La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ARISTOTELE (etica: felicità; virtù etiche: il giusto mezzo) Prof. Michele de Pasquale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ARISTOTELE (etica: felicità; virtù etiche: il giusto mezzo) Prof. Michele de Pasquale."— Transcript della presentazione:

1 ARISTOTELE (etica: felicità; virtù etiche: il giusto mezzo) Prof. Michele de Pasquale

2 ETICA NICOMACHEA oggetto e metodo della trattazione eticalibro I: cap I - IV il problema del fine ultimo e della felicità; critica delle opinioni altrui libro I: cap. V - XII la virtù in genere; divisione in virtù dianoetica ed eticalibro I: cap XIII le virtù etiche in generale: definizionelibro II: cap. I - V dottrina del giusto mezzolibro II: cap. VI - IX analisi dellatto umano: volontà, deliberazione, proponimentolibro III: cap. I - V le virtù etiche in particolare: fortezza e temperanzalibro III: cap. VI - XII liberalità, coraggio, temperanza, magnanimità, mansuetudine, giustizia libro IV giustizia (distributiva, correttiva); diritto e giustizia; equità.libro V le virtù dianoetiche in generalelibro VI: cap. I - II le virtù dianoetiche in particolare: scienza, arte, saggezza, intelligenza, sapienza libro VI: cap. III - XIII lopposto delle virtù: vizio e sregolatezzalibro VII: cap. I - X il piacerelibro VII: cap. X - XIV lamicizia (fondata sul piacere, sullutile, sulla virtù)libri VIII - IX il piacerelibro X: cap. I - V la felicità; sommo bene; contemplazione (teoria)libro X: cap. VI - VIII

3 tutte le azioni degli uomini sono finalizzate ad un bene supremo che deve essere un bene pratico, alla portata di tutti: la felicità (eudaimonìa) la scienza a cui spetta il compito di determinare che cosa è la felicità e come luomo può conseguirla, è la politica per Aristotele bene dellindividuo e bene della città sono strettamente intrecciati (ma non identificabili come in Platone); questo ambito unitario è oggetto della ricerca politica che si sviluppa secondo due prospettive, distinte ma convergenti: la ricerca della felicità e del modo per conseguirla da parte del singolo: etica la ricerca delle forme con cui si è sviluppata la società umana, lanalisi delle istituzioni più idonee a favorire il conseguimento della felicità da parte di tutti i cittadini: politica

4 … poiché ogni conoscenza ed ogni scelta aspirano ad un bene, diciamo ora che cosè, secondo noi, ciò cui tende la politica, cioè qual è il più alto di tutti i beni raggiungibili mediante lazione. Orbene, quanto al nome la maggioranza degli uomini è pressoché daccordo: sia la massa sia le persone distinte lo chiamano " felicità ", e ritengono che "viver bene" e "riuscire" esprimano la stessa cosa che "essere felici". Ma su che cosa sia la felicità sono in disaccordo, e la massa non la definisce allo stesso modo dei sapienti. Infatti, alcuni pensano che sia qualcosa di visibile e appariscente, come piacere o ricchezza o onore, altri altra cosa; anzi spesso è il medesimo uomo che lintende diversamente: quando è ammalato, infatti, lintende come salute; come ricchezza quando si trova povero. Ma coloro che sono consapevoli della propria ignoranza ammirano quelli che fanno discorsi elevati ed a loro superiori. Alcuni, poi, ritengono che oltre a questi molteplici beni ne esista un altro, il Bene in sé, che è pure la causa per cui tutti questi beni sono tali. Orbene, esaminare tutte le opinioni sarebbe, certo, piuttosto inutile; sarà sufficiente esaminare quelle prevalenti o quelle che comunemente si ritiene che presentino qualche particolare aporia. E non ci sfugga che cè differenza tra i ragionamenti che partono dai principi e quelli che ad essi conducono. In effetti, anche Platone faceva bene a porre questa questione e a cercar di capire se la strada parte dai principi o ad essi conduce, come nello stadio se il percorso va dai giudici di gara fino alla meta, oppure viceversa. … Orbene, senza dubbio, noi dobbiamo cominciare da ciò che è noto a noi. Perciò occorre che sia stato rettamente educato, mediante adeguate abitudini, colui che intende ascoltare con profitto lezioni sul moralmente bello e sul giusto, cioè, in breve, sulloggetto della politica. Infatti, il punto di partenza è il dato di fatto, e, se questo è messo in luce con sufficiente chiarezza, non ci sarà alcun bisogno del perché: chi è moralmente educato possiede i principi o li può afferrare facilmente. Ma chi non li possiede, né può afferrarli, ascolti le parole di Esiodo: Luomo assolutamente migliore è colui che tutto pensa da sé; buono è pure quello che presta fede a chi ben lo consiglia: ma chi non è in grado di pensare da sé, né ciò che sente da un altro sa accogliere nel suo spirito, è un buon a nulla ". ( Aristotele, Etica, I, cap. 4)

5 in quanto fine delle azioni, la felicità deve essere qualcosa di autosufficiente, di desiderabile per se stessa (àutarches), di perfetto (tèleion): di conseguenza la felicità non può consistere nel piacere dei sensi, nel possedere ingenti ricchezze, nellonore della vita politica la felicità deve consistere nellesercizio di attività che sono proprie delluomo a livelli di eccellenza poiché la facoltà propriamente umana è la ragione, la felicità consiste nellesercizio di attività connesse allimpiego della ragione a livelli di perfezione: esercizio delle virtù (aretè)

6 … si pensa, non a torto, che gli uomini ricavino dal loro modo di vivere la loro concezione del bene e della felicità. Gli uomini della massa, i più rozzi, lidentificano con il piacere e per questo amano la vita di godimento. Sono tre, infatti, i principali tipi di vita : quello or ora menzionato, la vita politica, e, terzo, la vita contemplativa. Orbene, gli uomini della massa si rivelano veri e propri schiavi, scegliendosi una vita da bestie, e pur capita che se ne parli per il fatto che molti individui altolocati hanno le stesse passioni di Sardanapalo. Le persone distinte e predisposte allazione pongono il bene nellonore: questo infatti, più o meno, è il fine della vita politica. Ma questo è evidentemente qualcosa di troppo superficiale rispetto a ciò che stiamo cercando: si riconosce infatti che esso stia più in chi onora che in chi è onorato, mentre il bene, lo presentiamo, è qualcosa di intimamente proprio e di inalienabile. Inoltre, sembra che gli uomini aspirino allonore per poter credere di essere essi stessi buoni: di fatto, cercano di essere onorati da uomini di senno, e da uomini da cui sono conosciuti, e in grazia della virtù: è dunque evidente che, almeno per loro, la virtù è superiore; e si farebbe presto a pensare che è piuttosto la virtù il fine della vita politica. Ma anchessa è troppo imperfetta: si ammette, infatti, che sia possibile che chi possiede la virtù si trovi in stato di sonno o di inattività per tutta la vita, e che per giunta patisca i più grandi mali e le più grandi disgrazie: ma nessuno chiamerebbe felice uno che vivesse in questo modo, se non per difendere, ad ogni costo la propria tesi. Il terzo tipo di vita è quello contemplativo, sul quale svolgeremo la nostra indagine in seguito. La vita dedicata alla ricerca del guadagno, poi, è di un genere contro natura, ed è chiaro che non è la ricchezza il bene da noi cercato: essa, infatti, ha valore solo in quanto "utile", cioè in funzione di altro. %

7 Perciò sarà meglio considerare come beni quelli menzionati prima, giacché sono amati per se stessi. Ma è manifesto che non sono fini ultimi neppure quelli: per la verità, molte argomentazioni sono già state diffuse contro di loro. Lasciamo perdere, dunque, questi fini. Ma torniamo di nuovo al bene che stavamo cercando: che cosè? È manifesto, infatti, che esso è diverso in unazione e in unarte diversa: è diverso nella medicina e nella strategia, come pure nelle altre arti. Che cosa è dunque il bene di ciascuna? Non è forse ciò in vista di cui si fa tutto il resto? E ciò in medicina è la salute, in strategia la vittoria, in architettura la casa, una cosa in unarte, unaltra in unaltra arte, ma in ogni azione e in ogni scelta è il fine: è in vista di questo che tutti fanno il resto. Cosicché, se cè una cosa che è il fine di tutte le azioni che si compiono, questa sarà il bene realizzabile praticamente; se vi sono più fini, saranno essi il bene. Pur procedendo per altra via il ragionamento è giunto allo stesso punto: ma dobbiamo cercare di chiarirlo ancora meglio. Poiché i fini sono manifestamente molti, e poiché noi ne scegliamo alcuni in vista di altri (per esempio, la ricchezza, i flauti e in genere gli strumenti), è chiaro che non sono tutti perfetti: ma il Bene supremo è, manifestamente, un che di perfetto. Per conseguenza, se vi è una qualche cosa che sola è perfetta, questa deve essere il bene che stiamo cercando, ma se ve ne sono più, lo sarà la più perfetta di esse. %

8 Diciamo, poi, "più perfetto" ciò che è perseguito per se stesso in confronto con ciò che è perseguito per altro, e ciò che non è mai scelto in vista di altro in confronto con quelle cose che sono scelte sia per se stesse sia per altro; quindi diciamo perfetto in senso assoluto ciò che è scelto sempre per sé e mai per altro. Di tale natura è, come comunemente si ammette, la felicità, perché la scegliamo sempre per se stessa e mai in vista di altro, mentre onore e piacere e intelligenza e ogni virtù li scegliamo, sì, anche per se stessi (sceglieremmo infatti ciascuno di questi beni anche se non ne derivasse nientaltro), ma li scegliamo anche in vista della felicità, perché è per loro mezzo che pensiamo di diventar felici. La felicità, invece, nessuno la sceglie in vista di queste cose, né in generale in vista di altro. È manifesto che anche partendo dal punto di vista dellautosufficienza si giunge allo stesso risultato: si ritiene infatti che il Bene perfetto sia autosufficiente. Ma intendiamo lautosufficienza non in relazione ad un individuo nella sua singolarità, cioè a chi conduce una vita solitaria, ma in relazione anche ai genitori, ai figli, alla moglie e, in generale, agli amici e ai concittadini, dal momento che luomo per natura è un essere che vive in comunità… Per ora definiamo lautosufficienza come ciò che, anche preso singolarmente, rende la vita degna di essere scelta, senza che le manchi alcunché. Di tale natura noi pensiamo che sia la felicità. Inoltre pensiamo che la felicità sia il più degno di scelta tra tutti i beni, senza aggiunte (se fosse così, è chiaro che sarebbe più degna di scelta solo insieme con un altro bene, anche il più piccolo); infatti, quello che le fosse aggiunto sarebbe un sovrappiù di bene, e di due beni quello più grande è sempre più degno di scelta. Per conseguenza la felicità è, manifestamente, qualcosa di perfetto e autosufficiente, in quanto è il fine delle azioni da noi compiute. ( Aristotele, Etica, I, capp. 5-7)

9 posto che la facoltà desiderativa dellanima (collegata alla sensitiva) e la facoltà razionale sono quelle che subiscono gli influssi della ragione, Aristotele suddivide le virtù in le virtù etiche, in cui si manifesta leccellenza delle funzioni proprie dellanima desiderativa, sono concepite come disposizioni (hèxis) del carattere che si consolidano col ripetuto esercizio di azioni idonee a conformare in senso virtuoso il carattere la posizione aristotelica si differenzia sia dalla morale aristocratica, secondo cui le virtù sono un patrimonio innato dei migliori, sia dallintellettualismo etico, secondo cui la virtù si acquisisce con la sola conoscenza etiche (proprie dellanima desiderativa) dianoetiche (proprie dellanima razionale)

10 Poiché la felicità è una attività dellanima secondo perfetta virtù, dobbiamo prendere in esame la virtù, giacché così, forse, potremo venire in chiaro anche di quanto riguarda la felicità. Si ritiene anche, poi, che luomo politico autentico debba aver dedicato ad essa moltissime delle sue fatiche: egli infatti vuole rendere i cittadini buoni e ossequienti alle leggi…. La virtù su cui si deve indagare, è chiaro, è la virtù umana, giacché è il bene umano e la felicità umana che stiamo cercando. Intendiamo poi per virtù umana non quella del corpo, bensì quella dellanima : anche la felicità la definiamo attività dellanima. Se le cose stanno così, è chiaro che luomo politico deve conoscere in qualche modo ciò che riguarda lanima, … Anche luomo politico dunque deve cercar di conoscere lanima, e cercare di conoscerla per le ragioni dette, e nella misura sufficiente per quello che stiamo cercando, giacché indagare con maggior precisione è forse fatica sproporzionata a quanto ci siamo proposti. … una parte di essa [lanima] è irrazionale, e laltra è fornita di ragione. Se esse poi siano distinte come le parti del corpo e come tutto ciò che è divisibile in parti,.., non fa differenza per la presente argomentazione. Di quella irrazionale, poi, una parte sembra essere comune anche ai vegetali (intendo quella che è causa della nutrizione e dellaccrescimento), giacché tale facoltà dellanima si può ammettere in tutti gli esseri che si nutrono, sia negli embrioni, sia, tal quale, negli esseri completamente sviluppati: è infatti più probabile che sia la stessa piuttosto che unaltra. Dunque la virtù di questa facoltà è, manifestamente, una virtù comune, e non propria delluomo: si ritiene infatti che questa parte, cioè questa facoltà, sia attiva soprattutto durante il sonno, e il buono ed il cattivo si differenziano molto poco nel sonno (ragion per cui dicono che per metà della vita gli uomini felici non differiscono in nulla dagli infelici; che questo accada è naturale: il sonno è inattività dellanima, per quella parte secondo cui essa può dirsi di valore o miserabile), a meno che, debolmente, pur le giungano alcuni movimenti, e che sia per questo che i sogni degli uomini per bene sono migliori di quelli degli uomini qualsiasi. %

11 Ma di queste cose basta; e si può tralasciare la facoltà nutritiva, poiché per sua natura non ha alcuna partecipazione alla virtù umana. Sembra poi che ci sia anche unaltra facoltà naturale dellanima, irrazionale, ma tuttavia in qualche modo partecipe di ragione. Infatti, noi lodiamo, sia delluomo continente sia di quello incontinente, la ragione, cioè la parte razionale dellanima, giacché è essa che li esorta alle azioni più nobili. È manifesto poi in essi anche un altro elemento, che, per natura, è estraneo alla ragione, e combatte e contrasta la ragione. Proprio come le membra paralizzate: quando uno si propone di muoverle a destra, si volgono, al contrario, a sinistra; così avviene anche per lanima: le inclinazioni degli incontinenti, infatti, si volgono in direzioni contrarie. Ma mentre nei corpi vediamo lelemento deviante, nellanima non lo vediamo. Nondimeno, certo, dobbiamo pensare che nellanima ci sia qualcosa di estraneo alla ragione, che ad essa si oppone e resiste. In che senso sia estraneo alla ragione non ha importanza. Anche questo elemento, poi, partecipa, manifestamente, della ragione, come abbiamo detto: nelluomo continente ubbidisce di certo alla ragione, e forse è ancor più docile nelluomo temperante ed in quello coraggioso, giacché in essi tutto è in armonia con la ragione. Dunque, è manifesto che anche lelemento irrazionale è duplice. La parte vegetativa non partecipa per niente della ragione, mentre la facoltà del desiderio e, in generale, degli appetiti, ne partecipa in qualche modo, in quanto le dà ascolto e le ubbidisce. E questo nel senso in cui anche diciamo "accettare la ragione" del padre e degli amici, e non nel senso in cui diciamo "comprendere la ragione" delle dimostrazioni matematiche. E che lelemento irrazionale in qualche modo si lasci determinare dalla ragione, lo mostrano gli ammonimenti, i rimproveri e tutti i tipi di esortazione. Ma se è necessario dire che anche questo elemento partecipa della ragione, allora anche la parte che possiede la ragione sarà duplice: luna la possederà in senso proprio e in se stessa, laltra nel senso che le dà ascolto come ad un padre. Anche la virtù, poi, si divide conformemente a questa divisione dellanima. Infatti alcune le chiamiamo virtù dianoetiche altre virtù etiche : dianoetiche sapienza, giudizio e saggezza, etiche invece liberalità e temperanza. Infatti, quando parliamo del carattere di un uomo non diciamo che egli è sapiente o giudizioso, ma che è mite o temperante; però lodiamo anche il saggio per la sua disposizione: e le disposizioni che meritano lode le denominiamo virtù. ( Aristotele, Etica I,cap. 13)

12 Aristotele assegna un ruolo fondamentale alla volontà (boùlesis), considerata la più alta funzione della facoltà desiderativa: per compiere unazione virtuosa si richiede il concorso della volontà nel senso che essa deve adeguarsi alla regola imposta dalla ragione la regola è il medio tra due estremi, il giusto mezzo (ad esempio il coraggio è il giusto mezzo tra temerarietà e viltà) che non è definibile in astratto, ma volta per volta nellazione

13 Ma non dobbiamo soltanto dire che la virtù è una disposizione, bensì anche che specie di disposizione è. Bisogna dire, dunque, che ogni virtù ha come effetto, su ciò di cui è virtù, di metterlo in buono stato e di permettergli di compiere bene la sua funzione specifica: per esempio, la virtù dellocchio rende valenti locchio e la sua funzione specifica: noi, infatti, vediamo bene per la virtù dellocchio. … Se dunque questo vale per tutti i casi, anche la virtù delluomo deve essere quella disposizione per cui luomo diventa buono e per cui compie bene la sua funzione. Come questo sarà possibile, già labbiamo detto; ma sarà chiaro, inoltre, se considereremo quale è la natura specifica della virtù stessa. In ogni cosa, dunque, che sia continua, cioè divisibile, è possibile prendere il più, il meno e luguale, e questo sia secondo la cosa stessa sia in rapporto a noi: luguale è qualcosa di mezzo tra eccesso e difetto. Chiamo, poi, mezzo della cosa ciò che è equidistante da ciascuno degli estremi, e ciò è uno e identico per tutti; e mezzo rispetto a noi ciò che non è né in eccesso né in difetto: ma questo non è uno né identico per tutti. Per esempio, se dieci è tanto e due è poco, come mezzo secondo la cosa si prende sei, giacché esso supera ed è superato in uguale misura. E questo è un mezzo secondo la proporzione aritmetica. Invece, il mezzo in rapporto a noi non deve essere preso in questo modo: infatti, se per un individuo dieci mine di cibo sono molto e due sono poco, non per questo il maestro di ginnastica prescriverà sei mine: infatti, può darsi che anche questa quantità, per chi deve ingerirla, sia troppo grande oppure troppo piccola … Così, dunque, ogni esperto evita leccesso e il difetto, ma cerca il mezzo e lo preferisce, e non il mezzo in rapporto alla cosa ma il mezzo in rapporto a noi. %

14 Se, dunque, è così che ogni scienza compie bene la sua funzione, tenendo di mira il mezzo e riconducendo ad esso le sue opere (donde labitudine di dire delle cose ben riuscite che non cè nulla da togliere e nulla da aggiungere, in quanto leccesso e il difetto distruggono la perfezione, mentre la medietà la preserva), se i buoni artigiani, come noi affermiamo, lavorano tenendo di mira il mezzo, e se la virtù è più esatta e migliore di ogni arte, come anche la natura, essa dovrà tendere costantemente al mezzo. Intendo la virtù etica: essa, infatti, ha a che fare con passioni ed azioni, ed in queste ci sono un eccesso, un difetto e il mezzo. Per esempio, temere, ardire, desiderare, adirarsi, aver pietà, e in generale provar piacere e dolore è possibile in maggiore o minore misura, e in entrambi i casi non bene. Al contrario, provare queste passioni quando è il momento, per motivi convenienti, verso le persone giuste, per il fine e nel modo che si deve, questo è il mezzo e perciò lottimo, il che è proprio della virtù. Similmente anche per quanto riguarda le azioni ci sono un eccesso, un difetto ed il mezzo. Ora, la virtù ha a che fare con passioni e azioni, nelle quali leccesso è un errore e il difetto è biasimato, mentre il mezzo è lodato e costituisce la rettitudine: ed entrambe queste cose sono proprie della virtù. Dunque, la virtù è una specie di medietà, in quanto appunto tende costantemente al mezzo. Inoltre, errare è possibile in molti modi, mentre operare rettamente è possibile in un sol modo (perciò anche luno è facile e laltro difficile: è facile fallire il bersaglio, e difficile coglierlo). E per queste ragioni, dunque, leccesso e il difetto sono propri del vizio, mentre la medietà è propria della virtù: si è buoni in un sol modo, cattivi in molte e svariate maniere %

15 La virtù, dunque, è una disposizione concernente la scelta, consistente in una medietà in rapporto a noi, determinata in base ad un criterio, e precisamente al criterio in base al quale la determinerebbe luomo saggio. Medietà tra due vizi, tra quello per eccesso e quello per difetto; e inoltre è medietà per il fatto che alcuni vizi restano al di sotto e altri stanno al di sopra di ciò che si deve, sia nelle passioni sia nelle azioni, mentre la virtù trova e sceglie il mezzo. Perciò, secondo la sostanza e secondo la definizione che ne esprime lessenza, la virtù è una medietà, mentre dal punto di vista dellottimo e del bene è un culmine. Ma non ogni azione né ogni passione ammette la medietà : alcune, infatti, implicano già nel nome la malvagità, come la malevolenza, limpudenza, linvidia, e, tra le azioni, ladulterio, il furto, lomicidio. Tutte queste cose e quelle del medesimo genere derivano il loro nome dal fatto che esse stesse sono malvagie, e non i loro eccessi né i loro difetti. Dunque, non è mai possibile, riguardo ad esse, agire rettamente, ma si è sempre in errore: e il bene o il male, riguardo a tali cose, non stanno nel commettere adulterio con la donna con cui si deve o nel tempo e nel modo opportuni, ma il semplice fatto di commettere una qualsiasi di queste azioni significa errare. Similmente, dunque, sarebbe assurdo ritenere che anche in relazione al commettere ingiustizia e allessere vile e intemperante ci siano medietà ed eccesso e difetto, giacché cosi verrà ad esserci una medietà di eccesso e di difetto, ed eccesso di eccesso e difetto di difetto. Ma come della temperanza e del coraggio non vè eccesso né difetto per il fatto che il mezzo è in certo qual modo un culmine, così neppure di quelle azioni cè medietà né eccesso e difetto, ma in qualunque modo siano compiute si è in errore: infatti, in generale, non cè medietà delleccesso e del difetto, né eccesso e difetto della medietà. ( Aristotele, Etica, II cap. 6)


Scaricare ppt "ARISTOTELE (etica: felicità; virtù etiche: il giusto mezzo) Prof. Michele de Pasquale."

Presentazioni simili


Annunci Google