peres B & P – avvocati Butti – Butti – Peres – Zalin – Chilosi via Leoni n. 4 – 37121 Verona tel. 045/8012901 – fax 045/8031355"— Transcript della presentazione:

1 avv. Federico Peres B & P – avvocati Butti – Butti – Peres – Zalin – Chilosi via Leoni n. 4 – Verona tel. 045/ – fax 045/ sito Linterpretazione di un testo normativo

2 Linterprete Interpretazione dottrinale Interpretazione giudiziale Interpretazione autentica Legge retroattiva Art.14 D.L.138/2002 Art.32 bis L.R.V.3/2000 Interpretazione della legge: Art.12 Disposizioni legge generale Evolutiva Analogica LogicaLetterale Iuris Legis

3 Chiunque, tecnico o meno, si trovi ad affrontare un testo normativo ricavandone significati che ne individuano la concreta sfera di applicazione. LINTERPRETE Questione: non sempre da un testo si può ricavare ununica interpretazione…

4 Con riferimento ai soggetti che la compiono, linterpretazione si distingue in: A.DOTTRINALE – effettuata dagli studiosi del diritto per fini scientifici, didattici, o anche pratici. (es. articoli di riviste scientifico-giuridiche) B. GIUDIZIALE (o giurisprudenziale) – compiuta dal giudice nellesercizio dellattività atta a dirimere le controversie di natura civile, penale e amministrativa. C. AUTENTICA – svolta dal potere legislativo, attraverso lemanazione di una legge.

5 è il risultato di un atto di volontà esercitato dal potere legislativo, con lintento di chiarire il significato di una disposizione previamente emanata. INTERPRETAZIONE AUTENTICA 1.Ha la forma di un comando, a carattere generale (ovvero valevole per tutti). 2. È retroattiva: retroagisce al tempo in cui è stata emanata la norma cui si riferisce.

6 Interpretazione autentica: esempi Art. 14 – Interpretazione autentica della definizione di rifiuto di cui allart. 6, comma 1, lett. a), del D.lgs n. 22 (versione originale del D.L convertito nella L.178/2002) 1. Le parole: si disfi, abbia deciso o abbia lobbligo di disfarsi di cui allart. 6, comma 1, lett. a), del D.lgs. n. 22/1997, e successive modificazioni, di seguito denominato: D.lgs. n.22, si interpretano come segue: a)si disfi: qualsiasi comportamento attraverso il quale in modo diretto o indiretto una sostanza, un materiale o un bene sono avviati o sottoposti ad attività di smaltimento o di recupero, secondo gli allegati B e C del D.lgs n.22; b) abbia deciso: la volontà di destinare ad operazioni di smaltimento e di recupero, secondo gli allegati B e C del D.lgs n.22, sostanze, materiali o beni; c) abbia lobbligo di disfarsi: lobbligo di avviare un materiale, una sostanze o un bene ad operazioni di recupero o di smaltimento, stabilito da una disposizione di legge o da un provvedimento delle pubbliche autorità o imposto dalla natura stessa del materiale, della sostanza e del bene o dal fatto che i medesimi siano compresi nellelenco dei rifiuti pericolosi di cui allallegato D del D.lgs n Non ricorrono le fattispecie di cui alle lettere b9 e c) del comma 1, per beni o sostanze e materiali residuali di produzione o di consumo ove sussista una delle seguenti condizioni: a)se gli stessi possono essere e sono effettivamente e oggettivamente utilizzati nel medesimo o in analogo o diverso ciclo produttivo o di consumo, senza subire alcun intervento preventivo di trattamento e senza recare pregiudizio allambiente; b) se gli stessi possono essere e sono effettivamente e oggettivamente riutilizzati nel medesimo o in analogo o diverso ciclo produttivo, dopo aver subito un trattamento preventivo senza che si renda necessaria alcuna operazione di recupero tra quelle individuate nellallegato C del D.lgs n.22.

7 Interpretazione autentica: esempi Art. 32bis – Interpretazione autentica della lett. a), comma 4, art. 32 (L.R.V.* n. 3) 2. La lettera a) del comma 4 dellarticolo 32 deve intendersi nel senso che, ai soli fini dellapprovazione del progetto, lampliamento di una discarica di rifiuti speciali esistente, diversa da quelle di seconda categoria di tipo A di cui alla deliberazione del Comitato Interministeriale del 27 luglio 1984, deve considerarsi nuova discarica solo quando sussistano entrambe le seguenti condizioni: a)la discarica esistente interessata dal progetto di ampliamento sia ubicata nel territorio di un comune in cui sono in attività altre discariche per rifiuti speciali o rifiuti urbani; b)lampliamento comporti un incremento superiore al cinque per cento della superficie occupata dalla discarica, al netto delle aree di pertinenza e di servizio, o della qualità in volume dei rifiuti smaltibili nella stessa. * Legge regionale Veneto n.3/2000 – Nuove norme in materia di gestione dei rifiuti

8 Interpretazione autentica una legge retroattiva Lart. 11, Disposizioni sulla legge in generale, sancisce il principio di irretroattività della legge: 1° comma, art. 11 – efficacia della legge nel tempo – La legge non dispone che per lavvenire: essa non ha effetto retroattivo. QUESTIONE: per sua stessa definizione la legge di interpretazione autentica è una legge retroattiva.

9 La questione è stata risolta dalla stessa Corte Costituzionale, la quale ha asserito quanto di seguito: Nel nostro ordinamento il principio di irretroattività della legge non assurge, nella sua assolutezza, a precetto costituzionale, se non in materia penale. Lemanazione di una legge retroattiva – quale è la legge di interpretazione autentica – in singole materie, fuori di quella penale, può dar luogo ad una illegittimità costituzionale solo ove essa risulti in contrasto con qualche specifico precetto costituzionale. (Corte cost., ( ), n. 36)

10 CRITERI PER LINTERPRETAZIONE Ai sensi dell delle disposizioni sulla legge in generale - rubricato: Nellapplicare la legge non si può ad essa attribuire altro senso che quello fatto palese dal significato proprio delle parole secondo la connessione di esse, e dalla intenzione del legislatore. (comma 1) Se una controversia non può essere decisa con una precisa disposizione, si ha riguardo alle disposizioni che regolano casi simili o materie analoghe; se il caso rimane ancora dubbio, si decide secondo i principi generali dellordinamento giuridico. (comma 2) Quanto al metodo linterpretazione si distingue pertanto in: Art. 12 Interpretazione delle legge

11 LETTERALE ovvero linterpretazione di una norma sulla base del significato grammaticale delle parole, da considerare nella loro connessione sintattica. LOGICA ovvero lintenzione del legislatore, la volontà della legge (o ratio legis). Strumenti per ricostruire la ratio legis: Sistema del diritto vigente Contesto storico, politico, sociale Lavori preparatori (ruolo sussidiario)

12 EVOLUTIVA Enecessario interpretare una disposizione normativa non solo facendo riferimento al contesto passato in cui è stata emanata ma anche a quello attuale in cui è in vigore. Es: art.25 L. 300/70 (Statuto lavoratori) Lart.25 riconosce ai lavoratori un diritto di affissionedi pubblicazioni, testi e comunicati di interesse sindacale e del lavoro in genere, su appositi spazi che il datore di lavoro ha lobbligo di predisporre in luoghi accessibili a tutti i lavoratori. Nella nozione di spazio per l esercizio del diritto di affissione rientra anche uno spazio telematico, sulla pagina web? Il Pretore di Milano si è pronunciato in senso affermativo: in un contesto aziendale caratterizzato da elevata informatizzazione e ove la circolazione di informazioni, anche di carattere sindacale, avvenga prevalentemente attraverso lutilizzo di computers, è legittima uninterpretazione evolutiva del diritto di affissione ex art.25 Statuto dei lavoratori. (sent )

13 ANALOGICA Presupposto è un VUOTO NORMATIVO, poiché questa tipologia interpretativa rappresenta uno sviluppo del diritto esistente. Si distinguono due tipi di analogia, entrambi normativamente previsti allart 12, comma 2, disposizioni legge generale: Se una controversia non può essere decisa con una precisa disposizione, si ha riguardo alle disposizioni che regolano casi simili o materie analoghe; (prima parte, co. 2) se il caso rimane ancora dubbio, si decide secondo i principi generali dellordinamento giuridico dello Stato. (seconda parte, co. 2) ANALOGIA LEGIS ANALOGIA JURIS

14 ANALOGIA LEGIS – E unapplicazione del principio di uguaglianza di trattamento: i casi simili devono essere regolati da norme simili. PRESUPPOSTI: 1.Il caso non è disciplinato da alcuna norma (vuoto normativo). 2.Esiste almeno un elemento di identità tra il caso normativamente previsto e quello non previsto. 3.Lidentità riguarda la RATIO. LIMITE Non deve trattarsi di NORME PENALI O ECCEZIONALI: è la legge stessa, ai sensi dellart. 14 Disposizioni sulla legge in generale, a porre divieto di analogia per questo tipo di norme.

15 ANALOGIA JURIS – Linterpretazione analogica non crea nuove norme, ma evidenziando gli elementi di identità che collegano situazioni in apparenza distanti, delinea i principi generali dellordinamento giuridico. Anche a questi principi, non scritti ma esistenti, si può fare riferimento nel procedimento analogico. Esempio emblematico per inquadrare i due tipi di analogia è una sentenza della Corte di Cassazione (Cass.civ., sez.I, , n. 2743), la quale asserisce che: In tema di locazione finanziaria (c.d.leasing finanziario), lapplicazione analogica dellart c.c. – il quale prevede la restituzione da parte del venditore delle rate riscosse, nel caso di inadempimento del compratore al contratto di vendita con riserva della proprietà – mentre non è ammessa quando ricorra la figura del leasing di godimento, è ammessa quando si ricada nella fattispecie del leasing di trasferimento.

16 La Cassazione distingue due tipi di leasing finanziario, quello di trasferimento e quello di godimento, ammettendo solo per il primo tipo lapplicazione analogica – ANALOGIA LEGIS – delle norme del codice civile che disciplinano il contratto di compravendita. Trattandosi di due tipologie contrattuali non disciplinate da alcuna normativa nazionale – VUOTO NORMATIVO – sorge un problema: Qual è la disciplina applicabile al leasing di godimento? Linterprete farà ricorso allANALOGIA JURIS – ovvero ai principi generali dellordinamento vigente.


Scaricare ppt "Avv. Federico Peres B & P – avvocati Butti – Butti – Peres – Zalin – Chilosi via Leoni n. 4 – 37121 Verona tel. 045/8012901 – fax 045/8031355"

Presentazioni simili


Annunci Google