La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

EFFETTIVI 329360445576629667707788821880 EFFETTIVI 911987 EFFETTIVI 9451.020 EFFETTIVI Donatori utilizzati ed effettivi– Anni 1992/2008* 947104211201203.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "EFFETTIVI 329360445576629667707788821880 EFFETTIVI 911987 EFFETTIVI 9451.020 EFFETTIVI Donatori utilizzati ed effettivi– Anni 1992/2008* 947104211201203."— Transcript della presentazione:

1

2 EFFETTIVI EFFETTIVI EFFETTIVI EFFETTIVI Donatori utilizzati ed effettivi– Anni 1992/2008* EFFETTIVI Donatori Effettivi – Utilizzati P.M.P. EFFETTIVI EFFETTIVI EFFETTIVI EFFETTIVI *Dati preliminari al 30 novembre 2008 Nellultimo decennio la delicata problematica della donazione e trapianto di organi, tessuti e cellule ha ricevuto in Italia un notevole impulso grazie alle sinergie tra istituzioni centrali,regionali e locali ed allentrata in vigore di disposizioni legislative rigorose e scientificamente riconosciute che regolano lintera materia

3 Delibera del 13 febbraio 2006 n° 70 Riorganizzazione dellattività di coordinamento delle donazioni prelievi e trapianti di organi tessuti e cellule in ambito regionale La Regione Calabria ha istituito il Centro Regionale per i Trapianti, con sede istituzionale a Catanzaro presso il Dipartimento per la Tutela della Salute e Politiche Sanitarie per assicurare il necessario raccordo con gli organi regionali, e con sede operativa, data la necessità di funzionamento in H24, presso l Azienda Ospedaliera di Reggio Calabria. Centro Regionale per i Trapianti

4

5 Legge 1° aprile 1999, n. 91 "Disposizioni in materia di prelievi e di trapianti di organi e di tessuti" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 87 del 15 aprile 1999 Le funzioni del Centro Regionale Trapianti sono quelle previste dallarticolo 10 della Legge 1° aprile 1999, n. 91 e dalle Linee Guida del Centro Nazionale per i Trapianti Le suddette Linee Guida, pur ribadendo lautonomia delle singole regioni per ciò che attiene la scelta dei modelli organizzativi consoni alle realtà territoriali, sono finalizzate ad uniformare le attività di coordinamento dei Centri Regionali per i Trapianti relativamente al reperimento di organi e tessuti in ambito nazionale ( artt. 8,10,11,12, della Legge 1° aprile 1999, n. 91 ) Centro Regionale per i Trapianti

6 Coordina tutta lattività svolte in regione nel rispetto delle leggi, disposizioni,procedure e linee guida specifiche emanate dellIstituto Superire di Sanità e del Centro Nazionale per i Trapianti, a garanzia di tutti i pazienti che sono chiamati a ricevere gli organi ed i tessuti generosamente donati. Decreto del Dirigente Generale del Dipartimento per la tutela della Salute della Regione Calabria Del 07 Aprile 2003 n° 4268 e del 27 Novembre 2006 n° COORDINATORE REGIONALE COORDINATORE D AREA (Rc) COORDINATORE D AREA (Cz) COORDINATORE D AREA (Cs) RIANIMAZIONI COORDINATORI LOCALI Centro Regionale per i Trapianti

7 Decreto del Dirigente Generale del Dipartimento per la tutela della Salute della Regione Calabria del 14 marzo 2007 n° 2283 Nomina del Comitato Tecnico Regionale. IL Comitato Tecnico Regionale per lattività di donazione e trapianti Svolge : 1. Funzioni Consultive 2. Azione di collaborazione per l elaborazione di programmi regionali per i trapianti 3. Stesura di Linee Guida organizzative 4. Stesura di protocolli operativi Sulla base delle indicazioni del coordinamento interregionale OCST e della Consulta Tecnica Nazionale. Comitato Tecnico Regionale

8 Identità Istituzionale Il Coordinatore Locale viene nominato tra i medici in servizio che abbiano maturato esperienza nel processo donazione-prelievo-trapianto. È nominato con provvedimento del Direttore Generale dell Azienda Ospedaliera su proposta del Direttore Sanitario Aziendale, previa valutazione delle competenze tecniche da parte del Coordinatore del Centro Regionale Trapianti.

9 Ruolo del Coordinatore Locale Predisporre il programma annuale delle attività, da sottoporre alla valutazione della Direzione Generale della propria azienda e del Coordinatore Regionale;

10 Ruolo del Coordinatore Locale Elaborare i programmi per il reperimento di organi e tessuti; Vivente Reni + Fegati + Tessuti Morte EncefalicaArresto CardiacoExitus Donatore Cuore Fermo Organi e TessutiTessuti PROCURAMENT DI ORGANI E TESSUTI

11 Ruolo del Coordinatore Locale Compilare, in collaborazione con il proprio coordinatore darea e con la Direzione Sanitaria del presidio, il registro locale dei cerebrolesi deceduti, dei prelievi effettuati e delle cause di mancata effettuazione dei prelievi, nonché le schede inerenti al programma di garanzia di qualità del processo di donazione;

12 Ruolo del Coordinatore Locale Monitorizzare i decessi per individuare i potenziali donatori di organi e tessuti e collaborare con i rianimatori ai colloqui con i familiari dei donatori;

13 Ruolo del Coordinatore Locale Attivare attraverso la Direzione Sanitaria il collegio di accertamento della morte nei casi previsti dalle normative vigenti in materia ( legge 578/93 e DM 582/94 ) anche indipendentemente dalla donazione di organi e tessuti; Collegio medico composto : Un medico legale, o in mancanza da un medico della Direzione Sanitaria o da un anatomo-patologo, Un medico legale, o in mancanza da un medico della Direzione Sanitaria o da un anatomo-patologo, Un medico specialista in anestesia e rianimazione Un medico specialista in anestesia e rianimazione Un medico neurologo o neurochirurgo. Un medico neurologo o neurochirurgo. La partecipazione al collegio medico è obbligatoria e rientra nei doveri dufficio del nominato. Il collegio medico deve esprimere un giudizio unanime sul momento della morte. Collegio medico per accertamento di morte cerebrale Legge n° 578 del 29 Dicembre 1993 D.M. N° 582 DEL 22/08/1994; Articolo 2 comma 6,7,8,9

14 organoAB0HLA cuore fegato rene midollo osseo Ruolo del Coordinatore Locale Predisporre linvio di materiale necessario alla tipizzazione del donatore al laboratorio di Tipizzazione Tissutale; Importanza compatibilità AB0 E HLA nei trapianti

15 Ruolo del Coordinatore Locale Assicurare limmediata comunicazione dei dati relativi al potenziale donatore al Centro Regionale Trapianti;

16 Ruolo del Coordinatore Locale Assicurare il coordinamento di tutte le operazioni di prelievo e trasferimento di organi e tessuti;

17 Ruolo del Coordinatore Locale Coordinare e trasmettere gli atti amministrativi relativi agli interventi di prelievo previsti dalle norme;

18 Ruolo del Coordinatore Locale Svolgere attività di sensibilizzazione e consulenza nei confronti degli operatori sanitari della propria azienda sulle problematiche relative alla donazione e trapianto in accordo con le linee programmatiche regionali; Fare Azione Dimostrare Simulazione Sapere Come Fare Competenza Sapere Conoscenza

19 Ruolo del Coordinatore Locale Curare i rapporti con le famiglie dei donatori, sia nel contesto della donazione che nei momenti successivi; Richiesta di diDonazione NoSiIncertezza

20 Ruolo del Coordinatore Locale Sviluppare relazioni organiche con i medici di medicina generale, allo scopo di sensibilizzare e informare correttamente sulla possibilità terapeutiche del trapianto e sul valore sociale della donazione;

21 Ruolo del Coordinatore Locale Presentare annualmente, alla Direzione Generale dellAzienda e al Coordinatore Regionale dei Trapianti, una motivata relazione in merito allattività svolta;

22 Ruolo del Coordinatore Locale Individuare, nellambito del programma, i percorsi per assicurare lottimizzazione della logistica ospedaliera delle attività di prelievo e trapianto; OSPEDALE EQUIPE Prelievo e Trapianto ORGANIZZAZIONE

23 Ruolo del Coordinatore Locale Organizzare l' attività di informazione, educazione sanitaria e di crescita culturale della comunità locale in tema di trapianti in collaborazione con le associazioni di volontariato, utilizzando materiale e modalità concordati con il Centro Regionale Trapianti. Società Associazioni Operatori Sanitari Sensiblizzazione ed Informazione

24 Il Coordinatore Locale È lallenatore: Convoca i giocatori Convoca i giocatori Armonizza la squadra di professionisti con competenze diverse Armonizza la squadra di professionisti con competenze diverse È lallenatore: Convoca i giocatori Convoca i giocatori Armonizza la squadra di professionisti con competenze diverse Armonizza la squadra di professionisti con competenze diverse

25


Scaricare ppt "EFFETTIVI 329360445576629667707788821880 EFFETTIVI 911987 EFFETTIVI 9451.020 EFFETTIVI Donatori utilizzati ed effettivi– Anni 1992/2008* 947104211201203."

Presentazioni simili


Annunci Google