La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria dei Processi Industriali Dipartimento di Chimica, Materiali e Ingegneria Chimica Giulio Natta STUDIO DELLE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria dei Processi Industriali Dipartimento di Chimica, Materiali e Ingegneria Chimica Giulio Natta STUDIO DELLE."— Transcript della presentazione:

1 POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria dei Processi Industriali Dipartimento di Chimica, Materiali e Ingegneria Chimica Giulio Natta STUDIO DELLE PROPRIETA CHIMICO FISICHE E REOLOGICHE DI SOSPENSIONI DI ALLUMINA PER DEPOSIZIONE SU CATALIZZATORI STRUTTURATI Presentazione di MATTEO MERAZZITutor: prof. Pio FORZATTI Relatore: prof. Cinzia CRISTIANI

2 UTILIZZI: Abbattimento di composti organici volatili (VOC) Controllo delle emissioni inquinanti da sorgenti fisse e mobili (combustione catalitica per applicazioni di potenza, Riduzione Catalitica Selettiva, marmitte catalitiche) Applicazioni recenti nellindustria chimica di processo Introduzione: catalizzatori strutturati/1 VANTAGGI: Basse perdite di carico anche per portate elevate Elevata area geometrica specifica (favoriti scambi termici e materiali) Controllo della diffusione intraporosa mediante deposizione di strati attivi molto sottili

3 Washcoat Supporto Elemento attivo La bontà di un catalizzatore strutturato dipende dalle caratteristiche di spessore e di adesione dello strato deposto E importante comprendere in quale modo le variabili preparative di una sospensione influenzino la bontà dello strato Introduzione: catalizzatori strutturati/2 Nel metodo di deposizione via dipping la viscosità è il parametro governante degli strati deposti La deposizione avviene a partire da sospensioni acide di allumina Le sospensioni utilizzate devono avere requisiti di stabilità e di omogeneità per essere deponibili Metodo di deposizione scelto: Dipping

4 Scopo del lavoro Scopo di questo lavoro è comprendere leffetto dei parametri preparativi che portano alla formazione di sospensioni di allumina con viscosità adatte ai nostri scopi E noto dalla letteratura che una sospensione acida di allumina è un sistema complesso, caratterizzato dalla presenza di fasi sol, gel e polvere non dispersa Studio di un sistema-modello più semplice, costituito da una polvere completamente disperdibile E necessario correlare le variabili operative alla viscosità finale del sistema La polvere da noi utilizzata è il Disperal ® (AlOOH·0.25H 2 O) La scheda tecnica del produttore indica che la boehmite è disperdibile oltre il 98% per diverse ricette preparative

5 Parte sperimentale: elenco prove effettuate Sono state effettuate prove di disperdibilità per indagare il campo di lavoro Si è scelto di operare nel campo di disperdibilità totale, per cui si hanno le sole fasi sol e gel Boehmite g H2OgH2Og HNO 3 g DA DA DA DA DP DP DP DP

6 Le sospensioni sono preparate immettendo la polvere in un reattore batch incamiciato contenente la soluzione acida sotto agitazione magnetica La sospensione è mantenuta a temperatura costante di ~17°C, sotto agitazione, per 48h Parte sperimentale: preparazione e caratterizzazione Misure di pH: è stato misurato il pH per tutta la durata della prova Prove di ultracentrifugazione: la separazione sol-gel è stata ottenuta ultracentrifugando (13000 rpm – 60) il campione a 48h Essiccamento e calcinazione: le fasi ultracentrifugate sono state essiccate in stufa a 110°C per più di 5 ore, quindi calcinate a 800°C Prove di ultrafiltrazione: effettuate sulla fase sol Misure di assorbimento atomico: effettuate sul sol ultrafiltrato Misure reologiche: effettuate su tutti i campioni scaricati, con un reometro rotazionale a piatti piani Misure effettuate

7 Polvere Polvere caricaColloide Aggregazione Gel Letteratura: meccanismo proposto/1 Al 3+ in soluzione Le reazioni sono acido dipendenti; il consumo di acido è associato alle reazioni di caricamento e dissoluzione Le reazioni di caricamento sono pi ù veloci di quelle di dissoluzione Caricamento: Al-OH + H + Al-OH 2 + Dissoluzione: AlOOH + 3H + Al H 2 O Reazioni Laiti et al, Journal of Colloid and Interface Science, 1995 Lef è vre et al., Journal of Colloid and Interface Science, 2004

8 Le moli di acido iniziali sono quelle corrispondenti alla soluzione acida Le moli di acido finali derivano dalla misurazione del pH Gli ioni Al 3+ vengono rilevati sulla fase sol ultrafiltrata tramite assorbimento atomico e giustificano il consumo di H + per dissoluzione: mol H + dissoluzione = 3·mol Al 3+ La quantità di acido totale è ripartita tra le reazioni di caricamento, dissoluzione e lacido residuo: mol H + totali = mol H + caricamento + mol H + dissoluzione + mol H + residue Laiti et al., Journal of Colloid and Interface Science, 1995 Baumgaten et al., Journal of Colloid and Interface Science, 1995 Fauchadour et al., Studies in surface science and catalisys, 2002 Per differenza, possono essere stimate le moli di H + consumate per caricamento, in quanto non direttamente misurabile Letteratura: meccanismo proposto/2

9 Miscela reagente pH 48h Sospensione a 48h Gel Gel essiccato >5h110°C Sol calcinato 800°C – 1°C/ 10h Gel calcinato 800°C – 1°C/ 10h SolSol ultrafiltratoSol essiccato >5h110°C Parte sperimentale: metodologia adottata Assorbimento atomico Misure reologiche Ultracentrifugazione pH iniziale = [H + ] caricamento + 3·[Al 3+ ] + pH finale Al 3+

10 Risultati: effetto dellacqua/1 Andamento simile per tutte le prove Veloce consumo di acido nei primi 10 minuti Raggiungimento di un valore finale di pH costante e uguale per tutte le prove, corrispondente al pH di 4,00 riportato in letteratura e considerato di equilibrio per sospensioni di allumina ProvapH soluzionepH - 1hpH - 48h DA1 0,942,823,88 DA2 0,862,613,68 DA3 0,792,683,83 DA4 0,732,803,65 Fauchadour et al, Journal of Colloid and Interface Science, 2002

11 Risultati: effetto dellacqua/2 Il caricamento superficiale non sembra influire sulla quantità di gel formato La maggior quantità di gel sembra dipendere dalla maggior concentrazione delle particelle colloidali Caricamento molto superiore alla dissoluzione Valori di caricamento e dissoluzione indipendenti dalla quantità di acqua Quantità di gel più alta al diminuire della quantità di acqua Ad alti tenori di acqua il gel è costante pari al 35%

12 Le prove a maggior quantità di acqua sono caratterizzate da viscosità simili e basse (al limite di sensibilità dello strumento) La prova a minor contenuto di acqua presenta viscosità maggiori di 3 ordini di grandezza La viscosità del sistema aumenta al crescere della quantità di gel ProvaH 2 O [g]% gel DA1396,5636 DA2330,1434 DA3284,1446 DA4247,8596 Risultati: effetto dellacqua/3 Lincremento della viscosità sembra essere fortemente dipendente dalla quantità di gel formato anche se non è da escludere un contributo dovuto alleffetto lubrificante dellacqua.

13 Risultati: effetto dellacido/1 Lacido viene consumato quasi interamente nei primi 10 minuti della prova Il consumo globale di H + cresce al crescere della quantità di acido disponibile Il pH finale dopo 48h è tanto più basso quanto superiore è lacido di partenza ProvapH soluzionepH - 1hpH - 48h DP1 0,942,823,88 DP2 0,811,922,56 DP3 0,721,331,62 DP4 0,641,161,37

14 La formazione di gel anche in questo caso non sembra direttamente correlabile allentità del caricamento superficiale; la gelazione sembra piuttosto dipendente dalla disponibilità di acido Risultati: effetto dellacido/2 La quantità di gel aumenta allaumentare dellacido Le prove DP3 e DP4 mostrano una gelazione completa dopo 48h Consumo per dissoluzione crescente al crescere dellacido, ma comunque inferiore al consumo per caricamento Il consumo di acido per caricamento cresce fino a raggiungere un valore di plateau

15 Le curve di viscosità sono molto basse per le prove a minor contenuto di acido Allaumentare della quantità di acido la viscosità aumenta Le prove DP3 e DP4, nonostante la quantità di gel sia confrontabile ( 97% e 95%), hanno viscosità molto diverse ProvaHNO 3 [g]% gel DP DP DP DP Laumento della viscosità in queste prove non può essere imputato al solo effetto della quantità di gel Quali sono gli altri parametri che possono influenzare la viscosità? Risultati: effetto dellacido/3

16 Risultati: forza del gel E noto in letteratura che è possibile correlare la forza del gel al modulo elastico G E stata tentata unindagine preliminare della natura del gel utilizzando una tecnica reometrica in oscillatorio sulla sospensione La misura di G indicano la formazione di gel fisici Prova% gel Viscosità SR 10/s Pa/s G' SR 10/s Pa DA4966,874270,9 DP4953,309208,2 DP3970,056~3 La viscosità finale del sistema dipende sia dalla quantità di gel formato che dalla sua forza Prove effettuate a partire da preparazioni diverse possono condurre a sospensioni con viscosità simili Yanez et al., J. am. cer. soc., 1996

17 Conclusioni Effetto dellacqua: Per tutte le prove raggiungimento di un pH finale corrispondente a quello di equilibrio Consumo di acido per caricamento e dissoluzione costante al variare del tenore di acqua La quantità di gel formato indipendente dallentità del caricamento, piuttosto dipendente dalla concentrazione delle particelle colloidali in sospensione La viscosità aumenta al diminuire del tenore di acqua di pari passo con laumento della quantità di gel; non si può escludere un effetto lubrificante dellacqua Effetto dellacido Consumo di acido dipendente dalla sua quantità iniziale La quantità di gel formato sembra indipendente dallentità del caricamento; è comunque necessaria una quantità minima di caricamento per garantire la dispersione La viscosità cresce al crescere dellacido iniziale, ma non sembra direttamente correlata alla quantità di gel formato; indagini preliminari sembrano indicare la forza del gel come altro parametro influenzante la viscosità delle sospensioni Composizioni molto diverse possono condurre a sospensioni finali con caratteristiche reologiche molto simili

18 Piano di lavoro futuro Si sta indagando la forza del gel come parametro influenzante la viscosità delle sospensioni Sono in corso di indagine le variazioni di viscosità e forza dei gel nei campioni invecchiati, per stabilire eventuali evoluzioni nelle reazioni E allo studio una campagna di prove a polvere variabile Studio di sospensioni a partire da allumine non completamente disperdibili o da altri ossidi metallici

19 Fine della presentazione.


Scaricare ppt "POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria dei Processi Industriali Dipartimento di Chimica, Materiali e Ingegneria Chimica Giulio Natta STUDIO DELLE."

Presentazioni simili


Annunci Google