La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Esiodo, nella Teogonia (Lorigine degli dei) descrive la nascita degli dei greci. Le prime divinità a nascere furono Caos (lAbisso), Gaia (la Terra), Tartaro.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Esiodo, nella Teogonia (Lorigine degli dei) descrive la nascita degli dei greci. Le prime divinità a nascere furono Caos (lAbisso), Gaia (la Terra), Tartaro."— Transcript della presentazione:

1

2 Esiodo, nella Teogonia (Lorigine degli dei) descrive la nascita degli dei greci. Le prime divinità a nascere furono Caos (lAbisso), Gaia (la Terra), Tartaro (le fondamenta della terra) ed Eros. Grazie allinfluenza di Eros e allunione di queste prime divinità, ebbero origine poi Erebo (la Tenebra) e Notte, dalla cui unione nacquero Etere (laria luminosa) e Giorno. Gaia generò poi Urano simile a lei, in modo che lavvolgesse per leternità. In questo modo, secondo Esiodo, nacque la terra e tutto ciò che è in essa. Questa teoria nacque da un bisogno sempre crescente delluomo di dare una spiegazione a tutto ciò che non riusciva a comprendere. Per questo motivo si affidava alle divinità anche per spiegare tali questioni e riusciva, in tal modo, a soddisfare la sua curiosità.

3 ½toi mn prètista C£oj gšnet'· aÙt¦r œpeita Ga' eÙrÚsternoj, p£ntwn doj ¢sfalj aeˆ ¢qan£twn o œcousi k£rh nifÒentoj 'OlÚmpou, T£rtar£ t' ºerÒenta mucù cqonÕj eÙruode…hj, ºd' Eroj, Öj k£llistoj n ¢qan£toisi qeosi, lusimel»j, p£ntwn te qeîn p£ntwn t' ¢nqrèpwn d£mnatai n st»qessi nÒon kaˆ p…frona boul»n. k C£eoj d' ErebÒj te mšlain£ te NÝx gšnonto· NuktÕj d' aât' Aq»r te kaˆ `Hmšrh xegšnonto, oÞj tške kusamšnh 'Eršbei filÒthti migesa. Gaa dš toi prîton mn ge…nato son ˜wutÍ OÙranÕn ¢sterÒenq', na min perˆ p£nta kalÚptoi, Ôfr' eh mak£ressi qeoj doj ¢sfalj ae…, Dunque per primo fu Caos, e poi, Gaia dallampio petto, sede sicura per sempre e di tutti. Gli immortali che tengono la vetta nevosa dOlimpo, e Tartaro nebbioso nei recessi della terra dalle ampie strade, e poi Eros, il più bello fra gli immortali, che rompe le membra, e di tutti gli dei e di tutti gli uomini doma nel petto il cuore e il saggio consiglio. Da Caos nacquero Erebo e nera Notte. Da Notte provennero Etere e Giorno, che lei concepì a Erebo unita in amore. Gaia per primo generò, simile a sé, Urano stellato, che lavvolgesse tutta dintorno, che fosse ai beati sede sicura per sempre... (Esiodo, Teogonia, trad.G.Arrighetti,BUR)

4 Il pensiero di Aristofane era molto simile a quello di Esiodo, poiché la sua concezione personale era tipicamente greca. In una delle sue opere, Gli Uccelli, fa raccontare un racconto mitico che risulta differente da quello di Esiodo. Per primi furono Caos, la Notte, il nero Erebo e il Tartaro ampio. La notte depose poi un uovo, in cui il vento infuse la vita, da cui nacque Eros. Attraverso poi le unioni delle divinità generatesi, nacquero il cielo, loceano, la terra e la stirpe immortale degli dei. Aristofane era un commediografo e come tale, anche lui interpretava tutto ciò che lo circondava non scientificamente, ma basandosi soprattutto sugli scritti dei suoi predecessori. In questo caso, egli fa narrare il mito riprendendo la tradizione Orfica.

5 C£oj Ãn kaˆ NÝx ErebÒj te mšlan prîton kaˆ T£rtaroj eÙrÚj· gÁ d' oÙd' ¢¾r oÙd' oÙranÕj Ãn· 'Eršbouj d' n ¢pe…rosi kÒlpoij t…ktei prètiston Øphnšmion NÝx ¹ melanÒpteroj òÒn, x oá peritellomšnaij éraij œblasten Erwj Ð poqeinÒj, st…lbwn nîton pterÚgoin crusan, ekëj ¢nemèkesi d…naij. Oátoj d C£ei pterÒenti migeˆj nÚcioj kat¦ T£rtaron eÙrÝn neÒtteusen gšnoj ¹mšteron, kaˆ prîton ¢n»gagen ej fîj. PrÒteron d' oÙk Ãn gšnoj ¢qan£twn, prˆn Erwj xunšmeixen ¤panta· xummeignumšnwn d' ˜tšrwn ˜tšroij gšnet' oÙranÕj çkeanÒj te kaˆ gÁ p£ntwn te qeîn mak£rwn gšnoj ¥fqiton. La Notte, il Caos e lErebo fosco da prima, e vera lo spazioso Tartaro; ma non il firmamento,né la Terra, né lEtere. La Notte Alata e nera, per prima cosa, depose un uovo, cui vita infuse il vento, nel grembo vastissimo dellErebo. Con gli anni ne uscì Amore. Desio del mondo, sulle cui braccia splendevano piccole ali dorate: veloce come una tempesta di vento. Insieme a lui, unitosi nellampio Tartaro, il Caos dalle ali tenebrose creò una razza, e venne per prima alla luce la nostra stirpe: innanzi non erano glImmortali che Amore tutte quante cose mescolasse. La Terra, il Cielo e lOceano nacquero da tale unione, assieme alleterna stirpe degli Dei Beati.

6 Per i Testi: Esiodo, Teogonia Aristofane, Gli Uccelli G. Arrighetti, traduzione Esiodo, Teogonia, BUR Per le immagini: Autori: Letizia Troiani Giulia Greco Classe 2B


Scaricare ppt "Esiodo, nella Teogonia (Lorigine degli dei) descrive la nascita degli dei greci. Le prime divinità a nascere furono Caos (lAbisso), Gaia (la Terra), Tartaro."

Presentazioni simili


Annunci Google