La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Unità didattica di Anfossi Mariarosa L'u.d. è un'esperienza pratica che "deve essere definita nel tempo ed essere autosufficiente per obiettivi, contenuti,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Unità didattica di Anfossi Mariarosa L'u.d. è un'esperienza pratica che "deve essere definita nel tempo ed essere autosufficiente per obiettivi, contenuti,"— Transcript della presentazione:

1

2 Unità didattica di Anfossi Mariarosa

3 L'u.d. è un'esperienza pratica che "deve essere definita nel tempo ed essere autosufficiente per obiettivi, contenuti, metodologie e verifiche: insomma, una sorta di microprogetto unicurriculare ". L'unità didattica nel progetto Brocca

4 FINALITA' 4 Obiettivi cognitivi 4Abilità di studio 4Abilità linguistiche

5 saper individuare l'impianto dell'unità didattica e saper valutare quali sono gli elementi fondamentali alla base dell'u.d.; saper integrare i dati di un testo con la propria conoscenza generale; saper valutare un testo: la differenza tra un documento originale, una fonte, un testo critico, un manuale, fra documenti di tipo espositivo, narrativo, interpretativo, ecc. 4 Obiettivi cognitivi:

6 Saper scegliere tra il materiale a disposizione; saper consultare i testi; saper prendere appunti da un testo scritto o da una lezione; saper costruire una scaletta per una relazione scritta/orale. 4 b) Abilità di studio:

7 P oiché le acquisizioni per la comprensione dell'unità didattica vengono dall'analisi di testi scritti, è l'abilità di lettura ad avere un'importanza centrale, che è trasversale:

8 c) Abilità linguistiche. leggere per comprendere il testo nella sua globalità, capire l'argomento in generale; leggere per cercare solo alcune informazioni, per conoscere il punto di vista dell'autore, per confrontare diversi punti di vista; leggere per cogliere i nessi con l'impianto dell'unità didattica; leggere per capire come è costruito un testo.

9 La fondazione dell'etica

10 Che cosa posso sapere? Che cosa posso fare? Che cosa ho diritto di sperare?

11

12 SOGGETTO ETICO L'uomo come SOGGETTO ETICO Al centro dell'universo morale =Soggetto= ragione RIVOLUZIONE COPERNICANA

13 PRATICA in riferimento non agli oggetti ma ai MOTIVI con cui determina la volontà all'azione LA RAGIONE PRATICA

14 FONTE ORIGINARIA AUTONOMA della moralità

15 Indipendentemente da ogni contenuto oggettivo dell'azione e da ogni imposizione esterna L'aver smascherato le pretese della metafisica consente di dare un fondamento alla morale

16 L'uomo non è creatore dei valori etici Non elimina i limiti costitutivi della sua natura sensibile, essenzialmente passiva e recettiva non diminuisce la drammaticità di un'esistenza etica che implica impegno.

17 Considerata in riferimento ai motivi (razionali) con cui determina la volontà verso l'azione

18 Compito dell'etica non sarà dimostrare l'esistenza della legge morale, ma studiare l'origine e la natura PUNTO DI PARTENZA

19 Nell'uomo legge Morale con valore universale e necessario

20 LIBERTA' dell'agire Validità Universale Necessaria LEGGE

21 La legge morale UNIVERSALE NECESSARIA A PRIORI Autonomia della legge morale

22 deve avere origine dal soggetto stesso indipendentemente dall'esterno.

23 motivi razionali che guidano il volere affinchè sia morale non ha bisogno di uscire da sé

24 Le altre etiche tradizionali sono eteronome in quanto propongono la legge morale da qualcosa di esterno AUTONOMIA

25 Che la legge sgorghi in modo autonomo non significa che l'uomo ne è creatore La morale si gioca all'interno della Ragione e della sensibilità (bidimensionalità dell'agire umano ) Spontaneità istintiva verso l'utile e il piacevole Imperativo morale

26 Agisci secondo una massima che può valere per tutti

27 2 tipi di imperativi, chiarire la natura dell'imperativo etico

28 soggettive valide per l'individuo Massime

29 prescrizione oggettiva che vale per tutti Imperativi:

30 Comanda qualcosa in vista di un fine da raggiungere IPOTETICO

31 Ordina il dovere in modo categorico DEVI CATEGORICO

32 Un'azione MORALE deve esser compiuta solo perché comandata dalla legge senza riguardo per alcun piacere se ne possa ricavare AZIONE MORALE

33 FARE IL DOVERE PER IL DOVERE E SOLO PER IL DOVERE

34 Un comportamento è morale solo se è generalizzabile

35 Agisci in modo da trattare l'umanità, sia nella tua persona che come FINE mai come mezzo. FINE: SCOPO A SE STESSA SOGGETTO e non OGGETTO La morale istituisce un regno dei fini FINI

36 L'unico sentimento che può muovere ad agire moralmente è il rispetto per la legge morale IL RISPETTO

37 etica dell'intenzione più che rigorismo etico la bontà morale di un'azione deriva dall'intenzione con cui l'azione è compiuta l'azione è morale solo se si propone di fare il bene perché è bene e non per ottenere un vantaggio personale dualismo tra volontà etica e impulsi sensibili ETICA DELLINTENZIONE

38 La legge morale non può comandare contenuti concreti, altrimenti dipenderebbe da essi perdendo la sua autonomia e la sua universalità e necessità.

39 La legge morale deve formularsi come comando "formale" prescindere da ogni contenuto o materia del comando per prescrivere solo la forma IL FORMALISMO ETICO

40 Agisci in modo che la massima della tua volontà possa sempre valere in ogni tempo come principio di una legislazione universale Universalità

41 Non impone contenuto, se possono essere universali La legge non dice che cosa dobbiamo fare ma COME fonte perenne della moralità La vita morale è la costituzione di una NATURA soprasensibile DOVERE + VOLONTA Buona innalzano sopra il mondo sensibile partecipano del mondo intelligibile noumenico FORMA

42 La presenza nell'uomo di una legge morale apre la via per cogliere l'esistenza di alcune realtà metafisiche che stanno al di là del mondo fenomenico dell'esperienza e di cui la ragione teoretica non può dire niente né per affermarle, né per negarle postulati affermazioni non dimostrabili dalla ragione teoretica I postulati della ragion pratica

43 1- La Libertà' 2 - Immortalità dell'anima 3 - Esistenza di Dio POSTULATI

44 La libertà condizione della moralità

45 Devi dunque puoi

46 capacità di agire indipendentemente dagli impulsi sensibili Negativo

47 autonomia della ragione quale legislatrice di se stessa in forma universale Positivo

48 volontà libera Se la ragione è di per se stessa pratica dà a se stessa la legge che determina il motivo dell'azione, => alla sua radice volontà libera capace di autodeterminarsi all'azione indipendentemente da ogni impulso. Volontà Libera

49 questo mondo col noumeno, L'uomo si scopre partecipe di un mondo intelligibile una " legge della causalità mediante la libertà" questo mondo col noumeno, che la ragione teoretica non poteva conoscere la ragion pratica dà testimonianza. Regno dei fini

50 i vari doveri che scaturiscono dalla legge morale e che come tali devono essere voluti. Fini

51 E' un postulato condizione indispensabile per il raggiungimento della santità perfetta conformità delle intenzioni con la legge morale. Si può avvicinare con un progresso che va all'infinito, sua esistenza continui all'infinito Immortalità dell'anima

52 Esistenza di Dio Esistenza di Dio condizione indispensabile per il raggiungimento del sommo bene virtù + felicità Dio

53 non il piacere o l'utile, il disporsi delle cose della natura secondo il volere della ragione ed etica. Felicità

54 La virtù non può essere causa di felicità, né la felicità causa della virtù L'unione è possibile solo supponendo l'esistenza di un essere intelligente che, essendo la causa suprema della natura, possa disporre di essa secondo fini etici, permettendo di realizzare l'imperativo etico Virtù


Scaricare ppt "Unità didattica di Anfossi Mariarosa L'u.d. è un'esperienza pratica che "deve essere definita nel tempo ed essere autosufficiente per obiettivi, contenuti,"

Presentazioni simili


Annunci Google