La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XVII. Il mercato dei beni in economia aperta 1 Il mercato dei beni in economia aperta Corso di Macroeconomia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XVII. Il mercato dei beni in economia aperta 1 Il mercato dei beni in economia aperta Corso di Macroeconomia."— Transcript della presentazione:

1 Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XVII. Il mercato dei beni in economia aperta 1 Il mercato dei beni in economia aperta Corso di Macroeconomia (L-Z) Prof. Andrea Fumagalli, Università di Pavia Lezione 17 Lezione 18

2 Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XVII. Il mercato dei beni in economia aperta 2 La curva IS in economia aperta Distinguiamo fra : Domanda di beni nazionali Domanda nazionale o domanda interna (compresi quindi anche i beni esteri)

3 Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XVII. Il mercato dei beni in economia aperta 3 La curva IS in economia aperta Domanda di beni nazionali : + domanda nazionale di beni (C+I+G) - importazioni (domanda nazionale di beni esteri) + esportazioni (domanda estera di beni nazionali) = domanda di beni nazionali

4 Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XVII. Il mercato dei beni in economia aperta 4 Determinanti di C, I, G Il consumo dipende dal reddito disponibile Linvestimento dipende dal livello di reddito e dal tasso di interesse reale La spesa pubblica è una variabile esogena Il valore delle importazioni è espresso in termini di prezzi dei beni nazionali, per questo motivo la quantità di importazioni è divisa per il tasso di cambio reale N.B. Torniamo al modello IS-LM base: 1) breve periodo = prezzi fissi; 2) senza analisi ruolo delle aspettative

5 Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XVII. Il mercato dei beni in economia aperta 5 LA DOMANDA NAZIONALE (O INTERNA) La domanda nazionale è data da : Il tasso di cambio reale influenza certamente la composizione della spesa per consumi tra beni nazionali e beni esteri, ma non cè alcuna ragione perché esso debba influenzare il livello.

6 Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XVII. Il mercato dei beni in economia aperta 6 Importazioni La quantità di importazioni dipende: positivamente dal livello di reddito Y positivamente dal tasso di cambio reale Quanto maggiore è il prezzo dei beni nazionali rispetto ai beni esteri, tanto maggiore sarà la domanda di beni esteri e tanto maggiori saranno le importazioni

7 Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XVII. Il mercato dei beni in economia aperta 7 Esportazioni La quantità delle esportazioni dipende: positivamente dalla produzione estera Y* negativamente dal tasso di cambio reale Quanto maggiore è il prezzo dei beni nazionali rispetto ai beni esteri, tanto minore sarà la domanda estera di beni nazionali

8 Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XVII. Il mercato dei beni in economia aperta 8 Produzione di equilibrio e bilancia dei pagamenti Il mercato dei beni è in equilibrio quando la produzione interna è pari alla domanda di beni nazionali La domanda di beni nazionali è positivamente inclinata, ma più piatta della domanda interna (= o domanda nazionale di beni = C+I+G) => allaumentare del reddito la domanda di beni nazionali aumenta meno della domanda interna totale => perché?

9 Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XVII. Il mercato dei beni in economia aperta Uniamo tutte le determinanti della domanda di beni nazionali Fig La domanda di beni nazionali e le esportazioni nette. La domanda nazionale di beni è funzione crescente del reddito (a). La differenza tra DD e AA è data dalle importazioni (b).

10 Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XVII. Il mercato dei beni in economia aperta 10 La DD rappresenta la domanda nazionale, C+I+G, come funzione di produzione. La domanda di beni nazionali si ottiene innanzitutto sottraendo le importazioni e questo ci porta sulla retta AA: la distanza tra DD e AA è infatti data dalle importazioni, IM/. Infine, dobbiamo aggiungere le esportazioni. Questo ci porta sulla retta ZZ: la distanza tra la ZZ e la AA rappresenta le esportazioni. Y TB (TB per trade balance) rappresenta il livello di produzione in corrispondenza del quale il valore delle importazioni è uguale alle esportazioni, per cui le esportazioni nette sono pari a zero.

11 Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XVII. Il mercato dei beni in economia aperta Uniamo tutte le determinanti della domanda di beni nazionali Fig La domanda di beni nazionali e le esportazioni nette. Aggiungendo alla AA le esportazioni si ottiene la ZZ (c). Il saldo commerciale è funzione decrescente della produzione (d).

12 Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XVII. Il mercato dei beni in economia aperta 12 Il livello di produzione in corrispondenza del quale si ha equilibrio della bilancia commerciale è dato dalla condizione: Il livello di equilibrio della produzione (che è sulla retta 45°) non deve essere necessariamente uguale al livello di produzione che pareggia la bilancia commerciale => Y = ZZ È importante ricordare che... => ZZ=DD

13 Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XVII. Il mercato dei beni in economia aperta Produzione di equilibrio e bilancia dei pagamenti Fig Produzione di equilibrio ed esportazioni. Il mercato dei beni è in equilibrio quando la produzione è uguale alla domanda di beni nazionali. Al livello di equilibrio della produzione, la bilancia commerciale può esibire un avanzo o un disavanzo.

14 Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XVII. Il mercato dei beni in economia aperta 14 Aumento della spesa pubblica Quali sono gli effetti sulla produzione e sulla bilancia commerciale? Assumiamo che inizialmente la bilancia commerciale sia in equilibrio G domanda aumenta produzione aumenta le esportazioni nette non sono direttamente dipendenti dalla spesa pubblica lincremento della prodotto genera un disavanzo commerciale

15 Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XVII. Il mercato dei beni in economia aperta Un aumento della domanda interna Fig Gli effetti di un aumento della spesa pubblica. Un aumento della spesa pubblica provoca un aumento della produzione e del disavanzo commerciale. Domanda: la produzione aumenta di più/uguale/di meno rispetto al caso di economia chiusa?

16 Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XVII. Il mercato dei beni in economia aperta 16 Un aumento della spesa pubblica, in uneconomia aperta genera: disavanzo commerciale leffetto sulla produzione è inferiore rispetto alleffetto in uneconomia chiusa (ZZ + piatta) il moltiplicatore ha un valore inferiore, dato che i consumatori possono scegliere tra i beni nazionali e i beni esteri quanto più aperta leconomia, tanto minore sarà leffetto sulla produzione e tanto maggiore leffetto negativo sulla bilancia commerciale

17 Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XVII. Il mercato dei beni in economia aperta 17 Aumento della domanda estera Assumiamo che la bilancia commerciale sia in equilibrio allinizio del periodo Y* aumento delle esportazioni, X aumento della domanda di beni nazionali (per ogni livello di produzione) produzione la bilancia commerciale migliora

18 Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XVII. Il mercato dei beni in economia aperta 18 La domanda nazionale di beni = C+I+G non dipende dalla domanda estera

19 Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XVII. Il mercato dei beni in economia aperta 19 Un aumento della domanda nazionale provoca un incremento della produzione, ma anche un peggioramento del saldo commerciale Un aumento della domanda estera provoca un incremento della produzione, ma anche un miglioramento del saldo commerciale => in economia aperta le politiche economiche di un paese hanno effetti anche sugli altri paesi,in particolare sui partner commerciali

20 Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XVII. Il mercato dei beni in economia aperta 20 => questo rende più complicato il compito della politica economica, specialmente fiscale => necessità di coordinamento => G8 Difficoltà del coordinamento Potrebbe richiedere ad alcuni paesi di intervenire più di altri e non è detto che vogliano farlo Incentivo a deviare dalla politica di coordinamento Beggar-thy-neighbor

21 Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XVII. Il mercato dei beni in economia aperta 21 Deprezzamento e bilancia commerciale Ricordiamo lespressione delle esportazioni nette :

22 Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XVII. Il mercato dei beni in economia aperta 22 Un deprezzamento reale (una diminuzione di ) influenza la bilancia commerciale attraverso tre canali: X : i beni nazionali diventano relativamente meno costosi IM : un aumento della domanda interna di beni nazionali e una riduzione delle importazioni il prezzo relativo delle importazioni : il valore delle importazioni aumenta => Risultato finale su NX = X – IM/ è ambiguo

23 Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XVII. Il mercato dei beni in economia aperta 23 Condizione di Marshall-Lerner Un deprezzamento reale provoca un aumento delle esportazioni nette

24 Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XVII. Il mercato dei beni in economia aperta 24 Gli effetti di un deprezzamento Un deprezzamento reale genera una variazione della domanda, estera e nazionale, a favore dei beni nazionali che risultano relativamente meno costosi Aumento della produzione interna e miglioramento della bilancia commerciale

25 Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XVII. Il mercato dei beni in economia aperta 25 Supponiamo: produzione = livello naturale Disavanzo commerciale Come può un governo ridurre il disavanzo senza variare il livello di produzione?

26 Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XVII. Il mercato dei beni in economia aperta 26 Politiche fiscali e di cambio Per ridurre il disavanzo commerciale senza variare il livello di produzione aggregata è necessario usare una combinazione di politiche fiscali e di cambio. Deprezzamento in grado di eliminare il disavanzo commerciale al livello iniziale di produzione. Il deprezzamento genera però un aumento della produzione. Per evitare leffetto espansivo, generato dalla politica di cambio, il governo deve ridurre la spesa pubblica.

27 Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XVII. Il mercato dei beni in economia aperta La combinazione di politiche fiscali e di cambio Fig Come ridurre il disavanzo commerciale senza variare la produzione. Per ridurre il disavanzo commerciale senza variare la produzione, il governo deve operare un deprezzamento e ridurre la spesa pubblica.

28 Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XVII. Il mercato dei beni in economia aperta La combinazione di politiche fiscali e di cambio

29 Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XVII. Il mercato dei beni in economia aperta 29 La curva di J Un deprezzamento reale provoca prima un deterioramento e poi un miglioramento del saldo della bilancia commerciale

30 Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XVII. Il mercato dei beni in economia aperta 30 Dinamica Leffetto di un deprezzamento si riflette prima sui prezzi e poi sulle quantità Successivamente, le esportazioni aumentano e le importazioni diminuiscono. Se la condizione di Marshall-Lerner è soddisfatta, leffetto finale del deprezzamento è di un aumento delle esportazioni nette. - A seguito di un deprezzamento reale, dimpatto né le importazioni né le esportazioni variano significativamente - Le esportazioni nette diminuiscono

31 Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XVII. Il mercato dei beni in economia aperta Uno sguardo alla dinamica: la curva J Fig La curva J.

32 Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XVII. Il mercato dei beni in economia aperta 32 Risparmio, investimento e disavanzo commerciale Condizione di equilibrio: Sottraendo da entrambi i i lati (C-T) Riordinando i termini: NX = S+(T-G)-I

33 Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XVII. Il mercato dei beni in economia aperta 33 Tre considerazioni: 1. un aumento dellinvestimento deve riflettersi in un aumento del risparmio privato, del risparmio pubblico o in un peggioramento del saldo commerciale 2. un aumento del disavanzo di bilancio deve riflettersi in un aumento del risparmio privato o in un peggioramento del saldo commerciale 3. un paese con elevato tasso di risparmio, pubblico e privato, deve avere un elevato tasso di investimento o un significativo avanzo commerciale 4. Lequazione sembra inoltre implicare che un paese non possa ridurre il disavanzo commerciale con un deprezzamento, che non influisce su S+(T-G)-I => dovè lerrore?


Scaricare ppt "Blanchard, Macroeconomia, Il Mulino 2009 Capitolo XVII. Il mercato dei beni in economia aperta 1 Il mercato dei beni in economia aperta Corso di Macroeconomia."

Presentazioni simili


Annunci Google