La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

METALINGUAGGIO E SCUOLA DELLINFANZIA R IFLETTERE E GIOCARE Laboratorio di lessicalizzazione 2 (Colore delle parole) e Giudizi di accettabilità Adriano.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "METALINGUAGGIO E SCUOLA DELLINFANZIA R IFLETTERE E GIOCARE Laboratorio di lessicalizzazione 2 (Colore delle parole) e Giudizi di accettabilità Adriano."— Transcript della presentazione:

1 METALINGUAGGIO E SCUOLA DELLINFANZIA R IFLETTERE E GIOCARE Laboratorio di lessicalizzazione 2 (Colore delle parole) e Giudizi di accettabilità Adriano Grossi 8 settembre

2 Concetti copione Le nostre parole sono stoccate nel magazzino di memoria secondo una relazione di significato (solo nel dizionario i lemmi sono raccolti in ordine alfabetico). Ma nella mente dei bambini come sono ordinati i significati ? La concettualizzazione dei bambini è espressa dai concetti –copione (Nelson) e non dai concetti – classe, dai concetti della logica formale i cui dati sono determinati dalle relazioni di significazione. 2Adriano Grossi 8 settembre 2011

3 Dire il nome Intorno allanno compaiono le prime parole che spesso accompagnano lazione o aspetti dellambiente ancora strettamente coinvolti nella sua azione. La semantica dei bambini è scandita dalle sequenze ruotinarie (script) che permettono di utilizzare e di riconoscere il nome degli oggetti. Concetti funzionali, tratti dallesperienza di vita. Quindi, nessuna definizione a dizionario: torcia ce lha il papà, è quella che fa luce quando cè buio. 3Adriano Grossi 8 settembre 2011

4 Colore delle parole Loggetto evocato dal nome vive nei tratti dinamico-funzionali che li caratterizza: la palla salta ed è rossa, il gatto graffia ed è grigio. La concettualizzazione si sviluppa a partire da entità percettivo-sensibili che rinviano al colore delle parole, ai legami di senso che essi ingenerano. 4Adriano Grossi 8 settembre 2011

5 Primi concetti Procedendo, il bambino acquisisce luso referenziale del linguaggio. Comincia ad usare parole per designare concetti. I concetti che il bambino esprime sono in realtà infraconcetti testimoniati anche dalluso sovraesteso ( papà per dire uomo) o sottoesteso ( cane solo per il proprio cane e non per quello del vicino). 5Adriano Grossi 8 settembre 2011

6 Giochi di denominazione Formulare indovinelli riguardanti i tratti dinamico –funzionali di un oggetto o di una persona (Che cosa fa? A cosa serve? Di che colore è? Che forma ha?) a cui gli alunni potrebbero rispondere designando il nome misterioso. Il gioco avviene in squadre: chi scoprirà i tratti dinamico-funzionali; chi denominerà e viceversa. 6Adriano Grossi 8 settembre 2011

7 Le carte Se l'insegnante prepara alcune carte raffiguranti immagini di oggetti noti, gli alunni dovranno fare domande in modo che si possa scoprire il nome dell'oggetto raffigurato nella carta. 7Adriano Grossi 8 settembre 2011

8 Wordnet Il colore delle parole potrebbe poi essere racchiuso da cornici mentali (frames), un po come accade quando utilizziamo parole-chiave, glossari minimi, repertori lessicali individuando la caratteristica saliente; avremo così lacasa delle parole gialle, marroni, profumate, fredde, veloci, paurose, calde, bagnate… 8Adriano Grossi 8 settembre 2011

9 Se io dico…. Al fine di accrescerne la disponibilità delle parole organizziamo un gioco. Basta uno stimolo iniziale: "Se io dico albero, che cosa ti viene in mente?" I bambini possono lanciare la palla ad ogni nome pronunciato e rilanciarla al compagno accanto. Si creerà un cerchio di palleggi che rappresenta la ragnatela delle parole per contiguità semantica. Incoraggiamo i bambini a proseguire nei palleggi fin dove si può gratificandoli degli sforzi di ripescaggio delle parole effettuati di volta in volta. 9Adriano Grossi 8 settembre 2011

10 Antonimi In un altro momento ci si potrà sbizzarrire con il gioco degli antonimi o contrari. Questa volta i bambini, sempre in piccolo gruppo, potranno completare il gioco verbale "Se non è... è" come se fosse una filastrocca. Ad esempio: "Se non è bianco, è nero" e così via fino a quando le parole soccorreranno.. 10Adriano Grossi 8 settembre 2011

11 I giudizi di accettabilità 11Adriano Grossi 8 settembre 2011

12 Prime parole Adriano Grossi 8 settembre Le prime parole caratterizzano spesso lolofrase. Pappa per Voglio la pappa

13 Prime frasi Linguaggio verbale: solo dopo la comparsa di frasi di due o più parole. Le prime frasi del bambino nel secondo anno di vita sono telegrafiche poiché mancanti di ausiliari, congiunzioni e funzioni grammaticali; al contrario sono presenti sostantivi, verbi e aggettivi. Con i successivi progressi grammaticali, il bambino comincia ad applicare le regole di flessione delle parole rispetto a numero, genere, tempo e modo dei verbi. 13 Adriano Grossi 8 settembre 2011

14 Iperregolarizzazione Tale tendenza consente al bambino di applicare regole in modo autonomo e originale ( per es. dicendo io ando, piuttosto che ho corruto): carattere attivo, e non semplicemente imitativo o passivo, dello sviluppo del linguaggio. Si chiama iperregolarizzazione la tendenza del bambino a far rientrare forme irregolari dei verbi e dei nomi allinterno della regola generale che ha imparato ad applicare. 14 Adriano Grossi 8 settembre 2011

15 Approccio costruttivo Adriano Grossi 8 settembre Il fenomeno della iperregolarizzazione ha costituito uno dei riferimenti fondamentali per la svolta innatista realizzata da N.Chomsky, inventore del LAD, dispositivo per lacquisizione del linguaggio. Pur non escludendo il ruolo dellimitazione e del rinforzo nello sviluppo linguistico, N.Chomsky ha definitivamente superato la prospettiva comportamentista sostenuta da Skinner.

16 Quindi Dopo aver visitato la fonologia e la semantica,accediamo alla: Morfologia è…………. Sintassi è…….. 16 Adriano Grossi 8 settembre 2011

17 Sapere non saputo Ogni parlante possiede una conoscenza intuitiva implicita delle possibili relazioni sintattiche esistenti tra le parole nella sua lingua, ed il linguista ha come obiettivo ultimo quello di fornire una descrizione esplicita di tale competenza. La base empirica della sintassi, cioè i dati linguistici da interpretare e spiegare, sono costituiti appunto dalle intuizioni, i giudizi di grammaticalità dei parlanti nativi. 17 Adriano Grossi 8 settembre 2011

18 Grammaticalità: le intuizioni del buon ordine delle parole Le intuizioni sulla grammaticalità di una data sequenza di parole costituiscono parte della competenza grammaticale, largamente inconscia, del parlante di una determinata lingua. Egli ha la capacità di dare giudizi di buona formazione su parole, sintagmi e frasi della propria lingua madre, cioè di giudicare se particolari espressioni sono grammaticali o meno. 18 Adriano Grossi 8 settembre 2011

19 Giudizio di grammaticalità * sotto vai il *quando paglia anche 19 Adriano Grossi 8 settembre 2011

20 Grammaticalità: lambiguità Un secondo tipo di evidenza introspettiva sulla natura della competenza grammaticale riguarda le intuizioni del parlante nativo sullinterpretazione delle frasi, che sarà in grado di dire che le seguenti sequenze sono ambigue: 20 Adriano Grossi 8 settembre 2011

21 La vecchia porta la sbarra Adriano Grossi 8 settembre

22 Grammaticalità / correttezza Distinguere tra grammaticalità e correttezza, due nozioni che riflettono rispettivamente un atteggiamento descrittivo e prescrittivo rispetto alla produzione linguistica dei parlanti. 22 Adriano Grossi 8 settembre 2011

23 Grammaticalità/ correttezza Venerdì essi partiranno Venerdì loro partiranno Ho regalato loro un libro Gli ho regalato un libro Hanno regalato un libro a Gianni A Gianni, gli hanno regalato un libro Adriano Grossi 8 settembre

24 Laccettabilità Distinguere tra grammaticalità ed accettabilità. Accanto a sequenze chiaramente grammaticali, troviamo strutture sintatticamente ben formate che possono non avere significato, essere cioè semanticamente o pragmaticamente anomale, nel senso che esprimono situazioni che non sono conformi alla nostra visione del mondo o non sono adeguate ad una determinata situazione comunicativa: 24 Adriano Grossi 8 settembre 2011

25 Bisognerebbe riparare la sedia felice [vs la sedia rotta] Giulia ha disegnato un quadrato rotondo [vs un giardino rotondo] 25 Adriano Grossi 8 settembre 2011

26 Le strutture possono essere semanticamente anomale (a) o pragmaticamente anomale (b): (a) Gianni ha ucciso Maria, ma Maria non è morta. Gianni ha ucciso la pietra che lo disturbava tanto. Un geranio onesto è sempre il miglior amico. (b) Dovè Gianni? (in un contesto in cui nessuno lo conosce) Come stai? Domani è sabato (richiede delle implicazioni conversazionali per essere adeguata). 26 Adriano Grossi 8 settembre 2011

27 Quindi… … una buona formazione (grammaticalità) e accettabilità, intesa come significatività/utilizzabilità, non necessariamente coincidono. 27 Adriano Grossi 8 settembre 2011

28 Competence/performance La distinzione tra grammaticalità ed accettabilità è strettamente connessa a quella tra competenza/competence ed esecuzione/performance. La grammaticalità è una nozione inerente alla sfera della competenza, intesa come conoscenza inconscia, da parte di un parlante, della propria lingua, dunque, come sistema interiorizzato di regole e principi. La buona formazione di una data sequenza è perciò in larga parte indipendente dalla sua utilizzabilità/comprensibilità 28 Adriano Grossi 8 settembre 2011

29 Accettabilità Al contrario, la nozione di accettabilità riguarda la sfera pragmatica della esecuzione, intesa come utilizzazione effettiva della lingua in situazioni comunicative concrete. Così, potremo avere strutture agrammaticali, cioè sintatticamente mal formate, che sono tuttavia comprensibili, e quindi pragmaticamente accettabili se inserite in un determinato contesto. 29 Adriano Grossi 8 settembre 2011

30 Esecuzione Al contrario, sequenze non ben formate possono essere comprensibili e dotate di significato. Alla sfera della esecuzione appartengono anche produzioni ed interpretazioni errate attribuibili ad una varietà di fattori (stanchezza, noia, ebbrezza, droga, distrazioni esterne...); spesso quindi lesecuzione è un riflesso imperfetto, non fedele, della competenza. : 30 Adriano Grossi 8 settembre 2011

31 Nel laboratorio Nel laboratorio penseremo a delle situazioni ludiche in cui i bambini costruiscono delle frasi sintatticamente ordinate, ma …. lasciano un po a desiderare sotto laccezione semantica e pragmatica. Stimoliamo la riflessione intorno a ciò che si dice …. 31 Adriano Grossi 8 settembre 2011


Scaricare ppt "METALINGUAGGIO E SCUOLA DELLINFANZIA R IFLETTERE E GIOCARE Laboratorio di lessicalizzazione 2 (Colore delle parole) e Giudizi di accettabilità Adriano."

Presentazioni simili


Annunci Google