La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il cappello 01/2008 GENNAIO 2008 Direz. Regionale Piemonte Impianto Scorta Regionale TORINO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il cappello 01/2008 GENNAIO 2008 Direz. Regionale Piemonte Impianto Scorta Regionale TORINO."— Transcript della presentazione:

1 Il cappello 01/2008 GENNAIO 2008 Direz. Regionale Piemonte Impianto Scorta Regionale TORINO

2 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO PRINCIPALI NOVITA REGOLAMENTARI IN VIGORE DAL 1° MARZO 2008 DISPOSIZIONI : / 2007

3 3 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO

4 4

5 5

6 6

7 7

8 8

9 9 DISPOSIZIONE 40/2007 – MODIFICHE ISPAT Nuovo M 40 D.L. ( B.A. )

10 10 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO

11 11 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO Direzione Tecnica – S.O. Norme e Standard di Circolazione 26 MODULI DI PRESCRIZIONE AI TRENI M.40 D.L. (B.A.) M.40 D.L. (B.m./B.ca./B.tel.) UNIFICAZIONE MODULI M.40 D.L Allegato 2

12 12 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO

13 13 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO

14 14 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO

15 15 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO

16 16 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO

17 17 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO DISPOSIZIONE 40/2007 – MODIFICHE ISPAT Nuovo M 40 D.L. ( B.m./B.ca/B.tel )

18 18 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO

19 19 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO

20 20 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO

21 21 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO

22 22 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO

23 23 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO DISPOSIZIONE 43/2007 – MODIFICHE I.E.T. Nuovo M 40 TELEC ( BA e B.ca )

24 24 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO LA DISP. 43 MODIFICA NEGLI M 40 TELEC BA LE VOCI N° RIFERITE ALLESONERO DAI SEGNALI DI BLOCCO PERMISSIVI INTERMEDI COME DA ART. 49/3 E 48/5 RS. MODIFICA NEGLI M 40 TELEC BA LE VOCI N° RIFERITE ALLESONERO DAI SEGNALI DI BLOCCO PERMISSIVI INTERMEDI COME DA ART. 49/3 E 48/5 RS. LE VOCI RIFERITE ALLESCLUSIONE DELLA FUNZIONE SCMT SONO STATE CANCELLATE NUOVO M40 TELEC (BA)

25 25 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO

26 26 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO

27 27 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO LA DISPOSIZIONE 43 MODIFICA negli M 40 TELEC Bca LE VOCI N° 8 – 9 RIFERITE ALLA RIPRESA DELLA CORSA DAI SEGNALI DI BLOCCO INTERMEDI CON A SPENTA MODIFICA negli M 40 TELEC Bca LE VOCI N° 8 – 9 RIFERITE ALLA RIPRESA DELLA CORSA DAI SEGNALI DI BLOCCO INTERMEDI CON A SPENTA LE VOCI RIFERITE ALLESCLUSIONE DELLA FUNZIONE SCMT SONO STATE CANCELLATE NUOVO M40 TELEC (Bca)

28 28 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO

29 29 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO ISPAT – Art. 14/5 e 14/6 Qualora il CT sia presente in cabina di guida al posto del secondo agente di condotta, ha lobbligo del rispetto dei segnali e di provocare, in caso di emergenza, larresto del convoglio…. In assenza di protezione dei sistemi SCMT/SSC tale agente è tenuto a dichiarare, a voce alta, laspetto del segnale da rispettare che gli dovrà essere ripetuto dallagente alla guida. Prescr. 3/11/2006 Non è piu prevista la presenza obbligatoria del DISPOSITIVO VIGILANTE

30 30 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO Per i treni supplementari, per lassociazione a numero funzionale e per le relative chiamate ad essi dirette, dovranno essere adottate le stesse procedure previste per i treni ordinari utilizzando un numero identificativo del treno a 6 cifre e lasciando invariati, per tutti i tipi di treno, i codici funzionali degli agenti: Ad esempio per generare una chiamata verso il C.T. del treno 2056 bis, si dovrà digitare il numero Treno SupplementarePrima cifra del numero treno a 6 cifre Ante1 Bis2 Ter3 Quater4 ISPAT - ALLEGATO III

31 31 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO DISPOSIZIONI e 40/2007 MODIFICHE Regolamento Segnali ed Allegato 1 ISPAT

32 32 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO

33 33 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO PRONTO PRONTO PRONTO Stazione Stazione IL CAPOTRENO, SI METTE IN COMUNICAZIONE CON LA LOCALITA, NON RICEVENDO RISPOSTA DEVE, COMUNQUE, COMUNICARE CON IL D.M. DELLA SUCCESSIVA STAZIONE NON DEVE PIU RECARSI NELLA LOCALITA PER VERIFICARNE IL PRESENZIAMENTO PP SEGNALE DI PROTEZIONE DI STAZIONE CON LETTERA P SPENTA - LINEE A DIRIGENZA LOCALE - In caso di mancata comunicazione avvisare il D.C. P ACCESA A LUCE LAMPEGGIANTE IL DM DELLA STAZIONE SUCCESSIVA PRESCRIVE LA CONDIZIONE DI IMPRESENZIAMENTO E LAUTORIZZAZIONE PER IL PROSEGUIMENTO CONSIDERANDO LA LETTERA P ACCESA A LUCE LAMPEGGIANTE ART. 48/5 RS e ART. 23/1 ISPAT 3 Prescr. 13/12/2006

34 34 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO PRONTO PRONTO PRONTO Segnale con lettera luminosa P o A (spenta) - Zona caduta massi - SULLE LINEE IN CTC LE COMUNICAZIONI AVVENGONO CON IL DCO Sulle linee in D.L. in caso di mancata comunicazione avvisare il D.C. ART. 48/5;48TER/17 RS, ART. 23/3 ;23/6 ISPAT P Stazione 3A IL C.T. SI METTE IN COMUNICAZIONE CON IL DM DELLA STAZIONE SUCCESSIVA ( sulle linee in BEM controlla telefonicamente limpresenziamento del PBI ) CHE AUTORIZZA IL PROSEGUIMENTO CON LE MODALITA RIPORTATE NELL ORARIO DI SERVIZIO (F.L.)

35 35 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO Segnale di protezione/partenza.di Stazione con lettere D/A spente - LINEE A DIRIGENZA LOCALE - PRONTO PRONTO PRONTO IL DM DELLA STAZIONE SUCCESSIVA PRESCRIVERÀ LA CONDIZIONE DI IMPRESENZIAMENTO E LAUTORIZZAZIONE PER IL PROSEGUIMENTO CON LE MODALITA PREVISTE DALLE ISTRUZIONI DI SERVIZIO (ART. 23/4 ISPAT) ART. 48 TER/16 RS e ART.23/4 ISPAT Stazione Stazione AD 3 IL CAPOTRENO, SI METTE IN COMUNICAZIONE CON LA LOCALITA, NON RICEVENDO RISPOSTA DEVE, COMUNQUE, COMUNICARE CON IL D.M. DELLA SUCCESSIVA STAZIONE, NON DEVE PIU RECARSI NELLA LOCALITA PER VERIFICARNE IL PRESENZIAMENTO In caso di mancata comunicazione avvisare il D.C.

36 36 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO A PRONTO PRONTO PRONTO Stazione Segnale con lettera luminosa A (spenta) RACCORDI IN LINEA IL C.T., SI METTE IN COMUNICAZIONE CON IL DM DELLA STAZIONE SUCCESSIVA ( sulle linee in BEM controlla telefonicamente limpresenziamento del PBI ) CHE AUTORIZZA IL PROSEGUIMENTO CON APPOSITE PRESCRIZIONE (ART. 23/5 ISPAT) ART. 48 TER/17 RS e ART.23/5 ISPAT 3RACCORDO SULLE LINEE IN CTC LE COMUNICAZIONI AVVENGONO CON IL DCO Sulle linee in D.L. in caso di mancata comunicazione avvisare il D.C.

37 37 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO Segnale con sola funzione Protezione zona caduta massi Segnale con sola funzione Protezione zona caduta massi PRONTO PRONTO PRONTO Stazione SI TELEFONA SUBITO DOPO LARRESTO IL DM AUTORIZZA IL PROSEGUIMENTO APPLICANDO LE PROCEDURE PREVISTE NELL ORARIO DI SERVIZIO ART. 23/8 ISPAT SULLE LINEE IN CTC LE COMUNICAZIONI AVVENGONO CON IL DCO Sulle linee in D.L. in caso di mancata comunicazione avvisare il D.C.

38 38 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO

39 39 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO ARTICOLO 49/3 R.S. LINEE con BLOCCO AUTOMATICO UN TRENO PUO ESSERE ESONERATO, DA PRECEDENTE STAZIONE, DAL RISPETTO DEI SEGNALI DI BLOCCO INTERMEDI PERMISSIVI COMPRESI QUELLI A PROTEZIONE DI PL O DI DEVIATOI ( PER QUESTI ULTIMI LESONERO E RELATIVO ALLA SOLA FUNZIONE DI BLOCCO ) L ESONERO DAI SEGNALI PERMISSIVI TEMPORANEI A PROTEZIONE DI DEVIATOI E VALIDO SE IL SEGNALE PRESENTA LA P ACCESA P 103 Km P 206 2PL P 347

40 40 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO NON E CONSENTITO LESONERO NEI CONFRONTI DI SEGNALI DI PROTEZIONE E PARTENZA DELLE LOCALITA DI SERVIZIO ANCHE SE AGLI STESSI E STATO CONFERITO IL CARATTERE DI PERMISSIVITA TEMPORANEA P 103 Km PER TALUNI BIVI TELECOMANDATI DA STAZIONE INDICATI NELL ORARIO DI SERVIZIO E CONSENTITA LA CONSEGNA DELLA PRESCRIZIONE DA PARTE DELLA STAZIONE STESSA P 206 2PL ARTICOLO 49/3 R.S. LINEE con BLOCCO AUTOMATICO P 347 IN CASO DI ISTITUZIONE DEL BLOCCO TELEFONICO PER IL SUPERAMENTO DEI SEGNALI DI PROTEZIONE E PARTENZA MUNITI DI PERMISSIVITA TEMPORANEA VALGONO LE NORME DEL NUOVO ART. 48/7 R.S.

41 41 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO NEL CASO DI SEGNALI DI BLOCCO INTERMEDI PERMISSIVI A PROTEZIONE DI PL ATTENERSI ALLA VOCE N° 11 M40 DL BA LA VOCE 10 DELL M40 DL BA ESONERA DAL RISPETTO DEI SEGNALI PERMISSIVI DI BLOCCO INTERMEDI BLOCCO TELEFONICO TRA A e C CON LOCALITA B INTERPOSTA IMPRESENZIATA CON RSC ESCLUSA (SCMT IN PREDISPOSIZIONE) IL SISTEMA DI BORDO NON RILEVA LE BOE DEI SEGNALI PERMISSIVI INTERMEDI P P 265 PL A B P P P 267P 269 C P P 263 P PL P 261

42 42 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO NON SI E MAI ESONERATI DAI SEGNALI DI PROTEZIONE E PARTENZA ANCHE SE MUNITI DI PERMISSIVITA TEMPORANEA PER IL LORO SUPERAMENTO A V.I. VALGONO LE NORME DELL ART. 48/7 RS ( PRESCRIZIONE NELLE RIGHE IN BIANCO DELL M40 DL BA) NEL CASO DI SEGNALI DI BLOCCO INTERMEDI PERMISSIVI CON P LUMINOSA LAMPEGGIANTE (VOCE N° 12 M40 DL BA) ATTENERSI ALLE NORME DELLART. 48/5 RS ESEMPIO DI GUASTO AL BLOCCO AUTOMATICO TRA A e C CON LOCALITA B INTERPOSTA IMPRESENZIATA (BLOCCO TELEFONICO) P P 265 PL A B P P P 267P 269 C P P 263 P PL P 261

43 43 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO CON LA DISPOSIZIONE 40 DEL 23/10/2007 GLI M40 DL SONO STATI RIDOTTI A N° 2 TIPI DI MODULI M40 DL (B.A.) M40 DL (B.A.) M40 DL (B.m/B.ca/B.tel) M40 DL (B.m/B.ca/B.tel) ESAUSTIVI DI OGNI CONDIZIONE DI CIRCOLAZIONE

44 44 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO DISTANZIAMENTO TELEFONICO TRA A e C CON LOCALITA B IMPRESENZIATA E LAVORI DI MANUTENZIONE AL BLOCCO TRA B e C E LAVORI DI MANUTENZIONE AL BLOCCO TRA B e C IN CASO DI LAVORI DI MANUTENZIONE AL BLOCCO AI TRENI DEVE ESSERE PRESCRITTO: CHE IL BLOCCO ELETTRICO NON FUNZIONA TRA LE STAZIONI (DISABILITATE O IMPRESENZIATE) CHE DELIMITANO IL TRATTO INTERESSATO DAI LAVORI E DI ESCLUDERE LA FUNZIONE RS (VOCE 9 M40DL BA) CHE IL BLOCCO ELETTRICO NON FUNZIONA TRA LE STAZIONI (DISABILITATE O IMPRESENZIATE) CHE DELIMITANO IL TRATTO INTERESSATO DAI LAVORI E DI ESCLUDERE LA FUNZIONE RS (VOCE 9 M40DL BA) DI NON TENER CONTO, NELLA TRATTA INTERESSATA, DEI SEGNALI DI BLOCCO INTERMEDI PERMISSIVI SALVO QUELLI A PROTEZIONE P.L. O RACCORDI IN LINEA (VOCE 10 M40 DL BA ). DI NON TENER CONTO, NELLA TRATTA INTERESSATA, DEI SEGNALI DI BLOCCO INTERMEDI PERMISSIVI SALVO QUELLI A PROTEZIONE P.L. O RACCORDI IN LINEA (VOCE 10 M40 DL BA ). LA M.A.V. SPECIFICA AGLI EVENTUALI P.L. PROTETTI DA SEGNALI PERMISSIVI INTERMEDI (VOCE 11 M40 DL BA). LA M.A.V. SPECIFICA AGLI EVENTUALI P.L. PROTETTI DA SEGNALI PERMISSIVI INTERMEDI (VOCE 11 M40 DL BA). LOSSERVANZA DELLE CAUTELE DELL ART. 48/5 RS PER EVENTUALI SEGNALI PERMISSIVI INTERMEDI A V.I. CON P LAMPEGGIANTE (VOCE 12 M 40 DL BA) LOSSERVANZA DELLE CAUTELE DELL ART. 48/5 RS PER EVENTUALI SEGNALI PERMISSIVI INTERMEDI A V.I. CON P LAMPEGGIANTE (VOCE 12 M 40 DL BA) DI OSSERVARE LE CAUTELE DI CUI ALL ART. 48/7 RS NEL CASO DI SUPERAMENTO DI SEGNALI DI PROTEZIONE E/O PARTENZA A V.I. CON LETTERA P ACCESA A LUCE FISSA O LAMPEGGIANTE ( RIGHE IN BIANCO M 40 DL BA)DI OSSERVARE LE CAUTELE DI CUI ALL ART. 48/7 RS NEL CASO DI SUPERAMENTO DI SEGNALI DI PROTEZIONE E/O PARTENZA A V.I. CON LETTERA P ACCESA A LUCE FISSA O LAMPEGGIANTE ( RIGHE IN BIANCO M 40 DL BA) ART. 37/10 ISTR. PER ESERCIZIO BLOCCO ELETTR.

45 45 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO ART. 37/10 ISTR. PER ESERCIZIO BLOCCO ELETTR. NON SI E MAI ESONERATI, VENGONO PRESCRITTE LE NORME DELL ART. 48/7 RS, NELLE RIGHE IN BIANCO DELL M40 DL BA. PER IL SUPERAMENTO CON P SPENTA OSSERVARE LE NORME DELLART. 48/8 RS P 265 A B P 267P 269PL C P P P P PL TRATTA INTERESSATA DA LAVORI DI MANUTENZIONE AL BLOCCO P 261 DISTANZIAMENTO TELEFONICO TRA A e C CON LOCALITA B IMPRESENZIATA E LAVORI DI MANUTENZIONE AL BLOCCO TRA B e C E LAVORI DI MANUTENZIONE AL BLOCCO TRA B e C CON RSC ESCLUSA (SCMT IN PREDISPOSIZIONE) IL SISTEMA DI BORDO NON RILEVA LE BOE DEI SEGNALI PERMISSIVI INTERMEDI

46 46 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO CON LA DISPOSIZIONE 40 DEL 23/10/2007 GLI M40 DL SONO STATI RIDOTTI A N° 2 TIPI DI MODULI M40 DL (B.A.) M40 DL (B.A.) M40 DL (B.m/B.ca/B.tel) M40 DL (B.m/B.ca/B.tel) ESAUSTIVI DI OGNI CONDIZIONE DI CIRCOLAZIONE

47 47 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO CIRCOLAZIONE IN REGIME DI BLOCCO TELEFONICO CON LOCALITA INTERMEDIE IMPRESENZIATE (NUOVO ART 48/7 R.S.) CIRCOLAZIONE IN REGIME DI BLOCCO TELEFONICO CON LOCALITA INTERMEDIE IMPRESENZIATE (NUOVO ART 48/7 R.S.) COMPORTAMENTO AL SEGNALE DI PARTENZA DI STAZIONE A VIA IMPEDITA P ACCESA A LUCE FISSA: M.A.V. MAX 30 Km/h (+ M.A.V. SPECIFICA AGLI EVENTUALI P.L. PROTETTI) M.A.V. MAX 30 Km/h (+ M.A.V. SPECIFICA AGLI EVENTUALI P.L. PROTETTI) FINO AL TERMINE DELL ITINERARIO DI PARTENZA. NEL CASO DI PL UBICATI OLTRE IL TERMINE DELL ITINERARIO DI PARTENZA LA M.A.V. a V. MAX. 30 Km/h PROSEGUE FINO ALL ULTIMO P.L. PROTETTO P ACCESA A LUCE LAMPEGGIANTE: OLTRE ALL OSSERVANZA DEGLI OBBLIGHI SUDDETTI, IL MACCHINISTA SI ATTIENE ALLE NORME PREVISTE DALLART 48/5 RS ( BATTUTA DI ARRESTO E CONTROLLO DEVIATOI PER IL CORRETTO TRACCIATO) STAZIONE IMPRESENZIATA P P PL P P PL PROTETTO OLTRE IL TERMINE DELL ITINERARIO DI PARTENZA

48 48 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO CIRCOLAZIONE IN REGIME DI BLOCCO TELEFONICO CON LOCALITA INTERMEDIE IMPRESENZIATE (NUOVO ART 48/8 R.S.) CIRCOLAZIONE IN REGIME DI BLOCCO TELEFONICO CON LOCALITA INTERMEDIE IMPRESENZIATE (NUOVO ART 48/8 R.S.) COMPORTAMENTO AI SEGNALE DI PROTEZIONE / PARTENZA E BLOCCO INTERMEDIO A VIA IMPEDITA CON P SPENTA STAZIONE IMPRESENZIATA P P P PL P IL CAPO TRENO DOPO LARRESTO DEVE METTERSI IN COMUNICAZIONE CON IL DM DELLA SUCCESSIVA STAZIONE PER RICEVERE LE OCCORRENTI PRESCRIZIONI PER IL PROSEGUIMENTO DELLA CORSA

49 49 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO

50 50 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO UN TRENO PUO ESSERE AUTORIZZATO –(DA STAZIONE PRECEDENTE)- A RIPRENDERE LA CORSA DAI SEGNALI DI BLOCCO INTERMEDI CHE NON PROTEGGANO PUNTI SINGOLARI DELLA LINEA E DAI SEGNALI A PROTEZIONE PROPRIA DEI PL ( R.S. articolo 53/1-a ) PER TALUNI BIVI TELECOMANDATI DA STAZIONE, INDICATI NELL ORARIO DI SERVIZIO, E CONSENTITA LA CONSEGNA DELLA PRESCRIZIONE DA PARTE DELLA STAZIONE STESSA SULLE LINEE ESERCITATE IN Bem o Bca E AMMESSO AUTORIZZARE DALLA PRECEDENTE STAZIONE, CON M40 DL LA RIPRESA DELLA CORSA DAI SEGNALI DEI PBI A V.I. CON LETTERA A SPENTA O NON MUNITI DI LETTERA A, CHE NON PROTEGGANO PUNTI SINGOLARI DELLA LINEA, e di PROTEZ. PROPRIA DEI P.L. CON BARRIERE di cui all art. 53/1-a 53/1-b R.S. A PBI 7 2PL 47 ART. 49/3 RS – ART. 21/6 ISPAT LINEE con Bem - Bca - B tel

51 51 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO LA VOCE 10 DELL M40 DL (B.m/ B.tel/ B.ca) AUTORIZZA A RIPRENDERE LA CORSA DA UN P.B.I. CON A SPENTA CHE NON PROTEGGE PUNTI SINGOLARI DELLA LINEA LA VOCE 9 DELL M40 DL (B.m/ B.tel/ B.ca) RIBADISCE LOBBLIGO DEL RISPETTO Di TUTTI I SEGNALI INCONTRATI A PBI 7AB ARTICOLO 49/3 RS LINEE con Bem - Bca – B tel

52 52 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO CON LA DISPOSIZIONE 40 DEL 23/10/2007 GLI M40 DL SONO STATI RIDOTTI A N° 2 TIPI DI MODULI M40 DL (B.A.) M40 DL (B.A.) M40 DL (B.m/B.ca/B.tel) M40 DL (B.m/B.ca/B.tel) ESAUSTIVI DI OGNI CONDIZIONE DI CIRCOLAZIONE

53 53 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO NON E PIU CONSENTITO LESONERO CON PRESCRIZIONE DA STAZIONE PRECEDENTE NEI CONFRONTI DEI SEGNALI DI PARTENZA DELLE STAZIONI DISABILITATE P STAZIONE DISABILITATA STAZIONI DISABILITATE SU LINEE IN B.A. e/o B.ca / B.m./ B.tel

54 54 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO Segnale di prot.di Stazione / Bivio / P.Comunic. ecc… non munite di lettere luminose - LINEE A DIRIGENZA LOCALE PRONTO PRONTO PRONTO Stazione IL CAPOTRENO NON DEVE PIU RECARSI NELLA LOCALITA PER VERIFICARNE IL PRESENZIAMENTO In caso di mancata comunicazione avvisare il D.C. IL TRENO POTRA AVANZARE SOLO DOPO IL (RI) PRESENZIAMENTO DELLA LOCALITA IL (RI) PRESENZIAMENTO DELLA LOCALITA Stazione ART. 49/5 R.S. 3

55 55 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO ART. 49/6 Sexies R.S. NEL CASO DI PARTENZA CON SEGNALE RIPETITORE O SUSSIDIARIO a V. I. IL PdC RICEVE PRESCRIZIONE ( M 40 D.L. o M 40 TELEC) DI AUTORIZZAZIONE A SUPERARE DETTO SEGNALE CON M.A.V. 30 Km/h SULL ITINERARIO INTERESSATO CHE TERMINA AL SUCCESSIVO SEGNALE DI PARTENZA. Stazione RIP

56 56 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO LA PRESENZA DELLA TABELLA LIMITE DI FERMATA SCMT DEVE ESSERE RIPORTATA NELL ORARIO DI SERVIZIO( FL) SPECIFICANDO : LA LOCALITA LA LOCALITA IL BINARIO IL BINARIO IL SEGNALE INTERESSATO RISPETTO SENSO MARCIA IL SEGNALE INTERESSATO RISPETTO SENSO MARCIA LA DISTANZA CHE SEPARA LA TABELLA DAL SEGNALE. LA DISTANZA CHE SEPARA LA TABELLA DAL SEGNALE. LIMITE FERMATA SCMT ART. 77 R.S.

57 57 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO DISPOSIZIONI 42 e 59/2007 MODIFICHE Istruzione Servizio Deviatori

58 58 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO

59 59 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO PER LAVORI DI MANUTENZIONE/RIPARAZIONE, AL FINE DI MANTENERE ATTIVA LA PROTEZIONE DEI P.I. E AMMESSO,SOLO DI GIORNO, LO SPEGNIMENTO DEI SEGNALI FISSI CON LE EVENTUALI LETTERE LUMINOSE P – D – A I TRENI DEVONO ESSERE AVVISATI DELLA PRESENZA DI SEGNALI SPENTI IL PROVVEDIMENTO SI PUO ADOTTARE PER I SEGNALI DI PBI CHE NON PROTEGGONO PUNTI SINGOLARI DELLA LINEA E ANCHE PER SEGNALI DI PROTEZIONE PROPRIA DEI P.L. CON O SENZA BARRIERE (Art. 53 1a - 1b – Art.53bis RS) NORME PER SEGNALI SPENTI SU LINEE CON PROTEZIONE SCMT/SSC I.S.D. Art.25 - I.E.T APBI

60 60 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO SI PUO ESSERE AUTORIZZATI DA PRECEDENTE STAZIONE A RIPRENDERE LA CORSA DAI P.B.I. MANTENUTI SPENTI CHE NON PROTEGGONO PUNTI SINGOLARI DELLA LINEA 11 Siete autorizzati a riprendere la corsa dai segnali di PBI n°…… spenti con lettera A spenta ………………………………………………………………………………………………………………….… ……………………………………………………………………………………………………………… M40 TELEC/ M40 DL NORME PER SEGNALI SPENTI SU LINEE CON PROTEZIONE SCMT/SSC I.S.D. Art I.E.T APBI Tale procedura è valida anche per i segnali spenti di protez. di PL con barriere e senza barriere, associando la prescrizione di marcia a vista specifica ai PL

61 61 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO PER I SEGNALI DIVERSI DA PBI DEVE ESSERE PRESCRITTO DI FERMARSI E DI RICEVERE ULTERIORI PRESCRIZIONI DAL DCO/DM PER I SEGNALI DI AVVISO SPENTI DEVE ESSERE NOTIFICATO DI CONSIDERARLI AVVISO DI VIA IMPEDITA NORME PER SEGNALI SPENTI SU LINEE CON PROTEZIONE SCMT/SSC I.S.D. Art I.E.T APBI 11 Fermate al segnale di………….. spento e mettetevi in comunicazione con il DCO ( DM) per ricevere ulteriori comunicazioni …………………………………………………………. M40 TELEC/ M40 DL segnale di avviso di…… spento da considerarsi avviso di via impedita

62 62 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO PER I SEGNALI DI PROTEZIONE PROPRIA DEI PL SENZA BARRIERE DEVE ESSERE NOTIFICATO LO SPEGNIMENTO E LA MARCIA A VISTA SPECIFICA IN CORRISPONDENZA DEI PL PROTETTI INTERESSATI NORME PER SEGNALI SPENTI SU LINEE CON PROTEZIONE SCMT/SSC I.S.D. Art I.E.T

63 63 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO PICCHETTO INDICATORE PUNTO INFORMATIVO POSTICIPATO DEL SEGNALE DI PARTENZA SU LINEE ATTREZZATE CON SCMT E/O CON SSC VIENE INSTALLATO IN ALCUNE LOCALITA DI SERVIZIO DOVE IL P.I. E UBICATO DOPO IL SEGNALE DI PARTENZA LA PRESENZA DI TALE PICCHETTO DEVE ESSERE RIPORTATA NELL ORARIO DI SERVIZIO INDICANDO : LA LOCALITA LA LOCALITA IL BINARIO IL BINARIO IL SEGNALE INTERESSATO RISPETTO SENSO MARCIA IL SEGNALE INTERESSATO RISPETTO SENSO MARCIA LA DISTANZA CHE SEPARA IL PICCHETTO DAL SEGNALE LA DISTANZA CHE SEPARA IL PICCHETTO DAL SEGNALE ALLEGATO 1 RS - PUNTO 15 BIS

64 64 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO CON ROTABILI MUNITI DI SCMT, QUANDO IL TRENO IN PARTENZA È ATTESTATO OLTRE IL SEGNALE, IL PdC DEVE SEMPRE AVVISARE IL DM /DCO CON COMUNICAZIONE REGISTRATA ISPAT - ALLEGATO 4 /9 PARTENZA DEI TRENI CON LOCOMOTIVA OLTRE IL SEGNALE DI PARTENZA DISPOSTO A V.I.

65 65 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO QUANDO IL TRENO IN PARTENZA CON MEZZO ATTREZZATO CON SCMT È ATTESTATO OLTRE IL SEGNALE, Punto Informativo posticipato commutabile. ISPAT - ALLEGATO 4 /9 PICCHETTO INDICATORE PUNTO INFORMATIVO POSTICIPATO COMMUTABILE. SOLO SU DETERMINATI BINARI DI LINEE A DIRIGENZA LOCALE SOLO SU DETERMINATI BINARI DI LINEE A DIRIGENZA LOCALE CHE COMMUTERA IL PUNTO INFORMATIVO POSTICIPATO UTILIZZANDO IL TASTO Tb00. IL PDC DEVE AVVISARE CON COMUNICAZIONE REGISTRATA IL DM CHE COMMUTERA IL PUNTO INFORMATIVO POSTICIPATO UTILIZZANDO IL TASTO Tb00.

66 66 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO NEL CASO PER GUASTO O ALTRA CAUSA NON FOSSE UTILIZZABILE IL P.I. POSTICIPATO Punto Informativo posticipato non utilizzabile. ISPAT - ALLEGATO 4 /9 PICCHETTO INDICATORE PUNTO INFORMATIVO POSTICIPATO COMMUTABILE SOLO SU DETERMINATI BINARI DI LINEE A DIRIGENZA LOCALE SOLO SU DETERMINATI BINARI DI LINEE A DIRIGENZA LOCALE IL DM DEVE PRATICARE AI TRENI IN PARTENZA CON ROTABILE DI TESTA OLTRE IL SEGNALE DI PARTENZA SPECIFICA PRESCRIZIONE

67 67 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO PER LA RIPRESA DELLA CORSA OCCORRE RICEVERE SPECIFICA PRESCRIZIONE DA PARTE DEL DM/DCO/DPC/AG. LA NOTIFICA AL DM / DCO / DPC / AG DI UN GUASTO/ANORMALITA CHE HA COMPORTATO LA VISUALIZZAZIONE DELLICONA TRAIN - TRIP VA DATA NEL CASO INTERESSI SEGNALI FISSI NON DISPOSTI A VIA IMPEDITA SR ICONA TRAIN-TRIP 3)Si dà avviso al DM/DCO/DPC /AG *: SCMT rilevato guasto con visualizzazione dell icona di TRAIN-TRIP e con arresto del treno al segnale di protez./partenza*________di_______________ PBI/PBA* n°_____________ Il successivo segnale è a via libera/via impedita*. ( A richiesta del DM/DCO/DPC*) 2)Si dà avviso al DM/DCO/DPC /AG *: SCMT rilevato guasto con visualizzazione dell icona di TRAIN-TRIP e con arresto del treno sull itinerario di arrivo/partenza*_____di__________________________ 1) Si dà avviso al DM/DCO/DPC /AG *: SCMT rilevato guasto con visualizzazione dell icona di TRAIN-TRIP e con arresto del treno tra i cippi________e_______tra______________ e______________ M 40 a n ° ……………….. ISPAT- ALLEGATO 4/5

68 68 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO PER I TRENI AFFIDATI AD UN (SOLO) AGENTE DI CONDOTTA V. MAX 100 Km/h FINO ALLA RIATTIVAZIONE SCMT. (VIGILANTE INEFFICIENTEV. MAX 50 Km/h) PER I TRENI MERCI E VIAGGIATORI A LUNGA PERCORRENZA CON VIGILANTE INATTIVO AFFIDATI A 2 AGENTI DI CONDOTTA V. MAX 100 Km/h FINO ALLA RIATTIVAZIONE SCMT. CON QUESTE CONDIZIONE IL P.d.C. DOVRA POSIZIONARE LEVIG SU INSERITO CON LA PRESENZA IN CABINA DEL 2° AGENTE NON VI SONO LIMITAZIONI DI VELOCITA RS C GUASTO A TERRA SCMT GUASTO A TERRA ESCLUSIONE MANUALE FUNZIONE SCMT IPCL ALLEGATO 14 TER EVIG

69 69 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO IL MACCHINISTA DEVE COMUNICARE AL CT LEVENTUALE NECESSITA DELLA SUA PRESENZA IN CABINA DI GUIDA COME SECONDO AGENTE, PER GUASTO ALL SCMT. NEI TRENI MUNITI DI SCMT IL CT PUO SVOLGERE LE INCOMBENZE DI SUA SPETTANZA SU TUTTO IL CONVOGLIO, MA DEVE PORTARSI CON SOLLECITUDINE IN CABINA IN PRESENZA DI FRENATURA DURGENZA PER GLI INTERVENTI DEL CASO. IN PRESENZA DI GUASTO DELL SCMT IL CT PRENDERA POSTO IN CABINA QUALORA ABBIA DETERMINATO LA PERDITA DELLA FUNZIONE VIGILANTE, ANCHE NEL CASO CHE IL CT SIA LUNICO AGENTE PRESENTE SUL TRENO E LA CABINA DI GUIDA NON SIA COMUNICANTE CON IL RESTO DEL CONVOGLIO. (ISPAT–Art. 14/6) ESCLUSIONE MANUALE FUNZIONE SCMT ISPAT- ALLEGATO 4/6 RS C GUASTO A TERRA SCMT GUASTO A TERRA CON LA PRESENZA IN CABINA DEL 2° AGENTE NON VI SONO LIMITAZIONI DI VELOCITA Prescr. 6/3/2007

70 70 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO

71 71 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO

72 72 LINEA QUALITA I.S.R. TORINO Si ringraziano gli Istruttori P.d.C. per il materiale fornito


Scaricare ppt "Il cappello 01/2008 GENNAIO 2008 Direz. Regionale Piemonte Impianto Scorta Regionale TORINO."

Presentazioni simili


Annunci Google